Home > Economia e Finanza > La digitalizzazione dell’economia italiana? Solo con una formazione etica e innovativa

La digitalizzazione dell’economia italiana? Solo con una formazione etica e innovativa

scritto da: TimeVision | segnala un abuso

La digitalizzazione dell’economia italiana?  Solo con una formazione etica e innovativa

La formazione 4.0 è la chiave di volta per la digitalizzazione delle imprese. La sintesi del webinar "Formazione e lavoro: il futuro è 4.0"


La digitalizzazione dell’economia italiana può avvenire con successo, solo se c’è alla base una formazione etica e innovativa. 

Questo il messaggio emerso con forza durante il webinar Time Vision “Formazione e lavoro: il futuro è 4.0” svolto mercoledì 20 ottobre alle ore 15:30 in modalità digitale. Un pomeriggio di confronto e approfondimenti sulla misura, le sue caratteristiche e i suoi obiettivi, con la testimonianza dei principali attori nazionali e delle imprese che hanno aderito al fine di capire, nel concreto, se lo strumento funziona e come aiuta i business nell’accompagnamento verso la totale digitalizzazione.

Due le regie presenti per l’evento: la prima, nella sede di Castellammare di Stabia, e la seconda presso la filiale di Milano, in viale Monza. 

In apertura di lavori, Andrea Ricciardiello direttore di Time Vision ha sottolineato che  “l’utilizzo di tecnologie abilitanti di nuova generazione richiede nuove competenze tecniche specifiche, così come l’inserimento all’interno di mercati altamente competitivi richiede  competenze manageriali evolute. Dunque, la sfida da vincere è accompagnare le persone ad utilizzare con consapevolezza le nuove tecnologie digitali”.

E proprio la tecnologia, come ha puntualizzato Andrea Prete, presidente nazionale Unioncamere, ha rappresentato lo spartiacque tra l’era pre-pandemica e quella attuale: “diciamoci la verità - ha sottolineato il presidente di Unioncamere - è stata proprio la tecnologia a salvare l’economia. Nel 2020 le abilità digitali di base, come l’uso di internet, sono richieste alla quasi totalità dei laureati, ma nel 65% le competenze in questione devono essere di grado elevato. Anche l’85% dei diplomati Its deve avere conoscenze digitali, che diventano elevate nel 51% dei casi. Quindi ci troviamo con questa situazione sul mercato del lavoro: ci sono grandissime richieste di competenze digitali, e pochi profili realmente adeguati”.

Da qui la centralità della formazione nelle aziende, ma che, oltre ai concetti, sia anche “etica, con la persona al centro”  come ha sottolineato Alessandra Belluccio, presidente AIDP Campania. “Le persone hanno bisogno di un allenamento costante delle competenze - ha aggiunto - che sia focalizzato sul contributo che esse stesse possono dare all’azienda, ma anche sulle proprie aspirazioni. Nessuna competenza, neppure quelle definite soft, deve essere messa in secondo piano rispetto ad altre, perché tutte contribuiscono a formare l’unicità dei lavoratori”.

“Siamo tutti consapevoli del valore delle competenze digitali - ha poi detto Massimiliano Cantafia, Componente Gruppo di Lavoro su Digital Learning e Competenze Digitali di Fonarcom -  ma, nonostante ciò, il sistema di istruzione non è stato in grado di comporre una vera e propria tassonomia di queste competenze. Ci sono almeno sette macrofamiglie di competenze, all’interno delle quali ci sono dentro almeno 250 competenze di base.  É, quindi, importante non solo conoscerle, ma far capire che sono fondamentali per trovare un lavoro. Oggi si deve ragionare per competenze, non per titoli di studio”.

“La trasformazione digitale e il consolidamento delle competenze nelle tecnologie abilitanti sono una chiave di successo indiscussa per le aziende   - ha puntualizzato dalla sede Time Vision di Milano Paolo Braganò, Ceo e fondatore dello studio Braganò & partners - e il ruolo dei consulenti è quello di costruire una vera e propria cassetta degli attrezzi da presentare alle aziende, con all’interno un ventaglio di opportunità, tra cui la formazione 4.0. Perché oggi il vero valore è il mix delle soluzioni”. 

“La centralità delle persone nei percorsi di formazione interni fa sì che le aziende possano essere sempre più competitive e rispondere in maniera veloce alle sfide del mercato globale e della digital transformation - ha detto in conclusione Umberto Caccioppoli, ceo di Fides Consulting, azienda tech che ha avviato un percorso di formazione 4.0 - Ovviamente questo concetto vale sia in caso di formazione del personale già assunto nelle aziende che, nel caso di ricerca sul mercato di nuove figure da inserire. Esattamente come accaduto con la It Academy realizzata in partnership con Time Vision a Milano per la selezione e la formazione di personale specializzato da inserire poi in azienda”. 

formazione 4 0 | webinar | digitalizzazione imprese |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

