Home > Pubblica amministrazione > Circa 200 euro per figlio: ecco tutte le info sull’Assegno Temporaneo

Circa 200 euro per figlio: ecco tutte le info sull’Assegno Temporaneo

scritto da: Mammacheavventura | segnala un abuso

Circa 200 euro per figlio: ecco tutte le info sull’Assegno Temporaneo

Per la prima volta è stato approvato un aiuto che abbraccia un numero straordinario di famiglie italiane e nonostante la sua straordinarietà l’Assegno Temporaneo è passato alquanto inosservato, al punto che il Consiglio dei Ministri ha ritenuto poortuno prorogare i termini per le richieste con validità retroattiva fino al 31 ottobre 2021 e non più il 30 settembre come previsto inizialmente. In cosa consiste questo assegno temporaneo? A chi spetta e come presentare la domanda? Di seguito troverai tutte le risposte a queste domande e molte informazioni utili per accedere a questo sussidio.


L’Assegno Temporaneo per i figli minori a carico,  previsto dal decreto 79/2021, è una misura a sostegno delle famiglie che non hanno accesso ad altri sussidi per il periodo di tempo che va da luglio a dicembre 2021 – ecco perché “temporaneo”- in attesa dell’Assegno Unico Universale previsto per il 2022.

Grazie a questa misura, circa due milioni di famiglie potranno ricevere un assegno mensile per ciascun figlio, inclusi i figli adottati o in affido, con una maggiorazione dal terzo figlio in poi o per ciascun figlio con disabilità in presenza di ISEE inferiori a 7 mila euro.

A chi è destinato l’Assegno Temporaneo

L’Assegno Temporaneo è destinato a quei nuclei familiari con ISEE inferiore a 50 mila euro e più basso è l’ISEE più alto sarà l’importo stanziato dall’INPS.

In particolare, possono fare richiesta dell’Assegno temporaneo queste categorie di persone:


Fonte notizia: https://mammacheavventura.it/circa-200-euro-per-figlio-ecco-tutte-le-info-sullassegno-temporaneo/


INPS | famiglie | bonus | voucher | sussidi | figli a carico |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Ettorre Gomme, gommeur news teramo


Cyber-spionaggio e ransomware sono in crescita: è l’allarme lanciato dal Verizon 2017 Data Breach Investigations Report


La gloria nel vangelo di Giovanni


Ing. Antonio Valente – Vice Direttore Direzione Centrale Progettazione - ANAS


Arriva l’Assegno Unico Universale


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Bonus Natalizio 2021: da 50 a 1400 euro per le famiglie. Ecco chi può richiederlo

Bonus Natalizio 2021: da 50 a 1400 euro per le famiglie. Ecco chi può richiederlo
In vista delle festività natalizie arriva un nuovo sussidio per le famiglie colpite gravemente dalla pandemia, si tratta del Bonus Natalizio 2021 previsto dal Decreto Ristori bis, ma vediamo nel dettaglio di cosa si tratta. A differenza dell'assegno temporaneo per le famiglie, il Bonus Natalizio 2021 è subito salito alla ribalta dei canali di informazioni in vista degli imminenti acquisti che precedono il Natale;  tuttavia, bisogna frenare l'entusiasmo e fare un po' di chiarezza sull'entità di questo provvedimento. Di seguito, proverò a spiegare passo per passo in cosa consiste il bonus natalizio 2021, a chi è dedicato e come "muoversi" per ottenerlo. Bonus Natalizio 2021: non è un voucherA differenza di ciò che fa pensare il termine “Bonus”, questo provvedimento non prevede l’erogazione di un voucher, bensì di buoni spesa per l’acquisto di beni di prima necessità, come generi alimentari o prodotti farmaceutici.Il Governo per aiutare le famiglie fortemente colpite dalla pandemia con l’arrivo delle festività natalizie ha stanziato 500 milio (continua)

