Home > Turismo e Vacanze > Perché scegliere l’isola di Aruba per tornare a viaggiare a lungo raggio

Perché scegliere l’isola di Aruba per tornare a viaggiare a lungo raggio

scritto da: GlobalTourist | segnala un abuso

Perché scegliere l’isola di Aruba per tornare a viaggiare a lungo raggio

Vi raccontiamo qualcosa di più su Aruba, piccola isola dei Caraibi del Sud elencata tra i possibili corridoi turistici presi in considerazione dal Governo Italiano


Tra le destinazioni elencate dal ministro del Turismo Garavaglia per l’apertura dei corridoi turistici che permetterebbero di avviare la ripresa del turismo outgoing a lungo raggio, viene menzionata anche Aruba, piccola isola conosciuta come la One Happy Island e meta turistica ideale per chi vuole andare ai Caraibi. Ma dove si trova Aruba e perché sceglierla per il primo viaggio a lungo raggio dopo più di un anno di stop? Vi sveliamo qualcosa in più su questa isola dei Caraibi, perché sceglierla per la vostra prossima vacanza relax e quando visitarla.

1. Il Paradiso in Spiaggia

Aruba custodisce due delle spiagge più belle dei Caraibi, che di per sé valgono la visita dell'isola. Sono le baie più famose, nonché quelle in cui sorgono la maggior parte dei resort di Aruba e si concentra la vita turistica: Palm Beach e Eagle Beach. Nell'incantevole Palm Beach si trovano i principali Resort, dotati di ogni genere di comfort, così come ristoranti di ottimo livello, negozi e naturalmente bar sulla spiaggia e centri per gli sport acquatici. Eagle Beach, riconosciuta più volte come una delle spiagge più belle del mondo dai viaggiatori di TripAdvisor, è invece ideale per gli amanti della tranquillità: un'oasi appartata in cui abbandonarsi al relax più totale. Qui è possibile ammirare anche gli alberi più fotografati dell'isola, i famosi Divi Divi: dotati di tronchi intrecciati come fili di lana, oltre a essere delle autentiche opere d'arte naturali, sono anche un ottimo angolo di ristoro per chi è in cerca di riparo dai raggi del sole.

2. La natura selvaggia del Parco Arikok

Aruba non è solo mare: il 18% dell'Isola di Aruba è riserva naturale. Il Parco Arikok, situato lungo la costa Est, offre panorami incontaminati e selvaggi, scogliere a picco sull’oceano e distese di cactus, piante grasse e aloe, una vegetazione molto atipica per essere ai Caraibi. Tra le tante cose da vedere ad Aruba, in questo parco troverete alcuni siti storici, formazioni geologiche uniche e spettacolari e moltissime specie animali. È possibile scoprire le bellezze del Parco Arikok in bici, a piedi, a cavallo, in jeep o in quad, prenotando un'escursione organizzata oppure, per gli amanti dell'avventura, in totale autonomia affittando un mezzo 4x4 o camminando tra i sentieri del Parco.

3. Il sorriso degli Arubani e il melting pot culturale

Vi siete chiesti perché Aruba viene chiamata One Happy Island? Certo, il contesto naturale e il clima soleggiato fanno la loro parte, ma la principale ragione è la sua popolazione, sorridente, ospitale e accogliente: un vero e proprio melting pot culturale che si riflette nella cucina, nella musica, nella cultura locale e nelle due principali cittadine di Aruba. La capitale Oranjestad, situata nella costa meridionale, è famosa per la sua pittoresca architettura, frutto della fusione tra lo stile olandese e quello spagnolo. San Nicolas invece, situata verso la punta Sud, offrirà ai visitatori la vera atmosfera autentica e caraibica, oltre a stupirli con i suoi variopinti murales creati da street artist provenienti da tutto il mondo in occasione dell’Aruba Art Fair.

4. La ricchezza gastronomica

Grazie alla sua ricchezza culturale, Aruba vanta una tradizione gastronomica estremamente ricca e variegata. Con più di 200 ristoranti sull’isola, l’offerta gastronomica è un mix unico di cucina internazionale e locale. Le tre influenze dominanti nei piatti sono quella olandese, sud americana e caraibica, con il pesce fresco appena pescato a farla da padrona.

