Home > Primo Piano > Dal 30 settembre è obbligatorio accedere ai servizi digitali delle P.A. tramite SPID

Dal 30 settembre è obbligatorio accedere ai servizi digitali delle P.A. tramite SPID

scritto da: Nico1972 | segnala un abuso

Dal 30 settembre è obbligatorio accedere ai servizi digitali delle P.A. tramite SPID


Accesso possibile anche con CIE e con CNS

A partire dal 1 ottobre 2021, non sarà più possibile effettuare l’accesso ai servizi on line dei siti web delle pubbliche amministrazioni, con il sistema tradizionale, cioè con i propri username e password.

Le credenziali di accesso in tale contesto, infatti, verranno sostituite dallo SPID (Servizio Pubblico di Identità Digitale), o in alternativa dalla CIE (Carta di Identità Elettronica) oppure dalla CNS (Carta Nazionale dei Servizi), in maniera definitiva a partire dalla mezzanotte del 30 settembre, data di scadenza, oltre la quale non saranno più ritenuti come validi i codici di accesso tradizionali in possesso degli utenti.

Così come stabilito dal Decreto Legge: Semplificazione e innovazione digitale”, convertito nella legge n. 120/2020, il 30 settembre 2021, pertanto, è la scadenza che tutti gli utenti devono rispettare, se voglio continuare ad usufruire dei servizi digitali resi dalla Pubblica Amministrazione.

SPID – Servizio Pubblico di Identità Digitale

Lo SPID è il sistema unico di accesso con identità digitale ai servizi online della pubblica amministrazione italiana, e dei privati aderenti. Sia i cittadini che le imprese possono accedere a tali servizi con un'identità digitale unica che ne permette l'accesso e la fruizione da qualsiasi dispositivo, fisso o mobile.

L’introduzione dello SPID rappresenta la soluzione per risolvere problematiche derivanti dal continuo proliferare di servizi on line, a causa dei quali, i cittadini sono costretti a disporre di una quantità sempre più crescente di credenziali di accesso, che rende particolarmente difficile la loro gestione, per ovvi motivi di sicurezza (smarrimento, ad esempio).

Grazie allo SPID sia ha la possibilità, e il vantaggio, invece, di avere un unico set di credenziali in grado di garantire l’accesso a qualsiasi servizio web. È un sistema semplice per l’utente finale, normalizzato a livello nazionale, non esclusivo ma inclusivo, integrabile al sistema in uso nei paesi aderenti all’Unione Europea.

L'identità SPID si ottiene facendone apposita richiesta on line a uno dei gestori di identità digitale (detti identity provider), che è possibile scegliere liberamente fra quelli autorizzati dall'AgID (Agenzia per l'Italia digitale); fra gli identity provider figurano: Infocert, Poste Italiane, Aruba, ecc.

CIE – Carta di identità Elettronica

La Carta di identità Elettronica, documento di riconoscimento che ha sostituito la carta d'identità in formato cartaceo, è un altro modo con il quale si può accedere ai servizi digitali delle PA.

L’accesso con la CIE può avvenire sia mediante un computer, a cui viene collegato un lettore di smart card, sul quale viene installato un apposito programma: il “Software CIE”, sia tramite uno smartphone dotato di interfaccia NFC (Near Field Communication, ovvero “Comunicazione di prossimità”), e dell’app “Cie ID“.

CNS – Carta Nazionale dei Servizi

La carta nazionale dei servizi (CNS) è un documento personale che contiene informazioni di natura fiscale e sanitaria e consente di usufruire di vari servizi pubblici.

Con il DPR 2 marzo 2004, n. 117 è stato emanato il "Regolamento concernente la diffusione della carta nazionale dei servizi”, secondo quanto previsto dalla legge 16 gennaio 2003, n. 3.

La CNS ha l'obiettivo di consentire la fruizione dei servizi previsti per la CIE agli utenti che non dispongono ancora del nuovo documento elettronico, e integra le funzioni della tessera sanitaria (TS), e del servizio sanitario nazionale (SSN). La completa corrispondenza informatica tra CNS e CIE assicura l'interoperabilità tra le due carte, e la possibilità per i cittadini di accedere ai servizi digitali della pubblica amministrazione con entrambe le tessere.

