Home > Ambiente e salute > Interstiziopatie polmonari: ottimi risultati nel Lazio, regione virtuosa 51mila soggetti in carico nei vari Centri, dove esistono già gli strumenti operativi

Interstiziopatie polmonari: ottimi risultati nel Lazio, regione virtuosa 51mila soggetti in carico nei vari Centri, dove esistono già gli strumenti operativi

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

20 ottobre 2021 - Si è tenuto il webinar ‘INTERSTIZIOPATIE POLMONARI: FOCUS LAZIO’ promosso da Motore Sanità con tutti gli stakeholder di sistema,


 

20 ottobre 2021 - Si è tenuto il webinar ‘INTERSTIZIOPATIE POLMONARI: FOCUS LAZIO’ promosso da Motore Sanità con tutti gli stakeholder di sistema, impegnati nella cura di questa patologia. Un percorso a tappe suddiviso per regioni, lungo tutto il territorio nazionale, che ha toccato in questo appuntamento la Regione Lazio. Obiettivo generare idee e condividere le “proven practices”, fornendo supporto metodologico per l’implementazione di modelli gestionali che portino a progressi organizzativi, con al centro il paziente

La Regione Lazio mostra da sempre un interesse particolare per le malattie rare. Punto chiave è stata l’istituzione del Registro Regionale Malattie Rare nel 2008, che ha permesso un monitoraggio più puntuale e che ha portato all’esigenza di una sostanziale revisione che è stata effettuata nel 2013 e nel 2015 con la collaborazione di un gruppo di lavoro regionale, commenta la dottoressa Esmeralda Castronuovo, Centro Coordinamento Regionale Malattie Rare, Regione Lazio. “Nel frattempo, nel 2010 è stata anche istituita la riorganizzazione della Rete Assistenziale per le Malattie Emorragiche Congenite. Con la revisione della Rete, nel 2015 non solo viene recepito il Piano Nazionale per le Malattie Rare, ma viene ridefinita in modo sostanziale la Rete dei Centri di riferimento. Dopodiché c’è stato il decreto sui nuovi LEA (Livelli essenziali di assistenza), dove è stato ridefinito e aggiornato l’elenco delle malattie rare. A quel punto è diventato essenziale ampliare la Rete con le nuove malattie rare - tra le quali le malattie respiratorie rare - inserite nei nuovi LEA. La Regione ha revisionato nuovamente la Rete nel 2017 e nel 2018 e, successivamente, è stato aggiornato il Centro di Coordinamento Regionale. Da sempre gli obiettivi della Rete sono quelli di qualificare i Centri, anche basandosi sui criteri contenuti dal Piano Nazionale Malattie Rare, lo sviluppo di Percorsi Diagnostico Terapeutici Assistenziali, rafforzare le sinergie fra servizi territoriali e ospedalieri per la continuità assistenziale e promuovere la collaborazione con le Associazioni dei pazienti. Ad oggi abbiamo 16 Istituti, su cui insistono 89 Centri di riferimento e 19 Presidi collegati. Sempre attualmente, il Lazio ha in carico nei suoi Centri più di 51mila soggetti, prevalentemente maschili e di età elevata, per quanto concerne le Malattie Respiratorie Rare.  

Una Regione virtuosa, quella del Lazio, dove già esistono degli strumenti operativi.

Lo conferma anche Giuseppe Quintavalle, Direttore Generale Policlinico "Tor Vergata" Roma: Ritengo che quando un Policlinico si muove in un territorio così variegato, debba muoversi in maniera diversificata. Ci sono luoghi dove c’è bisogno di ambulatori, altri luoghi dove c’è bisogno di trasferire alcune innovazioni universitarie, ma anche altre situazioni dove basterebbe una stratificazione dei bisogni della popolazione. Le grandi Università insieme concorrono a una copertura nella nostra grande Regione che sta dando ottimi risultati

Collaborazione tra grandi Università e collaborazione anche tra specialisti diversi, come sottolinea Paola Rogliani, Professore Associato Malattie Apparato Respiratorio Dipartimento Medicina Sperimentale Università di Roma, Direttore UOC Malattie dell’Apparato Respiratorio Dipartimento di Emergenza Policlinico Tor Vergata, Roma: Un’appropriata presa in carico richiede una gestione multidisciplinare del paziente. Il momento della diagnosi di questa patologia complessa è fondamentale e il team include il pneumologo, il radiologo, il patologo e altre figure professionali. Prima si inizia il trattamento, migliore sarà l’impatto sulla sopravvivenza dell’individuo.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Interstiziopatie polmonari: “Al via la Road Map per valutare i modelli organizzativi regionali e garantire uniforme accesso a livello nazionale’


