Home > Spettacoli e TV > La XXVI Edizione de “La Luna nel Pozzo” conferma il suo successo con quattro giorni di spettacoli sold out

La XXVI Edizione de “La Luna nel Pozzo” conferma il suo successo con quattro giorni di spettacoli sold out

scritto da: Giuseppebettiol | segnala un abuso

La XXVI Edizione de “La Luna nel Pozzo” conferma il suo successo con quattro giorni di spettacoli sold out

“La Luna nel Pozzo”, Festival Internazionale del Teatro di Strada, ha chiuso domenica 5 settembre a Caorle (VE) la propria XXVI edizione tra gli applausi del pubblico. Quattromila spettatori, nei quattro giorni dell’evento si sono riuniti nelle piazze della “Piccola Venezia” per assistere agli oltre cinquanta spettacoli portati in scena da compagnie e artisti provenienti da tutto il Mondo.


Non una sedia vuota, grandi sorrisi e il rumore quasi assordante delle mani che battevano l’una contro l’altra.

Si racconta così il successo de “La Luna nel Pozzo”, Festival Internazionale del Teatro di Strada, che ha chiuso domenica 5 settembre a Caorle (VE) la propria XXVI edizione tra gli applausi del pubblico, che nei quattro giorni dell’evento si è riunito nelle piazze della “Piccola Venezia” per assistere agli oltre cinquanta spettacoli portati in scena da compagnie e artisti provenienti da tutto il Mondo.

Se, nel rispetto delle norme anti covid, quattromila sono stati gli spettatori regolarmente seduti, molto ampio è stato il numero spettatori, adulti e bambini, che hanno interrotto la loro passeggiata serale, per assistere incantati a numeri di clownerie, mimo, circo, teatro, acrobatica e danza contemporanea.

Un pubblico eterogeneo che ha coperto tutte le fasce di età: dai bambini accompagnati dai loro genitori, una tipologia di spettatori tipica delle performance teatrali di strada, agli adolescenti e agli adulti, richiamati anche da una scelta spettacoli più impegnativi dal punto di vista dell’ascolto e delle tematiche affrontate.

«Non possiamo che essere soddisfatti della XXVI edizione de La Luna nel Pozzo. – dichiara Marco Caldiron, direttore artistico del Festival – Nonostante gli obblighi e le restrizioni, giustamente richieste per contrastare la pandemia in corso, gli abitanti e i turisti hanno mostrato di apprezzare anche quest’anno la nostra proposta artistica assistendo numerosi agli spettacoli, che contavano, tra l’altro, la prima nazionale de “La Brise de la Pastille” del Galapiat Cirque, l’interessante esperimento di spettacolo visuale in silent headphones play di Stivalaccio Teatro e l’esecuzione per la prima volta in strada di “Med” della Compagnia Ullallà Teatro. Il Festival non sarebbe stato possibile senza il supporto dei volontari dell’associazione “Carichi Sospesi”, del Ministero della Cultura, della Regione Veneto, e del Comune di Caorle nelle persone del Sindaco Luciano Striuli e dell’Assessore alla Cultura Alessandra Zusso. Vorrei ringraziare tutta la macchina organizzativa del Comune, parte amministrativa e parte operativa, che tutte le sere sono stati presenti con il loro preziosissimo aiuto. Un grande ringraziamento va anche a tutti gli artisti che hanno partecipato, che, con le loro performance di altissimo livello, hanno portato a Caorle poesia e bellezza».

Esprime grande soddisfazione anche Alessandra Zusso, Assessore al Turismo e alla Cultura del Comune di Caorle: «Si conferma anche quest’anno l’altissima qualità del Festival. Se l’imperfezione era il tema portante di questa XXVI edizione, mi congratulo con i Carichi Sospesi per la perfezione assoluta dell’organizzazione per la qualità artistica degli spettacoli, che, oltre a mostrare la parte goliardica e divertente di quella che è l’arte di strada, hanno permesso al pubblico, grande e piccolo, di fare delle riflessioni davvero importanti sulla disabilità e sulla vita. Caorle anche quest’anno ha offerto agli ospiti e ai cittadini importanti rassegne culturali, davvero belle e apprezzate da tutti. Sono molto felice per la fiducia che i cittadini di Caorle ripongono sempre nell’Amministrazione, quando organizza e promuove eventi in ambito culturale».

La Luna nel Pozzo dà appuntamento a tutti alla XXVII edizione nel 2022.

Il festival “La Luna nel Pozzo” è promosso dall’Amministrazione Comunale di Caorle e organizzato dall’associazione culturale Arci Carichi Sospesi di Padova, in partnership con United for busking, network italiano di festival internazionali di arte di strada, riconosciuto e sostenuto dal MiC (Ministero della Cultura) e con il patrocinio della Regione Veneto.

