Home > Ambiente e salute > Daiichi Sankyo Italia si tinge di “rosa”: da PinkPositive a PartecipareXPrevenire

Daiichi Sankyo Italia si tinge di “rosa”: da PinkPositive a PartecipareXPrevenire

scritto da: Pressm4h | segnala un abuso

Prosegue l’impegno in oncologia di Daiichi Sankyo Italia, inaugurato con l’e-book PinkPositive e che si intensifica con i digital talks per i dipendenti, grazie al supporto del Movimento Europa Donna Italia.


Roma, 20 ottobre 2021 Il cancro al seno è la patologia oncologica più diffusa al mondo nelle donne, ma grazie alla crescente attenzione globale, insieme ai miglioramenti nella diagnosi e nelle cure, un numero sempre crescente di donne riesce ad affrancarsi dalla malattia.  Negli ultimi anni grande rilievo hanno assunto i temi della prevenzione primaria su fattori di rischio quali dieta e stili di vita, che se corretti sono in grado non solo di abbassare il rischio di recidive, ma aiutano anche a gestire gli effetti collaterali delle terapie e migliorano la qualità della vita; tuttavia accanto a studi rigorosi sono proliferate fake news e false credenze, infatti “in base agli studi epidemiologici prospettici su dieta e incidenza o ricorrenza di cancro al seno, ad oggi, l’unica correlazione forte dimostrata con significatività statistica è quella legata a sedentarietà, obesità - soprattutto post menopausa -  e consumo di alcool, eppure in rete persiste una quantità notevole di false credenze, come quelle legate per esempio a latte e carne. Da alcune analisi purtroppo emerge che molte donne alla diagnosi di cancro al seno cambiano la dieta in modo incontrollato e senza alcuna base scientifica. Spiegala nutrizionista e ricercatrice Lucilla Titta Coordinatrice del progetto Smart Food dell’Istituto Europeo di Oncologia di Milano – Ma se si effettua una revisione completa degli studi risulta chiaro che il miglior consiglio per la salute delle donne che hanno avuto un tumore al seno è di seguire le raccomandazioni del Word Cancer Research Fund/American Institute of Cancer Research, pur adattandole alle proprie esigenze ma con il supporto degli specialisti”, prosegue l’esperta in un capitolo dell’e-book-sito Pinkpositive.it, che Daiichi Sankyo Italia arricchisce costantemente con i contributi dei maggiori esperti italiani su vari aspetti che riguardano la quotidianità dopo la diagnosi di cancro, dall’alimentazione, alla femminilità fino alla gestione del dolore e al desiderio di maternità.

Ad oggi sono ventitré i capitoli scaricabili gratuitamente e condivisibili sulle varie piattaforme social, scritti da diversi specialisti italiani, oncologi, psico-oncologi, nutrizionisti, ematologi, pediatri e giornalisti specializzati nelle varie discipline coinvolte nella gestione e cura del cancro, e dedicato in particolare alle donne.

 

Nel capitolo “Alimentazione, stile di vita e tumore al seno: cosa dice la scienza”, la dottoressa Titta spiega nel dettaglio perché praticare uno stile di vita attivo, mantenere il peso corporeo nella norma e seguire una dieta ricca di frutta, ortaggi a foglia, cereali e derivati integrali e invece povera di alcool, grassi, dolci e bevande zuccherate, aiuti a prevenire l’insorgenza del tumore al seno e a ridurre il rischio di recidive. Per esempio, l’attività fisica per le pazienti oncologiche è molto importante, perché potenzia il sistema immunitario, migliora la velocità del transito intestinale, della modulazione ormonale, della sensibilità all’insulina e favorisce la diminuzione del grasso corporeo. Così come si dovrebbero consumare almeno 200g al giorno di ortaggi a foglia (cotti o crudi) quali spinaci, cicoria, bietola, lattuga, perché fanno da scudo protettivo proprio contro il tumore al seno, mentre il consumo giornaliero di cereali e derivati integrali (pasta, pane, riso etc.) assicura l’apporto di 25-30g di fibra, che secondo solide evidenze scientifiche, abbassa il rischio di incidenza di molte malattie croniche come cancro al colon e malattie cardiovascolari.

