Home > Altro > Investimenti, è in corso al rivoluzione utility: da settore difensivo a occasione

Investimenti, è in corso al rivoluzione utility: da settore difensivo a occasione

scritto da: Elleny | segnala un abuso


La transizione energetica ha avuto un impatto notevole sul settore delle utility. Quella che tradizionalmente era considerata una asset class tipicamente difensiva, adesso sta diventando una grossa occasione per gli investimenti.

Da settore divensivo a occasione per investimenti

I dati evidenziano infatti che le ex municipalizzate hanno chiuso il bilancio dei primi 9 mesi del 2021 con una crescita a doppia cifra.
Dopo le difficoltà vissute nel 2020, registrano un forte incremento di tutti i parametri economico-finanziari. Da A2a a Iren passando per Acea ed Hera, le big del settore hanno brillato, e chi si occupa professionalmente di investimenti ha fiutato l'occasione.

investimentiQuella delle utility è sempre stata vista come una asset class dai rendimenti sicuri, e tuttavia poco allettanti. Adesso però le cose stanno cambiando, visto che la crescita esponenziale ha stupito anche gli analisti.
Come detto, questo dipende specialmente dalla transizione energetica e dei macro trend (green e digitale) che stanno trasformando le ex municipalizzate in aziende ad alta competitività, fortemente orientate alle operazioni di merge and acquisition. Il settore sta infatti spingendo sull’acceleratore delle acquisizioni per linee esterne.

I dati delle big utility

Qualche numero rende l'idea.
La milanese A2a ha registrato una crescita dei ricavi del 34%, mentre il suo margine operativo lordo è salito del 17% sfiorando il miliardo.
La bolognese Hera ha invece chiuso con ricavi in rialzo del 31% e un margine operativo lordo di 883,3 milioni (+9,6%). L'utile netto invece è salito del 32,3%. Roba da fare invidia anche ad alcuni big del Dax 40 tedesco.

Scendendo lungo lo stivale fino a Roma, anche Acea ha brillato. Ha chiuso i conti al 30 settembre con ricavi in rialzo del 12%, mentre l'Ebitda è salito dell’8%.
Intanto Terna - la società che gestisce la rete elettrica nazionale - ha archiviato i primi 9 mesi del 2021 con ricavi pari a 1,901 miliardi di euro, in aumento del 6,8% rispetto allo stesso periodo del 2020 grazie soprattutto all’incremento dei ricavi delle attività regolate, nonché delle attività di Energy Solutions.

Gli investimenti in M&A

C'è anche un altro aspetto che alletta i mercati e attira gli investimenti in questo settore. Sono le operazioni di M&A, che alimentano segnali operativi gratuiti di acquisto.
Muovendosi individualmente oppure in cordata, le aziende utility stanno spingendo per la crescita per linee esterne. Stanno facendo acquisizioni mirate nei territori di competenza dove vogliono diventare sempre più capillari, facendo proprie le eccellenze green del territorio.

Ad esempio, Iren ha programmato investimenti specifici per 1,8 miliardi al 2030 e si è focalizzata in alcuni territori specifici come Toscana, Piemonte, Liguria ed Emilia.
Anche Hera si sta muvoendo parecchio, e dopo aver vinto la gara per i servizi ambientali nel modenese, ha programmato investimenti per 280 milioni per le attività di M&A e le gare per i servizi regolati.
Acea invece ha messo nel mirino una espansione nel settore dei rifiuti, programmando 400 milioni di spese entro il 2024.

investimenti | utility | segnali operativi | dax |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Alessandra Fornasiero a Rimini: l’intervento al convegno Smart Utility Hub


Contatori di nuova generazione firmati Elgama-Elektronika abilitati con la tecnologia mSure® di Analog Devices


Video Flavio Cattaneo: Terna eletta la migliore Utility d’Europa da EEI


A Luigi Ferraris il premio “Manager Utility 2018 - Energia”


Analog Devices all’European Utility Week: attivare il futuro dell'energia intelligente


Analog Devices all’European Utility Week: attivare il futuro dell'energia intelligente


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Mercato dell'auto, l'Europa ha vissuto un altro anno flop

Se consideriamo i diversi principali Paesi dell'Unione Europea, l'unica che può sorridere è l'Italia, dov'è stato registrato un aumento del 5,5% In Europa il mercato dell'auto continua a vivere una situazione problematica. La crisi pandemica e la carenza di semiconduttori che blocca i processi produttivi, hanno innescato una nuova frenata nell'Europa occidentale.I numeri negativi del mercato dell'autoIl mercato che raggruppa i paesi della UE, il Regno Unito e l'Efta hanno infatti chiuso l'anno 2021 con un bilancio nuovamente negativo. In b (continua)

Miliardi che vanno in fumo nelle Borsa, penalizzate dalle minute della FED

La diffusione dei verbali dell'ultimo meeting di politica monetaria della FED hanno affossato le Borse. La banca centrale americana si è rivelata più falco del previsto, preannunciando non solo delle strette monetarie ma anche la riduzione del bilancio da 8.800 miliardi di dollari. Dopo il netto calo di Wall Street avvenuto ieri e quello delle piazze asiatiche arrivato nelle prime ore di questa g (continua)

Investimenti, i mercati azionari viaggiano in moderata salita

Giornata di acquisti sui mercati azionari del Vecchio Continente. Anche se comunque si è trattato di sessioni blande, perché il clima vacanziero ha prodotto volumi bassi di investimenti e neppure dal calendario economico arrivavano grandi spunti. Pesa anche la chiusura di Londra, oggi e domani. Nel mondo sono rimaste chiuse anche la Borsa di Hong Kong e quella australiana. A dare una piccola spin (continua)

Fallimento, per Evergrande la srtada sembra ormai tracciata

Evergrande, l’agenzia di rating Fitch ufficializza il default. Pechino lavora per scongiurare un effetto dominoLa crisi del colosso cinese Evergrande è sempre più profonda. Quasi definitiva. Siamo infatti sull'orlo del fallimento, come ha sancito l'agenzia di rating Fitch declassando ulteriormente la società immobiliare del Dragone (e delle sue sussidiarie Hengda Real Estate e Tianji Holding).Ever (continua)

Svalutazione, la Lira precipita ancora e la CBRT deve intervenire

La banca centrale della Turchia è stata costretta ancora una volta a intervenire con urgenza, per tamponare la svalutazione della moneta nazionale. Alla quale, sia chiaro, ha contribuito in modo diretto e notevole.Come procede la svalutazione della LiraI fatti. Tra martedì e mercoledì la Lira ha proseguito lungo il percorso ormai durevole di svalutazione, toccando e poi aggiornando il nuovo minimo (continua)