Home > Ambiente e salute > Il farmaco biosimilare per la cura delle malattie reumatiche: il Piemonte è un modello di eccellenza sanitaria

Il farmaco biosimilare per la cura delle malattie reumatiche: il Piemonte è un modello di eccellenza sanitaria

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

26 Ottobre 2021 - In Piemonte i centri piemontesi di Reumatologia, quali l’ospedale Molinette di Torino, l’ospedale di Cuneo, l’ospedale di Alessandria e di Novara, dal 2017 ad oggi hanno portato allo switch da farmaco originator a farmaco biosimilare oltre 750 pazienti.


26 Ottobre 2021 - In Piemonte i centri piemontesi di Reumatologia, quali l’ospedale Molinette di Torino, l’ospedale di Cuneo, l’ospedale di Alessandria e di Novara, dal 2017 ad oggi hanno portato allo switch da farmaco originator a farmaco biosimilare oltre 750 pazienti. Dei pazienti che dal 2017 in avanti erano candidabili allo switch verso un biosimilare solo il 4% ha mantenuto la terapia con originator. Suddividendo i pazienti per patologie, il 42% dei pazienti è affetto da artrite reumatoide, il 32% da artrite psoriasica e il 20% da spondiliti

Il Piemonte si dimostra un’eccellenza sanitaria in tema di utilizzo di farmaci biosimilari in reumatologia. Questi numeri sono stati presentati durante il webinar ‘I biosimilari in Piemonte: un’eccellenza italiana’ organizzato da Motore Sanità

“Nel 2017, quando abbiamo iniziato questa massiccia esperienza di switch, in realtà in Italia praticamente l'esperienza dell'utilizzo del biosimilare era fondamentalmente agli albori nella reumatologia, vi era qualche esperienza dell'utilizzo nel paziente naive ma pressoché nessuna esperienza negli switch da originator a biosimilari. Ci siamo rifatti alle esperienze, allora discretamente consistenti, anche se non enormi, del Nord Europa, ma di fatto in Piemonte siamo stati dei pionieri sotto questo aspetto – ha spiegato Nicoletta Romeo, Direttore SSD Reumatologia AO Santa Croce e Carle, Cuneo –. Abbiamo creduto nella possibilità di passare all’utilizzo massiccio dei biosimilari grazie alla condivisione tra i vari centri prescrittori, che ha portato alla realizzazione di un documento che poi ci ha guidato nell'esperienza successiva”

“In Piemonte abbiamo una retention rate superiore al 90% che perdura nel tempo, il dropout del biosimilare è paragonabile a quello dell'originator e non ci sono incrementi di dropout negli switch multipli” ci ha tenuto a precisare Aurora Ianniello, Dirigente Medico dell’Ambulatorio di Reumatologia dell’ASL Novara.

In reumatologia I farmaci biosimilari si sono dimostrati efficaci e sicuri, ma ci sono degli aspetti da considerare

“Il successo dello switch da originatore a biosimilari deve essere valutato in base alla persistenza in terapia; atteggiamenti impositivi da parte dei decisori possono accentuare resistenze alla prescrizione e contribuire all'effetto nocebo; la consapevolezza del paziente è presupposto all'aderenza e alla persistenza; un colloquio informativo efficace è presupposto per aderenza e persistenza in terapia; ulteriori dati sono necessari per conoscere i determinanti dell’insuccesso – ha spiegato Enrico Fusaro, Direttore SC Reumatologia AOU Città della Salute e della Scienza di Torino -. Si deve, insomma, mantenere il patto tra prescrittore e decisori in modo da evitare imposizioni, rispettare le indicazioni che provengono dalle evidenze scientifiche, una parte delle risorse liberate con l'utilizzo dei biosimilari siano reinvestite nella nuove opportunità terapeutiche e nel miglioramento dell'assistenza reumatologica, specie per quanto riguarda la diagnosi precoce e la gestione integrata con il medico di medicina generale complessivamente nell'accesso alle strutture nelle tutele del paziente”. Come per la cura delle malattie reumatiche, i farmaci biosimilari rappresentano una grande opportunità anche per la sostenibilità dei sistemi sanitari a livello mondiale

Secondo Patrizia Gamerro, Dirigente presso SCR Piemonte S.p.a. “I farmaci biosimilari rappresentano un'opportunità di governo della spesa farmaceutica". “Inoltre l'applicazione della normativa si propone come metodo per favorire la competizione garantendo terapie sicure ed efficaci mentre l'abbattimento dei costi permette di liberare risorse preziose da allocare in altri ambiti, tutto ciò garantendo sempre e comunque la libertà prescrittiva del medico”.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Il farmaco generico e le norme sulla responsabilità nella prescrizione


Farmaco brevetto scaduto: la responsabilità del medico prescrittore


Farmaci biosimilari: “La best practice della Regione Piemonte”


Biosimilare insulina glargine: AssoGenerici, via libera UE


Farmaco generico e farmaco brand: quali sono le differenze?


