Home > News > A più di un anno dal lockdown: la salute psicofisica dei bambini va peggiorando.

A più di un anno dal lockdown: la salute psicofisica dei bambini va peggiorando.

scritto da: Marcofrancescoeramo | segnala un abuso

A più di un anno dal lockdown: la salute psicofisica dei bambini va peggiorando.

I dati emergenti nell'ambito della salute mentale dei bambini non sono confortevoli; a più di un anno dal lockdown che ha costretto i bambini a chiudersi in casa, ad evitare rapporti sociali con altre persone, privandoli del gioco e della libertà, ha progressivamente comportato un peggioramento del loro benessere psicofisico.


COVID: BAMBINI E LOCKDOWN UN ANNO DOPO, DALLA RESILIENZA ALLA RESISTENZA


Possesso e uso di device digitali sempre in aumento e in età più precoce, con conseguente pervasività di questi strumenti nella vita dei bambini in età scolare.
Questo é quanto viene fuori da una ricerca di Milano-Bicocca.
Stando ai dati “alimentazione e sonno - continuano a essere messi a dura prova.
Rispetto ai dati del 2020 si é osservato un miglioramento, ma persistono elementi di preoccupazione.
Un dato nuovo non indagato nella ricerca del 2020 è la presenza di malessere fisico nei bambini soprattutto in età scolare.
La persistenza di alcuni comportamenti che testimoniano malessere della salute mentale e fisica destano preoccupazione e impongono la necessità di investire maggiormente nel sostenere i bambini, i genitori e le famiglie”. Nei bambini da 1 a 5 anni, i genitori hanno registrato in questi mesi una diminuzione dell’irritabilità e dei capricci, anche se in qualche caso  é stato denunciato un sentimento di tristezza/malinconia nei figli.
Alimentazione e sonno mostrano ancora le decise alterazioni riscontrate l’anno passato: restano sia il dato della riduzione di appetito spesso accompagnata da un aumento del consumo di snack e la difficoltà nell’addormentarsi  con aumento della frequenza dei risvegli notturni.
Sul fronte delle relazioni, ai bambini in età prescolare è pesato molto non giocare con altri bambini  e non poter uscire liberamente. Tra i bambini 6-10 anni è emerso un dato nuovo, non indagato fino ad ora: la presenza o meno di disturbi di 'malessere' fisico. Ne ha sofferto una buona parte dei bambini della scuola primaria (soprattutto cefalea, mal di pancia, stanchezza, disturbi agli occhi).
E in famiglia? Soprattutto per l'età della scuola primaria (6-11) è stato osservato un peggioramento del rapporto adulti-bambini.
Un dato questo che testimonia la stanchezza emotiva del sistema-famiglia.
Il digitale si è dimostrato un aspetto sempre più rilevante nella vita dei bambini: i bambini 6-10 anni possiedono un device personale, percentuale in netto aumento rispetto al primo lockdown.
Anche l’età si abbassa: avevano un cellulare il 9,2% dei bambini tra 1 e 5 anni, ora lo possiede il 14,5%.
Ne è diretta conseguenza un forte aumento di utilizzo anche fuori dall’uso didattico, in particolare per i più grandicelli.
A questo proposito, sottolineano i ricercatori, non pare nemmeno riscontrarsi l’effetto “stanchezza da digitale”, anzi è forse ipotizzabile una sorta di assuefazione all’utilizzo dello strumento digitale, che non viene più percepito come un qualcosa di “speciale” e occasionale ma diviene l’interfaccia con cui si fa esperienza della vita, dall’apprendimento allo svago. "Il digitale, con la pandemia è divenuto un elemento sempre più presente nella vita dei bambini.
Le famiglie lo percepiscono come un elemento “naturale” del loro mondo.
Purtroppo non si può tornare indietro o imporre divieti.
Si tratta, invece, di formare i genitori, gli insegnanti e i bambini ad un uso consapevole, critico e creativo dello smartphone.
Va, infatti, evitato che lo smartphone si trasformi in una 'baby sitter' o peggio in un 'dispenser' di stili di vita standardizzati e di prodotti commerciali! Un compito sfidante e complesso per i genitori e per tutti coloro che si occupano professionalmente di bambini".


Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

LA “SALUTE COLLABORATIVA”, PER UNA SALUTE PIU' EQUA E SOSTENIBILE


Daiichi Sankyo sostiene Bambini Cardiopatici nel Mondo A.I.C.I. ONLUS


“Road to Omnichannel: la nuova era dell’e-commerce?”: questo il tema al centro del primo appuntamento di Road to Omnichannel, il nuovo ciclo di webinar di Blogmeter dedicato alla omnicanalità


OBESITY DAY, IL NUOVO KILLER E’ L’INATTIVITA’


Cause remote e recenti della crisi sanitaria, sociale ed economica della pandemia


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La comunità di Carinaro in festa per celebrare il culto in onore della sua santa Patrona Eufemia

La comunità di Carinaro in festa per celebrare il culto in onore della sua santa Patrona Eufemia
Il 16 settembre, nel giorno della salita al cielo della gloriosa santa di Calcedonia, la comunità dei fedeli di Carinaro si prepara a celebrare la solenne festa liturgica con la partecipazione del Cardinale Crescenzio Sepe. La comunità di Carinaro si prepara a celebrare la festa liturgica in onore della santa patrona Eufemia.Ormai sono già  due anni che in seguito alle misure restrittive dovute al diffondersi della pandemia da Covid19, i festeggiamenti patronali, quelli legati alle tradizioni civili con luminarie e serate canore, non si svolgono; ma la comunità dei fedeli  si prepara comunque a celebrare l' (continua)

I problemi di salute mentale possono essere curati a partire dall'intestino

I problemi di salute mentale possono essere curati a partire dall'intestino
L'intestino ha un sistema nervoso enterico che, come quello autonomo, invia dei propri messaggi al cervello determinandone la funzionalità. Gli indizi sulla salute del cervello possono trovarsi nell'intestino. È importante quindi tenere sotto osservazione il ruolo dell'asse intestino-cervello in relazione alle condizioni di salute e decidere poi il tipo di interventi sull'intestino per fornire sollievo in alcuni disturbi di salute mentale.Odore di brownies in forno.  Ascoltare una pubblicità per una patatina salata.  Ve (continua)

I docenti e la loro realtà emotiva: una condizione stressante continua può avere ripercussioni negative anche sugli alunni.

I docenti e la loro realtà emotiva: una condizione stressante continua può avere ripercussioni negative anche sugli alunni.
L'insegnamento é uno dei mestieri più belli e al tempo stesso anche più complicato. I docenti hanno bisogno di innumerevoli risorse personali e materiali per contrastare il difficile problema del burnout. Se I docenti stanno bene psicologicamente altrettanto lo saranno anche gli studenti. Diversi studi hanno analizzato la realtà emotiva dei docenti e le percezioni del proprio lavoro quotidiano a scuola. Quando viene chiesto agli insegnanti di descrivere le tre emozioni che provano più frequentemente nella quotidianità scolastica, le più ricorrenti sono: la sopraffazione, la frustrazione e lo stress. Delle tre la più lunga emozione citata é la frustrazione. Se invece ai docenti vien (continua)

Giornata Internazionale del cane. Un amico di fiducia per cui vivere bene ed in maniera sana.

Giornata Internazionale del cane. Un amico di fiducia per cui vivere bene ed in maniera sana.
Gli studi hanno accertato che oltre alla compagnia il cane trasmette empatia e fa bene al cuore. Ecco il decalogo per averne cura. In occasione della Giornata internazionale del cane ricordiamo i benefici di un pet, ma anche i comportamenti che chi decide di avere con sè un animale dovrebbe adottare ogni giornoNegli studi scientifici viene chiamato «pet effect». Si tratta dell’effetto che un animale d’affezione ha sul suo padrone, specialmente se quest’ultimo è malato o sta affrontando un periodo difficile, fisicamente o psic (continua)

Nietzsche e la dissacrazione dei valori, nel 121esimo anniversario della sua morte.

Nietzsche e la dissacrazione dei valori, nel 121esimo anniversario della sua morte.
Anche la crisi in Afghanistan degli ultimi giorni è l'espressione più evidente della dissacrazione dei valori. Dio muore nelle donne perseguitate, negli uomini uccisi e nei bambini allontanati dalle loro famiglie. Le terribili vicende che si stanno verificando in Afganistan stanno segnando "sotto l'aspetto politico" una inevitabile crisi della civiltà occidentale, con conseguente perdita dei valori che dichiarano la morte di Dio. È proprio come anche Nietzsche aveva affermato in una delle sue principali opere "la gaia scienza". Dio è morto; l'umanità non ha più il suo punto di riferimento; lo ha ucciso (continua)