Home > Sport > Il dicembre della Chimera Nuoto sarà dedicato al nuoto neonatale

Il dicembre della Chimera Nuoto sarà dedicato al nuoto neonatale

scritto da: Marcocavini | segnala un abuso

Il dicembre della Chimera Nuoto sarà dedicato al nuoto neonatale


Il mese di dicembre della Chimera Nuoto sarà dedicato al nuoto neonatale. Domenica 12 e domenica 19 dicembre è in programma una doppia edizione del Baby Acquatic’s Day che, rivolto alla fascia d’età da zero a quattro anni, sarà ospitato in entrambe le date dal palazzetto del nuoto di Arezzo e dalla piscina comunale di Foiano della Chiana. L’evento, a partecipazione gratuita, proporrà prima lezioni mattutine in vasca per far vivere ai bambini le loro prime esperienze acquatiche insieme ai genitori e poi incontri pomeridiani per approfondire le metodologie didattiche del nuoto neonatale con famiglie, tecnici e istruttori. La novità di questa edizione del Baby Acquatic’s Day sarà la presenza di Emanuele Narcisi, tecnico della Orizzonte Blu di Montefiascone e tra i massimi esperti italiani di pedagogia natatoria infantile, che sarà il 12 dicembre alla piscina di Arezzo e il 19 dicembre alla piscina di Foiano della Chiana.

Le due domeniche si apriranno entrambe con le lezioni in vasca della durata di mezz’ora in programma tra le 9.45 e le 11.15 per i bambini tra zero e ventiquattro mesi, e tra le 11.15 e le 12.45 per i bambini tra due e quattro anni. La costante presenza del genitore favorirà un approccio sereno verso l’ambiente acquatico da parte dei bambini, accompagnandoli tra giochi, percorsi e laboratori proposti dai tecnici della Chimera Nuoto che, da oltre vent’anni, è affiliata alla “Scuola Nazionale di Educazione Acquatica Infantile”. L’intero allenamento si svolgerà con un sottofondo musicale a 432 hertz che permette di ottenere una miglior armonia e un maggior benessere psicofisico. Il pomeriggio alle 16.00 sono invece in programma gli incontri in aula dove Narcisi, affiancato dal direttore sportivo della Chimera Nuoto Marco Magara, spiegherà ai genitori la metodologia didattica e pedagogica utilizzata nel nuoto neonatale che permette ai bambini di acquisire sicurezza nelle acque e di imparare a nuotare. Questa attività trova il proprio fondamento nel Metodo Giletto, il metodo italiano per l’insegnamento del nuoto baby studiato dal 1988 dalla dottoressa Manuela Giletto, che permette il raggiungimento di numerosi benefici: previene l’annegamento, stimola l’appetito, accelera lo sviluppo del cervello, rinforza il cuore, previene l’obesità, aiuta il linguaggio, favorisce il sonno e abbassa lo stress.

I due appuntamenti domenicali saranno anticipati domenica 5 dicembre, alle 10.00, da un incontro in videoconferenza sulla pagina facebook del palazzetto del nuoto di Arezzo dove Magara fornirà un approfondimento sulla didattica del nuoto neonatale, proponendo un momento rivolto a tecnici, istruttori e genitori. Questa iniziativa digitale si inserisce nel percorso di formazione continua dal titolo “La magia del nuoto” promosso dalla Chimera Nuoto, andando a precedere e a introdurre i Baby Acquatic’s Day. Per partecipare agli eventi del 12 e del 19 dicembre è necessaria la prenotazione con un messaggio su WhatsApp al 347/42.49.641 o una mail a chimerareception@gmail.com dove indicare nome, cognome, età e fascia oraria scelta.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Bambini nati tossicodipendenti da madri inconsapevoli


Due giornate di formazione ad Arezzo per tecnici e istruttori di nuoto


Bei risultati per la Chimera Nuoto in vista dei Campionati Assoluti


“La magia del nuoto”, al via la formazione per aspiranti istruttori e tecnici


Una convenzione tra Acli e Centro Sport Chimera per il nuoto ad ogni età


Nasce il progetto di nuoto inclusivo al palazzetto del nuoto di Arezzo


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Una gara di cucina tra studenti per premiare il miglior piatto con carni bianche

Una gara di cucina tra studenti per premiare il miglior piatto con carni bianche
Una gara di cucina per individuare e premiare il miglior piatto a base di carni bianche. La sfida ha coinvolto gli alunni dei due istituti alberghieri “Vegni-Capezzine” di Cortona e “Vasari” di Figline Valdarno che hanno partecipato al contest “#AtavolaconAlemas - Christmas Edition” e che hanno dato vita ad un’inedita competizione a distanza all’insegna dei sapori della tradizione. Questa ini (continua)

Una nuova sinergia artistica collega street art e teatro

Una nuova sinergia artistica collega street art e teatro
Una sinergia per collegare arte urbana e teatro. L’associazione Noidellescarpediverse e il produttore culturale Matteo Bidini hanno avviato una collaborazione volta a promuovere progetti congiunti per un’educazione e una formazione all’arte nelle sue diverse forme, prevedendo iniziative che spaziano dai laboratori nelle scuole allo sviluppo della street art. Questi due soggetti aretini hanno (continua)

Il Tennis Giotto è la terza miglior scuola tennis toscana

Il Tennis Giotto è la terza miglior scuola tennis toscana
Il Tennis Giotto è la terza miglior scuola tennis della Toscana. Il riconoscimento è arrivato direttamente dalla Federazione Italiana Tennis che ha pubblicato le classifiche del “Grand Prix - Trofeo delle Scuole Tennis 2021” in cui ha proposto un confronto tra i circoli di tutta la penisola attraverso una valutazione dell’attività sportiva Under20 e dell’insegnamento giovanile della disciplin (continua)

Due nuovi progetti di servizio civile per le Acli di Arezzo

Due nuovi progetti di servizio civile per le Acli di Arezzo
Due nuovi progetti di servizio civile per le Acli di Arezzo. L’associazione ha pubblicato il bando che permetterà a quattro giovani tra i diciotto e i ventinove anni di vivere un’esperienza professionale e umana di un anno in cui mettersi alla prova tra diversi ambiti operativi collegati al sociale. L’accoglienza e l’inserimento dei nuovi civilisti sono previsti nel mese di maggio, ma per pre (continua)

Le ospiti della Casa Pia lavorano ai ferri per il Calcit

Le ospiti della Casa Pia lavorano ai ferri per il Calcit
Le ospiti della Casa di Riposo “Fossombroni” lavorano ai ferri per il Calcit. L’istituto cittadino, conosciuto come Casa Pia, ha aderito al progetto “Mani&Cuore per il Calcit” e ha coinvolto le proprie residenti con l’obiettivo di portare un contributo alla realizzazione di mille coperte di lana che, nei prossimi mesi, saranno stese in una manifestazione in cui verrà tappezzata e colorata (continua)