Home > Ambiente e salute > “Verso una casa per noi”, partito il progetto di residenzialità per adulti con disabilità

“Verso una casa per noi”, partito il progetto di residenzialità per adulti con disabilità

scritto da: Marcocavini | segnala un abuso

“Verso una casa per noi”, partito il progetto di residenzialità per adulti con disabilità


È entrato nel vivo il progetto “Una casa per noi” dell’Istituto “Madre della Divina Provvidenza” dei Padri Passionisti di Agazzi. Questo percorso di residenzialità ambisce ad attivare un nuovo modello abitativo per adulti con disabilità intellettive che, a gennaio 2022, arriveranno a vivere in un’autonomia supportata in un appartamento allestito nella frazione di Agazzi, fornendo un servizio alle loro famiglie e gettando i semi per il “durante e dopo di noi”. L’iniziativa sta coinvolgendo tre persone già seguite dal personale dell’Istituto di Agazzi che, in vista dell’inizio della vera e propria convivenza, stanno vivendo nelle ultime settimane una lunga e articolata fase preparatoria denominata “Verso una casa per noi”.

Questo periodo è strutturato come un percorso per allenare alla vita indipendente e per abituare alla nuova vita al di fuori dell’istituto o della famiglia, attraverso l’acquisizione di una serie di abilità pratiche e relazionali. Lo staff coordinato dal dottor Fabrizio Giorgeschi sta proponendo specifiche attività formative volte al raggiungimento di maggiori livelli di competenza nella gestione della vita domestica, della cura di sé, del tempo libero e delle attività occupazionali e lavorative attraverso modalità il più possibile autodeterminate dalle persone convolte nel progetto. Oltre a questo, “Verso una casa per noi” ha ambito a gettare le basi per la costituzione del gruppo-casa attraverso la realizzazione di primi momenti di convivenza con esperienze di pernottamento che verranno poi progressivamente incrementate per consolidare un’armoniosa sostenibilità nel vivere sociale in appartamento. «I percorsi orientati al “durante e dopo di noi” - spiega il dottor Giorgeschi, - sono volti alla deistituzionalizzazione e alla non istituzionalizzazione della vita delle persone con autismo e disabilità intellettive, indipendentemente dai livelli di disabilità. La strutturazione di questi progetti prevede infatti il coinvolgimento di persone con bisogni di sostegno elevati attraverso più fasi che partono dal proporre alcuni piccoli momenti di autonomia e dal condurre un’educazione alle diverse mansioni quotidiane attraverso esperienze di gruppo dove acquisire capacità pratiche e relazionali, per arrivare infine a concretizzare modelli abitativi continuativi di vita indipendente. Questo modello è proposto anche in “Una casa per noi” che dà seguito all’impegno dell’Istituto di Agazzi nell’accompagnare le persone con disabilità attraverso percorsi integrati capaci di garantire i diritti, l’autodeterminazione, lo sviluppo personale, l’inclusione sociale, l’inserimento lavorativo, le relazioni, il benessere e, infine, la vita in autonomia».



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

-Brusciano “Dialoghi Senza Barriere” con l’Associazione “Il Fare Perbene”. (Scritto da Antonio Castaldo)


Il Partito Democratico. Origine, organizzazione e identità di Simone Tedeschi


CONCORSO INTERNAZIONALE DI POESIA "LA MIA TERRA


Il “Team Senza Paura Roma” vince la staffetta Resia – Rosolina 433km


Affidarsi e fidarsi, è quello che si può sperimentare nello sport


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Una gara di cucina tra studenti per premiare il miglior piatto con carni bianche

Una gara di cucina tra studenti per premiare il miglior piatto con carni bianche
Una gara di cucina per individuare e premiare il miglior piatto a base di carni bianche. La sfida ha coinvolto gli alunni dei due istituti alberghieri “Vegni-Capezzine” di Cortona e “Vasari” di Figline Valdarno che hanno partecipato al contest “#AtavolaconAlemas - Christmas Edition” e che hanno dato vita ad un’inedita competizione a distanza all’insegna dei sapori della tradizione. Questa ini (continua)

Una nuova sinergia artistica collega street art e teatro

Una nuova sinergia artistica collega street art e teatro
Una sinergia per collegare arte urbana e teatro. L’associazione Noidellescarpediverse e il produttore culturale Matteo Bidini hanno avviato una collaborazione volta a promuovere progetti congiunti per un’educazione e una formazione all’arte nelle sue diverse forme, prevedendo iniziative che spaziano dai laboratori nelle scuole allo sviluppo della street art. Questi due soggetti aretini hanno (continua)

Il Tennis Giotto è la terza miglior scuola tennis toscana

Il Tennis Giotto è la terza miglior scuola tennis toscana
Il Tennis Giotto è la terza miglior scuola tennis della Toscana. Il riconoscimento è arrivato direttamente dalla Federazione Italiana Tennis che ha pubblicato le classifiche del “Grand Prix - Trofeo delle Scuole Tennis 2021” in cui ha proposto un confronto tra i circoli di tutta la penisola attraverso una valutazione dell’attività sportiva Under20 e dell’insegnamento giovanile della disciplin (continua)

Due nuovi progetti di servizio civile per le Acli di Arezzo

Due nuovi progetti di servizio civile per le Acli di Arezzo
Due nuovi progetti di servizio civile per le Acli di Arezzo. L’associazione ha pubblicato il bando che permetterà a quattro giovani tra i diciotto e i ventinove anni di vivere un’esperienza professionale e umana di un anno in cui mettersi alla prova tra diversi ambiti operativi collegati al sociale. L’accoglienza e l’inserimento dei nuovi civilisti sono previsti nel mese di maggio, ma per pre (continua)

Le ospiti della Casa Pia lavorano ai ferri per il Calcit

Le ospiti della Casa Pia lavorano ai ferri per il Calcit
Le ospiti della Casa di Riposo “Fossombroni” lavorano ai ferri per il Calcit. L’istituto cittadino, conosciuto come Casa Pia, ha aderito al progetto “Mani&Cuore per il Calcit” e ha coinvolto le proprie residenti con l’obiettivo di portare un contributo alla realizzazione di mille coperte di lana che, nei prossimi mesi, saranno stese in una manifestazione in cui verrà tappezzata e colorata (continua)