Home > Libri > Giuseppe Resta presenta il romanzo “I re dell’Africa”

Giuseppe Resta presenta il romanzo “I re dell’Africa”

scritto da: DiffondiLibro | segnala un abuso

Giuseppe Resta presenta il romanzo “I re dell’Africa”

È un’opera amara e cinica, e proprio per questi motivi profondamente realistica; è un romanzo di denuncia in cui si narra dell’arrogante distacco di chi corrompe la propria anima o vende quella altrui per pochi denari, ma anche del coraggio di coloro che decidono di combattere per la propria terra e per la gente che vi abita.


 Giuseppe Resta

“I re dell’Africa”

 

Chi è senza peccato? È la domanda che ci si pone leggendo “I re dell'Africa”, romanzo corale, incrocio di vicende che si intersecano tra allegri criminali e spietati affaristi. Singole storie connesse di tanti protagonisti, raccontate da un narratore speciale, il Vento, testimone di un circolo vizioso che si sviluppa tra commedia sociale e noir.

 

Casa Editrice: I Libri di Icaro

Collana: Ermes

Genere: Narrativa contemporanea

Pagine: 280

Prezzo: 21,00 €

 

«Tutto vedo e tutto sento. E non parlo. Sono omertoso. Sì, lo sono anch’io. E menomale».

 

“I re dell’Africa” di Giuseppe Resta è un romanzo corale in cui si raccontano le storie di uomini e donne dalle diverse posizioni sociali e condotte morali, ma i cui destini sono irrimediabilmente intrecciati; l’autore presenta un dramma dell’imbroglio e dell’avidità, dell’evasione fiscale e della corruzione, dello sfruttamento dei più deboli e dell’inquinamento ambientale, in cui riesce miracolosamente a trovare spazio un sovrumano e spietato senso della Giustizia (la Nemesi), che arriva a separare i giusti dagli iniqui.

È un’opera amara e cinica, e proprio per questi motivi profondamente realistica; è un romanzo di denuncia in cui si narra dell’arrogante distacco di chi corrompe la propria anima o vende quella altrui per pochi denari, ma anche del coraggio di coloro che decidono di combattere per la propria terra e per la gente che vi abita, che mangia i prodotti velenosi che da essa nascono, e che respira la sua aria ormai contaminata. Questo libro è una discesa nell’inferno dell’illegalità diffusa e delle discariche abusive: l’autore ci accompagna nei gironi malsani dove i dannati decidono i destini di tutti, dove si fanno affari loschi a discapito degli innocenti.

Al di sopra di ognuno di questi personaggi non c’è nessun Dio a proteggere o a condannare ma c’è invece il Vento, entità beffarda, giudicante e addolorata: egli osserva con attenzione, si infila in tutti gli anfratti e descrive ogni cosa nei minimi particolari. Il Vento è l’originale voce narrante di una storia che parla dei bassifondi dell’umanità, di quei re dell’Africa pieni di sé, che vomitano putrida melma su tutto ciò che hanno intorno - «Molte volte, in tante epoche passate, ma anche in questa vostra attuale, voi che vi sentite padreterni perché non sapete niente e parlate di tutto sui social, pensando che l’uso della tecnologia sia cultura e sapienza, avete pensato che fossi io, il Vento, a trasportare miasmi venefici, a diffondere morbi, pandemie. Niente di più falso. Io ho ricambiato sentori sporchi e fetenti, al limite ho spostato i veleni che avete prodotto voi, ma di mio ho solo purificato l’aria spostandola, alzandola, abbassandola, muovendola fino a farla pulire dalle piogge. Non prendetevela con me. Prendetevela con voi».

 

SINOSSI DELL’OPERA

Nello scenario di una terra del Sud Italia, l'incanto naturale abbaglia, distogliendo dalla realtà. Le meticce stratificazioni di arti e culture pregiate nascondono un male sporco e oscuro che scorre torbido su e dentro le contrade martoriate dallo sfruttamento. L'antica cultura contadina della misura e del rispetto ha abdicato a un illimitato cinismo; lasciando dilagare la corruzione, il malaffare e l'inquinamento, ambientale e sociale, in un groviglio di illegalità diffusa. In questo romanzo, così come poi succede nella vita di ogni giorno, corrotti e corruttori non sembrano essere in grado di rendersi conto delle dannose conseguenze del loro agire scellerato. Questa indifferenza al male non li rende meno colpevoli e l'essere privi di senso di colpa si riverbererà soprattutto sui più indifesi.

 

BIOGRAFIA DELL’AUTORE

Giuseppe Resta è nato nel 1957 a Galatone. Architetto con qualificata esperienza nell’edilizia di qualità e nel restauro, si è sempre battuto per la difesa e la valorizzazione del territorio. Ha collaborato con il sito di storia medievale dell’Università di Bari e con varie testate giornalistiche. È cofondatore della rivista culturale A Levante. Nel 2003 ha pubblicato un libro sulla storia dell’architettura del Palazzo Marchesale di Galatone. Nel 2012 ha presentato la raccolta di racconti “Scirocchi Barocchi” e nel 2018 il romanzo “Quel millenovecento69” (I Libri di Icaro). Negli ultimi vent’anni ha redatto diverse guide sulla sua terra e ha dato il suo contributo per la stesura di saggi e racconti in numerose opere collettive e in alcune rappresentazioni teatrali.