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Amiloidosi cardiaca: in 10 anni molto è stato fatto. Ora però occorre accelerare i tempi di diagnosi

“Bisogna lavorare con i medici, le istituzioni, le aziende farmaceutiche per cercare di creare attenzione su questa malattia che, potenzialmente, interessa 25-30mila pazienti in Italia e per la quale è fondamentale intervenire nel suo stadio iniziale” 30 novembre 2021 - Con il termine amiloidosi si intende un gruppo di condizioni rare ma gravi, causate da depositi di proteine anomale, chiamate amiloidi, nei tessuti e negli organi di tutto il corpo. Vengono classificate in localizzate o sistemiche, acquisite o ereditarie. Il cuore rappresenta uno degli organi bersaglio in cui più frequentemente l’amiloide si deposita, dando luogo alla cosid (continua)

Sclerosi Multipla: “Gioco di squadra e terapia precoce, le armi a disposizione per rallentare la progressione della malattia”

30 novembre 2021 - La Sclerosi Multipla (SM) può esordire ad ogni età, ma è più comunemente diagnosticata nel giovane adulto tra i 20 e i 40 anni. 30 novembre 2021 - La Sclerosi Multipla (SM) può esordire ad ogni età, ma è più comunemente diagnosticata nel giovane adulto tra i 20 e i 40 anni. Ci sono circa 2,5-3 milioni di persone con SM nel mondo, di cui 1,2 milioni in Europa e circa 130.000 in Italia. Il numero di donne con SM è doppio rispetto a quello degli uomini, assumendo così le caratteristiche non solo di malattia giovanile ma anche (continua)

Invito stampa - Sostenibilità e appropriatezza nell'innovazione farmacologica in Regione Piemonte - 3 Dicembre 2021, Ore 10:30

venerdì 3 Dicembre, dalle ore 10:30 alle 13, si terrà il webinar ‘Sostenibilità e appropriatezza nell'innovazione farmacologica in Regione Piemonte’, organizzato da Motore Sanità. venerdì 3 Dicembre, dalle ore 10:30 alle 13, si terrà il webinar ‘Sostenibilità e appropriatezza nell'innovazione farmacologica in Regione Piemonte’, organizzato da Motore Sanità. Il Piemonte è la prima e unica Regione in Italia ad aver lanciato la gara di equivalenza terapeutica sull’HCV, a due anni dal via libera di AIFA. Una regione pilota dunque, che dopo oltre un (continua)

Epilessia: come migliorare la presa in carico e combattere lo stigma in 10 punti Ecco il decalogo stilato da Istituzioni, clinici e Associazioni di pazienti, in occasione dell’evento nazionale promosso da Motore Sanità

A fronte di 86 nuovi casi per 100mila abitanti e 180 casi per 100mila abitanti dopo i 75 anni (dati LICE - Lega Italiana Contro l’Epilessia), in Italia si registrano notevoli difficoltà non solo nell’accesso ai farmaci antiepilettici (FAE), ma anche nella loro prescrizione e dispensazione. 25 novembre 2021 - “Le persone con epilessia sono portatori di uno stigma perché la crisi epilettica, già discriminata dalla storia, comporta una difficoltà nella gestione e una non comprensione da parte della società”, ha dichiarato il Dottor Claudio Zanon, Direttore Scientifico di Motore Sanità, in apertura dell’evento “Dati epidemiologici e criticità nella presa in carico della p (continua)

Amiloidosi cardiaca: “Diagnosi tempestiva e nuove terapie disponibili per una migliore presa in carico dei pazienti”

25 novembre 2021 - Sono circa 30 le proteine che, negli esseri umani, possono formare depositi di amiloide, ed il cuore rappresenta uno degli organi bersaglio in cui più frequentemente si deposita, dando luogo alla cosiddetta ‘amiloidosi cardiaca’. 25 novembre 2021 - Sono circa 30 le proteine che, negli esseri umani, possono formare depositi di amiloide, ed il cuore rappresenta uno degli organi bersaglio in cui più frequentemente si deposita, dando luogo alla cosiddetta ‘amiloidosi cardiaca’. Le forme di amiloidosi che più frequentemente coinvolgono il cuore in maniera significativa sono l’amiloidosi AL e l’amiloidosi da transtiretina (amilo (continua)