Home > Cultura > Il denaro non vale nulla finché non si spende

Il denaro non vale nulla finché non si spende

scritto da: EdoardoLuce | segnala un abuso

Il denaro non vale nulla finché non si spende

Il nuovo libro di Roberto Tumbarello è pubblicato da Armando Editore di Roma


Il denaro non vale nulla

è un libro di filosofia alla buona, in cui per renderlo comprensibile a chiunque e di facile lettura, al posto della teoria c’è l’aneddotica. Sempre divertente e anche commovente, è utile e istruttivo. Non è un saggio di critica al denaro né a chi ne possiede. Anzi, auspico che tutti ne abbiano in abbondanza e, comunque, in quantità sufficiente per vivere senza problemi. Raccomando di approfittare del denaro per godere il più possibile della vita. Tenere il denaro sotto il materasso è come non averne. Serve per acquistare beni che ci consentono una vita più comoda e più confortevole. Accumularne non è il fine migliore. Non bisogna amare il denaro ma la vita, che ci riserva tante emozioni che non costano nulla. Dopo aver letto il libro saprete quasi tutto su vantaggi e inconvenienti che riguardano il denaro. Capirete pure come custodirlo e investirlo, come proteggerlo da truffe e insidie, e come farne a meno quando non ce n’è.


Roberto Tumbarello, giornalista, laureato in Giurisprudenza, ha tre figli e sei nipoti. Per tanti anni portavoce in Italia del Consiglio d’Europa, è esperto in Comunicazione e Diritti umani. Al centro delle sue riflessioni c’è sempre la vita, di cui è pazzamente innamorato. Un amore che consiglia ai suoi lettori. Inviato speciale di quotidiani e settimanali a vasta tiratura nelle Americhe, in Africa, nel Sud Est asiatico e in Medio Oriente, ha chiuso la carriera come direttore del Giornale di Napoli e di Napoli Sera. Tra le sue ultime pubblicazioni Gesù era di destra o di sinistra? (2009), Si salvi chi può (2012), O la borsa o la vita (2014), Viaggio nella vita (2017).

Pagine 320,Prezzo 20,00

Il denaro è sempre stato un elemento fondamentale nella vita dell’uomo ed è continuamente oggetto di venerazione. Ne parlano i sapienti senza mai dare una spiegazione comprensibile. Solo chi ha fatto studi specifici può capirli. Adesso che il denaro sta attraversando un periodo delicato, soprattutto per la sua inadeguata distribuzione nella società, è giusto che tutti capiscano perché pur essendocene tanto in circolazione – mai come in questo periodo – certe famiglie stentano ad arrivare alla fine del mese. Mentre c’è chi ne possiede molto più del necessario. Qualcuno vive da nababbo e usa una minima parte del proprio denaro per vivere nel lusso.
Sarebbe utile una riforma culturale del capitale perché il denaro, che in questo saggio io tratto con molto rispetto, sia considerato – chiunque lo possegga – soprattutto strumento di benessere collettivo, come al tempo in cui industriali e imprenditori erano illuminati, e non solo di arricchimento personale. Chi non ne possiede a sufficienza si pone il problema di procurarselo. E vivono infelici inseguendo benessere e comodità che, magari, non raggiungeranno. I benestanti, invece, hanno il problema di come investirlo per accrescerne la quantità. La problematica del denaro è complessa. Ed è questa che analizzeremo negli aspetti pratici, morali, culturali e storici (Dalla Prefazione)

#libro #denaro #robertotumbarello #soldi #economia #saggio #armandoeditore #ricchezza #vantaggi |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Intervista di Alessia Mocci a Claudio Borghi: vi presentiamo il libro L’anima sinfonica


Recensione del libro di Robert Kiyosaki – Fake. Soldi finti. Falsi maestri. Fake asset.


Hydra Music, fuori ora il nuovo singolo dei SaPao


La pubblicità: un modo per ripartire


Perdita di posti di lavoro: come mantenere la stabilità ed evitare rischi di bilancio?


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

"Martinus Scriblerus", il romanzo satirico collettivo del '700


Esce per Gammarò l'opera satirica incompleta co-scritta apparentemente dai membri dello Scriblerus Club durante gli anni 1713–14, tra cui Jonathan Swift, Alexander Pope e il dottor Arbuthnot.La traduzione è di Giuseppe Sertoli. Agli inizi del Settecento un gruppo di begli ingegni soliti riunirsi la sera intorno a una bottiglia di chiaretto ebbero un’idea geniale: scrivere a più mani una serie di opere che fossero la parodia di quanto la cultura moderna sfornava e la nascente industria editoriale smerciava al pubblico. Opere – poetiche, teatrali, narrative, scientifiche, critiche etc. – che sarebbero state attribuite a un (continua)

Il nuovo libro di Biagio Proietti, "Io che ho visto i delfini rosa"

Il nuovo libro di Biagio Proietti,
Ritorna Biagio Proietti con un romanzo ricco di scene d'azione e di sentimento. In libreria con Oltre edizioni di Sestri Levante. Un romanzo di gente di passaggio, gente triste come i vagoni di un treno che finiscono in un deposito. Ci sono vite spezzate di vecchi e di giovani, di persone che non riescono a far quadrare i conti con la vita, che a volte si diverte troppo e non si fa addomesticare. C’è un racconto che sta in equilibrio sulla corda sottile della finzione, un racconto che ha l’enorme merito di apparire inconsape (continua)

GIOVANNI GIUDICI TRADUTTORE E AUTORE (SCALPENDI)

GIOVANNI GIUDICI TRADUTTORE E AUTORE (SCALPENDI)
Scalpendi porta in libreria La vita in versi di Giovanni Giudici e Aleksandr Puškin, Eugenio Onieghin nei versi italiani di Giovanni Giudici Due nuovi titoli per la collana PER L'ALTO MARE APERTO, diretta da Edoardo Esposito e edita da Scalpendi: in libreria Aleksandr Puškin, Eugenio Onieghin nei versi italiani di Giovanni Giudici e Giovanni Giudici, La vita in versi. PER L’ ALTO MARE APERTO  presenta classici e moderni, prosa e poesia, italiani e stranieri. Si potrà trov (continua)

Paternità. Nuovi padri in bilico tra alleanze e complicità, il nuovo libro di Marina D'Amato

Paternità. Nuovi padri in bilico tra alleanze e complicità, il nuovo libro di Marina D'Amato
La paternità nella società contemporanea Chi sono i nuovi padri della generazione 5.0? Che cosa sperano? Come interpretano il loro ruolo? C’è davvero una frattura tra le generazioni precedenti e quest’ultima? Siamo forse alla fine di uno status? Si sta veramente prefigurando un nuovo ruolo? Questo libro affronta un tema cardine della società mettendo in evidenza come la paternità sia sintomo manifesto del profondo cambiamento della conte (continua)

Beppe Mecconi, Laneghè Isola del Mar tenebroso (Oltre / Toepffer edizioni)

Beppe Mecconi, Laneghè Isola del Mar tenebroso (Oltre / Toepffer edizioni)
La prefazione del volume è di Vincenzo Gueglio, con un contributo di David Bellatalla. La storia del ritrovamento, dopo oltre sette secoli di oblio, di un sorprendente manoscritto. La storia del ritrovamento, dopo oltre sette secoli di oblio, di un sorprendente manoscritto che documenta che Cristoforo Colombo non fu il primo a “voler andare nelle Indie navigando verso ponente”; e illustra con stupefacenti immagini l'incredibile fauna che popolava l'isola di Laneghè raccontando come, in perfetta armonia con la natura, si viveva in quel paradiso irrimediabilmente per (continua)