Interstiziopatie polmonari: i numeri della Toscana Sono 1.100 le persone affette dalla fibrosi polmonare idiopatica e salgono a 1.700 aggiungendo i casi di interstiziopatie fibrosanti


Focus Toscana: Interstiziopatie polmonari - 23 giugno 2021, Ore 15:30


Invito stampa - Focus Piemonte. Interstiziopatie polmonari - 30 settembre 2021, Ore 15:30


Interstiziopatie polmonari: “Al via la Road Map per valutare i modelli organizzativi regionali e garantire uniforme accesso a livello nazionale”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Amiloidosi cardiaca: in 10 anni molto è stato fatto. Ora però occorre accelerare i tempi di diagnosi

“Bisogna lavorare con i medici, le istituzioni, le aziende farmaceutiche per cercare di creare attenzione su questa malattia che, potenzialmente, interessa 25-30mila pazienti in Italia e per la quale è fondamentale intervenire nel suo stadio iniziale” 30 novembre 2021 - Con il termine amiloidosi si intende un gruppo di condizioni rare ma gravi, causate da depositi di proteine anomale, chiamate amiloidi, nei tessuti e negli organi di tutto il corpo. Vengono classificate in localizzate o sistemiche, acquisite o ereditarie. Il cuore rappresenta uno degli organi bersaglio in cui più frequentemente l’amiloide si deposita, dando luogo alla cosid (continua)

Sclerosi Multipla: “Gioco di squadra e terapia precoce, le armi a disposizione per rallentare la progressione della malattia”

30 novembre 2021 - La Sclerosi Multipla (SM) può esordire ad ogni età, ma è più comunemente diagnosticata nel giovane adulto tra i 20 e i 40 anni. 30 novembre 2021 - La Sclerosi Multipla (SM) può esordire ad ogni età, ma è più comunemente diagnosticata nel giovane adulto tra i 20 e i 40 anni. Ci sono circa 2,5-3 milioni di persone con SM nel mondo, di cui 1,2 milioni in Europa e circa 130.000 in Italia. Il numero di donne con SM è doppio rispetto a quello degli uomini, assumendo così le caratteristiche non solo di malattia giovanile ma anche (continua)

Invito stampa - Sostenibilità e appropriatezza nell'innovazione farmacologica in Regione Piemonte - 3 Dicembre 2021, Ore 10:30

venerdì 3 Dicembre, dalle ore 10:30 alle 13, si terrà il webinar ‘Sostenibilità e appropriatezza nell'innovazione farmacologica in Regione Piemonte’, organizzato da Motore Sanità. venerdì 3 Dicembre, dalle ore 10:30 alle 13, si terrà il webinar ‘Sostenibilità e appropriatezza nell'innovazione farmacologica in Regione Piemonte’, organizzato da Motore Sanità. Il Piemonte è la prima e unica Regione in Italia ad aver lanciato la gara di equivalenza terapeutica sull’HCV, a due anni dal via libera di AIFA. Una regione pilota dunque, che dopo oltre un (continua)

Epilessia: come migliorare la presa in carico e combattere lo stigma in 10 punti Ecco il decalogo stilato da Istituzioni, clinici e Associazioni di pazienti, in occasione dell’evento nazionale promosso da Motore Sanità

A fronte di 86 nuovi casi per 100mila abitanti e 180 casi per 100mila abitanti dopo i 75 anni (dati LICE - Lega Italiana Contro l’Epilessia), in Italia si registrano notevoli difficoltà non solo nell’accesso ai farmaci antiepilettici (FAE), ma anche nella loro prescrizione e dispensazione. 25 novembre 2021 - “Le persone con epilessia sono portatori di uno stigma perché la crisi epilettica, già discriminata dalla storia, comporta una difficoltà nella gestione e una non comprensione da parte della società”, ha dichiarato il Dottor Claudio Zanon, Direttore Scientifico di Motore Sanità, in apertura dell’evento “Dati epidemiologici e criticità nella presa in carico della p (continua)

Amiloidosi cardiaca: “Diagnosi tempestiva e nuove terapie disponibili per una migliore presa in carico dei pazienti”

25 novembre 2021 - Sono circa 30 le proteine che, negli esseri umani, possono formare depositi di amiloide, ed il cuore rappresenta uno degli organi bersaglio in cui più frequentemente si deposita, dando luogo alla cosiddetta ‘amiloidosi cardiaca’. 25 novembre 2021 - Sono circa 30 le proteine che, negli esseri umani, possono formare depositi di amiloide, ed il cuore rappresenta uno degli organi bersaglio in cui più frequentemente si deposita, dando luogo alla cosiddetta ‘amiloidosi cardiaca’. Le forme di amiloidosi che più frequentemente coinvolgono il cuore in maniera significativa sono l’amiloidosi AL e l’amiloidosi da transtiretina (amilo (continua)