Home > Altro > Il Geometra Campolo debutta col suo primo romanzo "Terra Nostra"

Il Geometra Campolo debutta col suo primo romanzo "Terra Nostra"

scritto da: Amato Salvatore Campolo | segnala un abuso

Il Geometra Campolo debutta col suo primo romanzo


Pubblicato dalla casa editrice Susil Edizioni (settembre 2021) il romanzo Noir Terra nostra, famiglie criminali in riva allo Stretto di Amato Salvatore Campolo, geometra libero professionista originario di Reggio Calabria. Il libro racconta quattro lunghi anni di vicende che si snodano intorno al distributore di Capu Locu, nei paesi immaginari di Casalotto, Bovese e Trimpoli della costa jonica calabrese, dove conosceremo boss vecchio stampo, criminali di nuova generazione, imprenditori corrotti, disoccupati disperati, cinici doppiogiochisti, picciotti e killer senza scrupoli. La dimensione famigliare è la chiave di tutto: sono descritti non solo i criminali, ma anche i loro fratelli, cognati, cugini, e soprattutto le loro donne; mogli, fidanzate, madri e figlie, in Terra Nostra non sono solo figure di contorno, ma giocano un ruolo fondamentale, e senza di loro non è veramente possibile comprendere le motivazioni dietro i comportamenti criminali, le dinamiche che contraddistinguono due dei tre veri protagonisti del romanzo: le cosche Macrì e Ferraro, in un certo senso delle famiglie allargate dove i legami, di sangue o non, hanno un valore fortissimo. In Terra nostra si picchia, si spara e si uccide per soldi, certo, ma anche per l'onore di un nome che è stato offeso o anche solo nominato a sproposito: il nome della cosca di appartenenza o dei propri odiati rivali. L'autore non racconta quindi solo storie di crimini, né solo storie di famiglie, ma una vera e propria guerra, che include strategie a breve ea lungo termine, soldati e generali, e come le guerre tradizionali stravolge la vita di chi vi partecipa o si trova coinvolto in essa contro la sua volontà. Il terzo protagonista è la legge, rappresentata da Jessica Castaldo, un giovane Maresciallo che si trova nel difficile ruolo di dover reprimere il crimine laddove questo sembra endemico, intrecciato allo stesso tessuto economico e quindi alle vite di persone normali: una lotta impari, forse, e con un pesante prezzo da pagare nella vita privata del Maresciallo, ma non senza risultati, che si concretizzano in arresti che concludono lunghe serie di indagini. Un romanzo che vuole fare conoscere davvero tutti i paradossi di quel territorio contorto e sconosciuto ma in cui, allo stesso tempo, la legge lotta sacrificando spesso vite intere intrecciato allo stesso tessuto economico e alle vite di persone normali: una lotta impari, forse, e con un pesante prezzo da pagare nella vita privata del Maresciallo, ma non senza risultati, che si concretizzano in che concludono lunghe serie di quindi indagini. Un romanzo che vuole fare conoscere davvero tutti i paradossi di quel territorio contorto e sconosciuto ma in cui, allo stesso tempo, la legge lotta sacrificando spesso vite intere intrecciato allo stesso tessuto economico e alle vite di persone normali: una lotta impari, forse, e con un pesante prezzo da pagare nella vita privata del Maresciallo, ma non senza risultati, che si concretizzano in che concludono lunghe serie di quindi indagini. Un romanzo che vuole fare conoscere davvero tutti i paradossi di quel territorio contorto e sconosciuto ma in cui, allo stesso tempo, la legge lotta sacrificando spesso vite intere.

romanzo | noir | terra | nostra | criminali | mafia | campolo | amato |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Intervista di Alessia Mocci a Francesco S. Mangone: vi presentiamo “La spazzola dell’ingegnere”


L'UOVO DI PASQUA DI GONUTS


Intervista di Alessia Mocci a Giancorrado Barozzi: vi presentiamo “Utopia Selvaggia”


Intervista di Alessia Mocci a Marco Incardona ed al suo Domande al silenzio


LA MAMMA È SEMPRE LA MAMMA


GIORNATA MONDIALE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore