Home > Ambiente e salute > Sclerosi Multipla: “Gioco di squadra e terapia precoce, le armi a disposizione per rallentare la progressione della malattia”

Sclerosi Multipla: “Gioco di squadra e terapia precoce, le armi a disposizione per rallentare la progressione della malattia”

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

30 novembre 2021 - La Sclerosi Multipla (SM) può esordire ad ogni età, ma è più comunemente diagnosticata nel giovane adulto tra i 20 e i 40 anni.


30 novembre 2021 - La Sclerosi Multipla (SM) può esordire ad ogni età, ma è più comunemente diagnosticata nel giovane adulto tra i 20 e i 40 anni. Ci sono circa 2,5-3 milioni di persone con SM nel mondo, di cui 1,2 milioni in Europa e circa 130.000 in Italia. Il numero di donne con SM è doppio rispetto a quello degli uomini, assumendo così le caratteristiche non solo di malattia giovanile ma anche di malattia di genere. Esistono varie forme di malattia, ma la pratica clinica ha evidenziato come iniziare la terapia il più precocemente possibile porti ad un rallentamento della progressione della disabilità, ricordando che ogni individuo richiede un programma di cura personalizzato. Al fine di sensibilizzare le istituzioni verso un trattamento precoce ed efficace, Motore Sanità ha organizzato il 6° di 10 appuntamenti regionali dal titolo ‘Focus Campania: #MULTIPLAYER - La Sclerosi Multipla si combatte in squadra’, realizzato grazie al contributo incondizionato di Celgene | Bristol Myers Squibb Company.

“In poche altre patologie del sistema nervoso centrale v’è una indicazione più pregnante al lavoro di squadra. Se è innegabile che la regia della gestione del patient journey della persona con Sclerosi Multipla tocca ai Centri SM, è altrettanto vero che nelle diverse fasi della malattia, diverse altre figure professionali svolgono un ruolo importantissimo. Per la diagnosi, di per sé complessa perché i sintomi possono essere molto variabili, e non solo in base alla sede delle lesioni, v’è bisogno di una stretta collaborazione con il medico di medicina generale e con diversi specialisti che spesso sono consultati in prima battuta per la settorialità dei segni/sintomi di presentazione (oculista e ortopedico ad esempio) per porre il sospetto diagnostico e poi del neuro radiologo per aggiungere rilevanza al sospetto. A questa fase segue la presa in carico del Centro Sclerosi Multipla che si avvarrà delle competenze di diversi specialisti (cardiologo, infettivologo, ginecologo, oncologo, dermatologo) per scegliere la terapia più adatta. Una volta stabilita la terapia, il follow up potrà richiederà l’aiuto oltre che dei suddetti specialisti, anche del fisiatra, del fisioterapista, dello psicologo e principalmente dell’infermiere dedicato che fungerà da case manager. In tutte queste fasi, è fondamentale una condivisione il più informata possibile con il paziente e possibilmente con i suoi familiari che dovrà/anno partecipare alla identificazione delle migliori strategie nelle diverse fasi della malattia. Infine, un ruolo fondamentale appartiene all’associazione dei pazienti che rappresenta l’anello di congiunzione tra la parte medica e quella sociale che tanto impatto ha nella vita e nella qualità di vita delle persone affetta da Sclerosi Multipla”, ha spiegato Gioacchino Tedeschi, Professore Ordinario di Neurologia, Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Avanzate, Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”, Napoli



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Sclerosi Multipla: puntiamo sulla terapia precoce


Invito stampa - Focus Lombardia #MULTIPLAYER. La Sclerosi Multipla si combatte in squadra - 20 luglio 2021, Ore 10:30


Sclerosi Multipla: la Lombardia, che da sola registra oltre 21mila casi, ha un ruolo centrale nella lotta di questa malattia


Nasce a Racale il primo Cannabis social club d'Italia


Multipla Calcio E Singola, Ecco Cosa Sono E Come Funzionano


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Un mondo del lavoro amico delle donne. È l’augurio di Women for Oncology Italy per il 2022

