Home > Lavoro e Formazione > L’Unione Madonie tra i beneficiari di una borsa di studio per “dottorati comunali”.

L’Unione Madonie tra i beneficiari di una borsa di studio per “dottorati comunali”.

scritto da: LOsservatorio | segnala un abuso

L’Unione Madonie tra i beneficiari di una borsa di studio per “dottorati comunali”.

Il dottorato è stato attivato con l’Università di Camerino e mira a promuovere la ricchezza del territorio e delle comunità locali valorizzando le risorse naturali e culturali. Le candidature entro il prossimo 4 novembre


Finanziata una borsa di studio per “dottorati comunali” all’Unione Madonie. Il Bando, indetto in via sperimentale dall’Agenzia per la coesione territoriale, era rivolto ai comuni presenti nelle aree interne, anche in forma associata, individuate ai sensi della “Strategia Nazionale delle aree interne” (SNAI).

Il Dottorato dell’Unione Madonie è stato attivato con l’Università di Camerino e si svilupperà in tre anni accademici.

“La nostra proposta – spiega il presidente dell’Unione Madonie Pietro Macaluso e il coordinatore tecnico della SNAI Alessandro Ficile - è tra le quaranta ammesse a finanziamento delle 110 richieste presentate.  Le risorse che ammontano a 75 mila euro serviranno a finanziare una borsa di studio aggiuntiva rispetto a quelle già deliberate per il ciclo di Dottorato al quale si riferiscono. L’Università di Camerino ha già aperto le procedure per la selezione degli interessati”.

La richiesta di candidatura scade il 4 novembre prossimo e va inviata on line.

L’avviso e la relativa documentazione può essere consultata sul seguente link: https://isas.unicam.it/2021-phd-call-applications-second-session.

L’attività di dottorato si svolgerà in tre anni e seguirà il seguente programma:

Il primo anno prevede lo studio e l’analisi dell’area interna madonita avuto riguardo alle potenzialità territoriali per lo sviluppo di green community, al monitoraggio e studio della normativa di settore e dell’evoluzione legislative in materia. Prevista anche una attività di supporto allo studio e all’analisi della modulistica contrattuale, la realizzazione di un report sull’attività di studio e presentazione ai Comuni.

Il secondo anno prevede lo sviluppo di una strategia che miri ad apportare benefici sociali ed economici legati alla riduzione dei costi della bolletta energetica, alla mitigazione dei consumi, all’efficientamento energetico degli edifici pubblici e privati. Previste delle azioni di informazione per la crescita della consapevolezza dei cittadini dei Comuni coinvolti, lo studio di modalità di finanziamento per la valorizzazione del territorio e lo sviluppo territoriale puntando sulla valorizzazione delle risorse naturali e culturali oltre ad essere di supporto alla candidatura per il riconoscimento delle green communities, elaborare report sulle principali best practice e casi di successo.

Il terzo anno di dottorato verterà sulla possibilità di fare ricorso agli strumenti di finanza per la realizzazione delle attività già indicate con il fine di creare green community. Applicare gli studi condotti nei precedenti anni accademici alla valorizzazione delle attrazioni turistiche del territorio attraverso il ricorso sia alle filiere locali di energie rinnovabili già presenti nel territorio come i parchi fotovoltaici che alla nascita delle Comunità energetiche. Realizzazione di un vademecum che raccolga informazioni a beneficio delle autorità locali e dei cittadini propedeutico a rendere le Madonie 100% rinnovabili in 10 anni, grazie al ricorso ad un modello di poligenerazione diffusa.

unione madonie | unicam | camerino | dottorato comunale | snai |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

DIMENSIONAMENTO SCOLASTICO. LA SCUOLA COME PRESIDIO DI COMUNITA’ NON PUO’ ESSERE LEGATA SOLAMENTE AI NUMERI


Ridimensionamento scolastico. L’Unione Madonie chiede all’assessore Lagalla di modificare il decreto


Strada di Piano Battaglia, l’Unione Madonie consegna il progetto all’Assessorato Infrastrutture per l’emissione del decreto di finanziamento


Madonie Living Lab, verso la costituzione del gruppo di lavoro che programmerà le attività


Nasce il Madonie Living Lab, uno spazio di lavoro community-operated. La sede a Petralia Sottana


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

AGROALIMENTARE, NASCE LA CONSULTA DEI DISTRETTI DEL CIBO.