La Tessera Sanitaria - Carta Nazionale dei Servizi (TS-CNS) viene emessa dall’Agenzia delle Entrate, che si occupa di produrre e distribuire la tessera su tutto il territorio nazionale. Ai nuovi nati viene spedita in automatico, senza bisogno di inviare alcuna richiesta, dopo che è stato attribuito il Codice Fiscale da parte dei Comuni o di un ufficio dell’Agenzia delle Entrate.

Per poter utilizzare la Tessera Sanitaria come Carta Nazionale dei Servizi bisogna recarsi presso un ufficio della Regione nella quale si risiede, dove verrà rilasciata una busta con un codice PIN (Personal Identification Number).

Per l'utilizzo della CNS come sistema di autenticazione è necessario infine dotarsi di un lettore di smart card, da collegare al proprio computer. Non è necessario avere uno smartphone per utilizzare la CNS.

Nicola Scardina


Fonte notizia: https://www.newsicily.it/dal-30-settembre-e-obbligatorio-accedere-ai-servizi-digitali-delle-p-a-tramite-spid/


SPID | CIE | CNS | identità digitale | Agid |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Digitali per forza, anche a 80 anni, altrimenti nessuna pensione


Spid+eIDAS = pura Eutopia!


Riprenditi il tuo tempo, a tutto il resto pensa Qqubo


Spid e tutela dei dati personali. Approfondimento a Digitale Italia


F.I.L.A. Fabbrica Italiana Lapis ed Affini presenta le novità per modellare e colorare il Natale con fantasia.


Tra voto elettronico e petizioni online, siamo pronti per la Democrazia diretta?


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Holo Media Streaming Communications – Agenzia di Comunicazione Audiovisiva di Palermo

Holo Media Streaming Communications – Agenzia di Comunicazione Audiovisiva di Palermo
Intervista al founder: Marco DavìHolo Media Streaming Communications, fondata da Marco Davì, è un giovane Brand che si propone come agenzia di comunicazione audiovisivaLe competenze del suo fondatore, e del suo staff di freelance, permettono di offrire molteplici servizi legati alla comunicazione multimediale ed innovativa.Holo Media Streaming Communications, infatti, è specializzata in consulenza (continua)

Arriva l’Assegno Unico Universale

Arriva l’Assegno Unico Universale
Debutterà il 1° marzo 2022 il nuovo assegno unico e universale per i figli a carico, spettante su base mensile, per il periodo compreso tra marzo di ciascun anno e febbraio dell’anno successivo, ai nuclei familiari in base all’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE).La misura sostituisce le attuali misure di sostegno alle famiglie e alla natalità e, in caso di nuovi nati, spetta a (continua)

Per l’area industriale di Termini Imerese un piano di resilienza e rilancio dal Polo Meccatronica Valley

Per l’area industriale di Termini Imerese un piano di resilienza e rilancio dal Polo Meccatronica Valley
I Progetti per 86 milioni di euro e 200 nuovi posti di lavoro, presentati in conferenza stampa il 17 novembreNella mattina di ieri, 17 novembre, a Palermo, nel corso di una conferenza stampa, presso l’assessorato regionale alle Attività Produttive, è stato presentato, un piano di resilienza e rilancio, per l’area industriale di Termini Imerese. L’iniziativa progettuale è lanciata dal Polo Meccatro (continua)

Il Business Model Canvas – Le Relazioni con i Clienti

Il Business Model Canvas – Le Relazioni con i Clienti
Customer Relationships – L’insieme di relazioni che si instaurano con la clientelaContinua con questo articolo riguardante le relazioni con i clienti, l’analisi del Business Model Canvas, iniziata lo scorso mese di ottobre.Nel blocco Customer Relationships del Business Model Canvas, deve essere descritto il tipo di relazione che l’azienda instaura con i diversi segmenti di clientela. Devono essere (continua)

Il business Model Canvas – I canali di vendita

Il business Model Canvas – I canali di vendita
Channels – I canali attraverso i quali raggiungere il clienteProsegue con con questo articolo, riguardante i canali di vendita, la trattazione del Business Model Canvas, lo strumento di Business Design più conosciuto ed utilizzato.Nel blocco Channels del Business Model Canvas, vanno riportati i Canali di vendita, descrivendo quindi come l’azienda intende raggiungere un determinato segmento di clie (continua)