Home > Cultura > Al via M.IT.I.CI, il progetto di promozione digitale dei Musei Italiani in Cina

Al via M.IT.I.CI, il progetto di promozione digitale dei Musei Italiani in Cina

scritto da: TwentyTwenty | segnala un abuso

Al via M.IT.I.CI, il progetto di promozione digitale dei Musei Italiani in Cina

L’iniziativa, promossa dalla Direzione Generale dei Musei del MiC, vede la sponsorizzazione tecnica dall’agenzia di marketing digitale Digital to Asia, in partnership con Alipay


Nella prima settimana di ottobre si celebra in Cina la Festa Nazionale – nota anche come Golden Week – che commemora quest'anno il 72° anniversario della fondazione della Repubblica Popolare Cinese. Una festività di sette giorni, seconda per importanza soltanto al Capodanno cinese che, ormai da anni, è considerata una ricorrenza di notevole rilievo sociale ed economico per il popolo del Paese del Dragone in viaggio nel mondo.

 

È proprio in questa occasione che la Direzione Generale dei Musei del Ministero della Cultura ha scelto di presentare M.IT.I.CI (Musei Italiani In Cina), un progetto di promozione digitale volto al miglioramento dell’esperienza culturale nel nostro Paese per i visitatori provenienti dalla Repubblica Popolare Cinese. La sponsorizzazione tecnica è stata assegnata all’agenzia di marketing digitale Digital to Asia che ha operato alla realizzazione della proposta in partnership con Alipay, piattaforma di pagamento online e abilitatore di servizi lifestyle, gestita da Ant Group.

 

Il progetto M.IT.I.CI nasce nel 2019 da una constatazione semplice quanto illuminante: la crescita del benessere economico della popolazione cinese e il conseguente incremento del desiderio di viaggiare e scoprire nuovi Paesi. La Golden Week 2021 è un momento dall’alto valore simbolico per la Cina e può essere considerato come un’occasione di ripartenza: nel prossimo futuro, tutto fa presupporre che ci sarà una ripresa delle abitudini di spesa – tra cui quelle per viaggi e turismo – e che il desiderio di scoperta e il bisogno di spostarsi porteranno il numero di turisti cinesi a crescere ancora più velocemente, raggiungendo e superando i dati del 2019. Se allora solo il 10% dei cinesi, ovvero 150 milioni di persone, avevano un passaporto e di questi solo il 10%, ovvero 15 milioni, viaggiavano verso destinazioni occidentali, è molto probabile che con la riapertura delle frontiere e l’allentamento delle restrizioni legate al Covid-19, un maggior numero di turisti cinesi sarà interessato ad aprirsi alla scoperta dell’Europa e far crescere il trend del turismo cinese outbound.

 

Quest’anno l’Unesco ha dichiarato che Italia e Cina sono i leader dei siti patrimonio dell’umanità, contandone rispettivamente 58 e 56, un dato che – oltre alla condivisione del podio da parte dei due Paesi – sottolinea l’importanza di proteggere e di far conoscere il proprio patrimonio culturale al mondo. Nonostante il primato italiano, il patrimonio culturale del Bel Paese non è necessariamente il più conosciuto dai turisti cinesi e non sempre le nostre realtà museali sono pronte ad accogliere un pubblico così distante dal punto di vista linguistico e culturale

Per questo motivo, la Direzione Generale dei Musei ha sentito l’esigenza di creare un percorso di avvicinamento alla proposta culturale e artistica italiana per i viaggiatori cinesi, attraverso i canali di comunicazione più utilizzati dalle nuove generazioni, le piattaforme social e di servizio più diffuse in Cina. Per farlo, ha selezionato – attraverso un bando pubblico di gara – Digital to Asia: una delle realtà digitali più innovative presenti in Italia, focalizzata sulla promozione delle offerte culturali e commerciali verso i mercati asiatici e sui processi diinternazionalizzazione digitale.

Tra le realtà museali al centro del progetto, veri e propri gioielli della nostra cultura e della nostra storia: i Musei Reali di Torino, il Palazzo Reale di Genova, i Musei del Bargello a Firenze, la Galleria Nazionale d’Arte Antica di Roma, il Parco Archeologico di Ostia AnticaVilla Adriana e Villa D’Este a Tivoli (Roma), la Reggia di Caserta, il Parco Archeologico di Paestum e Velia e il MArTA Museo Archeologico Nazionale di Taranto.