Infine, una delle evidenze più convincenti a proposito di stile di vita e insorgenza di tumore al seno riguarda il consumo di alcool. È stato dimostrato che un consumo regolare che superi una unità alcolica al giorno (un bicchiere di vino o una birra piccola) aumenta il rischio di tumore al seno nelle donne, e di altri sei tipi di cancro.

“PartecipareXPrevenire”, i Digital Talks organizzati da Europa Donna per tutti i dipendenti di Daiichi Sankyo Italia

E sul rapporto tra stili di vita, alimentazione e diagnosi precoce del cancro al seno saranno sensibilizzati anche gli stessi dipendenti di Daiichi Sankyo Italia, che in occasione dell’Ottobre Rosa rafforzeranno la conoscenza sul tema grazie all’iniziativa “PartecipareXPrevenire”,due Digital Talks organizzati per l’azienda da Europa Donna Italia- Movimento per la tutela dei diritti alla prevenzione e alla cura del tumore al seno, sede italiana della Coalizione Europea Europa Donna nata nel 1994 a Milano da un’idea di Umberto Veronesi e per iniziativa della European School of Oncology, che ha come obiettivo quello di rispondere efficacemente alle esigenze delle donne con tumore al seno, proponendosi come il principale movimento di opinione sul tema. “Europa Donna Italia crede che le Aziende possano svolgere un ruolo sempre più attivo nella partecipazione al benessere dei propri dipendenti. – ha commentato Rosanna D’Antona, Presidente di Europa Donna Italia - Proprio per agevolarle in questo ruolo, già dieci anni fa abbiamo messo a punto un programma di collaborazione grazie al quale dipendenti e manager vengono sensibilizzati e informati sul tema prioritario della prevenzione. L’azienda sensibile al benessere dei propri dipendenti contribuisce a diffondere il messaggio di Europa Donna Italia in ottica di attenzione delle linee guida di Great Place to Work in fatto di salute. Tutto questo tramite incontri di sensibilizzazione sui corretti stili di vita, sulla prevenzione e sulla diagnosi precoce del tumore al seno nei quali coinvolgiamo professionisti di alto livello scientifico con la capacità di trasmettere informazioni chiare ed autorevoli ai dipendenti e di rafforzare in loro il senso di responsabilità nei confronti della propria salute e la consapevolezza dell’importanza di condurre una vita attiva, sana e aderente ai percorsi di diagnosi precoce.”

Il primo digital talk si svolgerà il 27 ottobre e sarà dedicato alla conoscenza  del quadro epidemiologico su incidenza,  mortalità, sopravvivenza nelle varie fasce di età, fattori di rischio non modificabili (età, familiarità, predisposizione genetica), esami per la diagnosi precoce (lo screening mammografico, i segnali e sintomi a cui prestare attenzione), il percorso di cura, l’organizzazione sul territorio: i centri di senologia multidisciplinari (Breast Unit), che cosa sono, come funzionano, dove sono e i programmi di screening offerti dalle regioni. Il secondo incontro sarà dedicato alla prevenzione primaria: stili di vita sani, nutrizione, importanza del movimento e del mantenimento del peso sin dall’infanzia, con un focus sui fattori di rischio modificabili. “Questa è solo una delle numerose iniziative che Daiichi Sankyo dedica al benessere dei suoi dipendenti, e che si aggiunge ad un più organico piano di welfare aziendale, che non trascura le questioni legate alle specificità di genere. Da sempre ci impegniamo a migliorare la qualità della vita non solo dei pazienti che curiamo con i nostri farmaci, ma anche di chi lavora con noi a questo obiettivo quotidianamente – commenta a Paolo Pagliarini, Direttore del Dipartimento HR & GA di Daiichi Sankyo Italia. Mettere la persona al centro è la strategia che permea tutto il nostro lavoro, dalla ricerca nelle diverse aree terapeutiche con bisogni di cura non ancora soddisfatti fino alla sensibilizzazione sulla prevenzione di determinate patologie. E ogni volta ci avvaliamo del supporto e del know how delle eccellenze del settore, siano essi clinici, istituzioni o associazioni di pazienti, replica Mauro Vitali, Oncology Head di Daiichi Sankyo Italia.”

 

Recentemente l’azienda ha anche ottenuto il Bollino di Health Friendly Company da Fondazione Onda - Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, che ha premiato con questo riconoscimento biennale le aziende che si sono distinte nel garantire la tutela della salute delle proprie dipendenti e che hanno dimostrato di avere a cuore il benessere psichico e fisico delle donne, manifestando la volontà di affiancarle nel processo di informazione e sensibilizzazione in merito a salute della donna, prevenzione primaria e salute mentale.

