Home > Economia e Finanza > Cristina Scocchia: l’esperienza con Kiko, tra il risanamento e la pandemia

Cristina Scocchia: l’esperienza con Kiko, tra il risanamento e la pandemia

scritto da: Officecsweb | segnala un abuso


Un onore, un percorso bello e adrenalinico: così Cristina Scocchia commenta la chiusura del suo incarico alla guida di Kiko Italia, dopo un risanamento di successo e la sfida derivante dalla pandemia. Ora si guarda a un altro settore, puntando alla quotazione in Borsa.

Cristina scocchia

Cristina Scocchia guarda al futuro con gli occhi sempre ben puntati verso lo sviluppo del talento femminile

"Oggi siamo nella coda della pandemia e siamo tornati a crescere. L'azienda è solida e io posso prendere questa nuova opportunità": così Cristina Scocchia, dopo quattro anni e mezzo, lascia la guida di Kiko, società cosmetica che fa parte del Gruppo Percassi. Per Kiko la manager ha fatto due risanamenti, il primo quando è stata chiamata a rimettere in sesto l'azienda, il secondo durante l'emergenza Covid-19. Il futuro professionale di Cristina Scocchia la porterà alla guida di un importante Gruppo italiano appartenente a un settore diverso, puntando a una auspicabile quotazione in Borsa. La manager continuerà a lavorare per lo sviluppo del talento femminile, come sempre: "In Borsa le amministratrici delegate donna sono una strettissima minoranza, il mio esempio può essere uno stimolo ulteriore", ha commentato sulle pagine del "Corriere della Sera". La manager tiene molto al lavoro fatto per Kiko insieme a Percassi: "Ho avuto la libertà di costruire una squadra forte, fatta di persone interne a cui sono stati aggiunti manager internazionali. Tutti insieme abbiamo costruito il piano di rilancio e abbiamo dato il massimo per portarlo a compimento". E aggiunge: "È stato un onore, un percorso bello e adrenalinico".

Cristina Scocchia: la sfida del Covid-19 e i piani di Kiko per il futuro

Dopo il primo risanamento, sono giunti i difficili mesi della pandemia, che Cristina Scocchia ha affrontato insieme a tutto il suo team. "Il 10 marzo abbiamo chiuso i negozi e messo 7mila persone in cassa integrazione, in un contesto in cui eravamo tutti spaventati come manager e persone", ha raccontato al "Corriere della Sera". La sfida si è giocata non solo sul piano economico, ma anche sul piano umano. "Ho sentito la responsabilità non solo manageriale ma anche umana della situazione. Per questo ci siamo impegnati per ottenere un finanziamento di 270 milioni, per anticipare la cassa integrazione, per integrarla dove gli assegni mensili erano troppo esigui e per pagare il 70% degli stipendi anche in quei Paesi dove la cig non esiste". Cristina Scocchia lascia Kiko con un piano industriale 2021/2023 che prevede continuità col precedente, forti investimenti in innovazione di prodotto, omni-canalità e crescita nei mercati asiatici e medio-orientali. "Se non ci saranno ulteriori restrizioni nei principali Paesi in cui operiamo, stimiamo di chiudere l'anno a +50% rispetto al 2020". E sul fronte della sostenibilità Kiko prevede che il 100% dei fornitori, entro il 2025, rispetti standard elevati di responsabilità sociale e ambientale, nonché il 50% del packaging sostenibile entro la stessa data.


Fonte notizia: https://www.corriere.it/economia/moda-business/21_novembre_15/kiko-cristina-scocchia-lascia-guida-guarda-borsa-4a1df08a-45df-11ec-9a24-28e7c2e627b2.shtml


Cristina Scocchia |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Otto e Mezzo, l’AD Cristina Scocchia: la ripresa ci sarà, dobbiamo essere pronti a coglierla


“Quarta Repubblica” intervista Cristina Scocchia: le tappe professionali dell’AD di KIKO Milano


KIKO Milano dopo la pandemia: “Quarta Repubblica” intervista l’AD Cristina Scocchia


Cristina Scocchia: la manager alla guida di Kiko insignita della Legion d’Onore


Top Manager: il profilo di Cristina Scocchia, dal 2017 AD di Kiko Milano


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

“Quarta Repubblica” intervista Cristina Scocchia: le tappe professionali dell’AD di KIKO Milano

Dall'esperienza in Procter&Gamble e i successi in L'Oréal Italia, fino ai progetti attuali in KIKO Milano: Cristina Scocchia si racconta in un'intervista rilasciata a "Quarta Repubblica".Cristina Scocchia: la formazione e gli esordi in Procter&GambleLa carriera di Cristina Scocchia si contraddistingue per importanti esperienze professionali intraprese già durante gli anni dell'università: (continua)

Otto e Mezzo, l’AD Cristina Scocchia: la ripresa ci sarà, dobbiamo essere pronti a coglierla

L'AD di Kiko Milano Cristina Scocchia a "Otto e Mezzo": per far crescere i consumi e agevolare la ripresa è fondamentale sostenere imprese e famiglie in crisi aumentando gli investimenti pubblici e portando maggior fiducia e ottimismo nel Paese.Cristina Scocchia: creare ottimismo nel Paese perché più aumenta l'incertezza più crescono i risparmi e i consumi si abbassanoMai come in questo momento è (continua)

Cristina Scocchia: la manager alla guida di Kiko insignita della Legion d’Onore

Cristina Scocchia si è detta "onorata ed emozionata": la Legion d'Onore è una delle più alte onorificenze conferite dalla Francia.Cristina Scocchia: "Riconoscimento che cercherò di onorare con impegno e orgoglio"Istituito da Napoleone Bonaparte, oggi l'Ordine nazionale della Legion d'Onore viene conferito a uomini e donne di tutte le nazionalità che si sono distinti per meriti straordinari nella v (continua)

Top Manager: il profilo di Cristina Scocchia, dal 2017 AD di Kiko Milano

Ritratto formativo e professionale di Cristina Scocchia, Amministratore Delegato di Kiko Milano: l'impegno nel promuovere la sostenibilità, la diversità e i valori legati alla leadership e allo sviluppo aziendale.Cristina Scocchia: dalla laurea a Kiko Milano, le tappe principali del percorso formativo e professionaleHa iniziato a lavorare prima ancora di completare il proprio percorso formati (continua)

Cristina Scocchia, AD di Kiko: mancano figure digitali, serve riqualificazione professionale

Per l'AD di Kiko Cristina Scocchia è tempo di uscire dalla crisi pandemica con una strategia ampia e solida, non basata su semplici sussidi economici.Cristina Scocchia: "In Italia disoccupazione preoccupante, servono nuove competenze"Anche la cosmetica ha dovuto fare i conti con gli effetti dell'emergenza sanitaria. Nel 2020 il fatturato è infatti diminuito del 13%: le cause sono da ricercarsi sia (continua)