Home > Economia e Finanza > Banche centrali e riserve auree, gli Usa battono tutti ma l'Italia è terza

Banche centrali e riserve auree, gli Usa battono tutti ma l'Italia è terza

scritto da: Elleny | segnala un abuso


L'oro è da sempre un metallo importante non solo per i consumatori e gli investitori al dettaglio, ma anche per le banche centrali. I caveau sono pieni di riserve auree (per lo più in lingotti), che rappresentano una garanzia di rimborso per i depositanti, i detentori di banconote e gli operatori commerciali. Ma il ruolo di tali riserve è importane anche al fine di supportare il valore della valuta nazionale.

L'oro e le banche centrali

banca centraleIn tempi remoti le riserve auree servivano ai Governi soprattutto per fare fronte ai costi della guerra. Poi sono state le banche commerciali ad accumulare oro per per riscattare le promesse di pagare i depositanti. Infine, la bilancia si è spostata verso le banche centrali, con le finalità che abbiamo pocanzi detto.

Dal punto di vista statistico, la riserva aurea più grande è detenuta dagli Stati Uniti. Ci sono ben 8.133 tonnellate di oro. Cosa interessante, le riserve americane sono più grandi di quelle che si ottengono sommando gli altri due paesi con le maggiori riserve auree. Ossia Germania e... sorprendentemente Italia.

Bankitalia accumula oro

La Banca d’Italia infatti custodisce ben 2.452 tonnellate di oro, dietro la Germania che ne ha 3.359 tonnellate. Seguono le banche centrali di Francia, Russia e Cina che viaggiano tutte oltre le 2mila tonnellate.

Val la pensa precisare che le riserve auree italiane non si trovano tutte nella Banca d’Italia, perché in parte sono custodite in altre banche centrali, specialmente mnel Regno Unito e in Svizzera, ma anche nelle sedi della Federal Reserve americana. La scelta di tenere l’oro all’estero deriva, oltre che da ragioni storiche, legate ai luoghi in cui l’oro fu acquistato, anche da una strategia di diversificazione finalizzata alla minimizzazione dei rischi e dei costi.

Quanto valgono le nostre riserve auree?

Bisogna considerare che oggi l'oro è scambiato a circa 1.800 dollari l'oncia, non lontano dal minimo di due settimane di 1.781 dollari toccato mercoledì (toccando un doppio minimo analisi tecnica).
Il metallo prezioso sta per registrare il primo calo settimanale sulle ultime cinque di negoziazione.

Il mercato dell'oro

A penalizzare il gold metal è soprattutto la notizia che le importazioni di oro dell'India ad agosto sono quasi raddoppiate rispetto a un anno prima, mentre i gioiellieri costruiscono scorte per l'imminente stagione festiva.
Pesano inoltre il rafforzamento del dollaro USA e le incertezze sulla linea temporale per il tapering della Fed. Chi fa day trading forex lo sa benissimo.

Anche in Europa, la BCE ha dichiarato che rallenterà il ritmo dei suoi acquisti di obbligazioni pandemiche per il resto dell'anno, ma non ha segnalato la fine del suo programma di acquisto di obbligazioni.

banche centrali | oro | doppio minimo | day trading |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Mercato valutario, il dollaro comincia la settimana con il piede giusto

Comincia in modo blando ma in risalita, la settimana del dollaro USD. Il biglietto verde si è ripreso subito dal calo avuto nelle prime ore di negoziazioni, poi ha invertito la rotta. Ma cosa succede sul mercato valutario?Il dollaro sul mercato valutarioPer comprendere l'andamento del dollaro sul mercato valutario, occorre fare un passo indietro. Venerdì scorso durante una tavola rotonda, ha (continua)

Prezzo del caffé, diversi fattori lo stanno spingendo sempre più in alto

I problemi produttivi e quelli della catena di approvvigionamento hanno colpito quasi tutti i settori produttivi. Non solo energia e metalli, ma anche il mondo del caffé, dove i prezzi sono in netta crescita e si avviano a raggiungere massimi pluriennali.Come si sta muovendo il prezzo del cafféI futures sul caffè Arabica hanno infatti esteso i guadagni a oltre $ 2,1 per libbra, avvicinandosi al ma (continua)

Mercati finanziari, in settimana rapporto sui nonfarm payroll e vertice OPEC+

I mercati finanziari guarderanno con attenzione soprattutto a due avvenimenti questa settimana. In ordine cronologico sono il vertice OPEC+ sul petrolio, e il rapporto sui nonfarm payroll negli USA. Ma in mezzo ci sono anche i meeting della Banca centrale d'Australia e quella neozelandese.Gli eventi clou per i mercati finanziariPartiamo dal petrolio. L'OPEC e i suoi alleati si incontreranno lunedì (continua)

Banca del Giappone senza sorprese: tassi fermi in terriotrio negativo

Con un voto favorevole di 8 membri contro 1 contrario, la Banca del Giappone ha lasciato invariato il tasso di interesse di riferimento a -0,1%, dove si trova dal 2016. La BoJ ha inoltre lasciato immutato il target di rendimento dei titoli di stato a 10 anni intorno allo 0%. La banca centrale ha anche affermato che inizierà a erogare prestiti per il cambiamento climatico a dicembre.Il meeting del (continua)

Mercato azionario tedesco, si avvicina la svolta: listino principale a 40 titoli

Deutsche Boerse dovrebbe annunciare i nuovi entranti nell'indice blue-chip venerdì, mentre la variazione diventerà pienamente operativa a partire dal 20 settembre Si avvicina sempre di più il momento della svolta epocale per il mercato azionario tedesco. L'indice principale, il DAX, infatti passerà dagli attuali 30 membri a 40. Questo renderà più “vivace” l'indice stesso, oltre a portare uan ventata di aria nuova sul listino.  Cosa succederà al mercato azionario tedesco Il cambiamento è (continua)