Home > Sviluppo sostenibile > Verso un’Europa verde: a cosa porta l’obbligo solare per le costruzioni e come vi può prender parte Sun Contracting?

Verso un’Europa verde: a cosa porta l’obbligo solare per le costruzioni e come vi può prender parte Sun Contracting?

scritto da: Sun Contracting AG | segnala un abuso

Verso un’Europa verde: a cosa porta l’obbligo solare per le costruzioni e come vi può prender parte Sun Contracting?

Sempre più Paesi europei prestano attenzione all’espansione delle energie rinnovabili e specialmente al fotovoltaico. I motivi di questa scelta sono incontestabili: la tecnologia è ormai sufficientemente avanzata, i componenti hanno prezzi accessibili, il Sole splende gratuitamente per tutti. Ora il Gruppo dei Verdi chiede al Parlamento europeo che l’installazione di impianti fotovoltaici sia resa obbligatoria in tutta Europa. Sun Contracting caldeggia questa proposta.


Il reclamato obbligo solare dovrebbe essere valido in egual modo sia per edifici residenziali che per edifici non ad uso abitativo, e indifferentemente sia che si tratti di nuove costruzioni o di drastiche ristrutturazioni in edifici già esistenti. Questa richiesta potrebbe rappresentare un importante passo all’interno di giuste misure per la protezione del clima, utile per raggiungere risultati rapidamente. In ogni caso, rimane fondamentale che queste misure vengano convalidate giuridicamente nel diritto dell’Unione Europea.

 

Integrazione con le direttive

La proposta degli ambientalisti europei prevede già un’idea per poter regolare l’obbligo fotovoltaico, ancorandolo all’interno delle direttive per le rinnovabili o in un emendamento delle direttive sull’efficienza edilizia. In tal modo l’obbligo sarebbe vincolante in tutti i Paesi dell’UE, in un colpo solo verrebbero risolte molte questioni climatiche, l’espansione degli impianti fotovoltaici su tetto non sarebbe più lasciata di competenza soltanto ai singoli Stati membri. Questa iniziativa è certamente molto apprezzata anche da Sun Contracting.

 

Mentalità orientata alle soluzioni

Nonostante tutte le priorità fissate dalla svolta energetica, nella maggior parte dei casi al primo posto viene messa la fattibilità economica di un impianto fotovoltaico. Questo rimarrebbe un problema, non risolto nemmeno dall’imposizione dell’obbligo solare. Arriva quindi in soccorso Sun Contracting. Insieme alle sue società controllate, il gruppo internazionale Sun Contracting si occupa di costruire, mantenere in funzione e gestire un impianto fotovoltaico completamente a sue spese. Al cliente viene unicamente richiesto di mettere a disposizione l’area, che viene presa in affitto da Sun Contracting per l’installazione di un impianto fotovoltaico.

 

Contracting fotovoltaico

Questo innovativo concetto energetico del gruppo di aziende che fanno capo a Sun Contracting AG si chiama Contracting fotovoltaico. Questo modello punta a tutte quelle aree idonee ma ancora non sfruttate a uso fotovoltaico, principalmente per motivi economici. L’impianto fotovoltaico viene costruito e gestito da Sun Contracting, sulla superficie di un tetto o terreno concessole in affitto. Sun Contracting si prende carico di tutti i costi relativi a materiale, montaggio e manutenzione dell’impianto. La messa a disposizione dell’area viene ripagata mensilmente al proprietario del tetto o terreno, mentre l’elettricità generata con l’impianto può essere immessa nella rete del gestore locale per generarne un profitto o essere consumata direttamente.

 

Ritratto aziendale

Il gruppo Sun Contracting è attivo nel settore fotovoltaico dal 2010 ed è riuscito a guadagnarsi un posto di rilievo nell’Europa di lingua tedesca. L’innovativo concetto energetico di Contracting fotovoltaico ha reso l’azienda molto nota. Con attualmente 92,8 MWp di capacità fotovoltaica installata e progettata in quattro Paesi, Sun Contracting è una delle più grandi aziende fotovoltaiche in Europa. Il gruppo di aziende Sun Contracting lavora anche nel campo degli investimenti sostenibili. La interamente controllata Sun Invest AG ha recentemente emesso due obbligazioni. Sun Invest Registered Euro Bond 2021 e Sun Invest Registered CHF Bond 2021 sono disponibili online, direttamente sottoscrivibili presso il sito dell’emittente.


Fonte notizia: https://www.sun-contracting.com/it/stampa/


Europa verde | rinnovabili | energia | fotovoltaico | contracting fotovoltaico | sostenibilità | svolta energetica |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Non c’è paragone: le energie fossili sono 40 volte più inquinanti delle rinnovabili


Energia solare dal pollaio: Sun Contracting allaccia alla rete due impianti da 1,3 MWp


Sun Contracting in agitazione per il “fit for 55”: sarà una rampa di lancio per il prezzo del CO2?


