Home > Altro > INSIEME ALLA MUSICA (Forlì, autunno 2021)

INSIEME ALLA MUSICA (Forlì, autunno 2021)

scritto da: Paola Cecchini | segnala un abuso

INSIEME ALLA MUSICA (Forlì, autunno 2021)

Il 2021 è anche l’anno della ripartenza dello spettacolo dal vivo e ForlìMusica è stata tra le prime realtà in Italia a rendere di nuovo possibile l'incontro tra grandi musicisti ed il loro pubblico. La nostra rassegna musicale autunnale lo testimonia appieno’. (Danilo Rossi, direttore artistico di 'ForlìMusica)


‘Il 2021 è stato un anno molto   importante   per   la   nostra associazione e per tutto il mondo della cultura: ha segnato la nascita di ForlìMusica Aps, avvenuta grazie alla fusione dell’Associazione ‘Amici dell’Arte’ e Orchestra ‘Bruno Maderna’ dopo dieci anni di esperienza comune.

Il 2021 è anche l’anno della ripartenza dello spettacolo dal vivo e ForlìMusica è stata tra le prime realtà in Italia a rendere di nuovo possibile l'incontro tra grandi musicisti ed il loro pubblico.

La nostra rassegna musicale autunnale lo testimonia appieno’.

 

Così Danilo Rossi - prima Viola solista dell’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano e direttore artistico della rassegna- ha presentato alla stampa la stagione musicale autunnale di Forlì, sua città natale.

Vogliamo per l’occasione sottolineare questo momento straordinario creando il Premio  ‘ForlìMusica’ che ogni anno sarà consegnato ad una delle più importanti personalità della musica mondiale - ha continuato Rossi.

‘La prima edizione sarà dedicata a Leo Nucci  (Castiglione dei Pepoli, 1942) , straordinario baritono che ha calcato - e calca tuttora - i più importanti teatri del mondo. La serata del 30 ottobre vedrà una delle voci storiche di Rai RadioTre,  il musicologo Oreste Bossini   , chiacchierare a ruota libera con il M°Nucci, da sempre allergico al divismo, ‘vero lavoratore dell’opera’ (come usa definirsi), forse il Rigoletto più famoso del mondo. Ascolteremo durante la serata arie celebri che Nucci ci proporrà accompagnato al pianoforte dal M°  Davide Cavalli. La  serata, com’è giusto,   vedrà   protagonisti   anche  due  giovanissimi   premiati   nell’ultima   edizione   del concorso musicale ‘Adotta un Musicista’: Giovanni Reggio al pianoforte e Federico Nogarotto al violino’.

Il Premio ‘ForlìMusica’ farà da prologo alla stagione autunnale che continuerà all’insegna della fantasia,   delle   novità   e   dell'alta   qualità   musicale.  

Lunedì 8 novembre sarà a Forlì il mitico Zio Rock  Omar Pedrini  (frontman dei Timoria, ma anche cantautore, autore di libri, presentatore, uomo   di   spettacolo   a   tutto   tondo)  che   con   la   sua   band  trasporterà il pubblico lungo tre decenni di musica, di impegno artistico e civile, sempre sostenuto da una grande vitalità che lo rende  punto di riferimento anche per le nuove generazioni.

Martedì 23 novembre, per la serata dedicata al pianoforte, sarà la volta di Gile Bae,  stupenda concertista olandese (Capelle aan den Ijsel, 1994), già allieva dell'Accademia Pianistica di Imola del Maestro Scala,   tra le più

valenti esponenti della nuova generazione di pianisti nel mondo. Per ‘ForlìMusica’  proporrà un programma che viaggia musicalmente   tra  il  periodo  barocco e  quello romantico con straordinari brani di Bach e Chopin fino a Schumann.     

Lunedì 6 dicembre sarà la volta del duo ‘violino e chitarra’ Giuseppe Gibboni e Carlotta Dalia.  Poco più che ventenni, questi due giovani musicisti sono il futuro del concertismo italiano. Già vincitori di numerosissimi concorsi nazionali e internazionali, ci porteranno a spasso con grande fantasia  tra il virtuosismo violinistico e chitarristico di Niccolò Paganini, Mario Castelnuovo Tedesco e  Eugène-Auguste Ysaÿe.

Infine due serate orchestrali: l’appuntamento del 16 dicembre sarà dedicato al barocco, con l’esibizione dell'Accademia Bizantina (ensemble  di altissimo livello diretto dal M° Ottavio Dantone), storica formazione che si dedica alla produzione barocca con una lettura filologica e su strumenti antichi.

L’evento si ispira alla tradizione dei concerti dedicati al Natale, tradizione che nacque e si sviluppò nel contesto italiano sul finire del Seicento e l’inizio del Settecento.

Capostipite e brillante punto di riferimento di questo repertorio   fu  Arcangelo Corelli,   codificatore   della   forma   del   cosiddetto ‘concerto   grosso’,  vera   e   propria   fonte   di ispirazione   per   i   compositori   contemporanei   e   delle   generazioni   successive.          

Il   secondo   appuntamento orchestrale –ha infine concluso Rossi -si terrà in data 21 dicembre  presso l’Abbazia di San Mercuriale e concluderà   la   rassegna:   vedrà   impegnata   la   nostra Orchestra ‘Bruno Maderna’ assieme ai  Cori ‘San Paolo’ e ‘Cappuccinini’    diretti dal  M°Enrico Pollini, in un concerto natalizio con ingresso ad offerta libera il cui ricavato verrà destinato alla Croce Rossa e alla Cooperativa sociale ‘CavaRei’. Sarà l’occasione per fare gli auguri di Natale a tutta la città.

