Home > Turismo e Vacanze > Rieti dove il nuovo esiste e il vecchio resiste

Rieti dove il nuovo esiste e il vecchio resiste

scritto da: Harry di Prisco | segnala un abuso

Rieti dove il nuovo esiste e il vecchio resiste

I progetti “Turismo e Cultura” e “Punto Impresa Digitale” della Camera di Commercio di Rieti Viterbo e dall'Azienda Speciale Centro Italia Rieti consentono la valorizzazione e la conoscenza dei territori


La nuova Camera di Commercio di Rieti-Viterbo da subito ha mostrato l'utilità dell'accorpamento fra quella di Viterbo  e quella di Rieti, la nuova realtà rappresenta  la conclusione di un percorso  per rispondere in maniera più efficace alle esigenze delle aziende e di tutti gli attori del mondo economico in una società in continua trasformazione. In tal modo le strutture e le competenze sono tese al miglioramento del sistema camerale. I servizi per gli associati risultano maggiormente efficienti e migliorati nella qualità, accompagnando le aziende nel loro processo di crescita sui territori  e istaurando un corso attraverso il quale le imprese si aprono a nuovi mercati esteri, incrementando i rapporti con altre aziende.

Il volano turistico è alla base della crescita e per presentare il territorio nei giorni scorsi si è svolto un educational tour nel centro storico di Rieti, della durata di due ore e del tutto gratuito,  organizzato dalla Camera di Commercio di Rieti Viterbo e dall'Azienda Speciale Centro Italia Rieti nell’ambito del progetto camerale “Turismo e Cultura” che punta a promuovere le eccellenze turistiche del territorio, volto alla valorizzazione del turismo lento nel capoluogo reatino e lungo il Cammino di Francesco e del progetto “PID - Punto impresa digitale”, che ha unito la tradizione all’innovazione rappresentata da un viaggio virtuale nella Rieti medievale. Il programma ha previsto  un trekking urbano con due guide iscritte all’AIGAE (Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche) in cui si sono visitate alcune zone caratteristiche del capoluogo centro d'Italia. Partendo dalla Porta D'Arce, la visita è proseguita dapprima per i Pozzi, antica via di collegamento tra la rocca e il castello che sorgeva presso Porta D'Arce. Da qui alla scoperta del primo nucleo della città urbanizzato in epoca preromana e altomedievale. Il percorso che si è snodato per sei chilometri del centro storico, si è concluso con la visita guidata multimediale sul Ponte Romano che si affaccia sul limpido fiume Velino.

Al tour nel centro storico di Rieti hanno partecipato anche venti giornalisti provenienti da tutto il centro Italia. E’ stata questa l’occasione per conoscere una Rieti ricca di luoghi di interesse nell’ambito di un perfetto mix tra ricchezze naturalistiche, storico-culturali ed enogastronomiche, come il sereno fiume Velino che attraversa la città offrendo scorci suggestivi sulle abitazioni caratteristiche che si affacciano sulle sue sponde e sui resti dell’antico ponte romano e lungo il quale è possibile apprezzare le prelibatezze a base di prodotti tipici locali dei numerosi ristoranti e locali. Particolarmente piacevole il trekking urbano che ha attraversato le vie e le piazze del capoluogo circondate dalle splendide mura merlate, ancora ben conservate, tra cui piazza San Rufo, racchiusa tra gli imponenti edifici del centro storico e nel cui centro è possibile scorgere un tratto di mura, quel che resta della prima cinta muraria della città romana. Il valore di quest’area è ricordato dalla lapide “Umbilicus Italiae” e da un monumento situato proprio al centro della piazza. Da largo San Giorgio e via Garibaldi poi, passando per l’Ufficio turistico Visit Rieti di Piazza Vittorio Emanuele II, piazza centrale della città, la vicina Cattedrale di Santa Maria Assunta ed i maestosi presepi monumentali realizzati dal maestro Francesco Artese sotto le volte del Palazzo papale, i visitatori hanno percorso via Roma per iniziare l’esperienza nella “Medievalis Riscoperta” organizzato con l’ausilio di visori 3D dall’Associazione Riattivati, che ha permesso di immergere i visitatori in un vero viaggio nella storia e nei costumi dell’epoca, grazie alla ricostruzione di scenari in realtà virtuale ed il supporto di innovativi contenuti multimediali.