 

Il progetto M.IT.I.CI contribuirà dunque a migliorare l’accoglienza e l’esperienza culturale dei visitatori cinesi nell’ambito delle attività di promozione degli istituti museali, attraverso l’esperienza di mediatori culturali e lo sviluppo di azioni strategiche da parte di Digital to Asia, fornendo tutti gli strumenti offline e online necessari per raccontare la bellezza del nostro Paese al pubblico cinese. Tra le azioni che verranno messe in campo dall’agenzia di marketing digitale,  la produzione di seminari fruibili sulle piattaforme digitali cinesi, la realizzazione di materiale informativo e vademecum di buone pratiche, l’ideazione di linee guida a uso delle strutture museali e ricettive, la creazione di materiale grafico a riproducibilità sostenibile, di pagine web e virtual tour in 3D, oltre che di live streaming e molteplici strategie di promozione e marketing promosse attraverso i social media cinesi, fino alla possibilità per i turisti cinesi di effettuare l’acquisto di biglietti per le visite ai musei direttamente online, attraverso le loro abituali piattaforme di pagamento digitali. 

 

«La pandemia ha rinviato di circa un biennio l’anno della Cultura e del turismo Italia-Cina, ma questo non ha bloccato l’avanzare di M.IT.I.CI, un progetto che ci sta molto a cuore. In esso, a partire dal logo e dal nome, abbiamo cercato di creare un punto di contatto e una mediazione culturale fra i due Paesi. Per il logo si è scelto infatti un elemento comune nella produzione artistica di entrambe le culture, il vaso, perché ben rappresenta l'immagine e la funzione dei musei: essere "contenitori di oggetti preziosi da preservare". Per rappresentare la Cina si è optato per il vaso DING, risalente alla dinastia Xia del 2.000 a.C., mentre per l'Italia è stata scelta l'anfora romana; gli elementi sono stati fusi graficamente in un unico elemento artistico da un giovane designer cinese. Il vaso diventa così testimone della contaminazione divenuta inevitabile tra le due culture millenarie. Per il nome abbiamo scelto M.IT.I.CI, nella sua accezione più moderna di oggetto o persona da ammirare e, idealmente, come meta del viaggio verso la conoscenza della cultura italiana, un mito rivelato e raggiungibile. Il nome del progetto è anche uno pseudo acronimo di M.USEI IT.ALIANI I.N CI.NA, una sorta di veicolo digitale per trasportare i prodotti migliori della nostra tradizione millenaria in un paese molto interessato alla cultura europea e, in particolare, a quella italiana. Il nostro obiettivo è proprio questo: far diventare il Museo italiano un MITO per il turista cinese» afferma Giovanni Capra, General Manager e Partner di Digital to Asia.

 

«Siamo lieti di supportare Digital to Asia in questo importante progetto di accoglienza dei turisti che dalla Repubblica Popolare Cinese arrivano in Italia. Con la ripresa dei viaggi internazionali, il nostro obiettivo è aiutare le aziende e le organizzazioni di tutto il mondo a connettersi, interagire e commercializzare facilmente con i consumatori cinesi, aggiungendo Alipay come opzione di pagamento mobile. Questa collaborazione si inserisce perfettamente in questa strategia che ci permetterà di offrire agli utenti cinesi quella stessa esperienza digitale tanto apprezzata e alla quale sono abituati, anche quando si trovano in Italia. Tramite Alipay, infatti, i turisti cinesi avranno la possibilità di effettuare pagamenti tramite l'app in tutti i musei che hanno aderito al progetto, oltre a ricevere informazioni sull’ubicazione e sull’offerta culturale degli stessi» commenta Piero Candela, Business Development Italy, Spain, Portugal, Greece di Alipay.

Digital to Asia | MiC | Alipay |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Come produrre in Cina prodotti personalizzati: una guida pratica


Come importare dalla Cina abbigliamento con il proprio marchio


Treno merci Cina-Italia: ecco perché agevolerà l'economia italiana


Biciclette elettriche, molte sono made in China: contestazioni, dazi e opportunità


L’iniziativa, promossa dalla Direzione Generale dei Musei del MiC, vede la sponsorizzazione tecnica dall’agenzia di marketing digitale Digital to Asia, in partnership con Alipay


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Tutti a tavola con le colorate e fantasiose ricette “a prova di bambino” a base di pesce fresco greco Fish from Greece

Tutti a tavola con le colorate e fantasiose ricette “a prova di bambino”  a base di pesce fresco greco Fish from Greece
La presenza del pesce è da sempre un tassello fondamentale nell'alimentazione di tutta la famiglia, soprattutto dei più piccoli di casa... anche se questi ultimi spesso non sono d'accordo! Quando la tavola diventa un campo di battaglia, non bisogna darsi per vinti, ma insegnare, dare il buon esempio e, perché no, inventarsi anche qualche “trucchetto” per assicurare un’alimentazione sana ed equilib (continua)