------------------------------

 

Daiichi Sankyo in Oncologia

Il portfolio oncologico di Daiichi Sankyo è sviluppato da un team di scienziati di prim’ordine che si spingono oltre il pensiero tradizionale per creare trattamenti significativi per le persone affette dal cancro. Ancorata alla sua nuova tecnologia DXd degli anticorpi monoclonali coniugati (ADC), la ricerca di Daiichi Sankyo include laboratori di biologia, chimica medica, diagnostica e altri laboratori di ricerca in Giappone e Plexxikon Inc., il suo centro di R&D specializzato sulla struttura delle piccole molecole a Berkeley (California). Daiichi Sankyo collabora anche con partner accademici e aziendali per far progredire ulteriormente la conoscenza del cancro mentre si avvicina all’ambizioso obiettivo di diventare un leader globale in oncologia entro il 2025.

 

Fonte: https://bit.ly/3pziv1V

 

Contatti

Daiichi Sankyo                                                                                                                                       

Elisa Porchetti                                                                                                           

Tel.+39 0685255-202                                                    

elisa.porchetti@daiichi-sankyo.it             

 

Daiichi Sankyo

Daiichi Sankyo è un Gruppo attivamente impegnato nello sviluppo e diffusione di terapie farmaceutiche innovative con la mission di migliorare a livello globale gli standard di cura e colmare i diversi bisogni ancora non soddisfatti dei pazienti, facendo leva su una ricerca scientifica e una tecnologia di prima classe. Con più di 100 anni di esperienza scientifica e una presenza in più di 20 Paesi, Daiichi Sankyo e i suoi 15.000 dipendenti in tutto il mondo, contano su una ricca eredità di innovazione e una robusta linea di farmaci promettenti per aiutare le persone. Oltre a mantenere il suo solido portafoglio di farmaci per il trattamento delle malattie cardiovascolari, e con la Vision del Gruppo al 2025 di diventare una “Global Pharma Innovator con vantaggi competitivi in area oncologica”, Daiichi Sankyo è impegnata nella creazione di nuove terapie per l’oncologia e in altre aree di ricerca incentrate su malattie rare e disordini immunitari. Per maggiori informazioni visita il sito www.daiichi-sankyo.it

 


Fonte notizia: https://www.daiichi-sankyo.it/media/notizie-in-europa/news-details/ottobre-mese-della-prevenzione-del-cancro-al-seno-sana-alimentazione-e-stile-di-vita-attivo-per-ridurre-il-rischio-di-recidive-i-consigli-della-scienza-su-pinkpositiveit-e-le-iniziative-di


Daiichi Sankyo Italia | Mauro Vitali | Paolo Pagliarini | PartecipareXPrevenire | Pink Positive | tumore al seno | mese della prevenzione del cancro al seno | Pink Positive | Movimento Europa Donna Italia | Lucilla Titta | Smart Food IEO | Digital talks | otto |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

L’ADC U3-1402 di Daiichi Sankyo i dati aggiornati presentati a Barcellona


Daiichi Sankyo nuovi dati sul farmaco anticorpo-coniugato [fam-] trastuzumab deruxtecan


Mycancertherapy.eu il nuovo sito web per pazienti oncologici di Daiichi Sankyo


NSCLC: Daiichi Sankyo ha presentato i risultati del farmaco U3-1402


FA mostra audio-visiva: Festa dei nonni 2019 "Più la vita ti segna, più valore ha”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Entra nel vivo il progetto Value Based Healthcare Ecosystem

Per raggiungere gli obiettivi del PNRR Salute, nasce il progetto VBHE volto ad una gestione innovativa ed efficiente dei pazienti cronici a rischio cardiovascolare prima e fuori dall’ospedale Giornata Mondiale contro l’ictus cerebrale 2021 Entra nel vivo il progetto Value Based Healthcare Ecosystem per una gestione innovativa ed efficiente dei pazienti cronici a rischio cardiovascolare. Prima e fuori dall’Ospedale Nel mondo le malattie cardiovascolari provocano circa 17,9 milioni di morti ogni anno, pari al 31% di tutti i decessi, principalmente per infarto e ictus. Una recen (continua)