Dentini: dai falsi miti alla prima visita – video intervista all’Odontoiatra

Dentini: dai falsi miti alla prima visita – video intervista all’Odontoiatra
L’eruzione dei primi dentini è una fase accompagnata sempre da grande incertezza e tensione, attorno alla quale, tra l’altro, ruotano anche tanti falsi miti e poca informazione. A questo proposito attraverso il profilo Instagram di Mamma che Avventura ho raccolto una serie di richieste e dubbi di altri genitori che ho girato all’Odontoiatra il dott. Sergio Della Ragione nell’intervista che troverai infondo all’articolo. Di seguito, invece, ho scelto di approfondire alcuni aspetti dell’intervista che ho trovato particolarmente interessanti e segnarne i punti focali che, secondo me, è bene ricordare. Comparsa dei primi dentini: facciamo un po’ di chiarezzaSpesso i primi dentini sono “accusati” di essere la causa scatenante di tutta una serie di malesseri di un neonato, ma sono davvero loro i colpevoli o ci stiamo imbattendo in un falso mito?In genere, febbre, diarrea, salivazione abbondante, culetto rosso, irritabilità sono sintomi associati all’eruzione dei dentini da latte e in lin (continua)

Sesso dopo il parto: i problemi più comuni e l’aiuto della fisioterapia

Sesso dopo il parto: i problemi più comuni e l’aiuto della fisioterapia
Si sentono molte storie di donne che raccontano di una sessualità stravolta dopo il parto al punto da avvertire una sorta di senso di colpa verso il compagno, un disagio e addirittura una vergogna tale da portarle a chiudersi in sé stesse e a non ricercare una soluzione. Con questo articolo, realizzato dalla dottoressa Lorena Pastena, specializzata in riabilitazione del Pavimento Pelvico, innanzitutto evidenziamo quanto problemi relativi alla sessualità siano comuni tra le neo mamme e dunque non c’è nulla di cui vergognarsi, anzi, parlarne con un professionista può solo essere utile a ritrovare un benessere sessuale. La ripresa dei rapporti sessuali dopo il parto, purtroppo, ancora oggi è un argomento di cui si parla poco, anche durante i corsi pre-parto, sarebbe opportuno informare le neo mamme su ciò che potrebbe attenderle proprio per fornirle gli strumenti giusti per affrontare un eventuale problema, senza imbarazzi e paure. La riscoperta della sessualità per la neo-mamma, infatti, e tutt’altro c (continua)

VBAC: partorire naturalmente dopo il cesareo

VBAC: partorire naturalmente dopo il cesareo
Al di là di quelle che possono essere le convinzioni personali di ginecologi ed ostetriche, riguardo al VBAC ci sono delle evidenze scientifiche, fondate su studi e raccomandazioni delle autorità sanitarie internazionali che definiscono la scelta di un parto vaginale dopo un parto cesareo come “buona pratica clinica” invitando ad abbandonare il principio secondo il quale una donna che abbia partorito con taglio cesareo non possa partorire per vie naturali nelle gravidanze successive. VBAC è un acronimo inglese che sta per Vaginal Birth After Cesarean, ovvero parto vaginale dopo cesareo. Contrariamente a quanto sembra, non si tratta di un termine moderno, ma risale agli anni ’70 e si deve all'ostetrica del Massachusetts Nancy Wainer Cohen autrice del libro Silent Knife: Cesarean Prevention and Vaginal Birth After Cesarean ribattezzato dal Wall Street Journal "La bibbia del (continua)

Parto Cesareo: tutto quello che c'è da sapere

Parto Cesareo: tutto quello che c'è da sapere
Il parto cesareo non era proprio nei miei programmi, ma la vita con me si è sempre divertita a stravolgere i piani ed è così che nel giorno del nostro primo anniversario di matrimonio è venuta al mondo nostra figlia: una polpetta di 3800gr per 52 cm. Desideravo vivere un parto naturale, quindi, in assenza di rischi abbiamo aspettato tutto il tempo possibile, ma al termine della 40ma settimana senza nemmeno l’ombra di una contrazione, con una testina ancora troppo alta e un liquido amniotico in riduzione la decisione più saggia è stata sicuramente quella di programmare un parto cesareo. Nonostante non abbia avuto dubbi sulla decisione presa, mi sentivo smarrita e preoccupata di fronte all’idea di mettere al mondo mia figlia non in maniera “naturale”, questo probabilmente perché sul parto cesareo viene fatta poca informazione e soprattutto ruotano tanti pregiudizi attorno a questa pratica che, diciamolo: “menomale che esiste!” – se non esistesse Flavia e probabilmente nemmeno io sarei qui a raccontare il mio parto. Parto Cesareo: cos’è e come avviene?Il parto cesareo o anche taglio cesareo è un intervento chirurgico che permette la nascita del bambino per via addominale, attraverso un’incisione aperta artificialmente. Attualmente, l’incisione per raggiungere l’utero viene effettuata dal ginecologo in senso trasversale sul segmento uterino inferiore e le tecniche di sutura sono così precis (continua)