Home > Internet > I contenuti di valore: cosa paga davvero sui social

I contenuti di valore: cosa paga davvero sui social

scritto da: AIDR | segnala un abuso

I contenuti di valore: cosa paga davvero sui social

Per una azienda, piccola o grande che sia, non basta la presenza, o almeno non basta più la semplice presenza, sui social bisogna andare oltre, creando contenuti di valore. Non ci sono scorciatoie, l’algoritmo che regola l’ecosistema Facebook, è impietoso: i contenuti in organico (quelli postati sui social senza adv) sono destinati ad ottenere una visibilità sempre più ridotta in favore di contenuti generati da profili privati. Allora come uscire dall’empasse, come emergere dal limbo della poca visibilità e fare davvero la differenza online?


di Valentina Palmieri, giornalista – social media manager e socio Aidr

La chiave del successo di una buona strategia di social media marketing passa da lì, non ci sono dubbi. Per una azienda, piccola o grande che sia, non basta la presenza, o almeno non basta più la semplice presenza, sui social bisogna andare oltre, creando contenuti di valore. Non ci sono scorciatoie, l’algoritmo che regola l’ecosistema Facebook, è impietoso: i contenuti in organico (quelli postati sui social senza adv) sono destinati ad ottenere una visibilità sempre più ridotta in favore di contenuti generati da profili privati. Allora come uscire dall’empasse, come emergere dal limbo della poca visibilità e fare davvero la differenza online? 

La risposta è e resta semplicemente una sola: creando contenuti di valore. Ma chi ne determina effettivamente il valore, quali caratteristiche deve avere il singolo post condiviso per fare la differenza? Spesso e volentieri la ricerca si concentra sulla forma, più che sulla sostanza e allora si investe tutta l’attenzione nella costruzione di una veste grafica che sia la più accattivante, la più innovativa per reclamizzare il nostro prodotto sui social. Eppure non basta, il contenuto resta lì: bello e impossibile. Il risultato non è solo la perdita del like sul post (questo di per sé non è un problema), ma c’è di più: quel post senza like e senza condivisioni è un post che non ha generato interesse tra gli utenti, non è stato visto, quindi è stato valutato e perciò difficilmente porterà l’utente finale all’obiettivo finale: acquisto prodotto. Allora per uscire dalla spirale del contenuto fine a sé stesso che non genera alcun tipo di interesse, bisogna cambiare prospettiva, ricordando una sola ed unica verità: i social network sono una rete che unisce persone, aziende, enti, in ogni parte del mondo, sono dunque un punto di contatto. Cosa cerca veramente la persona che è venuta in contatto con me, come posso fare per avvicinare un utente, farmi conoscere e vendere il mio prodotto?

Partiamo dalle domande che l’utente può porsi mentre è nella fase di scelta di un prodotto, poi cerchiamo di offrire risposte, che siano le più autentiche possibili ed infine cerchiamo di andare oltre, proponendo argomenti che possano interessare, incuriosire, attrarre. Se la mia azienda vende maglioni, la presenza sui social non potrà dunque limitarsi alla semplice réclame del post con la sola indicazione del prezzo. Non basta agli oltre 40 milioni di utenti attivi sui social ogni giorno in Italia: bisogna andare oltre raccontando le caratteristiche del prodotto, occasioni d’uso e facendo quel passo in più, nel caso specifico ad esempio proponendo diversi abbinamenti. Questi sono contenuti che generano valore per l’utente, perché nel suo processo di acquisito avrà ottenuto tutte quelle informazioni che stava cercando o che si poneva in maniera latente e in ultimo, ma non per minore importanza, avrà maturato un’idea sulle persone che sono dietro al prodotto. Un cliente ben informato e soddisfatto è un cliente fidelizzato, che avrà piacere a ritornare ad acquistare e a consigliare alla sua cerchia di conoscenze, l’acquisto appena effettuato. Nella terminologia del marketing, il brand awareness, che si traduce in immediata riconoscibilità da parte dell’utente di cosa si racchiuda nell’etichetta o nel marchio. Una volta maturata questa consapevolezza, l’utente che ci ha preferito sarà più attento, presente e disposto ad un nuovo acquisto. I social network ci offrono dunque un’opportunità unica di metterci in contatto e di raccontarci, creando relazione prima ancora che vendita e le relazioni sono alla base di ogni rapporto interpersonale.

