Home > Libri > Stefano Antonini presenta “Segreto di madre. Parole nascoste di un amore infinito”

Stefano Antonini presenta “Segreto di madre. Parole nascoste di un amore infinito”

scritto da: DiffondiLibro | segnala un abuso

Stefano Antonini presenta “Segreto di madre. Parole nascoste di un amore infinito”

Un romanzo epistolare tratto da una storia vera, oggetto di laboratori nelle scuole di Bologna e dintorni, per educare all'affettività. Dopo aver perso la madre, un giovane docente di una scuola secondaria di Bologna decide di raccontare ai suoi studenti il segreto che la donna aveva conservato per anni: il suo primo, grande amore.


Stefano Antonini

“Segreto di madre. Parole nascoste di un amore infinito”


Casa Editrice: Astro Edizioni

Collana: Storie di vita

Genere: Narrativa contemporanea

Pagine: 320

Prezzo: 15,90 €

 

«Chi narra si dona nella speranza di gettare un seme e, anche se ciò che riceve da ogni allievo non è mai quantificabile, quello che trattiene quando esce dalla sua classe ha, sempre e comunque, un valore inestimabile».

 

“Segreto di madre. Parole nascoste di un amore infinito” di Stefano Antonini è un’emozionante opera che nasce da una fitta corrispondenza epistolare tra la madre dell’autore, Narside, all’epoca ventenne, e quello che è stato il suo primo, grande amore, Aliseo. Sono ben centoventiquattro le lettere ritrovate in una scatola di latta da Stefano Antonini - spedite da Aliseo da aprile 1951 a luglio 1952 - che gli hanno fatto scoprire una parentesi sconosciuta nell’esistenza di sua madre.

L’autore si occupa di percorsi di psico-didattica teatrale nelle scuole, in cui porta i ragazzi a riflettere sulle relazioni, sui conflitti e sul valore che possono mettere in campo nell’affrontare la propria vita; ha quindi deciso di condividere con i suoi alunni il segreto di sua madre, rimasto tale fino alla sua morte, quando Stefano ha trovato le lettere d’amore. In seguito ha poi capito di voler seminare questo materiale prezioso in più cuori possibili, pubblicando un testo in cui ha estrapolato alcuni stralci di dialogo con i suoi alunni, biglietti volanti e osservazioni poetiche emerse nelle ore in cui ha narrato in classe la storia d’Amore (con la “a” maiuscola) tra la dolce Narside e il vulcanico Aliseo. In chiusura dell’opera ha anche deciso di riportare integralmente le centoventiquattro lettere, per permettere ai lettori di vivere a fondo l’appassionata e sofferta vicenda dei due innamorati.

Nella parte iniziale del testo l’autore racconta le esistenze di Narside e Aliseo prima del loro incontro: entrambi provengono da famiglie umili e hanno dovuto patire la tragedia della Seconda guerra mondiale; egli cerca di far mettere i suoi alunni nei panni di questi due giovani che a conflitto terminato vogliono riprendere in mano la loro vita, e che sono pronti a ogni sacrificio per realizzare i propri sogni, e per recuperare il tempo che hanno perso.

Nel corso della narrazione egli stimola i ragazzi al pensiero critico, a mettersi in gioco e a riflettere sulle scelte che si fanno nella vita, che spesso si pagano a caro prezzo. Nel continuo e costruttivo scambio tra insegnante e alunni si delinea una vicenda di esistenze comuni che diventano straordinarie, e che ci racconta di un “per sempre Amore” a dispetto di tutto, anche della morte - «In questa storia non c’è mai stato un addio, ecco perché, se vi state chiedendo se sto per raccontarvi una storia d’amore, la domanda è giusta. È la risposta che è difficile. Non si tratta di amore, bensì di Amore».

 

SINOSSI DELL’OPERA

Un romanzo epistolare tratto da una storia vera, oggetto di laboratori nelle scuole di Bologna e dintorni, per educare all'affettività. Dopo aver perso la madre, un giovane docente di una scuola secondaria di Bologna decide di raccontare ai suoi studenti il segreto che la donna aveva conservato per anni: il suo primo, grande amore. Nell'appoggiare sulla cattedra la scatola contenente 124 lettere, scritte tra il 1951 e il 1952 dall'allora fidanzato della donna, il professore getta le basi per una discussione con i suoi studenti, che si ritrovano a confrontarsi su cosa loro avrebbero fatto in quella situazione e su quali condizioni si potesse generare un "per sempre Amore".

 

BIOGRAFIA DELL’AUTORE

Stefano Antonini è direttore artistico del Teatro comunale di Castello D’Argile, per il settore Teatro ragazzi. Educatore, si occupa di ascolto ed educazione affettiva e realizza progetti per gli uffici Scuola e Cultura. È direttore artistico dell’associazione culturale Burattingegno Teatro, dove si occupa di psico-didattica teatrale. È anche narratore per le biblioteche dell’Emilia Romagna e docente di Drammaturgia del movimento presso l’Accademia d’arte drammatica.

