Home > Economia e Finanza > Un futuro “data driven” attende i business tradizionali 

Un futuro “data driven” attende i business tradizionali 

scritto da: AIDR | segnala un abuso

Un futuro “data driven” attende i business tradizionali 

Il tema legato ai dati è sicuramente un ottimo punto da cui partire per intraprendere un percorso di digital transformation coerente e responsabile, poiché un utilizzo consapevole e strategico dei dati porta con sé una serie di reazioni a catena, tra cui un nuovo approccio al cliente, un cambiamento degli asset aziendali e nuovi modelli organizzativi che modificano in modo sostanziale il business delle aziende, innescando così una trasformazione radicale.


di Sandro Zilli, Innovation Manager e Resp. Osservatorio AIDR per l’Innovazione e la Crescita Digitale

In un mondo che cambia rapidamente e rende la realtà in cui operano le aziende sempre più mutevole e inafferrabile, la trasformazione digitale non rappresenta solo un’alternativa per arrivare al successo ma una necessità non più procrastinabile. Le aziende si trovano di fronte ad una svolta cruciale: cambiare il loro business mediante una differente visione che li conduca ad un nuovo modello operativo basato sulla profonda integrazione tra cultura, persone, processi aziendali e le tecnologie abilitanti.

Questo sostanziale ripensamento del modo di operare, dei modelli di business e dell’intera customer experience, diventa il focus principale dell’impresa e va delineando uno scenario in cui i prodotti e servizi destinati al successo, sono quelli che mettono al centro i clienti ed i loro bisogni, utilizzando il digitale come un acceleratore in grado di cambiare le loro esperienze di acquisto quotidiane. Ad esempio, quando una pluralità di soggetti concorrono on-Line con una vasta offerta di prodotti e servizi, diventa molto più semplice per il consumatore fare comparazioni tra questi e difficilmente accetterà o si accontenterà di condizioni che non sono in linea con quelle del mercato. Questo meccanismo di fatto sta cambiando la qualità di vita delle persone e contemporaneamente le prestazioni offerte dalle aziende.

Gli elementi chiave di questo cambiamento sono la velocità, la semplicità, la scalabilità, la trasparenza, l’agilità e soprattutto l’approccio “data driven” delle imprese; ovvero l’abilità di sfruttare efficacemente i dati, dalle cui informazioni è possibile conseguire risultati aziendali specifici e la creazione delle soluzioni “Human Centered”. La corretta analisi e interpretazione dei dati, può favorire cambiamenti importanti in termini di prodotti e servizi, può consentire alle aziende di sfruttare nuove opportunità di business e soprattutto, permette di avere un approccio del tutto nuovo nei confronti dei clienti, fornendo loro servizi o prodotti personalizzati. I dati dunque stanno rivoluzionando l’economia, sono il punto di partenza di ogni business, lo strumento chiave per affrontare le sfide della crescita, per incrementare le performance e la competitività di un’impresa, che proprio grazie ai dati potrà rispondere con rapidità al cambiamento del comportamento dei consumatori, dei loro bisogni o delle condizioni di mercato. Proprio tale reattività al mutamento degli scenari determinerà la probabilità che l’azienda abbia successo.

In questo contesto è evidente che i dati sono l’asset fondamentale su cui si fonda il valore di un’azienda: non solo di quelle innovative nate su internet o delle startup, ma soprattutto delle aziende esistenti che hanno una storia e quindi un “patrimonio dati” riguardante i loro clienti, le loro abitudini di acquisto, il track record delle vendite di prodotti e dei processi correnti.

La sfida più grande si pone proprio di fronte a queste aziende “incumbent” (aziende tradizionali con paradigmi di business legati al passato) che devono chiedersi se sono in grado di trarre vantaggio dalla grande quantità di dati in loro possesso, oppure se sono in grado di migliorare, testare o implementare modelli di business digitali evolutivi.

Molte ricerche e sondaggi come quello pubblicato dalla rivista Harward Business Review relativo al Customer Experience Gap Report, supportano questa tesi, rilevando ancora una forte resistenza alla trasformazione verso il modello ‘’data driven’’; infatti solo il 15% degli intervistati ha dichiarato che la propria organizzazione è attualmente molto efficace nel fornire un’esperienza al cliente pertinente ed affidabile. Nello stesso sondaggio, solo il 3% degli intervistati dichiara di essere in grado di agire su tutti i dati dei clienti che raccolgono, mentre il 21% afferma di potersi attivare in maniera limitata verso una logica data driven.