Per informazioni
carichisospesi@gmail.com

https://lalunanelpozzofestival.it


Fonte notizia: https://lalunanelpozzofestival.it/


spettacoli | circo | teatro di strada |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La Luna nel pozzo - Al via a Caorle (VE) la XXVI Edizione


Roma,L’Istituto Scolastico Nazareth Apre Al Futuro Per I Suoi Studenti: Venerdì 6 Dicembre Secondo Open Day


Batteri acqua


Depuratori acqua di pozzo: le tipologie di strumenti


In arrivo in Italia il concerto evento di Steve Hackett


Acqua di pozzo per uso domestico: come farne un uso sicuro


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

In Veneto si torna al Cinema con tre euro

In Veneto si torna al Cinema con tre euro
Tutti i martedì del mese di ottobre e novembre in Veneto, recandosi nelle sale cinematografiche aderenti, si potrà fruire di opere d’autore, spesso alternative ai grandi circuiti commerciali, al costo ridotto di soli tre euro. Le proiezioni, inoltre, saranno accompagnate dal commento di un esperto. Riportare il pubblico nelle sale cinematografiche con opere di qualità e riaffermare il ruolo delle sale di spettacolo come presidi culturali sul territorio, in particolare quello veneto. Sono questi gli obbiettivi ambiziosi che si pone l’edizione 2021 de “La Regione del Veneto per il cinema di qualità - La Regione ti porta al cinema con tre euro - I martedì al cinema”, progetto pluriennale d (continua)

Il Pride Village conclude la propria XIV edizione con l’Oktobearfest

Il Pride Village conclude la propria XIV edizione con l’Oktobearfest
Da mercoledì 29 settembre a sabato 2 ottobre il Festival LGBT+ festeggia l’arrivo dell’autunno proponendo al Parco delle Mura di Padova quattro giorni di appuntamenti con birre e specialità bavaresi, cucina, ospiti e tanta musica in collaborazione con Beardoc, punto di riferimento della community ursina. Sabato sera party finale di chiusura della XIV edizione con tutta l’animazione. Con l’arrivo dell’autunno, oltre all’estate giunge a conclusione anche la XIV edizione del Pride Village, il Festival LGBT+ più grande d’Italia, dopo aver regalato al proprio pubblico quattro mesi “sotto le mura” a base di dinner show, radio ed incontri ad ingresso gratuito.Per festeggiare l’ultima settimana, la kermesse patavina ha unito le forze con Beardoc, punto di riferimento della comuni (continua)

Omogenitorialità e comicità nel fine settimana del Padova Pride Village

Omogenitorialità e comicità nel fine settimana del Padova Pride Village
Venerdì 24 settembre ospite del Festival LGBT+ Padovano sarà Luca Trapanese, papà di Alba, e primo caso in Italia di genitore single ad aver adottato una bambina down. Sabato 25 settembre spazio alla comicità di Paolo Camilli con il talk&show “… a pezzi!”. Domenica 26 alle 18.00 il Pride village ospiterà inoltre “Dalla forma alla parola con il Viet Tai Chi”, evento di musica, forme, arte, teatro e parole, organizzato dall’Associazione Neuro Giardinieri. Si preannuncia un fine settimana di quelli da non perdere quello che inizierà venerdì 24 settembre al Pride Village, il festival LGBT+ in corso al Parco delle Mura di Padova. Aperto tutta la settimana, dalla colazione al dopo cena, il Village ha regalato ai padovani da giugno in poi, dinner show, radio ed incontri, ad ingresso gratuito, per ritrovare il piacere di stare insieme nel verde.Ad a (continua)

A Palazzo Cordellina a Vicenza la mostra “Leggi, sogna, viaggia con Agata allegra Mucci” di Maria Pia Morelli in arte Zapi

 A Palazzo Cordellina a Vicenza la mostra  “Leggi, sogna, viaggia  con Agata allegra Mucci” di Maria Pia Morelli in arte Zapi
Apre sabato 18 settembre a Vicenza a Palazzo Cordellina (ore 18) la mostra “Leggi sogna, viaggia con Agata allegra Mucci”, della scrittrice e artista vicentina Maria Pia Morelli in arte “Zapi”. La mostra è organizzata in collaborazione in collaborazione con Biblioteca Bertoliana e Comune di Vicenza Dai dieci libri illustrati di fiabe per ragazze e ragazzi della collana Agata allegra Mucci, in italiano e in inglese, è nata la mostra itinerante che ha già aperto a Bassano del Grappa, Cittadella, Bari, Cortina  e ora fa tappa a Vicenza, dove resterà allestita fino al 17 ottobre, in collaborazione con la Biblioteca Bertoliana e il Comune di Vicenza. L’evento è organizzato grazie a (continua)

Dalla Mostra del Cinema alle sale cinematografiche del Triveneto

Dalla Mostra del Cinema alle sale cinematografiche del Triveneto
Dal 20 settembre al 22 ottobre torna l’appuntamento con “Le Giornate della Mostra. I film della settimana internazionale della critica” in Veneto, nelle Province autonome di Trento e Bolzano Alto Adige, nella Regione autonoma Friuli Venezia Giulia. I film della Settimana Internazionale della Critica, sezione autonoma e parallela della Mostra del Cinema di Venezia, che dal 1984 ha selezionato opere prime di registi emergenti poi affermatisi nel panorama cinematografico internazionale, escono dalle sale cinematografiche della Biennale appena conclusa, per portare la loro poetica, il loro fascino e la loro carica innovativa nelle sale cine (continua)