L’impegno di Viessmann per il pianeta: il discorso di Max Viessmann nell’ambito di COP26, lo sviluppo dei sistemi a idrogeno, le iniziative per uno stile di vita sano delle persone

L’impegno di Viessmann per il pianeta: il discorso di Max Viessmann nell’ambito di COP26, lo sviluppo dei sistemi a idrogeno, le iniziative per uno stile di vita sano delle persone
● Viessmann è uno degli sponsor del Sustainable Innovation Forum 2021, che si svolgerà dall’8 al 10 novembre, contemporaneamente alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici COP26, in programma a Glasgow dal 31 ottobre al 12 novembre ● L’8 novembre, Maximilian Viessmann, Co-CEO del Gruppo Viessmann, prenderà parte al Sustainable Innovation Forum, durante il quale parlerà dell’importanza della decarbonizzazione del riscaldamento e raffrescamento nel settore edile per il raggiungimento degli obiettivi climatici e del ruolo che l’idrogeno (H2) e gli altri gas “verdi” possono giocare per un approvvigionamento energetico affidabile e sostenibile ● Viessmann prosegue il suo lavoro di ricerca e sviluppo volto a progettare spazi abitativi migliori per le generazioni future: è pronta la prima serie di prototipi di caldaie 100% H2 Ready ● Sulla scia dell’impegno nei confronti dell’ambiente si inserisce il progetto Viessmann ViMove for Climate, che promuove lo stile di vita sano e dona alberi per progetti di riforestazione Viessmann contribuirà a plasmare la futura politica energetica partecipando alla COP26, la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici 2021, in programma a Glasgow dal 31 ottobre al 12 novembre. Max Viessmann, Co-CEO del Gruppo e CEO della Divisione Climate Solutions di Viessmann, nonché quarta generazione dei leader della famiglia Viessmann, terrà infatti un discorso durante il Forum (continua)

Per il terzo anno consecutivo si rinnova la partnership tra lo chef Simone Rugiati e HAPO

Per il terzo anno consecutivo si rinnova la partnership tra lo chef Simone Rugiati e HAPO
HAPO – Hellenic Aquaculture Producers Organization – affida, ancora una volta, il ruolo di brand ambassador in Italia allo chef Simone Rugiati Una collaborazione duratura quella tra il vulcanico chef Simone Rugiati e HAPO – Hellenic Aquaculture Producers Organization – il principale ente promotore dell'acquacoltura greca e creatore del marchio collettivo Fish from Greece, che ha deciso di affidargli nuovamente l’importante ruolo di brand ambassador in Italia. Da novembre 2019 a oggi, la partnership con Simone Rugiati – chef per estr (continua)

Nuovo appuntamento con “Italiani e Social Media”: la ricerca di BlogMeter giunge alla quinta edizione

Nuovo appuntamento con “Italiani e Social Media”: la ricerca di BlogMeter giunge alla quinta edizione
Tra i temi al centro dell’edizione 2021, presentata in anteprima durante il Marketing Research Forum di ASSIRM, la sostenibilità e la diffusione sui social di argomenti legati all’ambiente Torna il consueto appuntamento con la ricerca “Italiani e Social Media” condotta da BlogMeter, istituto di ricerca associato ASSIRM e leader in Italia nei servizi di Integrated Social Intelligence. Giunta alla sua quinta edizione, la ricerca è stata presentata ieriin anteprima al Marketing Research Forum realizzato da ASSIRM e ha visto il coinvolgimento, attraverso una survey online, di un panel d (continua)

Power Stories: il podcast di Viessmann racconta storie di persone e di energia

Power Stories: il podcast di Viessmann racconta storie di persone e di energia
● Viessmann entra a pieno titolo nel vasto mondo dei podcast con il nuovo progetto Power Stories: otto puntate, otto protagonisti, otto storie in cui il filo conduttore è l’energia delle persone e dei prodotti ● Protagonisti i Partner per l’Efficienza Energetica Viessmann, che affidano a Giorgio Tartaro, voce narrante di questa prima edizione, il racconto delle loro storie, delle loro sfide, dei loro traguardi e delle persone che incontrano ● Online dal 25 ottobre sulle principali piattaforme di streaming, come Spreaker, Spotify, Apple Podcast, Google Podcast e sul sito viessmann.it Tramite i suoi canali social – Instagram Facebook, LinkedIn, YouTube – il sito e i due blog, Viessmann da tempo ha trovato gli strumenti per raccontare l’azienda dietro il prodotto, per far conoscere ciò che contraddistingue questo Gruppo internazionale di quasi 13.000 persone impegnate ogni giorno, insieme alla rete degli installatori Partner, nella mission di migliorare gli spazi abitativi da la (continua)