Home > Economia e Finanza > Rischi Cybercrime in aumento

Rischi Cybercrime in aumento

scritto da: AIDR | segnala un abuso

Rischi Cybercrime in aumento

La pandemia (e il conseguente smart working) ha aumentato i punti di possibile accesso dei cyber criminali ai sistemi delle aziende, con ciò esponendo le medesime sempre di più al rischio quotidiano di vedersi bloccata tutta l’attività.


di Luca Angelucci Responsabile Osservatorio Assicurazioni Cyber Crime Aidr

Di recente abbiamo notato diversi articoli sull’argomento da parte di primarie testate giornalistiche, anche un recente articolo del Sole 24 Ore del 20 agosto scorso, da cui si evince un preoccupante rapido ampliamento dei rischi legati ai cybercrime, ossia delle richieste di “riscatto” dei propri dati cibernetici ( ad esempio Enel e Campari rispettivamente hanno ricevuto in passato richieste in tal senso per 14/15 Milioni di dollari mentre è sotto gli occhi di tutti il recente “assalto” alla rete Internet della Regione Lazio ).

La pandemia (e il conseguente smart working) ha aumentato i punti di possibile accesso dei cyber criminali ai sistemi delle aziende, con ciò esponendo le medesime sempre di più al rischio quotidiano di vedersi bloccata tutta l’attività.

Quello che peraltro si ignora sono invece quei cyber attacchi che non “cubano” richieste risarcitorie importanti ma che sottraggono ai pagamenti bancari on-line importi che vanno dai 500 Euro ai 10/15.000 Euro, che già di per sé fanno male qualora non vengano addirittura moltiplicati per molti casi all’anno!

Commenta l’Avv. Dusi, esperto nel settore, che al momento si sta sviluppando una possibilità di maggior tutela delle aziende che vendono e che non vogliono rischiare il mancato pagamento per attacchi di questo tipo al proprio sistema (o al sistema del loro acquirente) che prevede nelle Condizioni Generali di Vendita un obbligo di saldo da parte dell’acquirente, correlato all’obbligo di invio di copia dell’ordine di bonifico.  Per fare ciò è necessario mettere mano alle “Condizioni Generali di Vendita” che ogni azienda ha (o dovrebbe avere), anche a maggior tutela del proprio cash flow, ma anche di altri elementi nei rapporti contrattuali con i propri clienti finali (per tutti foro competente, legge applicabile ed eventuale regolamentazione dei casi di forza maggiore); Condizioni Generali di Vendita che ancora oggi, troppo spesso, le aziende non tengono in dovuta considerazione.

In tema di tutela tecnica delle proprie reti si è già più volte discusso; a ruota segue la discussione sulle possibili coperture assicurative che ancora oggi in Italia sono purtroppo ancora poco usufruite e poco note. Inizia però sempre ad essere più sentita la necessità di dotarsi di idonee coperture assicurative che, fortunatamente, vedono un mercato in pieno sviluppo con primarie Compagnie, italiane e straniere, che cercano di ottimizzare e migliorare le condizioni assicurative da proporre alla clientela di enti pubblici e privati. Come nel privato anche nel settore delle Pubbliche Amministrazioni si stanno attivando con più frequenza assicurazioni CyberCrime ma rispetto alle medie europee siamo ancora distanti.


Fonte notizia: https://www.aidr.it/rischi-cybercrime-in-aumento/


cybersecurity | AIDR | ASSICURAZIONI |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Un seminario per affrontare e prevenire cybercrime e tecnostress


Sicurezza sul lavoro: realizzare il documento di valutazione dei rischi


Cybersecurity: arriverà a breve la comunicazione quantistica a proteggerci?


COS’È L’ ANALISI DEI RISCHI?