Trastuzumab deruxtecan: Breakthrough Therapy per il tumore al seno

L’FDA ha concesso a trastuzumab deruxtecan la Breakthrough Therapy Designation per le pazienti con carcinoma mammario HER2+ precedentemente trattate con uno o più anti-HER2 Tokyo, Monaco e Basking Ridge, 4 ottobre 2021 - La Food and Drug Administration (FDA) negli USA ha concesso a trastuzumab deruxtecan la BTD - Breakthrough Therapy Designation (“Designazione di Terapia rivoluzionaria”) per il trattamento di pazienti adulte con carcinoma mammario HER2- positivo non resecabile o metastatico precedentemente trattate con uno o più regimi terapeutici a base di anti-HER2 (continua)

Cancro al polmone: nuovi dati positivi su l’ADC Datopotamab Deruxtecan

Al Congresso ESMO presentati i dati incoraggianti di una sub-analisi dello studio di fase 1 TROPION PanTumor01 con datopotamab deruxtecan, l’anticorpo monoclonale farmaco-coniugato (ADC) anti-TROP2 sviluppato da Daiichi Sankyo e Astrazeneca per il trattamento di vari tipi di tumori solidi. Lo studio di fase 2 TROPION-Lung05 sta arruolando pazienti per valutare ulteriormente la sicurezza e l'efficacia di datopotamab deruxtecan in pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule con alterazioni genomiche sensibili alla terapia mirata Tokyo, Monaco e Basking Ridge, NJ - (19 settembre 2021) - Datopotamab deruxtecan (Dato-DXd), l’anticorpo monoclonale farmaco-coniugato (ADC) anti-TROP2 sviluppato da Daiichi Sankyo e AstraZeneca, mostra una risposta tumorale incoraggiante nei pazienti affetti da carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) avanzato con alterazioni genomiche sensibili alla terapia mirata.  Una sotto-anali (continua)

Cancro al polmone: trastuzumab deruxtecan ha dimostrato una risposta tumorale robusta e duratura nel 54,9% dei pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule metastatico con mutazione HER2

L’anticorpo monoclonale farmaco-coniugato trastuzumab deruxtecan è la prima terapia anti-HER2 a mostrare una forte risposta del tumore in pazienti affetti da carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) metastatico con mutazione HER2. A dimostrarlo i dati di questa specifica coorte dello studio di fase 2 DESTINY-Lung01, pubblicati sul The New England Journal of Medicine e presentati da Daiichi Sankyo e Astrazeneca al Congresso ESMO 2021. Tokyo, Monaco e Basking Ridge, NJ - (18 settembre 2021) - trastuzumab deruxtecan  l’anticorpo monoclonale farmaco-coniugato (ADC) anti-HER2 di Daiichi Sankyo e AstraZeneca, ottiene una risposta tumorale robusta e durevole in pazienti affetti da carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) non squamoso non resecabile e/o metastatico con mutazione dell’HER2, precedentemente trattati. I ris (continua)

Carcinoma Gastrico avanzato HER2+: Trastuzumab deruxtecan ha dimostrato una risposta clinicamente significativa e duratura nei pazienti dello studio di fase 2 DESTINY-Gastric02

Presentati all’ESMO i risultati di efficacia e sicurezza dell’anticorpo monoclonale coniugato Trastuzumab deruxtecan nei pazienti occidentali affetti da carcinoma gastrico avanzato HER2 positivo. I dati provengono dal trial a braccio singolo di fase 2 DESTINY-Gastric02, il primo studio dell’ADC di Daiichi Sankyo e AstraZeneca in questa specifica popolazione di pazienti. La risposta clinicamente significativa e duratura e il profilo di sicurezza sono coerenti con quelli osservati nello studio registrativo DESTINY-Gastric01 che aveva coinvolto popolazioni di etnia asiatica. Tokyo, Monaco e Basking Ridge - 17 settembre 2021 - Trastuzumab deruxtecan, ottiene una risposta tumorale clinicamente significativa e duratura nei pazienti con adenocarcinoma gastrico o della giunzione gastroesofagea (GEJ) metastatico e/o non resecabile HER2-positivo, precedentemente trattato con un regime terapeutico contenente trastuzumab. I risultati dettagliati dello studio di fase 2 DESTINY- (continua)