Home > Arte e restauro > Dante e Giotto. Dialogo e suggestione

Dante e Giotto. Dialogo e suggestione

scritto da: CSArt | segnala un abuso

Dante e Giotto. Dialogo e suggestione

Un confronto tra la produzione letteraria di Dante, a fondamento dello sviluppo della lingua e della cultura italiane, e i testi figurativi contemporanei, dove Giotto è il campione di una rivoluzione lenta ma dirompente che porta l’immagine a dire parole universali.


Il Museo “Amedeo Lia”della Spezia ospita, dal 2 ottobre al 19 dicembre 2021, “Dante e Giotto. Dialogo e suggestione”, a cura di Andrea Marmori e Francesca Giorgi. L’esposizione, promossa dal Comune della Spezia, si inserisce nelle celebrazioni dantesche, ponendo a confronto la produzione letteraria di Dante, a fondamento dello sviluppo della lingua e della cultura italiane, e i testi figurativi contemporanei, dove Giotto è il campione di una rivoluzione lenta ma dirompente che porta l’immagine a dire parole universali.

La mostra prende l’avvio da eccezionali documenti figurativi, provenienti da Firenze e Castefiorentino: la “Madonna con il Bambino” di Cimabue, con il più che probabile intervento del giovane Giotto, e il “Santo Stefano” eseguito da Giotto negli anni della piena maturità, tra il 1320 e il 1325, quando in contemporanea è attivo a illustrare le vicende di “San Francesco” nella Cappella Bardi a Santa Croce. A questi sono associati un considerevole nucleo di dipinti a fondo oro, la cui realizzazione si colloca negli anni della vicenda biografica dantesca e giottesca, provenienti dalla Collezione permanente, ad iniziare dal “Compianto” di Lippo di Benivieni, compiuto a Firenze allo scadere del XIII secolo, per giungere al malinconico “San Giovanni nel deserto” del più abile tra gli allievi di Giotto, il raffinato Bernardo Daddi.

«I quadri di Giotto che possono muoversi dai musei di appartenenza – dichiara il Sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini – si contano sulle dita di una mano, ed è un grande orgoglio per la Città della Spezia aver organizzato una mostra proprio sul più grande del Trecento. Si valorizza sempre più il nostro “piccolo Louvre” con mostre straordinarie: il dialogo con Dante è poi l’occasione per mettere in risalto anche il nostro patrimonio bibliotecario».

E poi oggetti sontuari e pagine miniate che offrono la straordinaria occasione di comprendere quale riverbero abbia infatti avuto la rivoluzione giottesca, come ben dimostra il foglio di Pacino di Bonaguida, nel quale ricerca di naturalezza e vigore espressivo paiono debitori dei ritmi ampli e distesi della Cappella Peruzzi di Giotto. A rafforzamento ecco infine i materiali librari provenienti dalla Biblioteca Mazzini che attestano la fortuna editoriale dell’opera di Dante e lo sviluppo degli studi indefessamente dedicatigli, come ben illustra il manoscritto di Giovanni Sforza relativo alla presenza di Dante in Lunigiana, confermata, oltre che dalle molteplici citazioni nella “Commedia”, da documenti spesso non più consultabili perché andati perduti, conosciuti solo grazie a queste puntuali quanto insostituibili registrazioni.

La mostra sarà visitabile dal 2 ottobre, giornata in cui sarà aperta gratuitamente al pubblico con ingressi contingentati secondo la vigente normativa, e resterà attiva fino al 19 dicembre 2021, da martedì a domenica orario 10.00-18.00. Bigliettazione unica per visitare mostra e museo: intero € 8,00, ridotto € 7,00. Nel corso dell’esposizione saranno proposti approfondimenti con specialisti del settore, appuntamenti rivolti al pubblico adulto e laboratori per bambini e ragazzi. Per informazioni: Museo Civico “Amedeo Lia” (Via Prione, 234), Tel. 0187 727220, museolia@comune.sp.it, www.museolia.it.

Il Museo Civico “Amedeo Lia” è stato istituito nel 1995 ed aperto al pubblico nel dicembre 1996, grazie all’importante donazione di opere d’arte di Amedeo Lia e della sua famiglia al Comune della Spezia. La Collezione Lia comprende circa 1150 opere di grande varietà dall’epoca classica, al tardo antico, al medioevo e per finire al XVIII secolo. Sono conservati dipinti, miniature, sculture in bronzo, rame, avorio, legno, vetri, maioliche, oggetti d’arte di tutti i generi raccolti con passione e che documentano il gusto e la cultura dell’arte in Italia e in Europa.