Tale inerzia di fronte al cambiamento da parte di alcune aziende rischia di lasciare spazio a nuove realtà come ad esempio le startup, che risultano più agili e snelle dal punto di vista dei processi e della struttura, capaci di avvantaggiarsi delle nuove tecnologie per raccogliere dati ed effettuare analisi sempre più avanzate. Questa sarà la chiave del successo che probabilmente permetterà nel futuro di conquistare sempre maggiori quote di mercato. Il McKinsey Global Institute, in un suo report rileva che le organizzazioni data driven, hanno maggiori possibilità di acquisire clienti (in media +23%) di mantenerli fedeli (in media +6%) e di conseguenza sono più redditizie in media del 19%.

Il tema legato ai dati è sicuramente un ottimo punto da cui partire per intraprendere un percorso di digital transformation coerente e responsabile, poiché un utilizzo consapevole e strategico dei dati porta con sé una serie di reazioni a catena, tra cui un nuovo approccio al cliente, un cambiamento degli asset aziendali e nuovi modelli organizzativi che modificano in modo sostanziale il business delle aziende, innescando così una trasformazione radicale.

La trasformazione digitale rappresenta sicuramente uno sforzo complesso ma irrinunciabile. La capacità di reimmaginare digitalmente il proprio business è determinata soprattutto da una chiara strategia digitale supportata dai leader aziendali che devono promuovere una cultura in grado di cambiare e inventare il nuovo. Sebbene la trasformazione digitale abbia molti tratti in comune con precedenti rivoluzioni tecnologiche, ciò che in questo caso è unico e distintivo è la necessità di esplorare e assumersi il rischio di cambiare; accettare un temporaneo fallimento come prerequisito per il successo è la sfida culturale che è di fronte ai nostri manager e leader aziendali.

Per ogni Google, Amazon o Facebook che assume rischi importanti nell’esplorare diverse opportunità, scenari, soluzioni, cercando sempre nuovi vantaggi competitivi, ci sono centinaia di altre aziende che stanno ancora giocando sul sicuro rifiutando l’incertezza del cambiamento. Finiscono così per offrire inconsapevolmente ai loro concorrenti “disruptor digitali” continue occasioni di superarli.

Come ha detto saggiamente Phil Simon, professore e autore di libri su tecnologia e management “Oggi i costi dell’inazione superano i costi dell’azione”.


Fonte notizia: https://www.aidr.it/un-futuro-data-driven-attende-i-business-tradizionali-2/


aidr | digital trasformation | data driven | sandro zilli |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Lo strano caso del Dottor Chances


Robinson Jr.


La vita in piazza di Maria Concetta Distefano


Movimento Network Marketing


La montagna in salute


Delirium di Postremo Vate


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Tutelare l’identità online, approfondimento a Digitale Italia

Tutelare l’identità online, approfondimento a Digitale Italia
“Siamo noi a costruire il nostro IO digitale, condividendo in rete diverse informazioni. Per questo è necessario acquisire una nuova consapevolezza del valore della nostra identità digitale e del ruolo che questa assume tanto nella vita privata, quanto in quella professionale, e monitorarla con attenzione” ha sottolineato Gabriele Gallassi nel corso del suo intervento. “Per far questo, oggi abbiamo a disposizione nuovi innovativi strumenti che permettono, ad esempio la de-indicizzazione di quei contenuti che non ci rispecchiano più”. Galassi (Tutela Digitale): così possiamo difenderci online e tutelare la nostra reputazioneQuale percezione hanno gli altri della nostra identità in rete, in che modo possiamo cancellare le immagini online che non ci rappresentano, è possibile tutelarsi da contenuti lesivi della nostra reputazione? A Digitale Italia nuovo approfondimento legato ai temi della digitalizzazione. Ospiti del format web (continua)

