Home > Ambiente e salute > Interstiziopatie polmonari: “Al via la Road Map per valutare i modelli organizzativi regionali e garantire uniforme accesso a livello nazionale”

Interstiziopatie polmonari: “Al via la Road Map per valutare i modelli organizzativi regionali e garantire uniforme accesso a livello nazionale”

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

1 Ottobre 2021 - Le interstiziopatie polmonari sono malattie rare dell’apparato respiratorio, a complessa gestione. La prevalenza della sola Fibrosi Polmonare Idiopatica (IPF) in Italia è di circa 15.000 pazienti.


1 Ottobre 2021 - Le interstiziopatie polmonari sono malattie rare dell’apparato respiratorio, a complessa gestione. La prevalenza della sola Fibrosi Polmonare Idiopatica (IPF) in Italia è di circa 15.000 pazienti. I centri dedicati alla cura di questa patologia in Italia sono 107, di cui 30 segue circa il 70% dei pazienti, con carico di lavoro oneroso e gravoso. L’approccio alla gestione di questi pazienti da parte delle Regioni è sempre più quello a rete regionale con sistemi ‘Hub & Spoke’. I Centri regionali sono gravati spesso da liste d’attesa di 6-8 mesi e per questo sarebbe necessario un ammodernamento del modello organizzativo a gestione multidisciplinare. Oggi, alcune di queste patologie sono state riconosciute nei LEA, ed è importante che sia garantita uniformità di accesso alle cure sul territorio Nazionale a tutti i pazienti. Con l’obiettivo di far confrontare tutti gli stakeholders a livello regionale impegnati nella cura di questa patologia, per implementare modelli gestionali e organizzativi, con al centro il paziente, Motore Sanità ha organizzato il webinar ‘INTERSTIZIOPATIE POLMONARI: FOCUS PIEMONTE’, settimo di 9 appuntamenti a livello regionale, realizzati grazie al contributo incondizionato di Boehringer Ingelheim. 

“Le malattie interstiziali del polmone sono un gruppo eterogeneo di malattie alcune ad esclusivo interessamento polmonare, quale la Fibrosi Polmonare Idiopatica (IPF) altre in cui il polmone è solo uno degli organi bersaglio di una patologia sistemica, quale l’interessamento polmonare in corso di sclerodermia. In genere sono malattie che possono provocare danni irreversibili alla struttura del polmone alterandone progressivamente la funzione, causando talvolta una ridotta sopravvivenza del soggetto colpito e frequentemente un peggioramento della qualità di vita. Accanto a forme più frequenti nel gruppo delle interstiziopatie polmonari sono comprese molte patologie che per le loro caratteristiche epidemiologiche sono incluse tra le patologie rare. I principali problemi collegati alla gestione dei pazienti affetti da malattie interstiziali diffuse del polmone sono rappresentati dalla complessità diagnostica e dalla necessità di impostazione di una corretta terapia nei diversi momenti della loro evoluzione. Per quanto riguarda la diagnosi è fondamentale un approccio multidisciplinare; per quanto concerne il trattamento è indispensabile l’intervento di centri esperti in grado di gestire sia il corretto uso di farmaci sia trattamenti quali, nelle forme avanzate o in quelle non responsive al trattamento farmacologico, il trapianto di polmone. Una profonda conoscenza della patologia è fondamentale per una corretta gestione clinica così come è indispensabile un’organizzazione integrata del care nel contesto di una rete assistenziale volta a ottimizzare l’impiego di risorse del Sistema Sanitario. Le parole chiave sono: conoscere, informare, organizzare”, ha detto Carlo Albera, Direttore Pneumologia AOU Città della Salute e della Scienza, Torino 

“I nuovi modelli sanitari prevedono in modo sempre più marcato un approccio per processi. L'integrazione multidisciplinare e multiprofessionale diventa l’ambito di azione imprescindibile. In tale contesto è anche necessario inserire elementi di semplificazione, per creare una organizzazione lean”, ha dichiarato Franco Ripa, Responsabile Programmazione dei Servizi Sanitari e Socio-Sanitari, Regione Piemonte 

 



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Interstiziopatie polmonari: “Al via la Road Map per valutare i modelli organizzativi regionali e garantire uniforme accesso a livello nazionale”


Interstiziopatie polmonari: i numeri della Toscana Sono 1.100 le persone affette dalla fibrosi polmonare idiopatica e salgono a 1.700 aggiungendo i casi di interstiziopatie fibrosanti


