Home > Cultura > Nell'ambito delle celebrazioni dantesche, il Circolo Culturale “L’Agorà” di Reggio Calabria organizza un nuovo incontro per omaggiare il Sommo Poeta, autore della Divina Commedia, padre della lingua italiana, e simbolo

Nell'ambito delle celebrazioni dantesche, il Circolo Culturale “L’Agorà” di Reggio Calabria organizza un nuovo incontro per omaggiare il Sommo Poeta, autore della Divina Commedia, padre della lingua italiana, e simbolo

scritto da: Circoloculturalelagora | segnala un abuso

Nell'ambito delle celebrazioni dantesche, il Circolo Culturale “L’Agorà” di Reggio Calabria  organizza un nuovo incontro per omaggiare il Sommo Poeta, autore della Divina Commedia, padre della lingua italiana, e simbolo

Per tale occasione il sodalizio culturale reggino si avvarrà della collaborazione della ricercatrice lucchese Elena Pierotti.


Il 2021 è l'anno del settecentenario della morte di Dante Alighieri, avvenuta a Ravenna, suo luogo d’esilio, nella notte tra il 13 e il 14 settembre del 1321. Il Circolo Culturale “L’Agorà” di Reggio Calabria proprio nel mese di ottobre, darà inizia ad un secondo ciclo di incontri, dopo quelli del mese di marzo, con due nuovi appuntamenti dedicati a Dante Alighieri, la seconda serie di questo ideale viaggio attraverso il territorio nazionale. L’influenza culturale di Dante Alighieri consiste nella ricezione che la produzione poetica del Sommo Poeta ha vestito in Italia e nel resto del mondo nel corso dei secoli, andando incontro a periodi avvicendati di stima e di chiara malevolenza da parte dei critici e degli artisti italiani e stranieri. Il Circolo Culturale “L’Agorà” rivolgerà una seconda serie di letture dedicate al Sommo Poeta nel mese di ottobre, con due nuove conversazioni che idealmente rappresenteranno delle passeggiate culturali nei luoghi, negli eventi e con i personaggi descritti da Dante Alighieri nella sua opera universale. Le prossime letture riguarderanno i luoghi ed i personaggi ed altri riferimenti relativi alla Città di Lucca come ad esempio il Volto Santo e il fiume Serchio sono evocati come simboli di Lucca, altri riferimenti sono collegati all’incontro di Dante con il poeta lucchese Bonagiunta Orbicciani (Purg. XXIV), che gli parlerà di una ragazzina “compaesana”. Bonagiunta preavviserà Dante che Gentucca “ti farà piacere Lucca”.  Altri luoghi sicuramente cari a Dante Alighieri furono quelli appartenuti ai Marchesi Malaspina, peraltro Suoi cugini, che lo ospitarono nel suo continuo peregrinare, nel castello di Fosdinovo. Qui troviamo una stanza a Lui dedicata che fu la camera da letto del Sommo Poeta, dove ancora ai visitatori viene ricordata la Sua presenza. Fosdinovo è in provincia di Massa Carrara, ma non molto distante da quei luoghi lucchesi e della Media Valle del Serchio visitati dal grande fiorentino. I prossimi due appuntamenti (22 e 29 ottobre) organizzati dal Circolo Culturale “L’Agorà” saranno un percorso storico-letterario che riguarderanno da vicino la città della pantera e ai suoi abitanti del tempo che nella Divina Commedia di Dante incontriamo all’Inferno e anche nel Purgatorio. Per tale occasione il sodalizio culturale reggino, presieduto da Gianni Aiello, si avvarrà della collaborazione della ricercatrice lucchese Elena Pierotti, presente in diversi incontri organizzati dal Circolo Culturale “L’Agorà”, che in questa occasione relazionerà su “Dante a Fosdinovo: Amicizie, amori, parentele”. La nuova lettura riguarderà i luoghi ed i personaggi ed altri riferimenti relativi alla Città di Lucca come ad esempio il Volto Santo e il fiume Serchio sono evocati come simboli di Lucca, altri riferimenti sono collegati all’incontro di Dante con il poeta lucchese Bonagiunta Orbicciani (Purg. XXIV), che gli parlerà di una ragazzina “compaesana”. Bonagiunta preavviserà Dante che Gentucca “ti farà piacere Lucca”.  Altri luoghi sicuramente cari a Dante Alighieri furono quelli appartenuti ai Marchesi Malaspina, peraltro Suoi cugini, che lo ospitarono nel suo continuo peregrinare, nel castello di Fosdinovo. Qui troviamo una stanza a Lui dedicata che fu la camera da letto del Sommo Poeta, dove ancora ai visitatori viene ricordata la Sua presenza. Fosdinovo è in provincia di Massa Carrara, ma non molto distante da quei luoghi lucchesi e della Media Valle del Serchio visitati dal grande fiorentino.  Tenuto conto dei protocolli di sicurezza anti-contagio e dei risultati altalenanti della pandemia di COVID 19 e nel rispetto delle norme del DPCM del 24 ottobre 2020 la conversazione sarà disponibile, sulle varie piattaforme Social Network presenti nella rete, a far data dal 29 ottobre.


