Home > Altro > DA UN SOGNO “PROIBITO” ALL’IN CITY GOLF. TORNA IN CITTÁ A TRENTO L’ORIGINALE TORNEO

DA UN SOGNO “PROIBITO” ALL’IN CITY GOLF. TORNA IN CITTÁ A TRENTO L’ORIGINALE TORNEO

scritto da: Newspower | segnala un abuso

DA UN SOGNO “PROIBITO” ALL’IN CITY GOLF. TORNA IN CITTÁ A TRENTO L’ORIGINALE TORNEO

Southwest Greens Central Europe In City Golf Trento 2021 presented by Engel & Völkers Sabato 18 settembre per la quarta volta palline in volo a Trento 18 buche molto speciali per 72 selezionati golfisti Da Piazza Duomo a Piazza Fiera, da Piazza Dante a Piazza Battisti Palline morbide, ma “ferri” autentici


“Il golf è più difficile del calcio perché la pallina sta ferma: così la guardi, cominci a pensare a tutto quello che ti hanno insegnato e finisci quasi sempre per sbagliare.” Sono parole di Gianluca Vialli.

Di golf, spesso, si parla a sproposito: sport per ricchi o sport per tutti? Sta di fatto che a tutt’oggi pure la sua origine è incerta. Chi parla dell’Olanda (dove ‘kolf’ significa bastone, che in gergo golfistico è l’attrezzo per lanciare la pallina), altri asseriscono che il golf nasce in Scozia dove si riscontrano il primo campo, la prima associazione, le prime norme e la declinazione elitaria che ne farebbe una disciplina solo per uomini. E si dice anche che G.O.L.F. sia l’acronimo inglese di Gentlement Only-Ladies Forbidden, ovvero “solo per uomini, proibito alle donne”.

C’è però un punto fisso, l’origine di In City Golf. È frutto di un ‘sogno’ del 2009 di Kurt Anrather, il C.E.O. di Curtes. Dal 2018 la città di Trento ospita appunto In City Golf, e lo farà anche quest’anno sabato 18 settembre, poco tempo dopo il grosso successo riscontrato ad Innsbruck in una similare manifestazione. L’appuntamento consiste in un originale torneo a 18 buche con 72 giocatori, con svolgimento in centro città. 

Il nome dell’evento, In City Golf, e la location, la bella ed accogliente città di Trento, suggeriscono che si tratta di un torneo golfistico molto particolare. Non c’è, ovviamente, la concentrazione del golf tradizionale sul green, non c’è l’erba soffice e tagliata come il velluto, ma ci sono buche originali nei punti più reconditi della città del Tridente.

Quest’anno, per evitare limitazioni imposte dalle norme anti Covid, nessuna buca sarà allestita al chiuso, come lo era stato in passato ad esempio dentro il Teatro Sociale, non sarà quindi necessario indossare la mascherina. Trento sarà come sempre ospitale per i golfisti, che per una giornata abbracciano il centro storico con gli originali caddy e sacche ripiene di “ferri” per mettere in mostra swing d’autore.

Anche quest’anno Kurt Anrather per i 72 fortunati golfisti ha preparato “buche” impegnative e spettacolari, che sicuramente divertiranno chi sabato 18 sarà a spasso per la città tra Piazza Duomo, Piazza Fiera, Piazza Battisti e Piazza Dante, per dare dei confini a questo speciale campo da golf ‘virtuale’, che poi virtuale non è.

Tutte le buche pongono ai partecipanti sfide particolari del classico gioco del golf: dal tee al putt. In Via Garibaldi ci sarà il Bunker Shot (il tiro dalla buca di sabbia), in Piazza Fiera il Longest Drive (tiro lungo con speciali palline), il Par 3 (un primo tiro da una pedana in alto e poi il centro in buca), il Goalwall, due minuscole finestre ricavate in un portone da garage Mortec Tooor, il Bowling con piccoli birilli su un parquet di Fiemme 3000, quindi la Fontana, ovvero il Nettuno di Piazza Duomo, il San Leonardo, uno speciale bicchierone dell’omonima cantina di Avio da centrare con la pallina, e ancora “Finestra”, una realizzazione Internorm da centrare a distanza, ‘A22’ con una buca disegnata proprio dalla società autostradale, e ancora Pin (la bandiera nello slang golfistico), ma ci sarà anche una Porsche a fare da ‘buca’ in Piazza Cesare Battisti. Insomma questi sono solo alcuni esempi, mentre in Piazza Duomo sarà allestita anche una buca pubblica, dove chiunque potrà prendere confidenza con ferri e palline.

Spettatori e passanti ignari del torneo di golf cittadino non devono preoccuparsi. Se le palline da golf a volte volano a velocità impressionanti, con un record di 328 km/h raggiunti da una pallina scagliata dal professionista canadese Jack Zuback, a Trento le velocità saranno più modeste, ma soprattutto le palline utilizzate saranno in materiale morbido.

Sono tante le collaborazioni con Curtes per questo evento, sicuramente la partnership del Comune di Trento è quella più importante e significativa. Il programma, ora ufficiale, segue un po’ lo stile del mondo del golf. Venerdì 17 alle 20 presentazione delle buche presso la Club House di Piazza Pasi, alle 20.30 presentazione ufficiale Southwest Greens Central Europe In City Golf Trento 2021 presented by Engel & Völkers Trentino.

Sabato 18 settembre alle ore 10 brunch nella VIP Lounge presso la Club House in Piazza Pasi e alle 11 l’inizio del torneo. La conclusione è prevista alle 16, poi alle 20 premiazioni e cena di gala presso il Muse.

