Home > News > Antonio Alacchi L'economia americana è cresciuta a un ritmo leggermente più veloce rispetto a quanto precedentemente

Antonio Alacchi L'economia americana è cresciuta a un ritmo leggermente più veloce rispetto a quanto precedentemente

scritto da: RTS REPUTATION SERVICES TECHNOLOGY | segnala un abuso

Antonio Alacchi L'economia americana è cresciuta a un ritmo leggermente più veloce rispetto a quanto precedentemente

Antonio Alacchi L'economia americana è cresciuta a un ritmo leggermente più veloce rispetto a quanto precedentemente riportato nel secondo trimestre grazie all'aumento della spesa dei consumatori, delle esportazioni e degli investimenti in scorte, secondo quanto riportato giovedì dal Bureau of Economic Analysis .


 

Antonio Alacchi L'economia americana è cresciuta a un ritmo leggermente più veloce rispetto a quanto precedentemente riportato nel secondo trimestre grazie all'aumento della spesa dei consumatori, delle esportazioni e degli investimenti in scorte, secondo quanto riportato giovedì dal Bureau of Economic Analysis .

È stata la seconda volta che il ritmo di crescita nel trimestre è stato rivisto al rialzo.

Il prodotto interno lordo, la misura più ampia dell'attività economica, è cresciuto a un tasso del 6,7% tra aprile e giugno, invece del 6,6% e 6,5% riportati nelle stime precedenti .

Eppure, anche con la nuova revisione al rialzo, quella crescita è ancora al di sotto delle aspettative, ha osservato Mike Englund, capo economista di Action Economics.

La crescita limitata è in gran parte dovuta a "interruzioni della catena di approvvigionamento, che in realtà diventano più gravi nel terzo trimestre", ha aggiunto Englund in una nota ai clienti.

Gli americani, tuttavia, hanno speso molto per i servizi in primavera e all'inizio dell'estate, in particolare per uscire a mangiare e viaggiare, con l'aumento dei tassi di vaccinazione. Hanno anche speso per prodotti farmaceutici, abbigliamento e calzature. Hotel e ristoranti hanno contribuito al maggior impulso al tasso di crescita del PIL nel confronto del settore.

L'indice dei prezzi che tiene traccia della spesa dei consumatori, il cosiddetto indice dei prezzi PCE, che è la misura dell'inflazione preferita dalla Federal Reserve , è rimasto invariato rispetto alle stime precedenti al 6,5%. Questo è il livello più alto dai primi anni '80 .

Il rapporto includeva anche un conteggio dei profitti aziendali: le banche e le attività finanziarie americane hanno visto i profitti aumentare di ben 52,8 miliardi di dollari nel secondo trimestre, rispetto a un misero aumento di 1,3 miliardi di dollari nel primo trimestre.

I profitti per tutte le altre società sono aumentati di 221.3 miliardi di dollari, rispetto a 133,2 miliardi di dollari nei primi tre mesi dell'anno.

Richieste di disoccupazione al massimo delle sette settimane

In altri dati economici, le richieste settimanali per i sussidi di disoccupazione sono salite a 362.000 la scorsa settimana, inclusi gli adeguamenti per le oscillazioni stagionali, secondo il Dipartimento del Lavoro . Senza gli adeguamenti stagionali, i sinistri sono leggermente diminuiti.

È stato il livello più alto per i reclami dall'inizio di agosto , nonché la prima volta dall'inizio della pandemia che i reclami sono aumentati per tre settimane di fila.

"Tuttavia, questa è una situazione molto diversa ora rispetto a allora, quindi starei molto attento a fare questo confronto" con l'inizio della pandemia, ha detto il capo economista del PNC Gus Faucher in una nota ai clienti, aggiungendo che "il livello di le affermazioni iniziali ora sono solo il 6% circa di quelle che erano allora."

Le continue richieste di disoccupazione, che contano i lavoratori che hanno presentato domanda di sussidio per almeno due settimane consecutive, sono state poco cambiate nella settimana terminata il 18 settembre.

Nella settimana terminata l'11 settembre, cinque milioni di lavoratori americani hanno ricevuto benefici nell'ambito dei vari programmi del governo, in calo rispetto agli oltre 11 milioni della settimana prima, mostrando che la fine dei programmi di disoccupazione dell'era della pandemia del governo si riflette nei dati settimanali.