 


Fonte notizia: https://www.aidr.it/i-contenuti-di-valore-cosa-paga-davvero-sui-social/


AIDR | Social | Facebook | contenuti | Valentina Palmieri |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Elaborazione buste paga Roma  e Consulenza del lavoro


Elaborazione buste paga Roma Nord | Studio Monaco Luca


Domande frequenti sui prestiti senza busta paga


Budapest Winter Invitation: notti gratuite e ingresso ai Centri Benessere


Elaborazione buste paga Roma nord Studio Monaco Luca


Prestiti senza busta paga: ecco come ottenerli


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Dati e illusioni, il paradosso della conoscenza

Dati e illusioni, il paradosso della conoscenza
Un dato è un dato, due dati sono un’osservazione, tre dati sono conoscenza. Detta così, a freddo, senza un’opportuna contestualizzazione, può sembrare una frase rubata a una puntata della serie televisiva The Big Bang Theory. Cosa da non escludere a priori, peraltro. In realtà, si tratta di una riflessione maturata in questi due anni di vita sospesa, anni in cui ogni singolo dato, anche il peggior (continua)

La scuola degli esiti, immaginando il futuro

La scuola degli esiti, immaginando il futuro
Nel passato la scuola doveva svolgere il proprio ruolo educando i ragazzi alla cittadinanza oltre a prepararli al lavoro che da adulti sarebbero andati a svolgere in un contesto noto e previsto. La mission della scuola di allora era preparare gli studenti a una realtà lavorativa statica in un contesto sociale quasi immutabile. Il futuro non è più quello di una volta.Questa affermazione di Paul Valéry (1) ci porta alla domanda conseguente: la scuola può disinteressarsi del futuro che ci attende e continuare ad essere quella di una volta?Credo ci sia un accordo unanime sulla necessità di integrare nei curricoli scolastici contenuti e metodologie che tengano conto delle modifiche socioeconomiche della nostra (continua)

Telemarketing: nuovo intervento del Garante privacy. Sanzione milionaria per Sky

Telemarketing: nuovo intervento del Garante privacy. Sanzione milionaria per Sky
L’Autorità ha rilevato, nelle proprie indagini, molte criticità tra le quali l’effettuazione di chiamate promozionali senza informativa e senza consenso, utilizzando liste non verificate, acquisite da altre società. L’analisi dell’ordinanza ingiunzione emessa dal Garante offre importanti spunti di riflessione e mette in luce alcuni passaggi delle attività di telemarketing idonei a costituire delle “linee guida” per lo svolgimento corretto delle stesse di Federica De Stefani, avvocato e responsabile Aidr Regione LombardiaIl Garante per la protezione dei dati personali interviene nuovamente sulla delicata questione del telemarketing selvaggio e infligge a Sky una sanzione di oltre 3 milioni di euro.Il provvedimento arriva dopo una lunga e complessa attività istruttoria avviata a seguito di decine di segnalazioni e reclami di persone che lamentava (continua)

Il settore vitivinicolo nel PNRR, approfondimento a Digitale Italia

Il settore vitivinicolo nel PNRR, approfondimento a Digitale Italia
A Digitale Italia una puntata dedicata al mondo del vino, eccellenza italiana riconosciuta in tutto il mondo, che durante la pandemia ha ricevuto una battuta di arresto, e ora guarda al Piano di Ripresa e Resilienza con grandissima attenzione. Ospiti del format web di Aidr, Filippo Moreschi, Responsabile dell’Osservatorio Digital Agrifood di AIDR e Luciano Bulgarelli, Presidente Cantina Sociale Quistello. Il settore vitivinicolo nel PNRR, approfondimento a Digitale Italia Moreschi: grazie alla digitalizzazione ci sarà maggiore sostenibilità OSPITIFILIPPO MORESCHI: Resp. Osservatorio AIDR Digital AgrifoodLUCIANO BULGARELLI: Presidente cantina sociale Quistello Cosa prevede il PNRR per il settore vitivinicolo, quali saranno le linee guida per il futuro del comparto? A Digitale Italia una puntata dedi (continua)

Hey Digitale, hai nostalgia per l’Analogico?

Hey Digitale, hai nostalgia per l’Analogico?
I-digit il nuovo e dinamico cartone digitale incontra per caso A-Nalog, un vecchio cartone che riesce a muoversi solo grazie ai disegni del suo grafico e al sapiente lavoro di composizione in successione dei fotogrammi. I-Digit si muove velocemente e riesce a fare tante cose con facilità: bastano poche impostazioni del suo maestro grafico-programmatore per vivere una nuova avventura. Vito Coviello, Socio AIDR e Responsabile Osservatorio Tecnologie Digitali nel settore dei Trasporti e della Logistica.Nella realtà  virtuale ogni cosa è possibile e, quindi,  può anche verificarsi un incontro tra un  personaggio di un cartone digitale con un vecchio personaggio di un cartone nato da una serie di disegni proposti  in rapida successione temporale  per creare (continua)