Home > Arte e restauro > Cecilia Martin Birsa: artista di concetto e di sentimento

Cecilia Martin Birsa: artista di concetto e di sentimento

scritto da: Elenagolliniartblogger | segnala un abuso

Cecilia Martin Birsa: artista di concetto e di sentimento


 Nell'articolato e multiforme comparto della moderna arte scultorea, senza dubbio l'artista contemporanea Cecilia Martin Birsa si inserisce appieno apportando un consistente e considerevole contributo di sviluppo evolutivo positivo alla ricerca e alla sperimentazione work in progress, che caratterizza l'intera sua produzione. La Dott.ssa Elena Gollini che segue con particolare profondità di valutazione il percorso della Martin Birsa ha evidenziato al riguardo: “Osservando la proiezione e la prospettiva trasversale nella quale si inserisce e si colloca l'arte scultorea di Cecilia, è possibile individuare un perfetto equilibrio di mescolanza alchemica tra concetto e sentimento, che si intreccia al paradigma compositivo formale e arricchisce l'intero impianto semantico e dialettico sotteso. Ecco, perché a buon conto Cecilia può essere definita come artista di concetto e di sentimento, rafforzando l'aspetto estetico e strutturale esteriore proprio attraverso quella commistione di afflato sentimentale, che inficia in modo diretto tutta la parafrasi narrativa. Le rappresentazioni scultoree si propongono sempre come soluzioni di notevole gradevolezza e piacevolezza di fattezza e attirano da subito lo sguardo del fruitore, per poi conquistarne anche l'anima e il cuore tramite quel tumulto energetico, che sprigionano e propagano tutto intorno e che si espande e si profonde con prorompente vigore e potenza. Questa componente concettuale e sentimentale trova la propria linfa vitale dagli impulsi, che la sfera interiore di Cecilia capta e riceve dall'esterno, ma al contempo anche da quel fervore creativo innato, che genera e produce un moto di continua e costante ispirazione. Per Cecilia fare arte è insito nella propria genetica e diventa un proprio modo di essere e di agire, diventa parte integrante principale della sua stessa forma mentis. Dal mondo circostante parimenti Cecilia ricava e rielabora quanto sente e percepisce essere più incline e più affine alla sua concezione di visione artistica ed esistenziale, riuscendo sempre a bilanciare il tutto in modo ottimale e coniugando sapere e conoscenza con passione e trasporto. Nascono così creazioni di sublime perfezione e di ineccepibile e acclarata bellezza, che custodiscono al proprio interno un magico climax tutto da scoprire. Ritengo, che ogni opera possa essere valutata mediante più fasi di fruizione, scandagliando ogni dettaglio e ogni particolare del costrutto e seguendo ogni peculiare dinamica scenica, per poter poi fare una riflessione complessiva esaustiva e completa. Sono sculture, che possiedono un fascino sobrio e garbato e contestualmente si prestano a svariate chiavi di lettura percettiva e recettiva. Per Cecilia l'interpretazione è infatti un momento da assaporare fino in fondo, gradualmente e in progressione per amplificare al massimo lo stato di enfasi e di estasi”.


Fonte notizia: https://www.elenagolliniartblogger.com/cecilia-martin/


Cecilia martin birsa | cecilia | martin | birsa | scultura | scultrice | moderna | contemporanea | donna | pietra | torrente | elvo | mostra | fondazione | cassa di risparmio | biella | opere | opera | artwork | artist | sculpture | italy | italian |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Cecilia Martin Birsa protagonista della moderna arte scultorea


Le Cinque Anime della Scultura | Roberto Piaia in mostra a Como


Cecilia Martin Birsa: arte scultorea contemplativa e riflessiva


Martin Gruschka, manager di successo nel settore degli investimenti


Il concetto spazio temporale nell'arte scultorea di Cecilia Martin Birsa


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Davide Quaglietta: arte fonte di virtù aggregativa

Davide Quaglietta: arte fonte di virtù aggregativa
 Viene naturale pensare, che chi si cimenta nella produzione artistica, sia essa pittorica, scultorea, fotografica o di qualunque altra libera espressione creativa, abbia il desiderio e l'aspirazione di intraprendere un percorso di ricerca virtuosa, con ideali e principi cardine di valore da sostenere e divulgare. Purtroppo, però non sempre poi strada facendo i buoni propositi iniziali v (continua)

Cecilia Martin Birsa: un'arte scultorea all'insegna della condivisione universale

Cecilia Martin Birsa: un'arte scultorea all'insegna della condivisione universale
 “Quando si parla di arte declinata in chiave contemporanea è fondamentale mettere in luce anche l'orientamento d'ispirazione e la prospettiva di vedute, che ottiene attraverso una condivisione di impronta universale, affinché possano essere gettate le fondamenta e le basi per darle l'ampio respiro, che l'artista desidera e ambisce riscuotere al presente e al contempo garantirle anche un (continua)

Federico Marchioro: pubblicata online la sua mostra “Unconventional Art Mood”

Federico Marchioro: pubblicata online la sua mostra “Unconventional Art Mood”
 «“Unconventional Art Mood” mai titolo fu più calzante per canalizzare l'eclettica e poliedrica ispirazione creativa di Federico Marchioro, artista a tutto campo, che si cimenta con positivi riscontri nell'ambito della pittura contemporanea di radice informale-non convenzionale». La Dott.ssa Elena Gollini approfondisce nel merito alcune valutazioni critiche in virtù della pubblicazione (continua)

Daniel Mannini: giochi di luce e di energia declinati in pittura

Daniel Mannini: giochi di luce e di energia declinati in pittura
 “Volendo utilizzare una terminologia in chiave metaforica, direi molto calzante, per definire Daniel Mannini nella sua visionarietà pittorica si può parlare di un corollario di giochi di luce e di energia, che si manifestano e si propagano profondendo tutto intorno vibrazioni e pulsioni molto avvolgenti e penetranti”. La Dott.ssa Elena Gollini analizza con approfondite considerazioni cr (continua)

Cecilia Martin Birsa: un'arte scultorea tra magia e poesia

Cecilia Martin Birsa: un'arte scultorea tra magia e poesia
 “Quando penso a Cecilia Martin Birsa nel momento catartico dell'atto e del gesto creativo mi immagino tutta la cura e la premura certosina con la quale plasma e modella la materia, stemperandone la solida robustezza corposa e modulandone il volume e la densità, per ottenere un eccellente risultato, che fonde insieme perizia tecnica e padronanza strumentale a fantasioso estro e spiccata (continua)