Vi aspettiamo’.

 


Fonte notizia: https://www.forlimusica.it/


Forlì | Danilo Rossi | musica |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Grande successo per la VI Edizione del Festival delle Arti Noi per Napoli 2021


Arteam Cup 2020


La moda di Eleonora Altamore continua a fare notizia


Loredana Galante. La Rivoluzione Gentile


Rotonda dei fiori


Il Cigno Nero: Volatilità e Rischio di portafoglio


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Si scaldano i motori per MARCHE FESTIVAL

Si scaldano i motori per MARCHE  FESTIVAL
Nell’orizzonte musicale della nostra regione, si palesa una nuova rassegna, ‘Marche Festival’, che prenderà il via domenica 12 dicembre (alle ore 18) presso il Teatro ‘La Fenice’ di Senigallia. In scena il violinista Ugo Ughi e l'orchestra da camera 'I Virtuosi Italiani' Nell’orizzonte musicale della nostra regione, si palesa una nuova rassegna, ‘Marche Festival’, che  prenderà il via domenica 12 dicembre (alle ore 18) presso il Teatro ‘La Fenice’ di Senigallia.Progettato da Federico Mondelci e Antonella Cecere per conto dell’Associazione ‘Le muse’,  è patrocinato dal  Comune di Senigallia e gode del sostegno di enti pubblici e privati qu (continua)

L'elisir d'amore: note varie

L'elisir d'amore: note varie
‘L’elisir d’amore’ è la più celebre commedia di Donizetti, anzi forse il titolo più famoso del suo sterminato catalogo e certamente il più rappresentato nel mondo. L’elisir viene proposto dal Festival 2021 in una versione mai ascoltata in Italia: assolutamente integrale, per cominciare, nelle tonalità originali ed eseguita con gli strumenti storici, alla ricerca del suono ‘autentico’ dell’orchestra di Donizetti. Sorpresa garantita: ascoltare un’opera che crediamo tutti di conoscere ma che ‘suona’ in maniera del tutto diversa da quella cui siamo abituati. ‘L’elisir d’amore’ è la più celebre commedia di Donizetti, anzi forse il titolo più famoso del suo sterminato catalogo e certamente il più rappresentato nel mondo. La sua fortuna critica e di pubblico non è mai venuta meno a partire dal debutto, nel 1832. Un successo costante e indiscusso che stupì lo stesso compositore che all’inizio non si era reso conto di aver scritto uno dei suoi capolav (continua)

Medea in Corinto: note varie

Medea in Corinto: note varie
Uno dei capolavori di Giovanni Simone Mayr, considerato all’epoca un’opera ‘intellettuale’ e avanguardista, è ‘Medea in Corinto’, scritta su libretto di un giovane Felice Romani che nel 1813 trionfò al ‘San Carlo’ di Napoli e che rimane tuttora il titolo più celebre di Mayr e sicuramente il più rappresentato. Il “bavarese bergamasco” Giovanni Simone Mayr (1763-1845) è oggi ricordato soprattutto per essere stato il maestro di Gaetano Donizetti: maestro di cappella in Santa Maria Maggiore dal 1802, aveva istituito delle lezioni gratuite di musica per i ragazzi poveri di Bergamo. Mayr fu anche un grande operista, fra i maggiori della generazione pre-rossiniana, scritturato e rappresentato in tutta E (continua)

Adriana Lecouvreur al Teatro Comunale di Bologna

Adriana Lecouvreur al Teatro Comunale di Bologna
Bel successo al Teatro Comunale di Bologna per la messa in scena dell'opera 'Adriana Lecouvreur' di Francesco Cilea nell'ambito della stagione musicale 'Autunno all'opera' A seguito del successo in versione film-opera su Rai5 dello scorso marzo, ‘Adriana Lecouvreur’ di Francesco Cilea è stata ripensata per lo spazio del palcoscenico ed ha incontrato finalmente il pubblico del Teatro Comunale di Bologna domenica 14 novembre (repliche il 16,18 e 20)  nell’ambito della stagione musicale ‘Autunno all’Opera’.Belle le voci di tutto il cast, in particolare quell (continua)

Premio giornalistico nazionale 'Giuseppe (Bepi) Franzon' alla pesarese Paola Cecchini

Premio giornalistico nazionale 'Giuseppe (Bepi) Franzon' alla pesarese Paola Cecchini
È Paola Cecchini - giornalista professionista di Pesaro e redattrice di ‘Progetto Radici’ curato dall'Associazione Nazionale ‘Italiani nel Mondo’ (ANIM) - la vincitrice del quarto premio giornalistico dedicato alla memoria di Giuseppe ‘Bepi” Zanfron’, iniziativa quest’anno dedicata all’emigrazione italiana di ieri e di oggi, organizzata da Assostampa Belluno e Sindacato giornalisti Veneto, con il contributo del Consorzio dei Comuni del Bacino Imbrifero Montano del Piave appartenenti alla Provincia di Belluno e con il patrocinio della Regione del Veneto, della Provincia di Belluno, del Comune di Longarone, della Fondazione Vajont e dell’Associazione Bellunesi nel Mondo. È Paola Cecchini - giornalista professionista di Pesaro e redattrice di ‘Progetto Radici’ curato dall'Associazione Nazionale ‘Italiani nel Mondo’  (ANIM) - la vincitrice del quarto premio giornalistico dedicato alla memoria di Giuseppe ‘Bepi” Zanfron’, iniziativa quest’anno dedicata all’emigrazione italiana di ieri e di oggi, organizzata da Assostampa Belluno e Sindacato giornalisti Vene (continua)