5. L’onnipresenza del sole!

Infine, l'altra grande dote dell'Isola di Aruba è il clima: trovandosi fuori dalla rotta degli uragani, l’isola è al sicuro da piogge e temporali e vanta quindi un clima gradevole tutto l'anno. Aruba è l'isola dei Caraibi con più giorni di sole, ma riesce a essere piuttosto fresca grazie ai venti alisei, che soffiano ogni giorno. La temperatura media è di 28 gradi, senza umidità, con qualche picco verso l'alto nei mesi che vanno da maggio a ottobre e verso il basso da dicembre a marzo. In altre parole, il paradiso, a vostra disposizione, tutto l’anno!

 

turismo | aruba | vacanze | viaggiare |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Le Nazioni Unite scelgono l'hotel più ecologico del mondo: il Bucuti & Tara Beach Resort di Aruba


Un sogno da mettere sotto l’albero: Aruba


One Happy Workation: il tuo nuovo ufficio in paradiso!


Aruba: al via il piano di vaccinazione


Lo straordinario video che vi mostrerà Aruba con gli occhi di un uccello


Aruba: guida ai migliori ristoranti all’aperto


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Perù sempre più green: 9 delle 100 migliori destinazioni sostenibili del mondo sono in Perù

Perù sempre più green: 9 delle 100 migliori destinazioni sostenibili del mondo sono in Perù
Nove destinazioni peruviane sono state incluse nella lista delle Top 100 Sustainable Destinations 2021 che premia le destinazioni turistiche più ecologiche e con il minor impatto possibile sull'ambiente e sulle comunità locali. Dopo il riconoscimento di Machupicchu come prima meraviglia del mondo moderno certificata Carbon Neutral, altre 9 destinazioni turistiche del Perù sono state riconosciute tra le più ecologiche del pianeta. Nove luoghi peruviani sono infatti stati inclusi nella lista delle 100 destinazioni più sostenibili al mondo secondo Green Destinations, organizzazione no-profit che opera per lo sviluppo (continua)

Natale in Vaticano: il presepe peruviano che mostrerà la ricchezza culturale del paese sudamericano

Natale in Vaticano: il presepe peruviano che mostrerà la ricchezza culturale del paese sudamericano
A partire dal 15 dicembre e per tutte le festività di Natale 2021, l'artigianato e l’arte peruviani saranno le protagoniste in Piazza San Pietro Il tradizionale presepe della comunità della regione Huancavelica di Chopcca, situata nel sud del Perù, sarà esposto in Piazza San Pietro a Città del Vaticano durante le prossime festività natalizie. A partire dal 15 dicembre, per 45 giorni, i devoti e i turisti di tutto il mondo assisteranno a questa rappresentazione senza precedenti che metterà il Perù in prima linea tra i fedeli.Si tratta (continua)

Trova il tuo angolo di paradiso privato ai Caraibi

Trova il tuo angolo di paradiso privato ai Caraibi
Calette appartate, spiagge nascoste e pittoreschi ritiri in mezzo alla natura: svelati i migliori angoli di Aruba per ritrovare sé stessi L’Isola di Aruba viene solitamente scelta per le sue spiagge pluripremiate, per il suo clima ideale tutto l’anno e per la variegata offerta di attività, che permette di vivere una vacanza rilassante ma anche ricca di esperienze e cose da fare. Tuttavia, dopo un periodo così complicato per tutti, molti viaggiatori sono soprattutto alla ricerca di una connessione più profonda con la natura e co (continua)

Machupicchu è la prima attrazione turistica al mondo a emissioni zero

Machupicchu è la prima attrazione turistica al mondo a emissioni zero
Il Perù ospita la prima meraviglia del mondo moderno certificata come Carbon Neutral, offrendo a tutti i suoi visitatori un'esperienza climaticamente responsabile e coerente con le grandi sfide del settore turistico e del pianeta Dichiarato Patrimonio Mondiale dell'Umanità nel 1983 e considerato una delle sette meraviglie del mondo moderno, Machupicchu è il sogno di molti viaggiatori. Questo magico Santuario Storico, testimonianza unica della civiltà Inca ed esempio di armonica interazione tra uomo e ambiente naturale, ha ottenuto la certificazione dalla Green Initiative come prima destinazione turistica al mondo a ze (continua)

Inaugurato il padiglione del Perù alla 17ª Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia

Inaugurato il padiglione del Perù alla 17ª Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia
È intervenuto l'architetto Felipe Ferrer, curatore della mostra rappresentante il Perù: “Playground: artefatti per interagire” Nell’ambito del vernissage organizzato dal Collettivo Curatori della 17esima Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia, il padiglione peruviano è stato inaugurato lo scorso fine settimana con una cerimonia intima condotta dal creatore della mostra, l'architetto Felipe Ferrer. Il curatore della mostra "Playground: artefatti per interagire" ha dato il via a una breve di (continua)