Fonte notizia: http://museolia.museilaspezia.it/


Dante | Giotto | Museo Civico Amedeo Lia | La Spezia |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

F.I.L.A. Fabbrica Italiana Lapis ed Affini presenta le novità per modellare e colorare il Natale con fantasia.


ALBERTO VINCENZO VACCARI presenta “Canto Dante” in anteprima assoluta


Convegno ‘La via italiana alla filosofia del dialogo’ dal 13 al 14 novembre presso l’Hotel Continental di Sorrento


25 marzo, è il Dantedì. Il filosofo Marco Eramo: “Divina Commedia opera eccezionale che prende cuore e mente”


Il concorso GIOTTO “Crescere a colori” sarà anche on air in radio e tv fino al 15 ottobre.


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Antonella De Sarno. Artificialia

Antonella De Sarno. Artificialia
Mostra personale di Antonella De Sarno a Correggio in occasione della Giornata internazionale delle persone con disabilità Nella Sala dei Putti del Palazzo dei Principi di Correggio (RE) sarà allestita, dal 4 dicembre 2021 al 2 gennaio 2022, “Artificialia”, mostra personale dell’attrice-performer ed artista visiva Antonella De Sarno, nata in provincia di Modena ma da anni residente in Francia. Curata da Francesca Baboni e Stefano Taddei, l’esposizione sarà inaugurata sabato 4 dicembre alle ore 16.30. Saranno pre (continua)

Ligabue, la figura ritrovata: oltre 3.600 visitatori, 22 visite guidate, percorsi riservati ai ragazzi, plauso della Giunta regionale

Ligabue, la figura ritrovata: oltre 3.600 visitatori, 22 visite guidate, percorsi riservati ai ragazzi, plauso della Giunta regionale
Con 3.639 visitatori totali ed una media giornaliera di 64 accessi, si è conclusa con successo la mostra “Ligabue, la figura ritrovata. 11 artisti contemporanei a confronto”, promossa dal Comune di Gualtieri e dalla Fondazione Museo Antonio Ligabue negli spazi museali di Palazzo Bentivoglio. riservati ai ragazzi, plauso della Giunta regionale   Con 3.639 visitatori totali ed una media giornaliera di 64 accessi, si è conclusa con successo la mostra “Ligabue, la figura ritrovata. 11 artisti contemporanei a confronto”, promossa dal Comune di Gualtieri e dalla Fondazione Museo Antonio Ligabue negli spazi museali diPalazzo Bentivoglio. Nell’ambito dell’esposizione, curata da (continua)

Gino Di Frenna. I giardini di Canopo

Gino Di Frenna. I giardini di Canopo
Mostra dell'artista Gino di Frenna presso la Galleria 1.1_ZENONEcontemporanea di Reggio Emilia La Galleria 1.1_ZENONEcontemporanea di Reggio Emilia (Via San Zenone, 11) presenta, dal 20 novembre all’11 dicembre 2021, “I giardini di Canopo”, mostra personale di Gino Di Frenna, artista e presidente dell’Associazione culturale 8,75 Artecontemporanea, che tanto ha fatto per i giovani e l’arte a Reggio Emilia. «È questa la settantesima mostra di 1.1._ZENONEcontemporanea – scrive il cura (continua)

Transiti Second Step: 21.000 Euro raccolti per AMMP Onlus

Transiti Second Step: 21.000 Euro raccolti per AMMP Onlus
Oltre 20.000 Euro raccolti per AMMP Onlus in occasione della seconda tappa di “Transiti”, progetto benefico ideato e curato da Raffaella A. Caruso. Oltre 20.000 Euro raccolti per AMMP Onlus in occasione della seconda tappa di “Transiti”, progetto benefico ideato e curato da Raffaella A. Caruso. Dopo la mostra inaugurale all’interno di Palazzo Lascaris a Torino nel 2019, promossa dal Consiglio regionale del Piemonte e dall’Associazione Maria Madre della Provvidenza Onlus, “Transiti Second Step” è giunto a Santo Stefano Belbo (CN), osp (continua)

Massimiliano Galliani e Michelangelo Galliani. Hybris

Massimiliano Galliani e Michelangelo Galliani. Hybris
Massimiliano Galliani e Michelangelo Galliani Profeti in Patria a Montecchio Emilia con la mostra Hybris, a cura di Alberto Zanchetta A Montecchio Emilia (Re), dal 6 novembre 2021 al 27 marzo 2022 torna la rassegna “Profeti in patria – Cammini d’artista a Montecchio Emilia”, la cui sesta edizione sarà dedicata agli artisti Massimiliano Galliani e Michelangelo Galliani. Inaugurato nel 2015 e sostenuto nel 2021 anche dal contributo della Regione Emilia Romagna, il progetto “Profeti in Patria” è stato fortemente voluto dal (continua)