FINANZA ETICA E NO PROFIT: ALTERNATIVA POSSIBILE


La missione 6 del PNRR: Il Gusto del Futuro della Nuova Sanità


La digitalizzazione attraversa in modo trasversale il Recovery Plan


Ottava Edizione Conferenza sulla Comunicazione e sui Media BRAND IDENTITY. L’IDENTITA’ FRA IMPRESE, BRAND, PRODOTTI E SERVIZI 4 dicembre 2013 Ore 9.30-17.00 Auditorium Enel - Roma, Viale Regina Margherita 125


Transizione digitale e lavoro, le opportunità per pmi e giovani professionisti passano dall'analisi dei dati


La Scuola di Economia Biblica


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La digitalizzazione dell’economia e lo sviluppo delle aziende nel webinar Time Vision “Lavoro e formazione: il futuro è 4.0”

La digitalizzazione dell’economia e lo sviluppo delle aziende nel webinar Time Vision “Lavoro e formazione: il futuro è 4.0”
Accompagnare la competitività delle aziende italiane rispetto alla concorrenza del mercato globale. È partito da questo obiettivo il piano del ministero dello Sviluppo Economico Industria 4.0. Di questo si parlerà mercoledì 20 ottobre 2021, a partire dalle 15:30 nel webinar organizzato da Time Vision “Formazione e lavoro: il futuro è 4.0”. È stata definita come una delle misure necessarie ad accompagnare il passaggio delle aziende italiane nel cammino verso la digitalizzazione, con l’obiettivo specifico di ridurre quanto più possibile il gap tra la situazione italiana e il resto dei Paesi europei. Stando agli ultimi dati del ministero del Lavoro aggiornati a metà giugno 2021, sono stati depositati 4.134 contratti che contenevan (continua)

Le competenze digitali avanzate: fattore chiave per le nuove assunzioni

Le competenze digitali avanzate: fattore chiave per le nuove assunzioni
Le competenze digitali avanzate rappresentano l’elemento di base per ogni assunzione di giovani lavoratori. Il passaggio al digitale dell’economia porta con sè una sempre maggiore necessità di figure esperte, come il web developer. L’It Academy di Time Vision ha organizzato un corso gratuito per diventare web developer, presso la sede di Milano. Le iscrizioni sono ancora aperte. Le competenze digitali, soprattutto se avanzate, rappresentano l’elemento di base per ogni assunzione di giovani lavoratori. L’economia italiana, si sa, parla digitale, e questo è il motivo per il quale ogni azienda ha sempre maggiore bisogno di figure professionali che:abbiano una preparazione solida nell’ambito digitaleo che, in alcuni campi specifici, siano addirittura espertiLe competenze digi (continua)

Le professioni del futuro? Saranno nel digital

Le professioni del futuro? Saranno nel digital
Nei prossimi anni la curva occupazionale si sposterà necessariamente sulle professioni digitali. Alle aziende serviranno esperti del settore che sappiano guidare il processo di transizione digitale. Un esempio su tutti? Il web developer, figura molto cercata per la quale serve una buona formazione. Scopri tutte le opportunità del percorso di formazione-lavoro della It Academy di Time Vision. Le professioni del futuro? Avranno tutte un comune denominatore: il loro imprinting digital. La transizione digitale dell’economia, spinta dal Governo dopo le stretta pandemica, sta già modificando l’organizzazione e la gestione delle aziende. In ogni fase dell’attività aziendale: dalla ricezione di un ordine o incarico, alla realizzazione e alla vendita finale. Sono, dunque, le professioni d (continua)

FONDO NUOVE COMPETENZE: A CHE PUNTO SIAMO?

FONDO NUOVE COMPETENZE: A CHE PUNTO SIAMO?
La proposta emersa dal webinar di Time Vision: “misura più accessibile alle pmi” Una misura valida, utile e importante in questo momento storico, ma che può essere corretta. A partire da una maggiore facilità di accesso alle piccole e medie imprese di tutto il territorio, che sono lo zoccolo duro dell’economia italiana. E’ questa la proposta emersa durante il webinar di Time Vision “Fondo Nuove Competenze: a che punto siamo” svolto ieri giovedì 20 maggio alle ore 15:30 in (continua)

Fondo Nuove Competenze: nuovo webinar Time Vision

 Fondo Nuove Competenze: nuovo webinar Time Vision
Lo hanno definito lo strumento più innovativo delle politiche attive del lavoro. Ma, a distanza di sei mesi dall'avvio, a che punto è il Fondo Nuove Competenze? Questo il tema del webinar gratuito organizzato da Time Vision in programma giovedì 20 maggio alle ore 15:30. Uno strumento innovativo  per quello che riguarda la gestione delle politiche attive del lavoro, arrivata. quasi certamente, in una delle fasi economiche più difficili della storia recente italiana. A sei mesi dall’avvio operativo della misura voluta dal ministero del Lavoro e gestita dall’Anpal, il Fondo Nuove Competenze ha già interessato oltre 2.700 aziende in tutta Italia, coinvolgen (continua)