Info: www.incitygolf.com


Fonte notizia: http://www.newspower.it/InCityGolf_Trento.htm


newspower | golf | in city golf | trento | trentino | muse | pasi | duomo | Southwest Greens Central Europe | Engel Völkers |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

In City Golf Trento: hole in one. Attenzione! Sabato golfisti in città


DS Automobiles 78° Open d’Italia: da F.Molinari a Stenson, lo show dei campioni nella casa della Ryder Cup 2023


Golf a Roma | Country Club Castelgandolfo


Country Club Castelgandolfo: Smart golf Catalogna experience 2018


“IN CITY GOLF” ALLA SCOPERTA DI TRENTO. FESTIVAL DEL GOLF AI NASTRI DI PARTENZA


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

MARCIALONGA: SOGNO PER CAMPIONI E AMATORI. 70 KM DI PASSIONE IN VAL DI FASSA E IN VAL DI FIEMME

MARCIALONGA: SOGNO PER CAMPIONI E AMATORI. 70 KM DI PASSIONE IN VAL DI FASSA E IN VAL DI FIEMME
Pian piano si dispone l’attrezzatura per innevare i 70 km da Moena a Cavalese È la gara amata dai grandi campioni dello sci di fondo, con “ritorni” eccellenti Il 29 e 30 gennaio ce n’è per tutti i gusti con Light, Story, Baby, Mini, Young e Stars C’è ancora qualche posto, la corsa al pettorale sta per concludersi C’è un’equazione fissa che mette alla prova gli organizzatori della Marcialonga: basse temperature, produzione neve.È vero che il termometro in questo periodo fluttua su e giù dallo zero, è comunque tempo di spolverare i 26 ‘cannoni’ che gli uomini della mitica granfondo degli sci stretti, la cui 49.a edizione è in programma il 29 e 30 gennaio, hanno tolto dal magazzino. L’imperativo è iniziare la (continua)

FIVE HUNDRED, CINQ CENTS, FÜNFHUNDERT! MASSIMO IN 500 ALLA SGAMBEDA DI LIVIGNO

FIVE HUNDRED, CINQ CENTS, FÜNFHUNDERT! MASSIMO IN 500 ALLA SGAMBEDA DI LIVIGNO
Sono sempre di più gli iscritti alla prima gara di stagione del fondo Gli organizzatori livignaschi hanno stabilito il tetto massimo di 500 unità Da sabato 23 ci si potrà allenare sull’anello frutto dello snow farming La “superstar” Klaebo di nuovo a Livigno per la preparazione in altura della stagione Olimpica Da Pauli Siitonen, il finlandese che ha avuto l’intuito, a Bill Kock, l’americano che per primo sviluppò la nuova tecnica negli anni ‘70. Lo skating è una disciplina dello sci di fondo che piace, frizzante ed esplosiva.La prima opportunità di stagione di calzare gli sci stretti e fare a gara col cronometro in tecnica libera è la storica Sgambeda, che sabato 4 dicembre è pronta ad alzare il sipario (continua)

Curti e Beri sulle orme di Charly Gaul. Skiroll di Coppa Italia sul Monte Bondone

Curti e Beri sulle orme di Charly Gaul. Skiroll di Coppa Italia sul Monte Bondone
Seconda giornata del weekend di skiroll a Trento Luca Curti attende e poi scappa. Sul podio Tanel e Masiero Mortagna accende i giochi, poi paga e vince Beri davanti a Becchis Spettacolo dei giovanissimi. Organizzazione di Trento Eventi Sport e Team Futura Il Monte Bondone, la montagna di Trento per antonomasia, è sempre stato banco di prova per ogni genere di “scalatore”. Dalle auto alle moto, dalle bici al running, ma anche autentica “bestia nera” per gli skirollisti.Oggi confronto serrato sui tornanti del Bondone lungo quella salita che, non a caso, porta il nome di Charly Gaul, il lussemburghese che nel 1956 in una giornata da tregenda qui vinse (continua)

Il Sassolungo fa l'occhiolino ai runners. La 4.a Dolomites Saslong HM l'11 giugno

Il Sassolungo fa l'occhiolino ai runners. La 4.a Dolomites Saslong HM l'11 giugno
L’11 giugno 2022 quarta edizione della Dolomites Saslong Half Marathon Un percorso di 21 km e 900 m. di dislivello tra Val Gardena e Val di Fassa Iscrizioni online con Enternow, la quota base è di 50 euro 600 posti per un’occasione sportiva intorno al Gruppo del Sassolungo Alcuni atleti nella scorsa edizione di giugno, disputata comunque nonostante i disagi della pandemia, dicevano di non riuscire a concentrarsi in gara, tanto la vista li affascinava. C’è da crederci. Forse un po’ meno per Xavier Chevrier, favorito della vigilia, e Caterina Stenta, outsider vincente tra le donne, autori di una gara velocissima.E così dopo gli entusiasmi per il successo e i complimen (continua)

A gennaio torna lo Skiri Trophy: sciolina alla mano per i giovani fondisti

A gennaio torna lo Skiri Trophy: sciolina alla mano per i giovani fondisti
Il 22-23 gennaio in Val di Fiemme appuntamento col 38° Skiri Trophy XCountry A Lago di Tesero (TN) classico happening dello sci di fondo giovanile Al via le categorie Baby, Cuccioli, Ragazzi e Allievi e quindi il Revival Un mix di iniziative per tutti gli appassionati: dai più giovani ai nostalgici Lo sci di fondo può guardare lontano con entusiasmo: quello che è comunemente definito il ‘mondialino’ degli sci stretti è confermato per l’imminente stagione: dopo l’annullamento dello scorso gennaio a causa della pandemia, il 22-23 gennaio prossimi la Val di Fiemme vedrà nuovamente i giovani atleti degli sci stretti darsi battaglia in occasione del 38° Skiri Trophy XCountry. L’evento è ormai una (continua)