“Archiviamo il 2021 con la consapevolezza che c’è ancora tanto da fare, per colmare il gender gap. Auspichiamo un nuovo anno all’insegna non più della precarietà, ma dell’uguaglianza di occupazione e di retribuzione”. Il mondo del lavoro rimane un ambiente molto difficile per le donne e in questo anno e mezzo di pandemia l’aumento delle disuguaglianze di genere è cresciuto: dati alla mano il tasso di occupazione degli uomini è pari al 67,8% e quello delle donne è al 49,5%. È quanto evidenzia il Gender Policies Report, elaborato dalla Struttura Mercato del Lavoro dell’Inapp e presentato all’Auditorium dell’ (continua)

Tumori cutanei: bando alla vergogna e alla paura. Oggi guarire si può, grazie alla diagnosi precoce

“È importante conoscere la malattia, per poterla affrontare al meglio. Per questo occorre coinvolgere i pazienti e i loro familiari”. 21 dicembre 2021 – È uno dei tumori della pelle più comuni, secondo per diffusione solo al melanoma. È il carcinoma squamo cellulare (CSCC), che rappresenta da solo il 20-25% di tutti i tumori cutanei, caratterizzato da una crescita anomala e accelerata delle cellule squamose che, se individuata precocemente, nella maggior parte dei casi è curabile. Può localizzarsi ovunque sul corpo, m (continua)

Vaccino anti-HPV: in Piemonte la strategia vaccinale contro il tumore del collo dell’utero è esemplare e unica nel suo genere

L’offerta - che risponde all’obiettivo dell’OMS di eradicare la neoplasia entro il 2030 - è attiva e gratuita. “A Natale regaliamoci la prevenzione”. 21 dicembre 2021 - Il tumore della cervice uterina (o collo dell’utero) è la quarta neoplasia più frequente nelle donne dopo il cancro della mammella, del colon-retto e del polmone. Ogni anno nel mondo muoiono 300mila donne a causa di questo tumore, soprattutto nei Paesi meno sviluppati: è come se scomparisse all’improvviso poco più dell’intera popolazione di Firenze. In Italia si contan (continua)

380mila italiani hanno l’EPATITE C, ma non lo sanno È necessario garantire lo screening a tutti i gruppi a rischio, per eradicare la malattia entro il 2030

Entro il 2030 l’Organizzazione Mondiale della Sanità chiede di eradicare l’epatite C (HCV), un’infezione del fegato che colpisce oltre 70 milioni di individui in tutto il mondo 14 dicembre 2021 - Entro il 2030 l’Organizzazione Mondiale della Sanità chiede di eradicare l’epatite C (HCV), un’infezione del fegato che colpisce oltre 70 milioni di individui in tutto il mondo. Una malattia asintomatica che si manifesta quando è in fase molto avanzata e può sfociare in cirrosi, tumore al fegato e provocare altre complicazioni a livello epatico. Grazie ai nuovi antivirali a (continua)

Sclerosi Multipla: in Sicilia 11mila persone colpite, più 300 nuovi casi l’anno “L’ospedale, in questo periodo di pandemia, è stata una struttura resiliente e ora ha un’opportunità di ripresa con nuove modalità. A par

13 dicembre 2021 - In Sicilia sono 11mila le persone affette da Sclerosi Multipla (SM), malattia neurodegenerativa che colpisce il sistema nervoso centrale, a cui si aggiungono 300 nuovi casi l’anno. 13 dicembre 2021 - In Sicilia sono 11mila le persone affette da Sclerosi Multipla (SM), malattia neurodegenerativa che colpisce il sistema nervoso centrale, a cui si aggiungono 300 nuovi casi l’anno.  Sebbene esistano varie forme di malattia, la pratica clinica ha evidenziato come iniziare la terapia il più precocemente possibile porti a un rallentamento della progressione della dis (continua)