 

 

Contatti

https://astroedizioni.it/

Link di vendita online

https://astroedizioni.it/catalogo-libri/narrativa/segreto-di-madre/

 

 

 

Ufficio Stampa Diffondi Libro

https://www.diffondilibro.it/

Mail: info@diffondilibro.it

Cell. Lisa Di Giovanni 3497565981

 

 

 

Segreto di madre Parole nascoste di un amore infinito | Stefano Antonini | Astro Edizioni | romanzo epistolare | scrittore | libri | famiglia | madre | lutto | amore | scuola | insegnamento | psico didattica teatrale | lettere | Seconda guerra mondiale | Diffondi |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


Nancy Miracle - " Mi mamá es Marilyn Monroe y tengo pruebas"


Nancy Miracle - "Sono la figlia di Marilyn Monroe ed ho le prove"


Massimo Paracchini partecipa al Tour Italia Russia


Massimo Paracchini espone a Mosca e a Torino


Massimo Paracchini espone al Museo Miit di Torino e alla Gefen Gallery di Mosca


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Marco De Fazi presenta il thriller “Il killer del loto”

Marco De Fazi presenta il thriller “Il killer del loto”
Tra corse contro il tempo e oscure verità riemerse dal passato, Clay Stone si troverà nel mezzo di un macabro meccanismo ad orologeria che dovrà superare per riuscire a stanare il killer del loto. Marco De Fazi “Il killer del loto” Marco De Fazi presenta un thriller avvincente, seguito ideale del suo primo romanzo “L’uomo nel buio”, con il quale condivide l’intenso protagonista Clay Stone. L’ex sceriffo di contea, ora detective presso il terzo distretto di polizia di Minneapolis, si trova a indagare su una sanguinosa storia di vendetta, e a fare i conti con un lucido e spietato se (continua)

Aldo Lado presenta il romanzo storico “Storie di Donne: Miriam”

Aldo Lado presenta il romanzo storico “Storie di Donne: Miriam”
Aldo Lado presenta una storia affascinante, scritta con eleganza e cura per i dettagli: ci accompagna nelle sale del potere dove si conducono pericolosi giochi politici, ci mostra la grandezza dell’Impero Romano ma anche la povertà in cui versa il popolo giudaico; infine ci trasporta nelle vivaci strade di Pompei, che comincia ad essere scossa dai terremoti che hanno preceduto la tragica eruzione del Vesuvio del 79 d. C., che avrebbe spento per sempre la sua anima vibrante e cosmopolita. Aldo Lado “Storie di Donne: Miriam” In questo affascinante romanzo si narra la storia della giovane Miriam che, seppur cresciuta in stato di schiavitù, cerca di acculturarsi per trovare la sua strada, e di affrancarsi dalla sua condizione di schiava nella prospettiva di trasmettere alle generazioni che verranno il suo sapere. Perché è nella cultura che risiede la vera libertà. Casa (continua)

Federico Galantini e Nikolai Tisci presentano l’opera “Vivi davvero”

Federico Galantini e Nikolai Tisci presentano l’opera “Vivi davvero”
Gli autori, che non sembrano aver paura di dire ciò che pensano, aiutano il lettore a riflettere su interrogativi quasi esistenziali e lo guidano incoraggiandolo a sviluppare un proprio pensiero e a sostenerlo, soprattutto se diverso da quello che coloro scrivono. Federico Galantini e Nikolai Tisci “Vivi davvero?” Questo saggio nasce dalla collaborazione tra due amici: Federico - lo Scrittore e Nikolai - il Saggio, che hanno deciso di registrare le loro interessanti conversazioni sull’essere umano e sulla società moderna per poi trascriverle. Un’opera ricca di riflessioni derivanti dalle loro esperienze dirette, dai loro ragionamenti e dai loro s (continua)

Elena Pigozzi presenta il romanzo “L’ultima ricamatrice”

Elena Pigozzi presenta il romanzo “L’ultima ricamatrice”
“L’ultima ricamatrice” ci ricorda l’importanza di preservare le nostre storie e il bisogno dell’uomo di raccontarle per poi consegnarle ai posteri. Un grande omaggio all’arte della narrativa, dell’intessere trame come tessuti preziosi e affidare a chi viene dopo l’insegnamento più grande: la vita è più forte di ogni dolore. Elena Pigozzi “L’ultima ricamatrice” Elena Pigozzi ci fa vivere cento anni di storia in un battito di ciglia, a volte vento leggero e luminoso, altre cupo e foriero di sventura. Tante vite si intrecciano in queste righe, tanti amori, ma soprattutto l'amore per la vita stessa e per un'arte millenaria che sono la vera eredità dell'ultima ricamatrice. Casa Editrice: PiemmeGenere: Narrat (continua)

Andrea Siniscalchi Montereale presenta “Scene di vita quotidiana - Toxic Ediction”

Andrea Siniscalchi Montereale presenta “Scene di vita quotidiana - Toxic Ediction”
In queste composizioni si può avvertire la rabbia, il delirio, il sarcasmo e il disincanto di un uomo che ha voluto mettere nero su bianco i suoi demoni per dominarli e per ritrovare il suo centro Andrea Siniscalchi Montereale “Scene di vita quotidiana - Toxic Ediction” Genere: Poesia contemporanea/Racconto poetico brevePagine: 224Codice ISBN: 9791220092548  «Dichiaro che gli avvenimenti e i personaggi descritti in questo libro non sono frutto della mia fantasia».  “Scene di vita quotidiana - Toxic Ediction” di Andrea Siniscalchi Montereale è un’originale racco (continua)