Home > Lavoro e Formazione > Le 5 professioni più richieste nel settore della logistica secondo Packlink

Le 5 professioni più richieste nel settore della logistica secondo Packlink

scritto da: MARCO | segnala un abuso

 Le 5 professioni più richieste nel settore della logistica secondo Packlink

La rete del valore dell’eCommerce è al terzo posto per incidenza sull’occupazione, in particolare nel settore logistico A ruoli come Supply Chain Manager si associa uno stipendio annuo di 50.000 euro all'anno Nonostante la digitalizzazione del settore, posizioni come autista o magazziniere sono tra le più ricercate nel mercato del lavoro italiano Le professioni del settore logistico nel futuro saranno improntate alla multidisciplinarietà


La logistica ha dimostrato la sua resilienza nell'ultimo anno e mezzo, profondamente segnato dalla pandemia. In questo settore, che rappresenta il 9% del PIL nazionale, operano circa 90 mila imprese e più di 1 milione di lavoratori (fonte: lnps- Coordinamento Generale Statistico Attuariale), di cui 347 mila nel settore dell'autotrasporto (fonte: Confartigianato Trasporti).

Nel secondo semestre del 2020, gli effetti del covid-19 sull’occupazione non hanno risparmiato il settore, seppur colpito in maniera minore rispetto alla media nazionale. Nello specifico la quota dei cassintegrati nella logistica e trasporti ammontava a 35% degli occupati, dieci punti percentuali in meno rispetto alla media nazionale (fonte: lnps- Coordinamento Generale Statistico Attuariale). 

A migliorare l’andamento complessivo dell’occupazione è stato l’e-commerce, il quale ha registrato un incremento di ricavi per 3,5 miliardi con un conseguente aumento del fatturato per le imprese dei servizi postali e attività di corriere del +4,4%, accompagnato da una crescita dell’occupazione delle imprese  (6,7% sul totale) e degli investimenti in mezzi di trasporti  del +10,5% (fonte: Confartigianato Trasporti).

Nel suo totale, la rete del valore dell’e-commerce è al terzo posto sia per incidenza sul fatturato del settore privato, sia per variazione dell’incidenza sull’occupazione in Italia” sottolinea Noelia Lázaro, Direttore Marketing di Packlink. “Questo perché l’e-commerce è strettamente connesso, a monte e a valle, a diversi settori economici. Tra questi, la logistica è quello che maggiormente ha riportato mutamenti dati dalla sua stretta connessione con il commercio elettronico e la digitalizzazione, con un conseguente cambiamento nei profili professionali richiesti. Non si tratta più, solamente, dello stoccaggio merci da un punto A ad un punto B, ma anche di ottimizzare il flusso logistico a partire dai Big Data”. 

I cinque profili più richiesti nel settore della logistica

Sempre più forte è l’interconnessione tra logistica ed eCommerce, la quale impatta anche nelle figure professionali più richieste. Packlink, piattaforma di soluzioni logistiche che supporta più di 36.000 PMI in tutta Europa, ne ha identificate 5:

  • Autista di camion: proprio come conseguenza del boom dell’ecommerce, una  tra le figure professionali più richieste è proprio quella dell'autista. Ad oggi, sono più di 5.000 gli autisti che mancano, in particolare nelle regioni del centro e nord Italia. Stima che è destinata ad aumentare drasticamente, con una previsione per i prossimi due anni di ben 17.000 guidatori da assumere.
  • Spedizioniere e Responsabile del traffico: Il responsabile del traffico è l’incaricato di monitorare in ogni momento i veicoli dell'azienda. La sua funzione è essenziale affinché le consegne avvengano nei tempi stabiliti, per gestire eventuali incidenti ed inviare l'autista adeguato quando un servizio lo richiede. Oltre a controllare tutti i dati dei conducenti, deve avere una conoscenza approfondita delle norme sulla circolazione e dello stato dei veicoli, mantenendo un rapporto costante con gli uffici finanziari e risorse umane dell'azienda.
  • Supply Chain Manager: Non è una posizione appena creata, ma è diventata sempre più complessa e, dunque, più apprezzata tra le aziende del settore, con stipendi iniziali superiori a 50.000 euro l'anno. Il responsabile della catena di fornitura è il responsabile della gestione e dell'organizzazione di tutte le attività di acquisizione, produzione e distribuzione delle merci, dovendo integrare le operazioni a livello di flussi materiali e flussi informativi. Si tratta, insomma, di un profilo multidisciplinare, generalmente con una vasta esperienza nel settore ed abile in comunicazione, negoziazione e gestione.
  • Data Analyst: In realtà, il data analyst è diventato un professionista praticamente indispensabile per qualsiasi tipo di attività, ed è per questo che le sue possibilità non si limitano solo alla pura logistica, ma anche ai settori marketing e commerciale, sempre più strettamente correlati. L'analista dei dati è la persona incaricata di estrarre, analizzare e presentare l'enorme quantità di dati che le aziende gestiscono. Grazie a questo, si può ottimizzare ed automatizzare un numero enorme di processi, aiutando ad identificare percorsi più efficienti e veloci o a gestire i centri logistici in modo più efficiente.

  • Responsabile del magazzino: si prevede, nei prossimi anni, una crescita del 3% di questa figura, soprattutto nel Sud Italia e nelle Isole. Questa figura deve  assicurare il funzionamento efficiente di un magazzino, al giorno d’oggi divenuto sempre più complesso. Si occupa dunque della gestione del personale ed organizza le risorse e i processi necessari per la ricezione, lo smistamento, lo stoccaggio e la spedizione di merci di ogni tipo.

