Home > Economia e Finanza > Banche centrali e riserve auree, gli Usa battono tutti ma l'Italia è terza

Banche centrali e riserve auree, gli Usa battono tutti ma l'Italia è terza

scritto da: Elleny | segnala un abuso


L'oro è da sempre un metallo importante non solo per i consumatori e gli investitori al dettaglio, ma anche per le banche centrali. I caveau sono pieni di riserve auree (per lo più in lingotti), che rappresentano una garanzia di rimborso per i depositanti, i detentori di banconote e gli operatori commerciali. Ma il ruolo di tali riserve è importane anche al fine di supportare il valore della valuta nazionale.

L'oro e le banche centrali

banca centraleIn tempi remoti le riserve auree servivano ai Governi soprattutto per fare fronte ai costi della guerra. Poi sono state le banche commerciali ad accumulare oro per per riscattare le promesse di pagare i depositanti. Infine, la bilancia si è spostata verso le banche centrali, con le finalità che abbiamo pocanzi detto.

Dal punto di vista statistico, la riserva aurea più grande è detenuta dagli Stati Uniti. Ci sono ben 8.133 tonnellate di oro. Cosa interessante, le riserve americane sono più grandi di quelle che si ottengono sommando gli altri due paesi con le maggiori riserve auree. Ossia Germania e... sorprendentemente Italia.

Bankitalia accumula oro

La Banca d’Italia infatti custodisce ben 2.452 tonnellate di oro, dietro la Germania che ne ha 3.359 tonnellate. Seguono le banche centrali di Francia, Russia e Cina che viaggiano tutte oltre le 2mila tonnellate.

Val la pensa precisare che le riserve auree italiane non si trovano tutte nella Banca d’Italia, perché in parte sono custodite in altre banche centrali, specialmente mnel Regno Unito e in Svizzera, ma anche nelle sedi della Federal Reserve americana. La scelta di tenere l’oro all’estero deriva, oltre che da ragioni storiche, legate ai luoghi in cui l’oro fu acquistato, anche da una strategia di diversificazione finalizzata alla minimizzazione dei rischi e dei costi.

Quanto valgono le nostre riserve auree?

Bisogna considerare che oggi l'oro è scambiato a circa 1.800 dollari l'oncia, non lontano dal minimo di due settimane di 1.781 dollari toccato mercoledì (toccando un doppio minimo analisi tecnica).
Il metallo prezioso sta per registrare il primo calo settimanale sulle ultime cinque di negoziazione.

Il mercato dell'oro

A penalizzare il gold metal è soprattutto la notizia che le importazioni di oro dell'India ad agosto sono quasi raddoppiate rispetto a un anno prima, mentre i gioiellieri costruiscono scorte per l'imminente stagione festiva.
Pesano inoltre il rafforzamento del dollaro USA e le incertezze sulla linea temporale per il tapering della Fed. Chi fa day trading forex lo sa benissimo.

Anche in Europa, la BCE ha dichiarato che rallenterà il ritmo dei suoi acquisti di obbligazioni pandemiche per il resto dell'anno, ma non ha segnalato la fine del suo programma di acquisto di obbligazioni.

banche centrali | oro | doppio minimo | day trading |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Investitori, tanti appuntamenti in focus nei prossimi giorni

La settimana che ci aspetta sui mercati finanziari. Dati PMI evidenzieranno la salute economica di USA, UE e Regno Unito Tra meeting di banche centrali, dati macro molto importanti e verbali del FOMC, l'ultima settimana di novembre si preannuncia intensa per gli investitori dei mercati finanziari. Nel frattempo, il primo assaggio è arrivato dalla Cina, dove la banca popolare ha mentenuto invariato il tasso di interesse per il 19esimo meeting di fila. Dove guarderanno gli investitoriI dati clou per gli investitori (continua)

Moneta australiana in ripresa dopo il report arrivato dalla Cina

I dati macro in arrivo dalla Cina consentono al dollaro australiano di respirare. La moneta australiana infatti comincia bene questa settimana, spinta dalla produzione industriale cinese, che è aumentata del 3,5% su base annua nell'ottobre 2021, accelerando da un progresso del 3,1% nel mese precedente e battendo le previsioni di mercato.La Cina e la moneta australianaRicordiamo che la moneta austr (continua)

Investimenti, è in corso al rivoluzione utility: da settore difensivo a occasione

La transizione energetica ha avuto un impatto notevole sul settore delle utility. Quella che tradizionalmente era considerata una asset class tipicamente difensiva, adesso sta diventando una grossa occasione per gli investimenti.Da settore divensivo a occasione per investimentiI dati evidenziano infatti che le ex municipalizzate hanno chiuso il bilancio dei primi 9 mesi del 2021 con una crescita a (continua)

Mercati europei titubanti prima della FED (che poi vara il tapering)

Le Borse Europee hanno marciato blande prima che la FED prendesse la sua decisione La Federal Reserve ha deciso di varare il tapering, ossia di ridurre il suo stimolo all'economia. Nell'attesa di questa decisione, che è stata presa quando i mercati europei erano già chiusi, le borse del Vecchio continente si erano mosse in ordine sparso. Proprio l'attesa del meeting della banca centrale americana, aveva indotto i mercati a muoversi con cautela. In giornata aveva però parlato Ch (continua)

Mercato valutario, il dollaro comincia la settimana con il piede giusto

Comincia in modo blando ma in risalita, la settimana del dollaro USD. Il biglietto verde si è ripreso subito dal calo avuto nelle prime ore di negoziazioni, poi ha invertito la rotta. Ma cosa succede sul mercato valutario?Il dollaro sul mercato valutarioPer comprendere l'andamento del dollaro sul mercato valutario, occorre fare un passo indietro. Venerdì scorso durante una tavola rotonda, ha (continua)