Home > Sviluppo sostenibile > “De la meta mai non torcer gli occhi”

“De la meta mai non torcer gli occhi”

scritto da: AIDR | segnala un abuso

“De la meta mai non torcer gli occhi”

Sono stati i giorni dell’orgoglio: il nostro è un Paese che può ancora fare la differenza in ambito culturale, quando l’umiltà, la preparazione e il lavoro appassionato viaggiano in parallelo. Giorgio Parisi divide il premio Nobel per la Fisica ex aequo con Syukuro Manabe e Klaus Hasselmann. Sistemi complessi, modelli climatici e riscaldamento globale, dunque, sono i temi cui è rivolto il più prestigioso dei riconoscimenti. Ma perché è un risultato così importante?


di Antonella Picerno, Socio AIDR e co-founder Knosso®  

Sono stati i giorni dell’orgoglio: il nostro è un Paese che può ancora fare la differenza in ambito culturale, quando l’umiltà, la preparazione e il lavoro appassionato viaggiano in parallelo.

Giorgio Parisi divide il premio Nobel per la Fisica ex aequo con Syukuro Manabe e Klaus Hasselmann.

Sistemi complessi, modelli climatici e riscaldamento globale, dunque, sono i temi cui è rivolto il più prestigioso dei riconoscimenti.  Ma perché è un risultato così importante?

Perché la complessità, come sempre, deriva dalle interazioni: gli elementi interagiscono tra loro e con l’ambiente che li circonda, formando così reti di interazioni che, a loro volta, possono produrre nuove informazioni.

La sfida è stata riuscire ad avere una visione olistica senza perdere di vista il singolo.

L’ Accademia Reale Svedese delle Scienze, riconosce a Parisi dunque «la scoperta dell’interazione tra disordine e fluttuazioni nei sistemi fisici dalla scala atomica a quella planetaria», i cui contributi riguardano sì i vetri di spin, la fisica delle particelle, la meccanica statistica, ma anche i supercomputer e la biologia.
Nelle interviste immediatamente successive all’attribuzione del premio, egli ha dichiarato che questo suo Nobel per la Fisica è a sostegno dell’Intelligenza Artificiale e del pianeta, campi in cui la necessità di elaborare una mole enorme di dati con modelli predittivi strutturati è divenuto imprescindibile.

Assistiamo, ormai giornalmente, a nuove implementazioni riguardanti gli sviluppi e le applicazioni della tecnologia, partendo da quelle più “semplici” (come parlare con l’etere domestico comunicando la canzone che si intende ascoltare), per arrivare a quelle con maggior potenziale (penso, ad esempio, all’ambito sanitario).

È un applicare costantemente il metodo scientifico, osservando, raccogliendo dati ed elaborando soluzioni ottimali, con la consapevolezza che la supervisione dell’uomo rimane un aspetto cardinale, sia dal punto di vista etico, sia pratico-tecnologico.

Stesso modus operandi (strano… ma vero!) ha condotto all’importante risultato per quanto riguarda i cambiamenti climatici, attraverso la modellazione fisica del clima della Terra, quantificandone la variabilità e prevedendo in modo affidabile il riscaldamento globale, confermando così il clima come fenomeno caotico, solo apparentemente casuale.

Dopo questo assurdo biennio, in cui tutti abbiamo assistito a bizzarre interpretazioni di numeri, grafici e certe sentenze, possiamo finalmente toccare con mano la differenza tra Scienza e pseudoscienza, accorgendoci che la prima, umile e silenziosa, porta a risultati che sono frutto di una evoluzione conoscitiva e culturale, mentre la seconda, con fiera saccenza, rimane sempre uguale a sé stessa e, sul lungo periodo, non porta frutto.

A corredo di questo autorevole esito, si unisce l’aspetto più umano e commovente: l’omaggio dei giovani studenti della Sapienza a Giorgio Parisi, che in un abbraccio di gratitudine e stima lo ha accolto con cori da stadio.

Questo, per inciso, è l’unico tipo di assalto che ci piace vedere.

Dal canto suo, il neo-premio Nobel, nel ringraziare, ha interpretato il tutto come risultante di una collaborazione costruttiva e costante nel tempo con i suoi collaboratori, come a dire che da soli non si va da nessuna parte.

Tecnologia e Pianeta, sono – letteralmente – due facce della stessa medaglia. In entrambi i casi vi è la necessità di rendere il contesto sicuro per l’utente, tenendo a mente ciò che Feynman sentenziò già diverso tempo fa: “Per una tecnologia di successo, l'onestà deve avere la precedenza sulle pubbliche relazioni, perché la natura non può essere ingannata”.


Fonte notizia: https://www.aidr.it/de-la-meta-mai-non-torcer-gli-occhi/


AIDR | PREMO NOBEL |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Crema contorno occhi antirughe, come comprare quella più adatta


CATRICE si ispira alle passerelle internazionali e presenta per l'autunno/inverno 2015 prodotti novità per mettere in risalto lo sguardo


Bava Di Lumache Per Il Contorno Occhi, La Pelle Da Subito Sarà Più Liscia


Recupero SMS Cancellati e Chat da Cellulare, Smartphone e Tablet a Roma


DVF: macchine agricole e trattori usati dei migliori marchi


Essence si tinge di azzurro!


