Home > Altro > Sclerosi multipla: il neurologo gioca un ruolo chiave nella partita contro questa malattia “Bisogna però assolutamente rivedere, a livello toscano, la procedura di rapporti tra ospedale e territorio”

Sclerosi multipla: il neurologo gioca un ruolo chiave nella partita contro questa malattia “Bisogna però assolutamente rivedere, a livello toscano, la procedura di rapporti tra ospedale e territorio”

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

21 ottobre 2021 - Si è tenuto il webinar ‘Focus Toscana: #MULTIPLAYER - La Sclerosi Multipla si combatte in squadra’ promosso da Motore Sanità.


21 ottobre 2021 - Si è tenuto il webinar ‘Focus Toscana: #MULTIPLAYER - La Sclerosi Multipla si combatte in squadra’ promosso da Motore Sanità. Un percorso a tappe per discutere della tematica a 360 gradi suddiviso per regioni, lungo tutto il territorio nazionale, che ha toccato in questo appuntamento la Regione Toscana. Obiettivo sensibilizzare tutte le figure del sistema a una crescita di buona informazione verso il trattamento precoce ed efficace di questa malattia che riguarda, solo in Italia, 130mila persone (in prevalenza donne tra i 20 e i 40 anni). 

“Vorrei sottolineare un aspetto che può sembrare ovvio, ma non lo è. In Italia abbiamo un patrimonio di Centri cresciuti e progrediti nella conoscenza e nella gestione della malattia. Ebbene, il primo statement delle linee guida è che la diagnosi della sclerosi multipla non ha un marcatore universale. È una diagnosi probabilistica, come i colleghi sanno bene e quindi tanto più difficile quanto più precoce, spiega Maria Pia Amato, Professore Ordinario di Neurologia, Università degli Studi di Firenze. Direttore SODc Riabilitazione Neurologica AOU Careggi, Responsabile Centro SM AOU Careggi, Presidente dell’European Committee for Treatment and Research in Multiple Sclerosis (ECTRIMS). “Quando una malattia, qualsiasi malattia, è avanzata e conclamata, la sua diagnosi è certamente più semplice. La diagnosi di questa malattia, che oggi deve essere necessariamente una diagnosi precoce e il trattamento altrettanto precoce con farmaci adeguati, sono da riservare ai neurologi che hanno una competenza specifica di questa malattia. Per noi questo è abbastanza scontato, mentre non lo è invece per i colleghi francesi. Abbiamo un patrimonio di Centri che hanno sviluppato molte competenze, come dicevo prima, e dobbiamo salvaguardarlo tutelando questi Centri. Questi farmaci sono sicuri nel momento in cui il Centro è in grado di assicurare un’identificazione precoce di eventuali alert e di gestirli nella maniera appropriata. È un momento di svolta in cui i Centri vanno fortemente supportati, perché il carico di monitoraggio non è affatto confrontabile a quello della metà degli Anni ’90, fino ai primi Anni 2000, con l’ingresso di questi farmaci più potenti”. 

Un carico che riguarda in prima linea anche gli stessi neurologi, come ha evidenziato Luca Massacesi, Professore Ordinario di Neurologia Università degli Studi di Firenze. Direttore SC Neurologia 2 e Responsabile Centro Riferimento Regionale trattamento Sclerosi Multipla, Azienda Ospedaliera Universitaria Careggi. 

Bisogna assolutamente rivedere, a livello toscano, la procedura di rapporti tra ospedale e territorio almeno per questo tipo di malattie croniche. Per una malattia di questo tipo, con carichi di farmaci impegnativi, urge una soluzione politica, ma anche tecnico-scientifica nel rapporto con la medicina di base, perché il paziente nel 90% del suo tempo sta per fortuna a casa sua, non in ospedale, ha precisato l’esperto nel corso del webinar.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Invito stampa - Focus Lombardia #MULTIPLAYER. La Sclerosi Multipla si combatte in squadra - 20 luglio 2021, Ore 10:30


Nasce a Racale il primo Cannabis social club d'Italia


Multidisciplinarietà e territorio: è questa la ricetta della Regione Puglia contro la Sclerosi Multipla


Multipla Calcio E Singola, Ecco Cosa Sono E Come Funzionano


Sclerosi Multipla: la Lombardia, che da sola registra oltre 21mila casi, ha un ruolo centrale nella lotta di questa malattia


