Home > Cibo e Alimentazione > Un’azienda cortonese porta quarantamila capponi sulle tavole del centro Italia

Un’azienda cortonese porta quarantamila capponi sulle tavole del centro Italia

scritto da: Marcocavini | segnala un abuso

Un’azienda cortonese porta quarantamila capponi sulle tavole del centro Italia


Un’azienda cortonese porterà quarantamila capponi sulle tavole delle festività del centro Italia. Questa ingente mobilitazione sta vedendo per protagonista Alemas che, punto di riferimento in Toscana nel settore avicolo, ha rinnovato il proprio impegno nell’allevamento e nella distribuzione di una delle carni maggiormente caratteristiche della gastronomia natalizia. Il lavoro di questa realtà sarà orientato infatti a rifornire i mercati di Toscana, Lazio, Marche e Umbria con questo tradizionale prodotto, coordinando quattordici allevamenti diffusi tra le province di Arezzo, Siena e Grosseto che configurano una delle principali reti della regione per la produzione di carni bianche.

Alemas, nata nel 1957 e forte di settanta dipendenti, ricoprirà dunque un ruolo importante nel mantenere in vita una tradizione storica come quella del cappone che caratterizzerà i pasti di migliaia di famiglie. La scelta dell’azienda è stata di investire nella realizzazione di allevamenti etici ed eco-sostenibili capaci di garantire un’alta qualità delle carni attraverso elevati standard nella cura e nel benessere di ogni animale, con ambienti con luce e aereazione naturali, con grandi spazi dove muoversi a terra in libertà e con un’alimentazione con mangimi sani e senza farine animali. Un’ulteriore caratteristica di Alemas è infine rappresentata dalla totale “toscanità” dei propri capponi, risultando come l’unica realtà dell’intero settore avicolo a vantare lo svolgimento in regione di ogni fase del ciclo produttivo, dalla nascita alla distribuzione.

Le ormai prossime festività di Alemas saranno scandite anche da un contest fotografico volto a valorizzare la cucina natalizia a base di carni bianche. Questa iniziativa, dal titolo #AtavolaconAlemas, è giunta alla seconda edizione e nasce per stimolare la sperimentazione ai fornelli attraverso la preparazione e la condivisione di ricette capaci di unire tradizione e creatività, con una giuria che individuerà poi i tre vincitori in base a parametri quali “Idea e originalità”, “Abbinamento dei gusti” e “Estetica e presentazione”. Il concorso prenderà il via mercoledì 1 dicembre e proseguirà poi fino a giovedì 6 gennaio, con ogni partecipante che sarà invitato a mettersi alla prova con piatti a tema natalizio che dovranno poi essere fotografati e postati su Facebook e Instagram per dar vita ad un vero e proprio ricettario digitale da cui ogni utente del web potrà trarre idee da portare a tavola nel corso delle festività. «Il cappone è, da sempre, ritenuto il re della tavola natalizia - ricorda Andrea Lazzeri, responsabile di produzione e logistica di Alemas, - dunque il nostro impegno è orientato, anno dopo anno, a mantenere viva questa antica tradizione attraverso un grande sforzo per l’allevamento e la distribuzione di questo animale. La volontà di custodire le tradizioni è anche espressa dal contest fotografico che configurerà una nuova occasione per raccontare e condividere idee sulla cucina in un periodo caratterizzato da aggregazione, socialità e sapori come quello natalizio».



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Tre ciclostoriche aretine uniscono le forze per La GiboStorica


Cinquantamila capponi da Cortona alle tavole del centro Italia


Riaprono le Tavole Tauriliane


A “Cin’è musica concerto” il grande jazz degli anni ’30 e ’40


Orto d'Artista dalla Semina al raccolto: IL RACCOLTO


GIORNATA MONDIALE DEL RICICLO


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Una simbolica camminata da Arezzo alla Spagna per tutelare l’ambiente

Una simbolica camminata da Arezzo alla Spagna per tutelare l’ambiente
Una simbolica camminata da Arezzo alla Spagna per tutelare l’ambiente e ridurre le emissioni nocive di carbonio. L’iniziativa è dell’Accademia Britannica - IH Arezzo ed è inserita all’interno del progetto “40.000km Walk” che è stato promosso a livello mondiale da International House, una delle più grandi e antiche reti internazionali di scuole associate in cinquantadue Paesi, con l’obiet (continua)

La petrarchina Viola Crippa è decima ai Campionati Nazionali di ritmica

La petrarchina Viola Crippa è decima ai Campionati Nazionali di ritmica
Un decimo posto per la Ginnastica Petrarca al Campionato Nazionale Individuale Gold di ginnastica ritmica. La manifestazione ha visto per protagonista Viola Crippa del 2006 che, a Chieti, ha vissuto un confronto di altissimo livello con le migliori coetanee di tutta la penisola, esibendosi nella categoria Junior3 in un programma completo e impegnativo con tre attrezzi: cerchio, clavette e nastro. (continua)

Un nuovo servizio alla farmacia “Mecenate” per lo screening dell’osteoporosi

Un nuovo servizio alla farmacia “Mecenate” per lo screening dell’osteoporosi
Lo screening dell’osteoporosi direttamente in farmacia. La Farmacia Comunale n.6 “Mecenate” è stata dotata della strumentazione per eseguire l’esame della densitometria ossea che permetterà, in pochi secondi, di conoscere la resistenza delle proprie ossa e di prevenire così i rischi di fratture. Questo test è effettuato in modo non invasivo e misura la densità minerale ossea al calcagno, fornendo (continua)

Un pomeriggio alla scoperta del Liceo Classico e Musicale “Petrarca”

Un pomeriggio alla scoperta del Liceo Classico e Musicale “Petrarca”
Un pomeriggio alla scoperta del Liceo Classico e Musicale “Petrarca”. Sabato 27 novembre, la sala Vasariana in piazza del Praticino ospiterà il secondo Open Day dell’istituto cittadino che permetterà agli alunni di terza media e alle rispettive famiglie di conoscere i percorsi didattici che saranno proposti per l’anno scolastico 2022-2023. L’appuntamento prenderà il via con un momento in plenaria (continua)

Riparte l’attività del centro riabilitativo di Certomondo

Riparte l’attività del centro riabilitativo di Certomondo
Il centro riabilitativo di Certomondo a Ponte a Poppi riprende la propria attività dopo lo stop imposto dall’emergenza sanitaria. La struttura, fortemente voluta dal Comune di Poppi, è gestita dall’Istituto “Madre della Divina Provvidenza” dei Padri Passionisti di Agazzi tramite convenzione con la Asl Toscana Sud Est e sarà nuovamente a disposizione dei pazienti casentinesi che potranno tornare a (continua)