Le competenze sulla security per chi si occupa di safety


La formazione online per i rischi generali e specifici


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

L’innovazione come leva dello sviluppo sostenibile

L’innovazione come leva dello sviluppo sostenibile
La cultura dell’innovazione, per tradursi in risultati concreti, necessita di un coinvolgimento a tutto tondo, che trasformi la struttura interna delle organizzazioni e tenga conto, come leva fondamentale, dell’approccio multi-stakeholder. Occorre incoraggiare lo spirito creativo e imprenditoriale delle persone, creare nuove skill, investire nei talenti così da favorire la generazione di nuove soluzioni. Stiamo vivendo un momento storico senza precedenti, caratterizzato dalla velocità e dall’imprevedibilità con cui avvengono i cambiamenti. D’altra parte, è anche un tempo utile in cui cogliere l’opportunità di realizzare quanto espresso negli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile 2030 delle Nazioni Unite ovvero: “costruire una infrastruttura resiliente e promuovere l’innovazione ed  (continua)

Tutelare l’identità online, approfondimento a Digitale Italia

Tutelare l’identità online, approfondimento a Digitale Italia
“Siamo noi a costruire il nostro IO digitale, condividendo in rete diverse informazioni. Per questo è necessario acquisire una nuova consapevolezza del valore della nostra identità digitale e del ruolo che questa assume tanto nella vita privata, quanto in quella professionale, e monitorarla con attenzione” ha sottolineato Gabriele Gallassi nel corso del suo intervento. “Per far questo, oggi abbiamo a disposizione nuovi innovativi strumenti che permettono, ad esempio la de-indicizzazione di quei contenuti che non ci rispecchiano più”. Galassi (Tutela Digitale): così possiamo difenderci online e tutelare la nostra reputazioneQuale percezione hanno gli altri della nostra identità in rete, in che modo possiamo cancellare le immagini online che non ci rappresentano, è possibile tutelarsi da contenuti lesivi della nostra reputazione? A Digitale Italia nuovo approfondimento legato ai temi della digitalizzazione. Ospiti del format web (continua)

I contenuti di valore: cosa paga davvero sui social

I contenuti di valore: cosa paga davvero sui social
Per una azienda, piccola o grande che sia, non basta la presenza, o almeno non basta più la semplice presenza, sui social bisogna andare oltre, creando contenuti di valore. Non ci sono scorciatoie, l’algoritmo che regola l’ecosistema Facebook, è impietoso: i contenuti in organico (quelli postati sui social senza adv) sono destinati ad ottenere una visibilità sempre più ridotta in favore di contenuti generati da profili privati. Allora come uscire dall’empasse, come emergere dal limbo della poca visibilità e fare davvero la differenza online? di Valentina Palmieri, giornalista – social media manager e socio AidrLa chiave del successo di una buona strategia di social media marketing passa da lì, non ci sono dubbi. Per una azienda, piccola o grande che sia, non basta la presenza, o almeno non basta più la semplice presenza, sui social bisogna andare oltre, creando contenuti di valore. Non ci sono scorciatoie, l’algoritmo che regola l’eco (continua)

Tempo di vendemmia… digitale

Tempo di vendemmia… digitale
Il rito della vendemmia è millenario, e per molti aspetti le azioni umane sono le stesse di sempre, ben rappresentante dalle formelle e dai bassorilievi dei “cicli delle stagioni” delle grandi cattedrali romaniche che infallibilmente associano il mese di settembre – nell’allora vigente calendario giuliano – al segno zodiacale della Bilancia ed alla raccolta delle uve. La vendemmia 2021 sta per concludersi, e con essa un arco temporale di vita fenologica caratterizzato, per buona parte delle regioni viticole europee, da fenomeni estremi che vanno dalla grande gelata primaverile del 7/8 aprile alla siccità estiva.Il rito della vendemmia è millenario, e per molti aspetti le azioni umane sono le stesse di sempre, ben rappresentante dalle formelle e dai bassorilievi (continua)

Mobilità e Transizione ecologica: Un lungo percorso per rinnovare le infrastrutture, cambiare le abitudini e rimettere a posto le cose

Mobilità e Transizione ecologica: Un lungo percorso per rinnovare le infrastrutture, cambiare le abitudini e rimettere a posto le cose
Nell’ambito della mobilità a preoccupare maggiormente è lo stato delle aree metropolitane, mentre riguardo alle aree extraurbane permane il forte squilibrio del trasporto su strada rispetto alle altre modalità di trasporto, soprattutto riguardo alle merci. Transizione energetica,  Transizione digitale, Transizione  verso nuove forme di mobilità: è iniziato un lungo cammino e dopo aver  ignorato per molto tempo i laceranti  gridi di allarme del Pianeta, è ora urgente cercare di rimettere a posto le cose.La transizione avviene però  in modalità “dinamica”  e, quindi,  in parallelo&n (continua)