Home > Musica > Uscito il quarto lavoro degli Hexperos, una mescola di classica e atmosfere spirituali

Uscito il quarto lavoro degli Hexperos, una mescola di classica e atmosfere spirituali

scritto da: Riccistampa | segnala un abuso

Uscito il quarto lavoro degli Hexperos, una mescola di classica e atmosfere spirituali

Il lavoro è presentato con le illustrazioni dell’artista cileno Nicolás Menay


Il canto e il flauto, l’arpa, il violino, le percussioni e il violoncello. Fino a campane tibetane, campane di cristallo e gong. Per una mescola di musica classica, neo-folk, atmosfere oscure e dark, spirituali e fantastiche con echi celtici e nord europei. Il tutto con testi originali, da sempre una parte fondamentale delle composizioni degli Hexperos, anche attraverso numerose citazioni. Senza dimenticare il connubio con la creatività di Nicolás Menay, artista cileno.  

I Will Carry On - questo il titolo dell’album, il quarto per il gruppo, oltre ad una ristampa che raccoglie tutti i singoli e un Ep - è proposto infatti in un’edizione A5 davvero speciale, arricchito dai disegni a matita realizzati da Nicolás Menay, ad accompagnare ogni brano, nonché dalle fotografie di Antonella Giuliano, che ha catturato i momenti più salienti in studio di registrazione, oltre ad aver realizzato alcune foto artistiche.

Un lavoro corale, dunque, frutto di ispirazione, passione e impegno, per la nuova proposta del gruppo, composto in maggioranza da musicisti abruzzesi. Gli Hexperos peraltro possono vantare un seguito importante sulle piattaforme musicali, come i quasi 35mila ascoltatori mensili su Spotify.   

“Fondamentali fonti di ispirazione per l’ultimo album, come in passato, sono la maternità e la natura che tanto si lega alla spiritualità. Il nostro splendido Abruzzo può ben competere con i meravigliosi scorci nordeuropei ed è forse proprio la natura che ci accomuna e che ispira certe sonorità, così come la voce solista, spesso definita eterea, e le melodie del flauto, dell’arpa e degli archi, strumenti principi dell’album” commentano gli Hexperos.

Il nome del gruppo proviene dalle Esperidi, figure della mitologia greca che, secondo la leggenda, custodivano il giardino dei pomi d’oro di Era e cantavano con voce melodiosa, e da Hesperus, la prima stella vespertina, la stella di Venere, la dea dell’amore.

Il progetto nasce da un’idea di Alessandra Santovito. Autrice di musiche e testi, alterna il canto al suono del flauto traverso oppure della traversa medievale, del tin whistle, o di altri strumenti come quelli percussivi con i quali si diverte ad arricchire le performance live e le composizioni in studio. Tra i musicisti che l’accompagnano, Domenico Mancini, violinista eclettico che ha contribuito alla costruzione di ogni album. Un incontro davvero fortunato è stato quello con l’arpista Valentina Locci:  “Cercavo da tempo un’anima gemella che sapesse suonare con fantasia l’arpa, strumento fondamentale nelle mie composizioni - commenta Alessandra Santovito -. Valentina ha contribuito in maniera fondamentale all’arrangiamento dei brani”.

Nel nuovo album troviamo, inoltre, il giovane virtuoso percussionista Marco Molino e Loris Baccalà all’handpan, strumento capace di donare tanta pace interiore, protagonista di un intero brano dell’album, dal titolo Where the sea meets the sand. Fondamentale inoltre il contributo del violoncellista Alan Di Liberatore e di Martina Caserio, campane tibetane, campane di cristallo, gong, thetadrum, koshi bell e pines. Fino a Piero Garone dello studio Garone Production, che ha curato la registrazione ed il mastering dell’intero album con cura, passione, totale dedizione e coinvolgimento.

“Come nella Divina Commedia - aggiunge Alessandra Santovito - chi è nel dolore spesso fa nuovi incontri, condivide le proprie storie. Attraverso la condivisione e l’ascolto delle esperienze altrui si cresce, si trova una luce nell’oscurità. Nell’album sono contenuti due omaggi a Dante Alighieri, nel settimo centenario dalla morte del sommo Poeta”.