Sclerosi Multipla: “Gioco di squadra e terapia precoce, le armi a disposizione per rallentare la progressione della malattia”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Amiloidosi cardiaca: in 10 anni molto è stato fatto. Ora però occorre accelerare i tempi di diagnosi

“Bisogna lavorare con i medici, le istituzioni, le aziende farmaceutiche per cercare di creare attenzione su questa malattia che, potenzialmente, interessa 25-30mila pazienti in Italia e per la quale è fondamentale intervenire nel suo stadio iniziale” 30 novembre 2021 - Con il termine amiloidosi si intende un gruppo di condizioni rare ma gravi, causate da depositi di proteine anomale, chiamate amiloidi, nei tessuti e negli organi di tutto il corpo. Vengono classificate in localizzate o sistemiche, acquisite o ereditarie. Il cuore rappresenta uno degli organi bersaglio in cui più frequentemente l’amiloide si deposita, dando luogo alla cosid (continua)

Sclerosi Multipla: “Gioco di squadra e terapia precoce, le armi a disposizione per rallentare la progressione della malattia”

30 novembre 2021 - La Sclerosi Multipla (SM) può esordire ad ogni età, ma è più comunemente diagnosticata nel giovane adulto tra i 20 e i 40 anni. 30 novembre 2021 - La Sclerosi Multipla (SM) può esordire ad ogni età, ma è più comunemente diagnosticata nel giovane adulto tra i 20 e i 40 anni. Ci sono circa 2,5-3 milioni di persone con SM nel mondo, di cui 1,2 milioni in Europa e circa 130.000 in Italia. Il numero di donne con SM è doppio rispetto a quello degli uomini, assumendo così le caratteristiche non solo di malattia giovanile ma anche (continua)

Invito stampa - Sostenibilità e appropriatezza nell'innovazione farmacologica in Regione Piemonte - 3 Dicembre 2021, Ore 10:30

venerdì 3 Dicembre, dalle ore 10:30 alle 13, si terrà il webinar ‘Sostenibilità e appropriatezza nell'innovazione farmacologica in Regione Piemonte’, organizzato da Motore Sanità. venerdì 3 Dicembre, dalle ore 10:30 alle 13, si terrà il webinar ‘Sostenibilità e appropriatezza nell'innovazione farmacologica in Regione Piemonte’, organizzato da Motore Sanità. Il Piemonte è la prima e unica Regione in Italia ad aver lanciato la gara di equivalenza terapeutica sull’HCV, a due anni dal via libera di AIFA. Una regione pilota dunque, che dopo oltre un (continua)

Epilessia: come migliorare la presa in carico e combattere lo stigma in 10 punti Ecco il decalogo stilato da Istituzioni, clinici e Associazioni di pazienti, in occasione dell’evento nazionale promosso da Motore Sanità

A fronte di 86 nuovi casi per 100mila abitanti e 180 casi per 100mila abitanti dopo i 75 anni (dati LICE - Lega Italiana Contro l’Epilessia), in Italia si registrano notevoli difficoltà non solo nell’accesso ai farmaci antiepilettici (FAE), ma anche nella loro prescrizione e dispensazione. 25 novembre 2021 - “Le persone con epilessia sono portatori di uno stigma perché la crisi epilettica, già discriminata dalla storia, comporta una difficoltà nella gestione e una non comprensione da parte della società”, ha dichiarato il Dottor Claudio Zanon, Direttore Scientifico di Motore Sanità, in apertura dell’evento “Dati epidemiologici e criticità nella presa in carico della p (continua)

Amiloidosi cardiaca: “Diagnosi tempestiva e nuove terapie disponibili per una migliore presa in carico dei pazienti”

25 novembre 2021 - Sono circa 30 le proteine che, negli esseri umani, possono formare depositi di amiloide, ed il cuore rappresenta uno degli organi bersaglio in cui più frequentemente si deposita, dando luogo alla cosiddetta ‘amiloidosi cardiaca’. 25 novembre 2021 - Sono circa 30 le proteine che, negli esseri umani, possono formare depositi di amiloide, ed il cuore rappresenta uno degli organi bersaglio in cui più frequentemente si deposita, dando luogo alla cosiddetta ‘amiloidosi cardiaca’. Le forme di amiloidosi che più frequentemente coinvolgono il cuore in maniera significativa sono l’amiloidosi AL e l’amiloidosi da transtiretina (amilo (continua)