 

 

Contatti

https://www.facebook.com/giuseppe.resta1

www.icarolibri.com

 

Link di vendita online

https://www.icarolibri.com/resta-i-re-dell-africa.html

https://www.blomming.com/en/product/23098029/i-re-dell-africa-giuseppe-resta

 

 

 

 

Ufficio Stampa Diffondi Libro

https://www.diffondilibro.it/

Mail: info@diffondilibro.it

Cell. Lisa Di Giovanni 3497565981

 

I re dell’Africa | Giuseppe Resta | narrativa | I Libri di Icaro Editore | romanzo di denuncia | scrittore | libri | romanzo corale | società | inquinamento ambientale | corruzione | illegalità | tumori | il Vento | Diffondi Libro | Ufficio stampa |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Intervista di Alessia Mocci a Marco Incardona ed al suo Domande al silenzio


Intervista di Alessia Mocci a Giancorrado Barozzi: vi presentiamo “Utopia Selvaggia”


Alessia Mocci intervista Alessandro Cortese: ecco il romanzo La mafia nello zaino


Laura Basilico presenta il romanzo “Per il tempo che resta”


Claudio Descalzi a Genova: su “Formiche.net” l’intervento dell’AD di Eni al Festival Limes


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Adriano Di Gregorio presenta il saggio “L’Impero Romano raccontato ai ragazzi… e non solo!”

Adriano Di Gregorio presenta il saggio “L’Impero Romano raccontato ai ragazzi… e non solo!”
Dopo “La Storia raccontata ai ragazzi… e non solo!” Adriano Di Gregorio continua a raccontare a ritroso nel tempo la storia con semplicità ed efficacia. In questo volume l’autore delinea le principali vicende storiche della straordinaria esperienza creatasi a Roma, dalla fondazione della città fino alla caduta dell’impero romano d’occidente Adriano Di Gregorio - “L’Impero Romano raccontato ai ragazzi… e non solo!” Adriano Di Gregorio presenta un saggio istruttivo e intrattenente rivolto non solo ai ragazzi ma anche a tutti coloro che vogliono rinfrescare le loro nozioni sulla parte di storia compresa tra la fondazione di Roma e la caduta dell’Impero Romano d’Occidente. Le vicende sono narrate in maniera chiara e semplice, c (continua)

Vincenzo Contreras presenta l’opera “L'ultima occasione”

Vincenzo Contreras presenta l’opera “L'ultima occasione”
Un uomo e una maschera che compiono rapine spettacolo, rapine di protesta, di contestazione verso un mondo, una società, un sistema che sembra avere scopi ben precisi: distruggere i sogni delle persone, annientare la loro possibilità di avere un pensiero critico. Vincenzo Contreras - “L'ultima occasione” Vincenzo Contreras presenta un affascinante romanzo breve, in cui si racconta la storia di un uomo brutalmente onesto che decide di palesare quella maschera che tutti gli altri sono convinti di poter nascondere. In un’opera ricca di spunti di riflessione si parla della prigione in cui inconsapevolmente viviamo, e di un estremo atto di protesta d (continua)

Eva Forte presenta il romanzo “L’undicesimo giorno della falena”

Eva Forte presenta il romanzo “L’undicesimo giorno della falena”
Eva Forte presenta una toccante opera ambientata a Roma negli anni Novanta: dopo un incidente in motorino della protagonista Cecilia, a cui seguono undici giorni di coma, gli equilibri all’interno della sua cerchia di amici e della sua famiglia si rompono inevitabilmente. Eva Forte - “L’undicesimo giorno della falena” Eva Forte presenta una toccante opera ambientata a Roma negli anni Novanta: dopo un incidente in motorino della protagonista Cecilia, a cui seguono undici giorni di coma, gli equilibri all’interno della sua cerchia di amici e della sua famiglia si rompono inevitabilmente. Niente sarà più come prima ma molto si potrà imparare da questa dolor (continua)

Jessica Bellina presenta il fantasy “Il tocco della notte. Il rito”

Jessica Bellina presenta il fantasy “Il tocco della notte. Il rito”
Jessica Bellina presenta il primo volume di una saga fantasy vibrante di scoperta, di amicizia e di magia, con una protagonista adolescente che si troverà a fare i conti non solo con i classici problemi della sua delicata età ma anche con quelli derivanti dal mondo soprannaturale a cui appartiene. Jessica Bellina - “Il tocco della notte. Il rito” Jessica Bellina presenta il primo volume di una saga fantasy vibrante di scoperta, di amicizia e di magia, con una protagonista adolescente che si troverà a fare i conti non solo con i classici problemi della sua delicata età ma anche con quelli derivanti dal mondo soprannaturale a cui appartiene. Tra streghe, vampiri, mannari e cacciato (continua)

Alessia Sorgato presenta il legal thriller “Ulyssa lo sa”

Alessia Sorgato presenta il legal thriller “Ulyssa lo sa”
Tra false piste, acute analisi vittimologiche e l’intransigenza di un Pm che non vuole aprire gli occhi su evidenti verità, l’autrice imbastisce una trama in cui vi è una preponderante presenza femminile; è una storia di sorellanza e di impegno sociale, in cui un avvocato penalista dall’etica ferrea e tre giovani investigatrici improvvisate ma molto motivate riescono e dipanare una matassa intricata, nonostante gli ostacoli posti da una terribile pandemia e da un sistema giudiziario a volte farraginoso e ostile. Alessia Sorgato - “Ulyssa lo sa” Alessia Sorgato presenta un avvincente romanzo in cui si racconta una storia di amicizia, di legami famigliari e soprattutto di speranza; nonostante le restrizioni e le preoccupazioni, infatti, neppure il coronavirus ha sconfitto quel che davvero conta: gli affetti e la giustizia. Da un caso di cronaca realmente accaduto, un non-fiction novel che si tras (continua)