Due i nuovi appuntamenti in programma nell’ambito del progetto “Turismo e Cultura”: il primo in programma domenica 17 ottobre alla scoperta delle Gole del Farfa, nella splendida Sabina; ed il secondo domenica 24 ottobre lungo il Cammino dei Briganti, da Spedino a Cartore, nel cuore del “Cicolano”, una delle aree più selvagge del territorio reatino al confine con l’Abruzzo, nella Riserva naturale regionale Montagne della Duchessa.

 

Harry di Prisco

Rieti |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

APERTE LE ISCRIZIONI AL CORSO DI FORMAZIONE SUPERIORE IN “SCIENZE CULINARIE E CHEF DELLA NUTRIZIONE”: PER FORMARE I PROFESSIONISTI DELLA CUCINA


L’attività del Polo Universitario di Rieti in diretta su tablet e smartphone con le nuove App sviluppate da Arianna


Gico Systems: servizio di lavori in fune presso Palazzo Vecchio a Firenze


Partnership tra SGB Humangest Holding S.r.l. e NPC Rieti: la società di Gianluca Zelli sponsor della squadra di basket


DEGUSTAZIONI ONLINE: IL FORMAGGIO PIAVE DOP RACCONTATO ALLA STAMPA E AI BLOGGER AUSTRIACI E TEDESCHI


G20-AGRICOLTURA FIRENZE: TERRITORI, CULTURA ENOARTE A PALAZZO VECCHIO


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Regalare la bellezza a Natale ? ora si può con i cosmeceutici Rebel al Licopene

Regalare la bellezza a Natale ? ora si può con i cosmeceutici Rebel al Licopene
Il licopene l’oro rosso per la salute e la bellezza Possedere il segreto dell'eterna bellezza è il sogno che da secoli stimola l'umanità, dalla fonte della giovinezza a rimedi della nonna per conservare un aspetto immutato nel tempo. Tante la aziende che promettono miracoli che poi si rivelano solo prodotti di indubbia efficacia. La Licofarma Srl di Galatina (Le) www.lycopenestore.it è un’azienda italiana, l'unica al mondo ad aver brevettato l (continua)

Presentata a Castel Volturno la 2° edizione del Premio La Tortuga

Presentata a Castel  Volturno la 2° edizione del Premio La Tortuga
Il Rinascimento di Castel Volturno passa per la cultura e le eccellenze di Terra di Lavoro Lunedì 29 novembre verranno premiati coloro che si si sono distinti nel valorizzare le eccellenze del territorio di Terra di Lavoro con il loro impegno nel sociale. Dopo il fermo dello scorso anno per il lockdown, ritorna la cerimonia di premiazione che si terrà nel ristorante Villa La Tortuga, immerso nel verde degli ulivi,  dello chef campione del mondo di cucina, Tonino Del Sole, il qu (continua)

Lo chef Raffaele Medaglia sforna una nuova idea di fare cucina

Lo chef Raffaele Medaglia sforna una nuova idea di fare cucina
Napoletani Mangiafoglia o Mangiamaccheroni ? Lo chef Raffaele Medaglia per il superamento della antica dicotomia La cucina napoletana ha radici che si perdono nella notte dei tempi risalendo all’epoca greco-romana e si è migliorata nei secoli con l'influsso dei vari popoli che hanno vissuto nel territorio con differenti culture che si sono susseguite durante le varie dominazioni della città partenopea. I napoletani, precedentemente detti mangiafoglie per il consumo di verdure, diventarono successivament (continua)

Zio Rocco presenta l’Amalfitano Nobile

Zio Rocco presenta l’Amalfitano Nobile
Crema al Latte Nobile e limoni amalfitani “Brrrr” nel nuovo dolce « La nostra filosofia è anche spingerci oltre e perfezionare un grande successo», questo il segreto di Zio Rocco (al secolo il pastry chef Rocco Cannavino) che ogni mese presenta una novità, per il mese di novembre nei suoi Zio Rocco Lab Store lancia: “Amalfitano Nobile”, una brioche pandoro alla vaniglia con farcia di crema al Latte Nobile e limoni amalfitani, con un cuore di cinque grammi (continua)

Caruso si è esibito a Milano

Caruso si è esibito a Milano
Presentato il nuovo forno della Italforni per la pizza napoletana La Italforni, azienda dal carattere moderno e dinamico che opera   in maniera altamente specializzata nel settore dei forni elettrici e a gas con un’esperienza quarantennale, in occasione di Host Milano svoltasi dal 22 al 26 ottobre, ha presentato “Caruso”, il primo forno elettrico pensato appositamente per la pizza napoletana  che offre le medesime performance del tradizional (continua)