Home > Lavoro e Formazione > La piegatura della lamiera

La piegatura della lamiera

scritto da: Egolem | segnala un abuso

La piegatura della lamiera

La piegatura della lamiera è un processo di lavorazione molto diffuso che nasconde delle difficoltà legate alla natura stessa del materiale impiegato.


La piegatura della lamiera modifica in maniera permanente la struttura della lamiera, tuttavia non la rompe; a questo scopo, è indispensabile considerare il limite oltre il quale la lamiera non si deforma plasticamente, bensì si rompe.

L’operazione di piegatura viene effettuata attraverso un punzone e una matrice che presenta, in negativo, la stessa forma del punzone.

La piegatura delle lamiere è un'operazione che sottopone il materiale a una sollecitazione; nello specifico, il materiale viene flesso attraverso l'applicazione di una forza e, di conseguenza, si deforma.

Durante la piegatura tramite varie tipologie di presse piegatrici, la lamiera subisce una deformazione in seguito alla quale le fibre si accorciano o si allungano; in particolar modo, su uno dei due piani la lamiera si estende internamente e si riduce esternamente, mentre sul piano opposto le fibre si accorciano all’interno e si allungano all’esterno.

La piegatura della lamiera si presenta come una distorsione della quale è possibile calcolare il raggio di curvatura.

L'attrezzatura utilizzata è uno stampo costituito da un punzone e da una matrice di forma opportuna, in funzione del tipo di piegatura che si vuole realizzare. Il punzone è azionato da una pressa piegatrice che fornisce la forza di piegatura necessaria per eseguire la lavorazione.

In base alla corsa del punzone si distinguono i seguenti tipi di piegatura:

PIEGATURA IN ARIA

Quando è effettuata in modo che lo spigolo della lamiera non raggiunga il fondo della matrice; variando la profondità della corsa del punzone si può ottenere una serie di piegature con diversi angoli, senza cambiare la matrice.

PIEGATURA CONIATA

Quando è effettuata in modo che lo spigolo della lamiera raggiunga il fondo della matrice; la punta del punzone comprime la lamiera, la stira e conferisce maggiore rigidità al profilo. 

In base al numero di pieghe realizzate con una sola corsa del punzone si distinguono i seguenti tipi di piegatura:

PIEGATURA SEMPLICE

Quando punzone e matrice sono sagomati in modo da potere eseguire una sola piegatura per ogni corsa del punzone. Per realizzare più piegature si devono eseguire più corse del punzone e posizionare, di volta, in volta, la lamiera nel modo opportuno.

PIEGATURA MULTIPLA

Quando punzone e matrice sono sagomati in modo da ottenere, in una sola corsa del punzone le pieghe volute. In questo caso il tempo per eseguire la lavorazione è ridotto, ma lo stampo di piegatura può effettuare solo quel tipo di piegatura e quindi risulta economicamente conveniente solo per produzione in serie.

Si possono utilizzare anche stampi più complessi in funzione della piegatura che si vuole realizzare. Questi stampi hanno sempre un estrattore, azionato da una molla, che provoca la fuoriuscita del pezzo piegato al termine dell’operazione.

macchine piegatrici | piegatura della lamiera | presse piegatrici |



 

Potrebbe anche interessarti

Piegatura Lamiera: in cosa consiste?


Le Diverse Tipologie di Piega Lamiera


Come funziona la Lavorazione della Lamiera


Lavorazione acciaio: modalità e utilizzo della piegatura lamiera


Piegatura lamiera: i 5 metodi più utilizzati


Piegatura lamiera: facciamo chiarezza


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Nutrizione olistica: cos'è e come può aiutarti?

Nutrizione olistica: cos'è e come può aiutarti?
I nutrizionisti olistici combinano i principi della nutrizione e della salute olistica per un approccio onnicomprensivo alla dieta e allo stile di vita La nutrizione olistica non è un approccio standardizzato, ma piuttosto un approccio basato sull'analisi della completa salute fisica e mentale di una persona.La nutrizione olistica si basa sui bisogni nutrizionali unici di un individuo e sulla salute generale.Diversi fattori che possono influenzare l'aspetto del piano sanitario di un individuo includono: carenze, allergie, intolleranze.L'obiettivo (continua)

Lavori in quota

I lavori in quota consistono in ogni attività lavorativa che espone la persona al rischio di caduta da una quota posta a un'altezza superiore ai 2 metri rispetto a un piano stabile. Quando la distanza supera i 2 metri il lavoratore deve proteggersi per evitare la caduta tramite dei DPI (Dispositivi di Protezione Individuale).Questi DPI devono essere scelti in base al tipo di lavoro svolt (continua)

Tutto quello che vuoi sapere sul Pilates

Tutto quello che vuoi sapere sul Pilates
Se stai cercando una routine di allenamento che possa darti un buon equilibrio tra flessibilità, forza, tono muscolare e aiutarti a lenire alcuni dolori, la risposta che fa al caso tuo potrebbe essere più semplice di quanto pensi.Sebbene il Pilates sia in circolazione da quasi 100 anni, sta ancora guadagnando terreno raccogliendo continuamente nuovi devoti. E c’è una buona ragione per cui è divent (continua)

Software HSE per la salute e sicurezza sul lavoro

Software HSE per la salute e sicurezza sul lavoro
Dal 2020 la sicurezza sul lavoro è diventata una delle principali preoccupazioni per molti datori di lavoro. Non solo la pandemia COVID-19 sta ancora provocando enormi problemi, ma l'emergere del lavoro a distanza ha reso più difficile per i datori di lavoro raggiungere i loro dipendenti in smart working.Salute e sicurezza sul lavoro sono quindi imprescindibili per qualunque azienda intenda operar (continua)

La saldatura laser

La saldatura laser
La saldatura laser consiste nello sfruttare una fonte di calore per fondere un metallo base ed unirlo con un metallo chimicamente compatibile chiamato metallo d'apporto. Le saldatrici laser utilizzano impulsi termici ad altissima densità di potenza.Il fascio di luce laser (Light Amplification by Stimulated Emission Radiation), è un fascio di luce coerente (con la stessa lunghezza d’onda) con una potenza molto concentrata.Al termine della scarica del fascio laser avviene l’istantaneo raffreddamento. Il calore generato è sostanzialmente limitato all’area di lavoro e (continua)