Un distributore di benzina e di elettricità ecologica? Sun Contracting lo rende possibile


La Commissione UE approva i PPA, riconoscendo che le rinnovabili sono l’unica alternativa all’esplosione incontrollata dei prezzi sul mercato energetico


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La Commissione UE approva i PPA, riconoscendo che le rinnovabili sono l’unica alternativa all’esplosione incontrollata dei prezzi sul mercato energetico

La Commissione UE approva i PPA, riconoscendo che le rinnovabili sono l’unica alternativa all’esplosione incontrollata dei prezzi sul mercato energetico
La situazione sui mercati energetici a livello mondiale è tesa e sempre più preoccupante. La Commissione europea ha presentato un pacchetto di raccomandazioni e strumenti per poter agire affrontando la situazione attuale, un piano B pronto all’uso. La soluzione si chiama Power Purchase Agreement (PPA). Questi accordi per la fornitura di energia permetterebbero di contrastare l’aumento dei prezzi dell’elettricità. I PPA vengono definiti come contratti di fornitura a lungo termine tra un produttore di elettricità – ovvero un gestore di un impianto fotovoltaico – e un acquirente di energia elettrica. L’acquirente può essere un fornitore o un consumatore. Tali contratti di compra-vendita di energia, non essendo vincolati al gestore della rete elettrica pubblica, non incidono sullo stato dei mercati energe (continua)

Sun Contracting in agitazione per il “fit for 55”: sarà una rampa di lancio per il prezzo del CO2?

Sun Contracting in agitazione per il “fit for 55”: sarà una rampa di lancio per il prezzo del CO2?
Finalmente, all’inizio della primavera, le riflessioni che da diverso tempo giravano attorno all’argomento si sono concretizzate. Per poter raggiungere l’obiettivo della neutralità climatica entro il 2050 è necessario alzare il livello della prima tappa delle riduzioni di gas serra al 55% entro il 2030. Il pacchetto europeo di leggi sull’energia e sul clima denominato “fit for 55” ha lo scopo di aiutare la realizzazione di questo progetto. Dopo che, in aprile, la Commissione europea ha deciso l’inasprimento delle misure di protezione climatica, mancava solo l’atteso aumento del prezzo del carbonio. Da diverso tempo si parlava dell’innalzamento degli obiettivi e il sistema ETS aveva già fatto salire il prezzo di CO2 da mesi, anche se a piccoli passi, ma costantemente. Le conseguenze attese sui prezzi del CO2 Secondo l’age (continua)

Il conto alla rovescia per la svolta energetica è iniziato, ma le emissioni di CO2 aumentano: Sun Contracting entra in azione

Il conto alla rovescia per la svolta energetica è iniziato, ma le emissioni di CO2 aumentano: Sun Contracting entra in azione
Le emissioni mondiali di CO2 sono aumentate dell’11% tra il 2010 e il 2018. Questo è quanto riporta uno studio condotto dall’istituto berlinese di ricerca sul clima, Mercator Research Institute on Global Commons and Climate Change (MCC) con un team di rinomati ricercatori provenienti da tutti i sei continenti. Il tempo stringe ed è ora arrivato il momento di mettere davvero in moto la transizione energetica di cui tanto si parla. La gran parte delle emissioni a livello mondiale si spartisce tra i settori della mobilità, delle spedizioni merci, del consumo di carni e delle industrie. Anche la produzione di elettricità da carbone rimane ancora uno tra i principali settori di emissioni di gas serra. L’unico caso speciale è quello del settore energetico europeo: tra il 1990 e il 2009, è stato l’unico ambito capace di ridu (continua)

La fine delle fonti fossili di energia si avvicina: i costi delle rinnovabili si abbassano in maniera sempre più significativa

La fine delle fonti fossili di energia si avvicina: i costi delle rinnovabili si abbassano in maniera sempre più significativa
La quota delle energie rinnovabili, i cui costi sono inferiori alle energie fossili più economiche, nel 2020 si è raddoppiata. L’ultimo decennio (2010 – 2020) ha rappresentato un periodo storico importante per l’elettricità verde, che da energia costosa di nicchia è entrata in una competizione testa a testa con i combustibili fossili, grazie ai costi sempre più bassi. I dati recenti dimostrano chiaramente che l’inizio della fine delle fonti di energia non rinnovabile è sempre più imminente. Secondo il rapporto sui costi delle rinnovabili dell’agenzia internazionale per l’energia rinnovabile IRENA, 162 GW, cioè il 62%, della fornitura totale di energia elettrica rinnovabile, sono stati prodotti l’anno scorso a un costo inferiore rispetto all’alternativa fossile più competitiva. Particolarmente emozionante è il fatto che le energie rinnovabili stanno già posizionandosi sotto i cos (continua)

Energia solare dal pollaio: Sun Contracting allaccia alla rete due impianti da 1,3 MWp

Energia solare dal pollaio: Sun Contracting allaccia alla rete due impianti da 1,3 MWp
Due aziende per l’allevamento avicolo in Sassonia-Anhalt hanno deciso di mettere a disposizione i loro tetti per la produzione di energia solare pulita. A breve Sun Contracting AG potrà allacciare alla rete questi due impianti con una capacità fotovoltaica di 1,3 MWp, che permetterà di rifornire 248 abitazioni con elettricità CO2 neutrale. Questi due impianti, a soli 30 km l’uno dall’altro, si compongono di 1.948 moduli fotovoltaici quello di Arnstein e di 1.818 quello di Staßfurt. Sun Contracting gestirà una produzione di energia di oltre 1,2 milioni di kWh, quantità che, calcolata su una base media di consumo domestico tedesco di 5.000 kWh, corrisponde a una fornitura di 248 abitazioni. Si dà così certamente un importante con (continua)