Home > Economia e Finanza > Italian Energy Summit 2021: l’AD di Eni Claudio Descalzi all’evento sulla transizione energetica

Italian Energy Summit 2021: l’AD di Eni Claudio Descalzi all’evento sulla transizione energetica

scritto da: Pressreleasecd | segnala un abuso


All'Italian Energy Summit 2021 il punto su transizione energetica e sostenibilità quali elementi centrali nelle scelte aziendali, come sottolineato dall'AD di Eni Claudio Descalzi.

Claudio descalzi

Claudio Descalzi all'evento organizzato da "Il Sole 24 Ore" su transizione e strategie energetiche

Quali le maggiori sfide che il Paese è chiamato ad affrontare per la transizione energetica in atto? Questi e altri interrogativi sono stati affrontati da Claudio Descalzi, Amministratore Delegato di Eni, ospite dell'Italian Energy Summit 2021. Organizzato nelle giornate del 29 e 30 settembre da "Il Sole 24 Ore", l'evento ha visto la partecipazione delle realtà protagoniste nello scenario energetico internazionale, con l'obiettivo di fare il punto sulla transizione sostenibile. Un percorso di indubbia importanza ma su cui, come segnala l'AD di Eni, negli ultimi anni si è assistito a una riduzione degli investimenti: "Adesso stiamo riprendendo e l'economia ha bisogno di energia che, nella parte elettrica, viene soprattutto e con continuità dal gas". L'intervento di Claudio Descalzi ha evidenziato come, dalla mancanza di investimenti, scaturisca "un'offerta molto limitata: questo non è un problema solo europeo, c'è una certa scarsità di gas. Bisogna capire che se si parla di eliminare immediatamente e completamente gli idrocarburi, non possiamo per legge modificare l'offerta senza modificare prima la domanda".

Eni, Claudio Descalzi: necessario intendere l'energia come "un mosaico integrato di diverse fonti"

"Quando si riprende a consumare, se la domanda è ancora quella e l'offerta è stata ridotta, i prezzi salgono", ha aggiunto Claudio Descalzi nel corso del dibattito. L'AD ha sottolineato inoltre che, se l'intenzione è ridurre l'utilizzo di carbone, gas e petrolio, "bisogna anche modificare la domanda, altrimenti ci troveremo di fronte a prezzi altissimi e problemi seri per gli individui e per le aziende". Per quanto concerne, invece, il tema della "carbon tax", l'AD ha illustrato come l'Italia sia "l'unica in Europa che giustamente paga delle tasse sulla CO2 che produciamo, è sacrosanto". A livello continentale, "compriamo tutto il gas che utilizziamo, ormai l'Europa non ha quasi più produzione propria". In tale scenario, l'AD Claudio Descalzi ha posto in evidenza che la quota delle rinnovabili sta crescendo ma, nonostante ciò, "nell'ultimo mese la quantità di rinnovabili in Italia, parlando di media di utilizzo per 4-5 ore al giorno, è sul 3% per quanto riguarda l'eolico, al 6/7% circa per il solare. Può toccare anche punte del 20%, però per periodi limitati, non c'è continuità. Abbiamo un problema di continuità e periodo limitato". Per vincere la sfida, ha dichiarato in conclusione, "dobbiamo capire che l'energia deve essere un mosaico integrato di diverse fonti e in pochissimo tempo sarà possibile cambiare questi paradigmi".

Claudio Descalzi |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Accelerare sulla decarbonizzazione: l’AD di Eni Claudio Descalzi a “Med Virtual Dialogue”


Il futuro di Eni: il focus dell’AD Claudio Descalzi su piano 2020-2023 e Road Map al 2050


Claudio Descalzi al “Corriere della Sera”: il risveglio dell’economia, i primi segnali ci sono


Claudio Descalzi dà inizio al suo terzo mandato alla guida di Eni


Eni, aggiudicato il 20% della Wind Farm più grande al mondo: il commento di Claudio Descalzi


Claudio Descalzi: Eni accelera nel suo percorso di trasformazione con il Piano 2021-2024


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Claudio Descalzi: la tecnologia come pilastro della transizione energetica

L'AD di Eni Claudio Descalzi interviene nel dibattito sul Climate Change e riconosce come "imprescindibile" la dismissione delle fonti tradizionali. E sarà la tecnologia, secondo il manager, a permettere questo processo.Claudio Descalzi: transizione tema complesso, dismettere rapidamente le fonti tradizionaliIl rapporto dell'ONU sul cambiamento climatico presentato lo scorso 7 agosto ha confermato (continua)

Carta del Consumo Circolare: Eni, guidata da Claudio Descalzi, impegnata nella circolarità

Conoscere la qualità e l'evoluzione dei prodotti, in un'ottica di decarbonizzazione dell'economia, è cruciale per il futuro della sostenibilità. Guidata dall'AD Claudio Descalzi, Eni è in prima linea per promuovere prodotti e servizi che applicano i principi dell'economia circolare.Carta del Consumo Circolare, Claudio Descalzi: importante la consapevolezza su prodotti circolari e decarbonizzatiIn (continua)

Reuters Events, Claudio Descalzi (Eni): “Operazione spin-off bioraffinerie interessante”

Claudio Descalzi, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Eni, ha partecipato all'evento online di Reuters sulla minaccia globale del cambiamento climatico.Claudio Descalzi: Eni, bioraffinerie e rinnovabili prossimi spin-offNel futuro di Eni anche l'attività delle bioraffinerie potrebbe diventare spin-off, andando ad affiancarsi così a quelle retail: un passaggio già confermato per quanto (continua)

Eni, l’AD Claudio Descalzi: l’impegno del Gruppo per la completa neutralità carbonica al 2050

Eni per un futuro energetico completamente decarbonizzato: l'AD Claudio Descalzi ha parlato del forte impegno del Gruppo per la neutralità carbonica.Eni al 2050 illustrata dall'AD Claudio DescalziIn linea con i criteri delineati nell'Accordo di Parigi, Eni è fortemente impegnata per favorire il raggiungimento della completa neutralità carbonica entro il 2050. In un messaggio pubblicato sul sito de (continua)

Eni, Claudio Descalzi fa visita al Presidente dell’Angola: sul tavolo nuove iniziative

Claudio Descalzi ha dichiarato che Eni intende investire 7 miliardi di dollari sullo sviluppo energetico dell'Angola.Claudio Descalzi: il punto sui progetti angolaniLa strategia esplorativa di Eni in Angola continua a dare i suoi frutti. Il giacimento offshore di Agogo, scoperto due anni fa nel Blocco 15/06, in acque angolane, ha consentito al Gruppo di ottenere finora due miliardi di barili di oi (continua)