Dall’album è estratto un singolo, Narcissus. “Il testo di Narcissus è un gioco di citazioni con numerose coppie di figure mitologiche, ma le storie vengono rovesciate, gli eroi non accorrono in soccorso delle proprie eroine, ma le lasciano soccombere o sono la causa della loro rovina. Queste, per sopravvivere, devono salvarsi attingendo dalle proprie risorse” commenta sempre la cantante.

Gli Hexperos hanno all’attivo numerosi concerti in Italia e all’estero. Tra gli eventi più importanti: Mercati di Traiano - Museo dei Fori Imperiali a Roma nell’ambito della Notte dei Musei, Wave Gotik Treffen a Lipsia, Elfia Fantasy Festival di Arcen in Olanda.

L’etichetta discografica spagnola In the Morning Side Records ha già in programma una ristampa in vinile dell’intero album.


Fonte notizia: http://www.hexperos.com




Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

“Manuale di eleganza classica maschile”, la guida allo stile di Douglas Mortimer


Atmosfere da Sogno nella magica notte di San Lorenzo


Vendita Musica Online: Entra anche tu a far parte del mondo Classic Voice


MARGHERITA ZANIN: “RADIOMARGHE” e’ l’e.p. crossover fra l’album d’esordio e il prossimo attesissimo disco. “Rosa” e’ il singolo estratto.


SCIENTOLOGY - COSA DICONO GLI ESPERTI


l quarto trimestre ha registrato un calo delle vendite del 4% anno su anno


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Scuola e dad, parte un progetto abruzzese finanziato dalla Ue

Scuola e dad, parte un progetto abruzzese finanziato dalla Ue
Si chiama L’occhio del testimone il progetto finanziato dal programma Erasmus+ dell’Unione europea che punta a migliorare i risultati scolastici degli studenti, nonché alla maggiore gratificazione dei docenti nello svolgere la professione. Il tutto nella scuola ai tempi della pandemia. Con L’Italia come paese proponente e coordinatore e la città di Pescara come punto di riferimento dell’iniziativa (continua)

A Pescara l'Archeoclub festeggia 50 anni di attività

A Pescara l'Archeoclub festeggia 50 anni di attività
A Pescara hanno scoperto il villaggio neolitico di Fontanelle e il sito protostorico di Colle del telegrafo, la necropoli di colle Pietra e quella dei Gesuiti. E poi individuato e segnalato gli affioramenti di diverse epoche dietro villa Mezzopreti, quelli romani sulla salita Rex e affioramenti dell’età del bronzo lungo la scarpata di via di Fonte Borea. Per non dire degli scavi con la Soprintende (continua)

L’universo dell’odontoiatria si dà appuntamento a Pescara

L’universo dell’odontoiatria si dà appuntamento a Pescara
L’universo dell’odontoiatria per l’Abruzzo dental forum, appuntamento Andi-Associazione nazionale dentisti italiani, in programma il primo e due ottobre al Porto turistico Marina di Pescara - Padiglione Becci. Due giorni per fare il punto della professione, all’insegna di un lavoro di squadra. Un appuntamento Andi-Associazione nazionale dentisti italiani.In scaletta quindi interventi di profession (continua)

Cena di Natale a domicilio e bridisi online per i dipendenti Metamer

Cena di Natale a domicilio e bridisi online per i dipendenti Metamer
Un regalo speciale per un Natale insolito, omaggiando la resilienza dimostrata dalle persone lungo tutto l’anno e senza perdere la vicinanza. È questo il pensiero che ha guidato Metamer per un’iniziativa unica, voluta in vista delle imminenti festività che sono inevitabilmente condizionate dalla situazione in corso.Come pensiero rivolto a dipendenti e collaboratori, con i quali non sarà possibile (continua)

Un incontro online sul digital divide in Abruzzo

Un incontro online sul digital divide in Abruzzo
Tema portante del nuovo Lab è “Digital Abruzzo, Includi ed impera” un argomento cruciale in questo momento storico, delineato da scenari inediti dovuti alla pandemia. Torna IoRiparto Lab, osservatorio sul mondo economico e sociale italiano dedicato alle “Storie di chi non si ferma” come da slogan del progetto. Dopo i primi eventi online dedicati a turismo, salute, economia, è la volta della tecnologia. Appuntamento in diretta streaming venerdì 6 novembre sulla piattaforma www.ioriparto.it con il format ormai consolidato: 300 secondi per argomentare il proprio t (continua)