Home > Altro > La mobilità sostenibile può diventare uno sport? MUV, la startup che incoraggia e premia i comportamenti salutari, pensa di sì

La mobilità sostenibile può diventare uno sport? MUV, la startup che incoraggia e premia i comportamenti salutari, pensa di sì

scritto da: Giorgio Bellucci | segnala un abuso

La mobilità sostenibile può diventare uno sport?  MUV, la startup che incoraggia e premia i comportamenti salutari, pensa di sì

«Siamo una B Corp a vocazione sociale. Abbiamo sviluppato un gioco che incentiva comportamenti più sostenibili, certifica la riduzione di CO2 e, grazie ai dati raccolti, aiuta a creare piani di mobilità per enti e aziende».


 Europa, oltre un quarto delle emissioni di CO2 viene generato dal settore dei trasporti. Per arginare gli effetti del cambiamento climatico, è stato stabilito di azzerare le emissioni nette a livello globale entro il 2050 e puntare a limitare l'aumento delle temperature a 1,5°C. Investire nell'adattamento climatico rappresenta oggi per le aziende l'unica soluzione per garantirsi una crescita futura. Inoltre, il quadro normativo italiano, prevede che le società con più di 100 dipendenti debbano rispettare le linee guida del mobility management.

Su queste basi, dopo 8 anni di ricerca e partnership con più di 20 organizzazioni internazionali in 21 città del mondo, a gennaio 2020, nasce MUV B Corp, una startup tecnologica a vocazione sociale con un obiettivo chiaro. «Vogliamo incoraggiare comportamenti responsabili e salutari, promuovendo competizioni sportive. Grazie alla nostra tecnologia, siamo in grado di misurare i progressi certificando la riduzione di CO2 e, attraverso i dati raccolti, contribuire alla creazione di piani di mobilità per enti, aziende e istituzioni». Spiega Domenico Schillaci, CEO di MUV

 

Un’app per cambiare il mondo

La tecnologia di MUV ruota intorno a un’app, disponibile per iOS e Android, che permette di organizzare e partecipare a competizioni in grado di trasformare la mobilità sostenibile in un vero Sport, ma soprattutto offre l’opportunità di agire su sfide globali quali la lotta al cambiamento climatico. La risposta del mercato a questa startup è stata sorprendente. Durante il lockdown del 2020, i founder di MUV hanno perfezionato la tecnologia e gli algoritmi, le struttura e la strategia di marketing per partire ad aprile 2021, con i primi tornei sperimentali. I clienti: Fondazione CRT, il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile e EIT Urban Mobility.

 

Un fitto calendario di eventi sostenibili

«Grazie a un accordo con Dott, la startup di monopattini elettrici, abbiamo realizzato eventi che sono state delle vere e proprie sfide di mobilità sostenibile a Palermo e Monza, ma presto saremo anche in altre città italiane. Da settembre a novembre 2021 MUV, con U-MOB Life, ha organizzato il Torneo di mobilità sostenibile tra 16 Università europee: oltre 2.200 utenti, 319.185 chilometri sostenibili, che se fossero stati percorsi in auto corrisponderebbero a 42,5 tonnellate di emissioni di CO2». Continua Schillaci. «La nostra roadmap di eventi è fittissima. Nel corso del 2022 sono previste sfide e tornei, in partnership con aziende che condividono gli stessi valori, nelle principali città italiane ed europee e lanceremo Serie MUV, il campionato di sostenibilità per i tifosi di calcio».

 

La raccolta fondi su CrossFund.asia

MUV è un tipico esempio di startup italiana con una forte propensione internazionale. Lo sport, il clima, la sostenibilità, sono valori che interessano tutti e che non soffrono di barriere geografiche o linguistiche. Per questo motivo la giovane B Corp ha deciso di avviare una campagna di raccolta fondi sfruttando CrossFund l’innovativa piattaforma internazionale di Angels che raccoglie capitali da un nucleo di investitori asiatici ed europei accreditati unicamente tramite invito. «Da italiano e da siciliano, sono sempre orgoglioso di avere a bordo una startup come MUV, ma al di la delle origini comuni, crediamo che le potenzialità del team, la vision di questa startup e la tecnologia che sono stati in grado di sviluppare internamente, rappresentano degli asset sui quali vale davvero la pena investire». Racconta Davide Calì, co-founder di CrossFund.

