Home > Altro > Caricami porta in Italia il powerbank sharing, un business da oltre 9 miliardi

Caricami porta in Italia il powerbank sharing, un business da oltre 9 miliardi

scritto da: Giorgio Bellucci | segnala un abuso

Caricami porta in Italia il powerbank sharing, un business da oltre 9 miliardi

Si chiama Nomofobia la paura di rimanere con il telefono sconnesso


Uno studio condotto da Samsung nel 2019 rilevava un dato molto peculiare: il 36% degli italiani preferirebbe ricevere una ricarica della batteria del telefono piuttosto che un prestito di denaro. Questo dato si pone in un contesto che ci vede tutti perennemente connessi, continuamente coinvolti in interazioni digitali, tanto da far affiorare addirittura una paura, quella di restare scollegati, con la batteria scarica e nessun punto di ricarica nelle vicinanze. Paura oggettivamente motivata anche dal fatto che ormai il nostro fidato smartphone rappresenta il centro nevralgico della nostra identità digitale, spesso anche strumento di autenticazione con accessi al nostro conto in banca, ai nostri profili social e così via. A questa paura è stato dato un nome: Nomofobia ovvero NO Mobile Phone PhoBIA.

 

La paura di restare sconnessi

«In Cina la necessità di essere sempre online ha fatto letteralmente esplodere quello che nel 2017 si è rivelato il settore più in crescita nel mercato della sharing economy, ovvero il powerbank sharing - spiega Filippo Zanetti, Ceo di Caricami - Nel 2019 circa il 20% della popolazione cinese aveva utilizzato il servizio con 270 milioni di utilizzatori, oltre 1.5 miliardi di dollari di fatturato e una penetrazione in centri commerciali e trasporti superiore al 50%. Si stima che nel 2025 il mercato del powerbank sharing possa raggiungere nel mondo un valore di 9.38 miliardi di dollari». Rifacendosi a un trend così forte, il team di Caricami ha deciso di portare in Italia questo modello di business fornendo un servizio di ricarica in mobilità alle persone attraverso un’app e un network di stazioni di ricarica e powerbank sempre disponibili.

 

Un modello che funziona

Il funzionamento di Caricami è semplice: attraverso l’app Caricami, l’utente accede a una mappa che gli indica la stazione di ricarica più vicina. Qui è possibile noleggiare un powerbank, ricaricarsi in mobilità e restituirlo presso una qualunque altra stazione del circuito. Grazie a una diffusione sul territorio sempre più capillare, non sarà necessario ricordarsi di portare con sé una batteria di riserva durante una trasferta o acquistarne una. Basterà noleggiare un powerbank in una delle stazioni Caricami presenti in città. Le batterie Caricami sono dotate dei 3 connettori più diffusi sul mercato (micro USB, Type-C e Lightning) per essere compatibili con qualunque dispositivo mobile.

 

Le stazioni Caricami sono dotate di 8, 24 o 48 batterie l’una e possono essere installate all’interno di bar e ristoranti, ma anche in centri commerciali o strutture che ospitano eventi. Batterie e stazioni sono personalizzabili e integrano schermi per visualizzare immagini e video, trasformandosi anche in preziosi strumenti di marketing. «Chi utilizza il servizio paga a consumo in base alle ore di utilizzo ma sono previste anche soluzioni dove la ricarica è parzialmente o completamente offerta dalla struttura presso cui è installata la stazione. È il momento giusto per portare questo business in Italia e noi siamo al momento i primi ad averci pensato» precisa Zanetti.

 

La campagna di crowdfunding

Caricami è nata a dicembre 2019 trovandosi a operare in piena pandemia. Nonostante questo ha continuato a espandere la propria rete di stazioni di ricarica raggiungendo sette regioni italiane con oltre 200 installazioni e stringendo collaborazioni con importanti player come Impact HubTalent Garden, il Centro Diagnostico ItalianoNEN e perfino Glovo per la ricarica dei driver a Milano. Per continuare a espandersi e farlo velocemente, Caricami ha bisogno di capitali ed è per questo che ha da poco avviato una campagna di equity crowdfunding sulla piattaforma BackToWork24.

 

«Il nostro obiettivo è diventare il punto di riferimento in Italia per la ricarica in mobilità, andando a cambiare le abitudini degli italiani. Per farlo ci serve l’aiuto di tanti soci che possono diventare tali con un investimento minimo di soli 500 euro». Ha concluso Filippo Zanetti.