Molte di queste professioni appena 10 anni fa non esistevano nella loro forma attuale e questo è dovuto all'alta tecnologia e alla digitalizzazione del settore. Una tendenza che continuerà nel tempo e, con l'automazione dei centri di distribuzione e l'emergere di veicoli autonomi, ha senso pensare che molti dei futuri posti di lavoro nel settore della logistica non esistono ancora. Questa, oltre ad essere una sfida, è un'eccellente opportunità per il settore di reclutare talenti da altri campi e diversificare e aumentare le nostre capacità”, conclude Noelia Lázaro, Direttore Marketing di Packlink.

e-commerce | lavoro | logistica |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Spedizioni in ritardo? Per gli italiani la colpa non è (sempre) del corriere. La ricerca di Packlink


Energo Logistic: Francesco Pavolucci, siamo presenti su Logistica Management 2018


Il futuro della logistica: Sostenibilità, Big data e Intelligenza Artificiale


Packlink e la Fondazione Balia: un altro anno insieme


“BRAIN AT WORK” – FESTIVAL DEL LAVORO E DELLE NUOVE PROFESSIONI


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Personalizzati e fatti a mano, Hockerty presenta i migliori abiti per inverno 2022

Personalizzati e fatti a mano, Hockerty presenta i migliori abiti per inverno 2022
L'inverno è sinonimo di outfit caldi e comodi. Cappotti in lana, completi in tweed, camicie in flanella, questa stagione Hockerty ha selezionato i materiali più pregiati per le temperature più rigide.Gli abiti da uomo non sono più soltanto bluPantone ha eletto il Giallo Illuminating e Ultimate Gray come i colori dell’anno: Il primo rappresenta la speranza, una luce che illumina il futuro; il secon (continua)

Le scarpe femminili? Tu le crei online con pochi click e gli artigiani le producono a mano

Le scarpe femminili? Tu le crei online con pochi click e gli artigiani le producono a mano
L'idea è della startup Sumissura, brand digital native che permette la realizzazione di calzature (e abbigliamento sartoriale) direttamente online. Il cliente disegna e personalizza le proprio scarpe e gli artigiani le creano a mano con materiali al 1oo% Made in Italy. Come rilanciare l'artigianato tramite il digitale? Ci pensa Sumissura, il primo e-commerce pensato per la realizzazione (continua)

Autunno, tempo di viaggi e scooter sharing

Autunno, tempo di viaggi e scooter sharing
L’Autunno riporta i visitatori nelle città d’arte e cresce la scelta di soluzioni green. Con la pandemia c’è stata una riscoperta dell’ambiente e un forte orientamento alla sostenibilità: il 57% italiani ha dichiarato di voler viaggiare in modo più sostenibile e 8 italiani su 10 desiderano spostarsi riducendo il più possibile l’impatto ambientale. Difatti, lo scooter sharing ha mostrato le migliori performance in termini di offerta di veicoli e iscrizioni (+ 45% e +30%) ed è stato anche il servizio che ha registrato meno perdite. Dopo un anno il turismo italiano ha subito una flessione del -60% rispetto al 2019, con l’allentamento delle restrizioni tornano i primi segnali positivi: giugno e luglio hanno fatto registrare una crescita molto sostenuta (+40%) e per l’autunno si stima un ulteriore recupero.Da Settembre ad Ottobre 2021 sono cresciute del +103% le ricerche in Google di viaggi con destinazione Italia, con Roma in (continua)

6 consigli per affiancare alla tua impresa un eCommerce di successo

6 consigli per affiancare alla tua impresa un eCommerce di successo
Ad oggi, sono circa 70.000 le PMI che dispongono di strumenti per il commercio elettronico e, nel mercato dell'e-commerce, si prevede che il numero di utenti raggiungerà i 40,4 milioni entro il 2025. Ma come affiancare un eCommerce ad un negozio fisico? Packlink ha stilato alcune regole d’oro per creare e gestire un eCommerce di successo. In Italia, lo scorso anno il valore degli acquisti online ha raggiunto un ammontare di 30,5 miliardi di euro. Questa tendenza, accelerata dalla pandemia, nei prossimi anni mira a stabilizzarsi sempre più. Entro il 2025, infatti, si prevede che il numero di utenti nel settore dell’eCommerce raggiungerà i 40,4 milioni  (Fonte: statista)Osservando, nello specifico, il panorama delle PMI italiane (continua)

Perché preferire l'eCommerce al commercio tradizionale? L'analisi di Packlink

L’eCommerce si sta consolidando sempre di più come soluzione per gli acquisti: ma può portare dei vantaggi ambientali? L'analisi di Packlink mostra come gli acquisti online possono essere la scelta ecologica, a seconda del tipo di acquisto e della distanza da percorrere Tra le nostre abitudini, ormai consolidatesi anche durante il lockdown, occorre menzionare l’eCommerce. La sua crescita fulminea, in parte accelerata dalla pandemia, segue il trend degli anni precedenti, mostrando un profondo cambiamento nelle scelte d’acquisto dei consumatori: 7 italiani su 10 si definiscono sempre più attenti alle questioni ambientali e ritengono che le aziende debbano considera (continua)