Home > Ambiente e salute > Una simbolica camminata da Arezzo alla Spagna per tutelare l’ambiente

Una simbolica camminata da Arezzo alla Spagna per tutelare l’ambiente

scritto da: Marcocavini | segnala un abuso

Una simbolica camminata da Arezzo alla Spagna per tutelare l’ambiente


Una simbolica camminata da Arezzo alla Spagna per tutelare l’ambiente e ridurre le emissioni nocive di carbonio. L’iniziativa è dell’Accademia Britannica - IH Arezzo ed è inserita all’interno del progetto “40.000km Walk” che è stato promosso a livello mondiale da International House, una delle più grandi e antiche reti internazionali di scuole associate in cinquantadue Paesi, con l’obiettivo di stimolare l’adozione di stili di vita sostenibili. L’invito rivolto da International House alle realtà del proprio network era di lasciare l’automobile e di incentivare gli spostamenti a piedi o in bicicletta, coinvolgendo i propri docenti e i propri studenti nell’impresa di camminare o pedalare per arrivare insieme a coprire una distanza complessiva di 40.000 chilometri pari alla circonferenza della Terra.

L’Accademia Britannica - IH Arezzo, punto di riferimento nell’insegnamento dell’inglese in città con oltre quarant’anni di attività, ha scelto di aderire a questa mobilitazione e ha proposto al proprio personale un’ambiziosa sfida: raggiungere simbolicamente la città di San Sebastiàn in Spagna dove attualmente vive e insegna un ex docente della scuola. La distanza da Arezzo era di 1.391 chilometri e l’obiettivo era di riuscire a coprire questo lungo tratto in un trimestre tra ottobre e dicembre, sommando i chilometri percorsi a piedi o in bicicletta da ogni partecipante negli spostamenti quotidiani e registrati con una app. La missione è stata raggiunta dal team dell’Accademia Britannica - IH Arezzo in poche settimane già nel mese di novembre e, di conseguenza, è stata ora lanciata la nuova sfida di percorrere una distanza altrettanto lunga per riuscire a fare ritorno ad Arezzo entro il giorno di Natale.

Questo impegno del personale nel ridurre l’utilizzo delle automobili negli spostamenti quotidiani e nel diminuire così le emissioni nocive in atmosfera è stato anche condiviso con gli allievi di tutte le età dell’istituto con sede nel centro storico cittadino in vicolo Pietro da Cortona. L’impegno comune è infatti di utilizzare le lezioni, i laboratori e le altre attività in lingua inglese per sensibilizzare sui temi della sostenibilità, prevedendo anche l’organizzazione di iniziative orientate all’insegnamento delle piccole abitudini quotidiane per la tutela dell’ambiente. «La nostra scuola - spiega la direttrice Pat Clay, - fa parte del network di International House e, di conseguenza, abbiamo aderito con piacere al progetto “40.000km Walk” con la consapevolezza di far del bene a noi stessi attraverso una maggior attività motoria, di portare benefici all’ambiente con una concreta riduzione delle emissioni e di condividere un messaggio positivo con i nostri allievi. Questa sfida ha coinvolto e appassionato il nostro personale che ha accolto l’invito a muoversi a piedi o in bici, riuscendo così rapidamente a raggiungere i 1.391 chilometri che dividono Arezzo da San Sebastiàn, e scegliendo addirittura di rilanciare la sfida per il ritorno: l’obiettivo è ora di tornare a casa giusto in tempo per festeggiare il Natale».



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

LUCA BERTI E LA SOCIETA' STORICA ARETINA INTERVENGONO SULLA QUESTIONE INDUSTRIALE AD AREZZO


MARCO BOTTI LANCIA DA AREZZO L'ULTIMO LIBRO DI GIORGIO FERI SUI 7 COLLI DELLA CONCA ARETINA


Lunedì 29 maggio scatta la 6° edizione della MOVE Week


Move Week, settimana europea del movimento, dal 29 maggio in tutta Italia


SPAGNA TORNA CON IL SUO NUOVO SINGOLO “STRAIGHT TO HELL” CHE E' STATO PRESENTATO DURANTE IL GAY PRIDE MONDIALE A BARCELLONA IL 27 GIUGNO


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Una gara di cucina tra studenti per premiare il miglior piatto con carni bianche

Una gara di cucina tra studenti per premiare il miglior piatto con carni bianche
Una gara di cucina per individuare e premiare il miglior piatto a base di carni bianche. La sfida ha coinvolto gli alunni dei due istituti alberghieri “Vegni-Capezzine” di Cortona e “Vasari” di Figline Valdarno che hanno partecipato al contest “#AtavolaconAlemas - Christmas Edition” e che hanno dato vita ad un’inedita competizione a distanza all’insegna dei sapori della tradizione. Questa ini (continua)

Una nuova sinergia artistica collega street art e teatro

Una nuova sinergia artistica collega street art e teatro
Una sinergia per collegare arte urbana e teatro. L’associazione Noidellescarpediverse e il produttore culturale Matteo Bidini hanno avviato una collaborazione volta a promuovere progetti congiunti per un’educazione e una formazione all’arte nelle sue diverse forme, prevedendo iniziative che spaziano dai laboratori nelle scuole allo sviluppo della street art. Questi due soggetti aretini hanno (continua)

Il Tennis Giotto è la terza miglior scuola tennis toscana

Il Tennis Giotto è la terza miglior scuola tennis toscana
Il Tennis Giotto è la terza miglior scuola tennis della Toscana. Il riconoscimento è arrivato direttamente dalla Federazione Italiana Tennis che ha pubblicato le classifiche del “Grand Prix - Trofeo delle Scuole Tennis 2021” in cui ha proposto un confronto tra i circoli di tutta la penisola attraverso una valutazione dell’attività sportiva Under20 e dell’insegnamento giovanile della disciplin (continua)

Due nuovi progetti di servizio civile per le Acli di Arezzo

Due nuovi progetti di servizio civile per le Acli di Arezzo
Due nuovi progetti di servizio civile per le Acli di Arezzo. L’associazione ha pubblicato il bando che permetterà a quattro giovani tra i diciotto e i ventinove anni di vivere un’esperienza professionale e umana di un anno in cui mettersi alla prova tra diversi ambiti operativi collegati al sociale. L’accoglienza e l’inserimento dei nuovi civilisti sono previsti nel mese di maggio, ma per pre (continua)

Le ospiti della Casa Pia lavorano ai ferri per il Calcit

Le ospiti della Casa Pia lavorano ai ferri per il Calcit
Le ospiti della Casa di Riposo “Fossombroni” lavorano ai ferri per il Calcit. L’istituto cittadino, conosciuto come Casa Pia, ha aderito al progetto “Mani&Cuore per il Calcit” e ha coinvolto le proprie residenti con l’obiettivo di portare un contributo alla realizzazione di mille coperte di lana che, nei prossimi mesi, saranno stese in una manifestazione in cui verrà tappezzata e colorata (continua)