Ricordiamo che CrossFund è un portale nato a Singapore a Luglio 2021 e che in meno di sei mesi ha all’attivo già 11 campagne con una media mensile di raccolta che ha raggiunto i 600mila dollari.

 



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Nuovi Trasporti Lombardi Via libera a progetto di joint venture tra ATB Mobilità Bergamo, Brescia Mobilità e FNM


Investire in startup? I 10 consigli dei business angel di Seed Money per scovare quelle migliori


Tutto pronto per il nuovo MCE 4X4, l'iniziativa che mette in contatto startup e aziende nel settore della mobilità


Venture Capital: Open Seed va in crowdfunding e supera i 100k nelle prime 24 ore


“Celebrate the Excellence” – Un premio per le imprese resilienti Claudio Di Salvo


Open Seed: 10 punti deboli delle startup che fanno fare marcia indietro agli investitori


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

TvbEat apre due nuove filiali e ricerca imprenditori per raggiungere tutte le province d’Italia

«Secondo gli ultimi dati di Coldiretti e Censis, quasi 4 italiani su 10 ordinano il cibo dalle piattaforme di consegna a domicilio. In provincia c’è una forte domanda per questo servizio, ma le multinazionali non sono interessate a lavorare al di fuori delle grandi città e dei loro dintorni – sottolinea Damiano Vassalli, Ceo e co-founder di TvbEat. Si tratta di un problema non da poco per i ristor (continua)

Overfunding lampo per CovKill, la tecnologia che elimina il virus del Covid-19 da aria e superfici

Overfunding lampo per CovKill, la tecnologia che elimina il virus del Covid-19 da aria e superfici
«Il mercato delle apparecchiature per la sanificazione a raggi UV-C raggiungerà i 9,2 miliardi di dollari entro il 2026 e noi ne faremo parte da protagonisti», Paolo Angelucci, Coo di Fisiocomputer - J&S n overfunding dopo solo pochi giorni dal lancio, CovKill® è la prima tecnologia in grado di dosare correttamente i raggi UV-C tramite controllo in tempo reale della loro emissione, per eliminare in modo efficace e sicuro i patogeni presenti nell’aria e sulle superfici di un ambiente.CovKill® garantisce oltre il 99% di efficacia sui virus, compreso il SARS-CoV-2 e (continua)

350mila euro in 30 giorni! DoctorApp chiude un crowdfunding da manuale

350mila euro in 30 giorni! DoctorApp chiude un crowdfunding da manuale
«Siamo molto orgogliosi di questo successo reso possibile da un intenso lavoro di squadra. - Ha commentato Alessandro Giraudo, CEO e Founder di DoctorApp. - Oggi raccogliamo i frutti di anni di lavoro e di scelte coraggiose. La nostra proposta è piaciuta agli investitori, ma prima ancora è stata apprezzata da medici e pazienti che hanno dato fiducia a un’app in grado di po (continua)

Il Green Pass non può e non deve fermare il turismo

Il Green Pass non può e non deve fermare il turismo
Da Welcomeasy 5 consigli pratici per incentivare e cavalcare la ripresa nel 2022 Le misure di sicurezza per chi viaggia servono e continueranno a servire, probabilmente, ancora fino al 2023 e oltre. Ma il Green Pass per soggiornare nelle strutture ricettive, così come altre possibili limitazioni, non deve per forza fermare il turismo, anzi. Il settore è chiamato a un grande cambiamento che può e deve essere affrontato, per tornare a crescere, passo dopo pas (continua)

Crediti deteriorati? 4Invest NPL risolve il problema e avvia la campagna di crowdfunding

Crediti deteriorati? 4Invest NPL risolve il problema e avvia la campagna di crowdfunding
«Il mercato offre pacchetti di crediti deteriorati del valore di 1 milione per 30 mila euro, con recuperabilità minima al 35%. Noi possiamo aiutare privati e imprese in difficoltà a liberarsi dai debiti» «Secondo Standard & Poor's, nell’anno in corso, le banche italiane vedranno raddoppiare i crediti deteriorati, fino a circa 200 miliardi di euro al lordo delle rettifiche. Questi crediti, che nel nostro Paese derivano soprattutto dall’esposizione alle Pmi, per gli istituti sono spesso difficili da recuperare, a causa della lentezza intrinseca dei processi decisionali e dei percorsi giudiziali (continua)