Focus Toscana: Interstiziopatie polmonari - 23 giugno 2021, Ore 15:30


Focus Emilia-Romagna. Interstiziopatie polmonari - 30 Marzo 2021, ORE 11


Invito stampa - Focus Piemonte. Interstiziopatie polmonari - 30 settembre 2021, Ore 15:30


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Un mondo del lavoro amico delle donne. È l’augurio di Women for Oncology Italy per il 2022

“Archiviamo il 2021 con la consapevolezza che c’è ancora tanto da fare, per colmare il gender gap. Auspichiamo un nuovo anno all’insegna non più della precarietà, ma dell’uguaglianza di occupazione e di retribuzione”. Il mondo del lavoro rimane un ambiente molto difficile per le donne e in questo anno e mezzo di pandemia l’aumento delle disuguaglianze di genere è cresciuto: dati alla mano il tasso di occupazione degli uomini è pari al 67,8% e quello delle donne è al 49,5%. È quanto evidenzia il Gender Policies Report, elaborato dalla Struttura Mercato del Lavoro dell’Inapp e presentato all’Auditorium dell’ (continua)

Tumori cutanei: bando alla vergogna e alla paura. Oggi guarire si può, grazie alla diagnosi precoce

“È importante conoscere la malattia, per poterla affrontare al meglio. Per questo occorre coinvolgere i pazienti e i loro familiari”. 21 dicembre 2021 – È uno dei tumori della pelle più comuni, secondo per diffusione solo al melanoma. È il carcinoma squamo cellulare (CSCC), che rappresenta da solo il 20-25% di tutti i tumori cutanei, caratterizzato da una crescita anomala e accelerata delle cellule squamose che, se individuata precocemente, nella maggior parte dei casi è curabile. Può localizzarsi ovunque sul corpo, m (continua)

Vaccino anti-HPV: in Piemonte la strategia vaccinale contro il tumore del collo dell’utero è esemplare e unica nel suo genere

L’offerta - che risponde all’obiettivo dell’OMS di eradicare la neoplasia entro il 2030 - è attiva e gratuita. “A Natale regaliamoci la prevenzione”. 21 dicembre 2021 - Il tumore della cervice uterina (o collo dell’utero) è la quarta neoplasia più frequente nelle donne dopo il cancro della mammella, del colon-retto e del polmone. Ogni anno nel mondo muoiono 300mila donne a causa di questo tumore, soprattutto nei Paesi meno sviluppati: è come se scomparisse all’improvviso poco più dell’intera popolazione di Firenze. In Italia si contan (continua)

380mila italiani hanno l’EPATITE C, ma non lo sanno È necessario garantire lo screening a tutti i gruppi a rischio, per eradicare la malattia entro il 2030

Entro il 2030 l’Organizzazione Mondiale della Sanità chiede di eradicare l’epatite C (HCV), un’infezione del fegato che colpisce oltre 70 milioni di individui in tutto il mondo 14 dicembre 2021 - Entro il 2030 l’Organizzazione Mondiale della Sanità chiede di eradicare l’epatite C (HCV), un’infezione del fegato che colpisce oltre 70 milioni di individui in tutto il mondo. Una malattia asintomatica che si manifesta quando è in fase molto avanzata e può sfociare in cirrosi, tumore al fegato e provocare altre complicazioni a livello epatico. Grazie ai nuovi antivirali a (continua)

Sclerosi Multipla: in Sicilia 11mila persone colpite, più 300 nuovi casi l’anno “L’ospedale, in questo periodo di pandemia, è stata una struttura resiliente e ora ha un’opportunità di ripresa con nuove modalità. A par

13 dicembre 2021 - In Sicilia sono 11mila le persone affette da Sclerosi Multipla (SM), malattia neurodegenerativa che colpisce il sistema nervoso centrale, a cui si aggiungono 300 nuovi casi l’anno. 13 dicembre 2021 - In Sicilia sono 11mila le persone affette da Sclerosi Multipla (SM), malattia neurodegenerativa che colpisce il sistema nervoso centrale, a cui si aggiungono 300 nuovi casi l’anno.  Sebbene esistano varie forme di malattia, la pratica clinica ha evidenziato come iniziare la terapia il più precocemente possibile porti a un rallentamento della progressione della dis (continua)