 

Per investire in Caricami basta andare su:

https://www.backtowork24.com/online-campaign.php?c=163-caricami

Ricordiamo che Caricami è una startup innovativa e pertanto chi investe nel progetto gode delle detrazioni previste dalla legge.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Danilo mattei attore, regista, produttore, film,


HOME SHARING ANTIDOTO ALLA DISOCCUPAZIONE FEMMINILE (L'HOST È DONNA)


Car sharing: il noleggio ecosostenibile


Fleed Digital Consulting: #vieniviaconme, gli italiani e la mobilità condivisa


Design Week 2018: Piquadro alla mostra “Smart City: Materials, Technologies & People” con Bagmotic la linea da viaggio intelligente


Il Recovery Plan di Draghi ha un “gusto di futuro” per gli italiani


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

TvbEat apre due nuove filiali e ricerca imprenditori per raggiungere tutte le province d’Italia

«Secondo gli ultimi dati di Coldiretti e Censis, quasi 4 italiani su 10 ordinano il cibo dalle piattaforme di consegna a domicilio. In provincia c’è una forte domanda per questo servizio, ma le multinazionali non sono interessate a lavorare al di fuori delle grandi città e dei loro dintorni – sottolinea Damiano Vassalli, Ceo e co-founder di TvbEat. Si tratta di un problema non da poco per i ristor (continua)

Overfunding lampo per CovKill, la tecnologia che elimina il virus del Covid-19 da aria e superfici

Overfunding lampo per CovKill, la tecnologia che elimina il virus del Covid-19 da aria e superfici
«Il mercato delle apparecchiature per la sanificazione a raggi UV-C raggiungerà i 9,2 miliardi di dollari entro il 2026 e noi ne faremo parte da protagonisti», Paolo Angelucci, Coo di Fisiocomputer - J&S n overfunding dopo solo pochi giorni dal lancio, CovKill® è la prima tecnologia in grado di dosare correttamente i raggi UV-C tramite controllo in tempo reale della loro emissione, per eliminare in modo efficace e sicuro i patogeni presenti nell’aria e sulle superfici di un ambiente.CovKill® garantisce oltre il 99% di efficacia sui virus, compreso il SARS-CoV-2 e (continua)

350mila euro in 30 giorni! DoctorApp chiude un crowdfunding da manuale

350mila euro in 30 giorni! DoctorApp chiude un crowdfunding da manuale
«Siamo molto orgogliosi di questo successo reso possibile da un intenso lavoro di squadra. - Ha commentato Alessandro Giraudo, CEO e Founder di DoctorApp. - Oggi raccogliamo i frutti di anni di lavoro e di scelte coraggiose. La nostra proposta è piaciuta agli investitori, ma prima ancora è stata apprezzata da medici e pazienti che hanno dato fiducia a un’app in grado di po (continua)

Il Green Pass non può e non deve fermare il turismo

Il Green Pass non può e non deve fermare il turismo
Da Welcomeasy 5 consigli pratici per incentivare e cavalcare la ripresa nel 2022 Le misure di sicurezza per chi viaggia servono e continueranno a servire, probabilmente, ancora fino al 2023 e oltre. Ma il Green Pass per soggiornare nelle strutture ricettive, così come altre possibili limitazioni, non deve per forza fermare il turismo, anzi. Il settore è chiamato a un grande cambiamento che può e deve essere affrontato, per tornare a crescere, passo dopo pas (continua)

La mobilità sostenibile può diventare uno sport? MUV, la startup che incoraggia e premia i comportamenti salutari, pensa di sì

La mobilità sostenibile può diventare uno sport?  MUV, la startup che incoraggia e premia i comportamenti salutari, pensa di sì
«Siamo una B Corp a vocazione sociale. Abbiamo sviluppato un gioco che incentiva comportamenti più sostenibili, certifica la riduzione di CO2 e, grazie ai dati raccolti, aiuta a creare piani di mobilità per enti e aziende».  Europa, oltre un quarto delle emissioni di CO2 viene generato dal settore dei trasporti. Per arginare gli effetti del cambiamento climatico, è stato stabilito di azzerare le emissioni nette a livello globale entro il 2050 e puntare a limitare l'aumento delle temperature a 1,5°C. Investire nell'adattamento climatico rappresenta oggi per le aziende l'unica soluzione per garantirsi una crescita (continua)