AGROALIMENTARE, NASCE LA CONSULTA DEI DISTRETTI DEL CIBO.
Tra i distretti aderenti anche quello delle “Filiere e dei Territori di Sicilia in Rete” del quale fa parte il GAL Madonie. Nasce la Consulta dei Distretti del Cibo per affrontare tutti assieme la sfida della transizione verso un sistema Agroalimentare sostenibile del nostro Paese.La sottoscrizione dello Statuto della Consulta dei Distretti del Cibo è avvenuta giovedì scorso alla presenza del Ministro Stefano Patuanelli presso il Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali. Al tavolo si sono riu (continua)

Ecomuseo madonie, le comunità chiamate a descrivere la propria identità culturale

Ecomuseo madonie, le comunità chiamate a descrivere la propria identità culturale
Il progetto finanziato all’Unione Madonie tende a rafforzare l’omogeneità culturale, geografica e paesaggistica, del territorio coinvolto. Arrivano 15 mila euro per l’Ecomuseo Madonie. La somma è destinata all’individuazione, con il supporto delle comunità, degli elementi materiali ed immateriali attorno ai quali ogni comunità interessata si riconosce e si ritrova. L’Ecomuseo, infatti, è una forma museale che mira a conservare, comunicare e rinnovare l’identità culturale di un piccolo territorio. L’avvenuto finanziamento del pr (continua)

Francesco Migliazzo nominato vice presidente regionale della Rete Rurale Siciliana

Francesco Migliazzo nominato vice presidente regionale della Rete Rurale Siciliana
Si è tenuto stamani il Consiglio direttivo della Rete Rurale Siciliana, l’Associazione dei GAL attualmente operanti in Sicilia, nell’ambito della Programmazione 2014-2022, per assegnare le nuove deleghe di Presidente, Vice Presidente e Segretario.Dopo l’elezione di Francesco Paolo Migliazzo, sindaco di Gangi, come nuovo Presidente del GAL ISC MADONIE, i GAL della Sicilia occidentale, riunitis (continua)

Le Madonie partecipano all’elaborazione del Piano Strategico della città di Palermo

Le Madonie partecipano all’elaborazione del Piano Strategico della città di Palermo
La città metropolitana non deve essere solamente un punto di approdo ma anche di ripartenza. Le Madonie contribuiscono all’elaborazione del Piano Strategico della Città Metropolitana di Palermo. Lo scorso mese di luglio è iniziato il processo di elaborazione del Piano Strategico del capoluogo il cui percorso, elaborato da società specializzate, prevedeva anche un confronto con gli stakeholder del territorio al fine di determinare gli obiettivi da raggiungere e i progetti concreti da (continua)

Il GAL Madonie accoglie Samuel Lo Gioco che promuove lo smart working

Il GAL Madonie accoglie Samuel Lo Gioco che promuove lo smart working
Il mercato del lavoro ha svuotato borghi e zone rurali ma, oggi, lo smart working può invertire tale tendenza. L’iniziativa si inquadra nel progetto di connettività delle aree bianche del territorio del GAL Madonie. Il GAL Madonie ha ospitato alcune tappe del progetto Van Working di Samuel Lo Gioco formatore della pubblica amministrazione e fondatore di Smart Working Magazine. Le località visitate da Samuel Lo Gioco, esperto di lavoro agile e ideatore del progetto, sono state Nicosia, Lascari, Bompietro, Valledolmo e Roccapalumba. Paesi scelti in rappresentanza dei Centri Stella del GAL Madonie dove Lo G (continua)