Home > Ambiente e salute > Riciclo alluminio, l'Italia e' terza al mondo

Riciclo alluminio, l'Italia e' terza al mondo

scritto da: Dailygreen | segnala un abuso


L’Italia? E' al 3° posto nella classifica mondiale (dopo Stati Uniti e Giappone) e leader in Europa per il riciclo dell’alluminio, materiale che si presta ad un recupero quasi infinito, senza perdere le sue caratteristiche. Ogni tanto, effettivamente, arriva una buona notizia per il nostro Paese. I dati sono stati raccolti e resi noti dal CIAL (Consorzio Imballaggi Alluminio).
I dati del CIAL dicono testualmente: in Italia sono state raccolte e riciclate 46.500 tonnellate di imballaggi in alluminio, pari al 72,4% dei materiali in alluminio immessi sul mercato. Lungo lo stivale, sono attive 25 fonderie all’interno delle quali avviene un importante processo di recupero di qualsiasi rottame in alluminio. Tutto l’alluminio gettato nell’indifferenziato viene reimmesso nel ciclo produttivo. La selezione avviene su apposite piattaforme, dove l’alluminio viene pressato in balle e inviato alla fonderia. In fonderia ha inizio un primo passaggio nel quale vengono scartati tutti gli altri materiali (come il ferro, il vetro ecc.) ad una temperatura di 500 gradi. A 800 gradi, invece, avviene il processo di fusione, durante il quale l’alluminio fuso viene trasformato in tanti piccoli lingotti, pronti per essere venduti (anche sul mercato estero, in particolare in Germania). In Italia, l’80% dell’alluminio prodotto è riciclato e solo il 20% deriva dal minerale originario. L’alluminio viene utilizzato in svariati campi: dall’edilizia al settore degli imballaggi, dalla meccanica ai casalinghi. Ed è un settore che conta 211 imprese consorziate, che danno lavoro a 35.000 dipendenti.
In termini ambientali, il processo di riciclo dell’alluminio si traduce, innanzitutto, in un risparmio concreto di materie prime. Oltre ad essere tra i primi posti sul mercato internazionale per la produzione e la vendita di alluminio, ciò consente al nostro paese di evitare uno spreco del 95% di energia, che altrimenti verrebbe impiegata per ricavare il materiale partendo dal minerale grezzo. Tradotto in cifre, questo significa 371.000 tonnellate di CO2 in meno e 160.000 tonnellate di petrolio risparmiate.


Fonte notizia: http://www.dailygreen.it/lenews-2/1320-italia-riciclo-alluminio.html


italia | riciclo | alluminio |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Pasqua arriva, la Lav: «Cambiamo menu'»

Il consumo domestico di ovicaprini è diminuito negli ultimi cinque anni, con le macellazioni scese del 2% nel 2011, e alla flessione del consumo di capretto non ha fatto eco alcun significativo aumento dei consumi di agnello. Lo afferma, in base ai dati dell'Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare, la Lega Antivivisezione (Lav), che per festeggiare la Pasqua propone un m (continua)

E' possibile parlare con gli animali? Alcuni credono di sì

Negli ultimi anni diversi ricercatori hanno lavorato alla comunicazione con gli animali, e in alcuni casi gli esperimenti hanno dato discreti successi: tra i casi più celebri, alcuni scimpanzé (Washoe, morta nel 2007, e Nim, morto nel 2000) e un bonobo (Kanzi) impararono a comunicare usando un linguaggio di segni oppure una serie di simboli su una tastiera. Un articolo di Ed Yon (continua)

Legambiente, e' boom di impianti da fonti rinnovabili

Nel 2011 boom degli impianti da fonti rinnovabili sul territorio italiano, oltre 400 mila, con una diffusione in oltre il 95% dei Comuni. Cresce fortemente anche la produzione di energia pulita, che ha contribuito lo scorso anno per il 26,6% dei consumi elettrici. Questa la fotografia dell'energia verde in Italia scattata dal rapporto Comuni Rinnovabili 2012 di Legambiente, realizzato con il (continua)

Vinitaly, al lavoro per vino sostenibile

Se è anche sostenibile il vino è più virtuoso. L'Italia è infatti al lavoro per certificare la sostenibilità del settore vitivinicolo, ha spiegato il ministro dell'Ambiente, Corrado Clini, al Vinitaly di Verona. Si tratta, ha detto, "di un'iniziativa che è stata avviata nel giugno scorso e riguarda il calcolo dell'impronta ambientale del vino it (continua)