Home > Ambiente e salute > Unione Madonie, contributi per strutture socio assistenziali di accoglienza. L’avviso riguarda il settore no profit.

Unione Madonie, contributi per strutture socio assistenziali di accoglienza. L’avviso riguarda il settore no profit.

scritto da: LOsservatorio | segnala un abuso

Unione Madonie, contributi per strutture socio assistenziali di accoglienza. L’avviso riguarda il settore no profit.

A darne notizia è il presidente dell’Unione Madonie Pietro Macaluso e il coordinatore tecnico della SNAI Alessandro Ficile che prevedono di poter realizzare almeno sei progetti.


In arrivo nuove opportunità per le organizzazioni del terzo settore No Profit delle Madonie. A breve sarà pubblicato nella GURS l’avviso pubblico relativo alle strutture socio-assistenziali per l’accoglienza.
L’opportunità rientra nella Strategia Nazionale Aree Interne (SNAI) e riguarda la rete territoriale dei servizi di cura alle persone e di recupero delle fragilità giovanili “Madonie in salute”.
A darne notizia è il presidente dell’Unione Madonie Pietro Macaluso e il coordinatore tecnico della SNAI Alessandro Ficile che prevedono di poter realizzare almeno sei progetti.
La tipologia delle strutture agevolabili riguarderà le strutture per i servizi socio-assistenziali di accoglienza sia di minori, oggetto di provvedimenti restrittivi di natura civile e penale, che di inabili fisici e psichici. Riguarderà altresì l’accoglienza di giovani e di adulti presso comunità alloggio residenziali o case protette con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita dei soggetti presi in carico.
Gli aiuti saranno concessi nella forma di contributi in conto capitale, secondo la regola del de minimis, nella misura massima del 80% della spesa ritenuta ammissibile e fino ad un massimo di 200.000,00 euro. La dotazione finanziaria complessiva è pari a € 1.004.010.
Tra gli interventi ammissibili sono comprese le spese tecniche, opere civili e acquisto beni e forniture di macchinari, impianti, arredi ed attrezzature. I soggetti beneficiari dovranno dimostrare, all’atto della presentazione della proposta progettuale, di avere la titolarità o la disponibilità dell’immobile oggetto dell’intervento per un periodo di almeno sei anni a partire dalla data di presentazione della proposta progettuale.
Dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Sicilia le organizzazioni interessate avranno sessanta giorni di tempo per presentare i progetti esecutivi al Dipartimento regionale della Famiglia.

unione madonie | sosvima | no profit | snai | madonie in salute |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

DIMENSIONAMENTO SCOLASTICO. LA SCUOLA COME PRESIDIO DI COMUNITA’ NON PUO’ ESSERE LEGATA SOLAMENTE AI NUMERI


Strada di Piano Battaglia, l’Unione Madonie consegna il progetto all’Assessorato Infrastrutture per l’emissione del decreto di finanziamento


Madonie Living Lab, verso la costituzione del gruppo di lavoro che programmerà le attività


Ridimensionamento scolastico. L’Unione Madonie chiede all’assessore Lagalla di modificare il decreto


Nasce il Madonie Living Lab, uno spazio di lavoro community-operated. La sede a Petralia Sottana


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

AGROALIMENTARE, NASCE LA CONSULTA DEI DISTRETTI DEL CIBO.

AGROALIMENTARE, NASCE LA CONSULTA DEI DISTRETTI DEL CIBO.
Tra i distretti aderenti anche quello delle “Filiere e dei Territori di Sicilia in Rete” del quale fa parte il GAL Madonie. Nasce la Consulta dei Distretti del Cibo per affrontare tutti assieme la sfida della transizione verso un sistema Agroalimentare sostenibile del nostro Paese.La sottoscrizione dello Statuto della Consulta dei Distretti del Cibo è avvenuta giovedì scorso alla presenza del Ministro Stefano Patuanelli presso il Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali. Al tavolo si sono riu (continua)

Ecomuseo madonie, le comunità chiamate a descrivere la propria identità culturale

Ecomuseo madonie, le comunità chiamate a descrivere la propria identità culturale
Il progetto finanziato all’Unione Madonie tende a rafforzare l’omogeneità culturale, geografica e paesaggistica, del territorio coinvolto. Arrivano 15 mila euro per l’Ecomuseo Madonie. La somma è destinata all’individuazione, con il supporto delle comunità, degli elementi materiali ed immateriali attorno ai quali ogni comunità interessata si riconosce e si ritrova. L’Ecomuseo, infatti, è una forma museale che mira a conservare, comunicare e rinnovare l’identità culturale di un piccolo territorio. L’avvenuto finanziamento del pr (continua)

Francesco Migliazzo nominato vice presidente regionale della Rete Rurale Siciliana

Francesco Migliazzo nominato vice presidente regionale della Rete Rurale Siciliana
Si è tenuto stamani il Consiglio direttivo della Rete Rurale Siciliana, l’Associazione dei GAL attualmente operanti in Sicilia, nell’ambito della Programmazione 2014-2022, per assegnare le nuove deleghe di Presidente, Vice Presidente e Segretario.Dopo l’elezione di Francesco Paolo Migliazzo, sindaco di Gangi, come nuovo Presidente del GAL ISC MADONIE, i GAL della Sicilia occidentale, riunitis (continua)

Le Madonie partecipano all’elaborazione del Piano Strategico della città di Palermo

Le Madonie partecipano all’elaborazione del Piano Strategico della città di Palermo
La città metropolitana non deve essere solamente un punto di approdo ma anche di ripartenza. Le Madonie contribuiscono all’elaborazione del Piano Strategico della Città Metropolitana di Palermo. Lo scorso mese di luglio è iniziato il processo di elaborazione del Piano Strategico del capoluogo il cui percorso, elaborato da società specializzate, prevedeva anche un confronto con gli stakeholder del territorio al fine di determinare gli obiettivi da raggiungere e i progetti concreti da (continua)

L’Unione Madonie tra i beneficiari di una borsa di studio per “dottorati comunali”.

L’Unione Madonie tra i beneficiari di una borsa di studio per “dottorati comunali”.
Il dottorato è stato attivato con l’Università di Camerino e mira a promuovere la ricchezza del territorio e delle comunità locali valorizzando le risorse naturali e culturali. Le candidature entro il prossimo 4 novembre Finanziata una borsa di studio per “dottorati comunali” all’Unione Madonie. Il Bando, indetto in via sperimentale dall’Agenzia per la coesione territoriale, era rivolto ai comuni presenti nelle aree interne, anche in forma associata, individuate ai sensi della “Strategia Nazionale delle aree interne” (SNAI).Il Dottorato dell’Unione Madonie è stato attivato con l’Università di Camerino e si s (continua)