Home > Libri > “Vivere e morire in trincea”, ecco il nuovo libro di Marcello Caremani

“Vivere e morire in trincea”, ecco il nuovo libro di Marcello Caremani

scritto da: Marcocavini | segnala un abuso

“Vivere e morire in trincea”, ecco il nuovo libro di Marcello Caremani


“Vivere e morire in trincea”. Questo è il titolo del nuovo libro di Marcello Caremani che, insieme al figlio Francesco, ha condotto un’indagine volta a portare alla luce le difficoltà e le sofferenze vissute dai soldati nelle trincee durante la Prima guerra mondiale, nella quale contrassero molte malattie, alcune conosciute e altre mai viste. Il saggio, edito da Arancia Publishing (marchio di Bradipolibri), già disponibile su Amazon e presto nelle librerie aretine, si sviluppa su un doppio piano storico e sanitario attraverso una ricerca supportata dagli studi e dalle competenze professionali di Caremani, già direttore dell’Unità Operativa di Malattie infettive e del Dipartimento di Medicina specialistica dell’Ospedale San Donato e poi assessore comunale alle politiche sociali e sanitarie.

Questa formula, tra l’altro, torna a essere proposta a distanza di tre anni dalla pubblicazione del successo editoriale “Un consulto clinico 2000 anni dopo. Patologie e cause della morte di Alessandro Magno”, nel quale lo stesso scrittore approfondì il mistero del decesso in giovane età del re macedone.

“Vivere e morire in trincea” racconta le sofferenze patite durante la Grande Guerra che resero difficile il lavoro del personale sanitario a causa di patologie originate dalle cattive condizioni di vita e dall’assenza di igiene personale con il pullulare di parassiti e topi. L’assembramento nelle trincee era tale che, quando insorgeva una malattia diffusiva, il morbo dilagava colpendo e uccidendo centinaia di soldati, come nei casi più diffusi di tifo petecchiale o colera. Un particolare focus sarà orientato verso le due patologie che hanno maggiormente contraddistinto questa guerra: il piede da trincea e lo Shell Shock. Il primo colpì prevalentemente le estremità inferiori del corpo umano a causa di freddo, umidità, fango e scarsa igiene richiedendo in alcuni casi l’amputazione dell’arto, mentre lo Shell Shock (o “Scemo di guerra”) fu una nuova patologia bellica che emerse proprio tra il 1915 e il 1918 a causa del massiccio fuoco di artiglieria che spesso sconvolgeva la mente dei giovani soldati che dai loro comandanti venivano trattati come codardi e non come malati. «Tutti questi drammi sono raccontati nel libro con un doppio piano narrativo: tra lo storico e il sanitario - commenta Marcello Caremani. - Ma, come quelli che da sempre coinvolgono l’umanità, furono, volenti o nolenti, anche grandi stimoli alla ricerca medico-scientifica e al progresso, come è successo durante la Prima guerra mondiale. Un grande cambiamento, ad esempio, avvenne con la creazione dell’ipoclorito di sodio che rappresenta la prima vera medicazione antibatterica, ma un altro preparato di notevole importanza fu la tintura di iodio utilizzata per la prima volta dall’esercito italiano nella campagna di Libia. Il libro, realizzato con il prezioso contributo di mio figlio Francesco, nasce dunque con l’intento di raccontare e di indagare, sul piano sanitario, una delle pagine più tristi del Novecento e, in generale, della storia».

 



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Roma, 23 gennaio 2018, al Teatro Arciliuto l'Ass. Ti Amo da morire Onlus presenta “Matrimonio Siriano” e “A un passo da qui”


Marcello Bredice: come essere leader nel business e nello sport


Marcello Caremani ha vinto il Golden Books Awards 2019


La storia di Otello Lorentini nell’e-book “I Giusti dello sport”


Atleti di interesse nazionale per la 24 ore anche la coppia Marcello e Francesca


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Informazione e assistenza sulle novità pensionistiche dal Patronato Acli

Informazione e assistenza sulle novità pensionistiche dal Patronato Acli
Un servizio di informazione e di assistenza verso le novità pensionistiche. A fornirlo è il Patronato Acli di Arezzo che porrà le proprie competenze a disposizione dei cittadini per illustrare le nuove misure previste dalla Legge di Bilancio 2022 per l’uscita dal lavoro che fanno riferimento all’introduzione di Quota 102, al rifinanziamento di Opzione Donna e alla proroga di Ape Sociale. Queste po (continua)

Ultimi giorni di orientamento per il Liceo Classico e Musicale

Ultimi giorni di orientamento per il Liceo Classico e Musicale
Ultimi giorni di orientamento per il Liceo Classico e Musicale “Petrarca”. Le iscrizioni per le scuole superiori pubbliche resteranno aperte fino a venerdì 28 gennaio e, di conseguenza, l’istituto aretino si prepara a intensificare gli sforzi per garantire informazione e accoglienza a tutti gli alunni in procinto di scegliere il loro futuro percorso di studi. L’obiettivo è di permettere agli (continua)

Alla scoperta di sé con il corso di formazione di Arezzo Psicosintesi

Alla scoperta di sé con il corso di formazione di Arezzo Psicosintesi
Un percorso per approfondire la conoscenza di sé stessi e per arrivare ad esprimere pienamente le proprie potenzialità. A proporlo è l’associazione Arezzo Psicosintesi che si appresta a dare il via al nuovo corso di formazione triennale che, rivolto a persone di ogni età, proporrà un viaggio alla scoperta del proprio mondo interiore e delle proprie funzioni psichiche. Gli incontri partiranno (continua)

Il servizio ABA dell’Istituto di Agazzi entra nelle scuole

Il servizio ABA dell’Istituto di Agazzi entra nelle scuole
Un supporto alle scuole per la crescita e per l’apprendimento dei bambini con disturbo dello spettro autistico e con disabilità intellettive. Il progetto è condotto dal personale di “Futurabile”, il centro specializzato sull’età evolutiva dell’Istituto di Agazzi, che porrà le proprie competenze a disposizione degli insegnanti di istituti di diverso grado per una formazione e un affiancamento (continua)

Tempo di bilanci per il consiglio di amministrazione della Casa Pia

Tempo di bilanci per il consiglio di amministrazione della Casa Pia
Tempo di bilanci per la Casa di Riposo “Fossombroni”. L’attuale consiglio di amministrazione della struttura, nota come Casa Pia, è entrato in carica nel gennaio del 2021 e a distanza di un anno ha promosso un momento di confronto e di verifica interna per valutare le attività svolte e i risultati raggiunti. L’insediamento di dodici mesi fa avvenne con pochi giorni di anticipo rispetto alla (continua)