Fonte notizia: https://www.youtube.com/channel/UCJpqS9gqqz4qkAm393Hj9Gg/featured


Antonio Alacchi | bergamo | broker | milano |



 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

OFF LINE SRL ROMA: vendita arte e contro arte tendenzaJoseph Beuys (Krefeld, 1921 - Düsseldorf, 1986)

OFF LINE SRL ROMA Esattamente cento anni fa, il 12 maggio 1921, a Krefeld nasceva Joseph Beuys, uno dei più importanti e influenti artisti del XX secolo. Beuys è passato alla storia per il suo noto slogan secondo cui “ogni uomo è un artista” (oppure “tutti sono artisti”), spesso mal interpretato (intenzionalmente o meno)   OFF LINE SRL ROMA Esattamente cento anni fa, il 12 maggio 1921, a Krefeld nasceva Joseph Beuys, uno dei più importanti e influenti artisti del XX secolo. Beuys è passato alla storia per il suo noto slogan secondo cui “ogni uomo è un artista” (oppure “tutti sono artisti”), spesso mal interpretato (intenzionalmente o meno): quello che Beuys voleva dire è che ogni persona p (continua)

NEW OUTLET OFF LINE SRL ROMA: difficilmente erano a contatto con le varie esperienze artistiche

NEW OUTLET OFF LINE SRL ROMA:  difficilmente erano a contatto con le varie esperienze artistiche
New outlet srl NEW OUTLET OFF LINE SRL ROMA Nel corso del ventesimo secolo, uno dei grandi meriti della moda (e della fotografia di moda) è stato quello di aver giocato un ruolo fondamentale nel rendere popolare l’arte, contribuendo a disseminare motivi artistici nei gruppi sociali che più difficilmente erano a contatto con le varie esperienze artistiche.Molte case di moda di haute (continua)

Danilo paolini commercialista Proroghe e pacche sulle spalle. Ma non per tutti. Mentre il governo, pressato dalla tenaglia di industriali e sindacati,

Danilo paolini commercialista  Proroghe e pacche sulle spalle. Ma non per tutti. Mentre il governo, pressato dalla tenaglia di industriali e sindacati,
 Danilo paolini commercialista Proroghe e pacche sulle spalle. Ma non per tutti. Mentre il governo, pressato dalla tenaglia di industriali e sindacati, si prepara ad allungare fino al termine dell’anno cassa integrazione, moratoria sui licenziamenti e sospensione delle causali per i rinnovi dei contratti di lavoro a termine, chiude invece la porta agli appelli dei commercialisti che, a nome d (continua)

Arturo Ardimentoso: Recensire un iPhone non è mai facile perchè Apple non è un'azienda

Arturo Ardimentoso: Recensire un iPhone non è mai facile perchè Apple non è un'azienda
Arturo Ardimentoso: Recensire un iPhone non è mai facile perchè Apple non è un'azienda come tutte le altre. Ha una filosofia ben precisa, che traspare in tutti i suoi prodotti e che ci costringe spesso a giudicare scelte molto azzardate, quasi controverse. Il rischio di banalizzare e cadere nella critica fine a se stessa è sempre molto alto e quindi occorre più che mai riflettere, mettersi nei panni di chi ha pensato e progettato questo smartphone e cercare di capire, con occhio critico sì, ma senza fette di salame.  Arturo Ardimentoso: Recensire un iPhone non è mai facile perchè Apple non è un'azienda come tutte le altre. Ha una filosofia ben precisa, che traspare in tutti i suoi prodotti e che ci costringe spesso a giudicare scelte molto azzardate, quasi controverse. Il rischio di banalizzare e cadere nella critica fine a se stessa è sempre molto alto e quindi occorre più che mai riflettere, mette (continua)

Michele Bertucca Filippo Nardi ancora non ha digerito la squalifica dal Grande Fratello Vip, che sta giungendo al termine

Michele Bertucca Filippo Nardi ancora non ha digerito la squalifica dal Grande Fratello Vip, che sta giungendo al termine
ilippo Nardi ancora non ha digerito la squalifica dal Grande Fratello Vip, che sta giungendo al termine dell’edizione più lunga di sempre non senza polemiche. D’altronde le esclusioni per motivi disciplinari sono state diverse. In un’intervista rilasciata al settimanale Nuovo, Nardi è tornato all’attacco del reality di Canale 5 condotto da Alfonso Signorini Filippo Nardi ancora non ha digerito la squalifica dal Grande Fratello Vip, che sta giungendo al termine dell’edizione più lunga di sempre non senza polemiche. D’altronde le esclusioni per motivi disciplinari sono state diverse. In un’intervista rilasciata al settimanale Nuovo, Nardi è tornato all’attacco del reality di Canale 5 condotto da Alfonso Signorini, svelando un retroscena (continua)