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

AIDR: il socio Davide D’Amico nell’Almanacco degli innovatori 2021 della PA

AIDR: il socio Davide D’Amico nell’Almanacco degli innovatori 2021 della PA
I volti, i progetti di funzionari e dirigenti che stanno attuando la rivoluzione digitale nella pubblica amministrazione, nell’ottica degli obiettivi del PNRR. Nella rosa dei 149 innovatori italiani, redatta da FPA, società del gruppo Digital360; c’è anche Davide D’Amico, socio e componente dell’associazione Aidr. Dirigente del Miur, con una lunga esperienza nella digital trasformation della PA, l’ingegner D’Amico è tra i protagonisti dell’Almanacco realizzato da Gianni Dominici, Direttore generale di FPA, che è stato presentato ieri nel corso dell’incontro online in diretta su www.forumpa.it. I volti, i progetti di funzionari e dirigenti che stanno attuando la rivoluzione digitale nella pubblica amministrazione, nell’ottica degli obiettivi del PNRR. Nella rosa dei 149 innovatori italiani, redatta da FPA, società del gruppo Digital360; c’è anche Davide D’Amico, socio e componente dell’associazione Aidr. Dirigente del Miur, con una lunga esperienza nella digital trasformation della (continua)

The uneven Shorter, il nuovo album di Luca Mannutza in anteprima alla Casa del Jazz

The uneven Shorter, il nuovo album di Luca Mannutza in anteprima alla Casa del Jazz
Sarà presentato in anteprima il 15 gennaio alle 21 alla Casa del Jazz Casa del Jazz il nuovo album di Luca Mannutza The uneven Shorter, omaggio a uno degli artisti più amati del jazz, Wayne Shorter. Sarà presentato in anteprima il 15 gennaio  alle 21 alla Casa del Jazz Casa del Jazz il nuovo album di Luca Mannutza The uneven Shorter,  omaggio a uno degli artisti più amati del jazz, Wayne Shorter.L’album già in prevendita sui maggiori store digitali (e per gli orecchi più sopraffini, anche sui principali store HiRes), è pubblicato dalla Birdbox Reco (continua)

Digital Europe, ecco il programma per la trasformazione digitale dell’Unione Europea

Digital Europe, ecco il programma per la trasformazione digitale dell’Unione Europea
Sicurezza informatica, intelligenza artificiale, competenze digitali avanzate, supercalcolo e la garanzia di un ampio uso delle tecnologie digitali nella società e nell’economia. Questi gli obiettivi di Digital Europe, il programma di finanziamento UE per favorire la trasformazione digitale dell’Unione Europea che può contare su un budget complessivo di 7 miliardi e mezzo di euro da spendere fino al 2027. Digital Europe, ecco il programma per la trasformazione digitale dell’Unione Europeadi Vittorio Zenardi, Giornalista e Direttore Aidr Web Tv, Sito e Social MediaSicurezza informatica, intelligenza artificiale, competenze digitali avanzate, supercalcolo e la garanzia di un ampio uso delle tecnologie digitali nella società e nell’economia. Questi gli obiettivi di Digital Europe, il program (continua)

Il Cloud per la Pubblica Amministrazione. Il Polo Strategico Nazionale

Il Cloud per la Pubblica Amministrazione. Il Polo Strategico Nazionale
La necessità di introdurre nella Pubblica Amministrazione i servizi di cloud computing è stata, da ultimo, prevista nel Piano Nazionale di Ripresa e di Resilienza e più precisamente nella componente n.1 Digitalizzazione, Innovazione e Sicurezza della Missione n.1 Digitalizzazione, Innovazione, Competitività, Cultura e Turismo. Per raggiungere gli obiettivi della componente n.1 è stato stanziato 1 miliardo di euro tra i 9,72 miliardi previsti per le esigenze della intera Missione n.1. La necessità di introdurre nella Pubblica Amministrazione i servizi di cloud computing è stata, da ultimo, prevista nel Piano Nazionale di Ripresa e di Resilienza e più precisamente nella componente n.1 Digitalizzazione, Innovazione e Sicurezza della Missione n.1 Digitalizzazione, Innovazione, Competitività, Cultura e Turismo. Per raggiungere gli obiettivi della componente n.1 è stato stanziato 1 (continua)

Superbonus 110% e non solo

Superbonus 110% e non solo
Senza dubbio il superbonus del 110% rappresenta quello di maggiore interesse da parte della comunità condominiale, ma dal punto di vista temporale rimane pur sempre il più farraginoso da utilizzare nonostante le ultime semplificazioni procedurali che sono state apportate. di Federica De Pasquale – Responsabile Osservatorio Aidr sul condominio digitaleCon la Legge di Bilancio 2022 si è cercato di armonizzare, almeno in parte, le diverse detrazioni fiscali previste per il settore dell’edilizia seppur prevedendo proroghe differenti. Un importante passo avanti che si spera possa essere propedeutico a creare una norma quadro comprensiva di tutte le detrazioni in modo pi (continua)