Fonte notizia: http://www.circoloculturalelagora.it/GIORNATEDANTESCHE.html


Fosdinovo | Media Valle del Serchio | Massa Carrara | Lucca | Dante Alighieri | Divina Commedia | Settecentenario Dantesco | Sommo Poeta | Toscana | Circolo Culturale “L’Agorà” | Reggio Calabria | Dante 700 |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Sulle strade della Rivolta di Reggio Calabria del ‘70

Sulle strade della Rivolta di Reggio Calabria del ‘70
A partire da venerdì 20 maggio sulle varie piattaforme Social Network presenti nella rete, sarà disponibile la prima di due conversazioni relative alla Rivolta di Reggio, organizzate dal Circolo Culturale “L’Agorà”. La rivolta di Reggio rappresenta la ribellione urbana più lunga che la storia della nostra repubblica ricordi, con migliaia di feriti, arresti, diverse vittime sia tra i civili che tra le forze dell’ordine. Diversi sono gli accadimenti che si verificarono nella Città dello Stretto e che ancora su molti dei quali cala una fitta serie di interrogativi ancora irrisolti. Il prossimo 20 maggio sulle varie piattaforme Social Network presenti nella rete, sarà disponibile la conversazione, organizzata dal Circolo Culturale “L’Agorà”, sul tema “Sulle strade della Rivolta”. Una pacifica manifestazione di dissenso che viene repressa violentemente, attentati dinamitardi, eversione, la repressione che avvenne sia nei confronti della Città che nei confronti dei suoi (continua)

Il Circolo Culturale “L’Agorà” organizza una conversazione sul tema dell’anatomia archeostatutaria.

Il Circolo Culturale “L’Agorà” organizza una conversazione sul tema dell’anatomia archeostatutaria.
Il prossimo 13 maggio sulle varie piattaforme Social Network presenti nella rete, sarà disponibile la conversazione relativa alla conversazione sul tema della “Anatomia archeostatutaria”, a cura del Circolo Culturale “L’Agorà”. L’anatomia archeostatuaria è la Scienza che studia la postura, la gestualità ed i muscoli -visibili- delle statue antiche. Tale conoscenza si prefigge di risalire alla specialità sportiva o al tipo di attività praticata dagli uomini rappresentati da statue antiche e si prefigge, anche, di individuare gli attrezzi sportivi, le armi o gli utensili che gli stessi uomini, presumibilmente, hanno adoperato per praticare le attività sportive, belliche o esistenziali. Nel corso della nuova conversazione culturale, organizzata dal sodalizio culturale reggino, parteciperà in qualità di relatore il prof. Riccardo Partinico (Direttore del Laboratorio di Anatomia Archeostatutaria di Reggio Calabria”. Il prossimo 13 maggio sulle varie piattaforme Social Network presenti nella rete, sarà disponibile la conversazione, organizzata dal Circolo Culturale “L’Agorà”, sul tema inerente gli aspetti della “Anatomia archeostatutaria”. L’Anatomia Archeostatuaria è la Scienza che studia la postura, la gestualità e i muscoli -visibili- delle statue antiche, che, per fisionomia, somatometria o gestualità (continua)

Nuovo incontro da remoto organizzato dal Circolo Culturale “L’Agorà” sul tema “La grotta della Monaca di Sant’Agata di Esaro”

Nuovo incontro da remoto organizzato dal Circolo Culturale “L’Agorà” sul tema “La grotta della Monaca di Sant’Agata di Esaro”
La grotta della Monaca di Sant’Agata di Esaro è una cavità carsica ubicata sulla sinistra idrografica dell’alta valle del fiume Esaro, che divide i Monti dell’Orsomarso, a Nord, dalla Catena Costiera, a Sud. Si tratta di un “geo sito” , di grande valenza archeologica, solo parzialmente esplorato. Il prossimo 29 aprile sulle varie piattaforme Social Network presenti nella rete, sarà disponibile la conversazione organizzata dal Circolo Culturale “L’Agorà” sul tema “La grotta della Monaca di Sant’Agata di Esaro”. La giornata di studi, organizzata dal sodalizio organizzatore reggino, rappresenta l’inizio di una collaborazione culturale con il Centro Regionale di Speleologia “Enzo dei Med (continua)

Conversazione culturale su Guelfi e Ghibellini

Conversazione culturale su Guelfi e Ghibellini
Il Circolo Culturale “L’Agorà” di Reggio Calabria, presieduto da Gianni Aiello, organizza una conversazione sul tema “Guelfi e Ghibellini”. Storicamente si tratta di due movimenti in netta contrapposizione nella geografia della politica italiana del Basso Medioevo, in particolare dal XII secolo sino alla nascita delle Signorie nel XIV secolo, che tra faide e battaglie insanguinarono varie parti della Penisola. Il Circolo Culturale “L’Agorà” di Reggio Calabria, presieduto da Gianni Aiello, organizza una conversazione sul tema “Guelfi e Ghibellini”. Storicamente si tratta di due movimenti in netta contrapposizione nella geografia della politica italiana del Basso Medioevo, in particolare dal XII secolo sino alla nascita delle Signorie nel XIV secolo, che tra faide e batt (continua)

Dino Buzzati nel cinquantesimo della morte

Dino Buzzati nel cinquantesimo della morte
Autore di un grande numero di romanzi e racconti surreali e fantastici, tanto da esser stato a più riprese definito il "Kafka italiano", viene considerato, insieme ad Italo Calvino, Tommaso Landolfi e Juan Rodolfo Wilcock, uno dei più grandi scrittori fantastici del Novecento italiano. Il prossimo 15 aprile sulle varie piattaforme Social Network presenti nella rete, sarà disponibile la conversazione relativa alla quarta giornata di studi, organizzata dal Circolo Culturale “L’Agorà” sul tema “Dino Buzzati nel cinquantesimo della morte”.«Sono un pittore il quale, per hobby, durante un periodo purtroppo alquanto prolungato, ha fatto anche lo scrittore e il giornalista». Co (continua)