I contenuti di valore: cosa paga davvero sui social

I contenuti di valore: cosa paga davvero sui social
Per una azienda, piccola o grande che sia, non basta la presenza, o almeno non basta più la semplice presenza, sui social bisogna andare oltre, creando contenuti di valore. Non ci sono scorciatoie, l’algoritmo che regola l’ecosistema Facebook, è impietoso: i contenuti in organico (quelli postati sui social senza adv) sono destinati ad ottenere una visibilità sempre più ridotta in favore di contenuti generati da profili privati. Allora come uscire dall’empasse, come emergere dal limbo della poca visibilità e fare davvero la differenza online? di Valentina Palmieri, giornalista – social media manager e socio AidrLa chiave del successo di una buona strategia di social media marketing passa da lì, non ci sono dubbi. Per una azienda, piccola o grande che sia, non basta la presenza, o almeno non basta più la semplice presenza, sui social bisogna andare oltre, creando contenuti di valore. Non ci sono scorciatoie, l’algoritmo che regola l’eco (continua)

Tempo di vendemmia… digitale

Tempo di vendemmia… digitale
Il rito della vendemmia è millenario, e per molti aspetti le azioni umane sono le stesse di sempre, ben rappresentante dalle formelle e dai bassorilievi dei “cicli delle stagioni” delle grandi cattedrali romaniche che infallibilmente associano il mese di settembre – nell’allora vigente calendario giuliano – al segno zodiacale della Bilancia ed alla raccolta delle uve. La vendemmia 2021 sta per concludersi, e con essa un arco temporale di vita fenologica caratterizzato, per buona parte delle regioni viticole europee, da fenomeni estremi che vanno dalla grande gelata primaverile del 7/8 aprile alla siccità estiva.Il rito della vendemmia è millenario, e per molti aspetti le azioni umane sono le stesse di sempre, ben rappresentante dalle formelle e dai bassorilievi (continua)

Mobilità e Transizione ecologica: Un lungo percorso per rinnovare le infrastrutture, cambiare le abitudini e rimettere a posto le cose

Mobilità e Transizione ecologica: Un lungo percorso per rinnovare le infrastrutture, cambiare le abitudini e rimettere a posto le cose
Nell’ambito della mobilità a preoccupare maggiormente è lo stato delle aree metropolitane, mentre riguardo alle aree extraurbane permane il forte squilibrio del trasporto su strada rispetto alle altre modalità di trasporto, soprattutto riguardo alle merci. Transizione energetica,  Transizione digitale, Transizione  verso nuove forme di mobilità: è iniziato un lungo cammino e dopo aver  ignorato per molto tempo i laceranti  gridi di allarme del Pianeta, è ora urgente cercare di rimettere a posto le cose.La transizione avviene però  in modalità “dinamica”  e, quindi,  in parallelo&n (continua)

Pandemia, PNRR e Revenge porn impattano sul Codice privacy e modificano il trattamento dati personali con decorrenza dal 9 ottobre 2021

Pandemia, PNRR e Revenge porn impattano sul Codice privacy e modificano il trattamento dati personali con decorrenza dal 9 ottobre 2021
Il Governo per mantenere l’impegno di sburocratizzare il processo decisionale della decretazione attuativa dell’azione di governo ha abrogato l’art. 2-quinquiesdecies del Codice Privacy. Questa norma prevedeva per i trattamenti che presentavano rischi elevati per l’esecuzione di un compito di interesse pubblico, ossia per quelli fatti dalla Pubblica Amministrazione nell’esercizio dei suoi compiti, la necessità del parere preventivo del Garante, che poteva prescrivere misure e accorgimenti che il titolare del trattamento era tenuto poi ad adottare preventivamente. Praticamente un controllo sovraordinato all’azione di governo che mal si conciliava con i tempi e la snellezza della procedura di efficientamento della spesa del PNR. di Michele Gorga, avvocato e componente osservatorio Aidr per il coordinamento dei DPO, RTD e Reputation ManagerTre le modifiche al Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n. 196, nella versione aggiornata con il Decreto Legislativo 101del 2018, apportate con il neonato Decreto Legge 8 ottobre 2021, entrato in vigore sabato 9 ottobre 2021.La prima modifica, che ha già fatto gridare allo scandalo, ma l’ (continua)