Home > Economia e Finanza > Mercati finanziari, in settimana rapporto sui nonfarm payroll e vertice OPEC+

Mercati finanziari, in settimana rapporto sui nonfarm payroll e vertice OPEC+

scritto da: Elleny | segnala un abuso


I mercati finanziari guarderanno con attenzione soprattutto a due avvenimenti questa settimana. In ordine cronologico sono il vertice OPEC+ sul petrolio, e il rapporto sui nonfarm payroll negli USA. Ma in mezzo ci sono anche i meeting della Banca centrale d'Australia e quella neozelandese.

Gli eventi clou per i mercati finanziari

mercati finanziariPartiamo dal petrolio. L'OPEC e i suoi alleati si incontreranno lunedì, e probabilmente decideranno di aumentare la produzione nel prossimo futuro. Con i prezzi del barile che si sono riavvicinati alla soglia degli 80 dollari, sono soprattutto gli USA che fanno pressione per un incremento dell'output.
Ma tenuto conto che all'interno dello stesso OPEC+ c'è chi chiede da tempo un aumento della produzione, sarebbe sorprendente per i mercati finanziari se non si giungesse a tale esito.
Questo calmiererebbe il rialzo dei prezzi di Brent e WTI, che sui forex broker italiani autorizzati hanno evidenziato forti rialzi di recente.

I dati sul lavoro USA

L'altro evento clou della settimana è il rapporto sui nonfarm payroll di venerdì. I dati di agosto sono stati molto al di sotto delle aspettative, appena 275.000 unità ad agosto rispetto alle attese di 750.000 unità.
Il tasso di disoccupazione è invece sceso leggermente, mentre la partecipazione alla forza lavoro è rimasta invariata e le paghe orarie sono cresciute dello 0,6%, oltre le previsioni.
I dati sul lavoro saranno fondamentali per capire quanto velocemente vorrà andare la FED nel percorso di ritiro dagli stimoli.

Secondo gli analisti dei mercati finanziari, il tapering dovrebbe cominciare a novembre. Invece il rialzo dei tassi ci sarà già nel 2022. E' chiaro però che se il dato sul lavoro dovesse deludere ancora, qualche crepa nei piani della FED potrebbe nuovamente aprirsi.
Tuttavia, dal punto di vista statistico ogni volta che c'è stato un nonfarm payroll deludente, la votla successiva c'è stata una forte crescita (è successo così nel bimestre gennaio-febbraio e aprile-maggio).

Meeting di politica monetaria RBA e RBNZ

Al di fuori degli Stati Uniti, i mercati finanziari guardano con interesse anche a due importanti banche centrali: RBA e RBNZ. Due paesi che non hanno tra le coppie di valute più volatili.
La Reserve Bank of Australia sembra decisa a muoversi verso una politica più flessibile. Il costo del denaro dovrebbe rimanere basso, anche perchè lo stesso istittuo centrale ha negato la possibilità di ritocchi “fino a quando l’inflazione effettiva non sarà sostenibile all’interno dell’intervallo target del 2-3%”.

L'altra banca che si riunisce in meeting è la Bank of New Zealand. Anche in questo caso però, nessuno si aspetta grandi novità. Di recente il governatore Christian Hawksby ha parlato dell'ipotesi aumento dei tassi come "prematura"
Anche perché sull'economia neozelandese è tornata ad allungarsi l'ombra minacciosa del COVID, che ha rovocato nuove misure di lockdown.

mercati | petrolio | forex broker italiani | valute più volatili |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Svalutazione, la Lira precipita ancora e la CBRT deve intervenire

La banca centrale della Turchia è stata costretta ancora una volta a intervenire con urgenza, per tamponare la svalutazione della moneta nazionale. Alla quale, sia chiaro, ha contribuito in modo diretto e notevole.Come procede la svalutazione della LiraI fatti. Tra martedì e mercoledì la Lira ha proseguito lungo il percorso ormai durevole di svalutazione, toccando e poi aggiornando il nuovo minimo (continua)

Investitori, tanti appuntamenti in focus nei prossimi giorni

La settimana che ci aspetta sui mercati finanziari. Dati PMI evidenzieranno la salute economica di USA, UE e Regno Unito Tra meeting di banche centrali, dati macro molto importanti e verbali del FOMC, l'ultima settimana di novembre si preannuncia intensa per gli investitori dei mercati finanziari. Nel frattempo, il primo assaggio è arrivato dalla Cina, dove la banca popolare ha mentenuto invariato il tasso di interesse per il 19esimo meeting di fila. Dove guarderanno gli investitoriI dati clou per gli investitori (continua)

Moneta australiana in ripresa dopo il report arrivato dalla Cina

I dati macro in arrivo dalla Cina consentono al dollaro australiano di respirare. La moneta australiana infatti comincia bene questa settimana, spinta dalla produzione industriale cinese, che è aumentata del 3,5% su base annua nell'ottobre 2021, accelerando da un progresso del 3,1% nel mese precedente e battendo le previsioni di mercato.La Cina e la moneta australianaRicordiamo che la moneta austr (continua)

Investimenti, è in corso al rivoluzione utility: da settore difensivo a occasione

La transizione energetica ha avuto un impatto notevole sul settore delle utility. Quella che tradizionalmente era considerata una asset class tipicamente difensiva, adesso sta diventando una grossa occasione per gli investimenti.Da settore divensivo a occasione per investimentiI dati evidenziano infatti che le ex municipalizzate hanno chiuso il bilancio dei primi 9 mesi del 2021 con una crescita a (continua)

Mercati europei titubanti prima della FED (che poi vara il tapering)

Le Borse Europee hanno marciato blande prima che la FED prendesse la sua decisione La Federal Reserve ha deciso di varare il tapering, ossia di ridurre il suo stimolo all'economia. Nell'attesa di questa decisione, che è stata presa quando i mercati europei erano già chiusi, le borse del Vecchio continente si erano mosse in ordine sparso. Proprio l'attesa del meeting della banca centrale americana, aveva indotto i mercati a muoversi con cautela. In giornata aveva però parlato Ch (continua)