Home > Cibo e Alimentazione > L’Osservatorio di Sigep in programma dal 22 al 26 gennaio 2022 all’ Expo di Italian Exhibition Group di Rimini, annuncia che per il Natale 2021, dal Canada al Quatar trionfa il PANETTONE

L’Osservatorio di Sigep in programma dal 22 al 26 gennaio 2022 all’ Expo di Italian Exhibition Group di Rimini, annuncia che per il Natale 2021, dal Canada al Quatar trionfa il PANETTONE

scritto da: Peppebar | segnala un abuso

L’Osservatorio di Sigep in programma dal 22 al 26 gennaio 2022 all’ Expo di Italian Exhibition Group di Rimini, annuncia che per il Natale 2021, dal Canada al Quatar trionfa il PANETTONE

Protagonista delle nostre feste il panettone artigianale vale il 52% del mercato interno ma conquista quote in tutto il mondo. Dal panettone del Sommo Poeta a quello salutare, integrale e con mix di agrumi, passando per quello con cioccolato fondente e albicocche, parlano i maestri del dolciario


L’Osservatorio Sigep dedicato al Natale 2021 punta i riflettori sul panettone: l’indiscusso re delle tavole imbandite italiane è sempre più richiesto da quelle internazionali. L’Osservatorio, da vent’anni emanazione del SIGEP - The Dolce World Expo di Italian Exhibition Group (dal 22 al 26 gennaio prossimo in fiera a Rimini), ha raccolto da alcuni tra i grandi maestri pasticceri e gelatieri del Paese le tendenze di un prodotto, il panettone artigianale appunto, che in Italia nel 2020 copriva il 52% del mercato dei dolci natalizi per un valore di 109 milioni di euro.
«Ricetta che ha conquistato il mondo. Dalla cultura locale lombarda, il panettone è riuscito a migrare in tutte le regioni d’Italia fino al resto del globo, diffondendo la qualità della nostra artigianalità. Uvetta e canditi decorano il panettone di Milano e rendono il profumo di ogni fetta unica e riconoscibile in tutto il mondo», afferma il grande maestro pasticcere Iginio Massari
Per il già campione del mondo di pasticceria Luigi Biasetto, «Panettone con impasto al pistacchio oppure con caramello e gianduia sono i prodotti di punta di questo Natale. In tempi di relativa incertezza come questi, lo zucchero dà conforto e se i volumi arrivano al 150 per cento dello scorso anno è segno che c’è richiesta di convivialità e condivisione.».
Salvatore De Riso, presidente dell’Accademia Maestri Pasticceri Italiani, produce 16 diversi tipi di panettone: «Li spediamo ovunque, sino in Cina e in Canada. Il “cioccoloso”, con cioccolato fondente nell’impasto e albicocche candite alla vaniglia, è la novità 2021 che abbiamo personalizzato e fatto assaggiare all’emiro del Qatar Al Thani, nostro cliente da quattro anni».
 «Il mondo si è innamorato del panettone – spiega Roberto Perotti, maestro panificatore bresciano presidente del prestigioso Richemont Club Italia e, da quest’anno, del Richemont Internazionale – perché è ricco e con una lavorazione complessa che parte dal lievito madre. La versione ai quattro cioccolati, fondente, al latte, bianco, che visivamente si perde nella pasta ma si sente all’olfatto e il ruby, sarà la sorpresa di questo Natale. Un successo spinto anche dai canali di vendita online».
Claudio Gatti, presidente dell’Accademia Maestri del Lievito Madre e del Panettone dice all’Osservatorio Sigep Natale: «Questo dolce vede richieste in forte rialzo rispetto agli anni scorsi, anche dall’estero. In Europa, soprattutto in Francia e Svizzera, ma anche sul mercato asiatico: Cina, Hong Kong, Singapore. Una tendenza all’acquisto di qualità da piccoli artigiani italiani”.
Per Eugenio Morrone, campione del mondo di gelateria al Sigep 2020, è il momento della materia prima in abbondanza: «Per farcire il panettone, consiglio il gelato al pistacchio o il blend di cioccolato venezuelano e malgascio al rum. Oppure lo zabaione “sbagliato”, fatto con il passito anziché con il Marsala».
Nel laboratorio del riminese Roberto Rinaldini, pasticcere dell’Accademia dei Maestri Pasticceri Italiani, un’idea per un Natale “letterario”: «Abbiamo ideato un panettone dedicato a Dante, in onore del settecentesimo anniversario della morte del Sommo Poeta, farcito con la cremosa vegana al pistacchio, fragoline di bosco e ciliegie semi candite, ricoperto con glassa di cremino e granelle al pistacchio».
La prima Pastry Queen della storia, Sonia Balacchi, propone dolci gustosi, ma salutari. «Il panettone di quest’anno è composto da farina integrale e profumato con un mix di agrumi. È possibile personalizzare il dolce con tipi diversi di farciture al gelato e con una selezione di glassature al cremino, disponibili nel mio nuovo show room appena inaugurato a Riccione».
Pasticceria e gelateria artigianali, settori aggregati sul medesimo codice ATECO, nel 2020 vedevano attive 17.514 imprese per 65 mila addetti; pari a un quinto (20,2%) delle 86 mila imprese dell’artigianato alimentare e all’1,3% dell’artigianato nazionale. Gelaterie pure, aggregate ai punti di mescita, invece, nel 2019 vedevano attivi 39 mila punti vendita per un valore di oltre 4 mld di euro (fonti: Confartigianato Alimentare, Fipe). 

C.S.

 

Sigep |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Edizione esplosiva quella dei 40 anni di Sigep


Magazzino e-Commerce in outsourcing: la guida definitiva


IEG, pronta a ripartire con Fiere e Congressi


Chiusura da record a Rimini Fiera di IEG, per Sigep, e A. B. Tech Expo


Area stile beauty Eau de milano hospitality d’autore porta per la decima volta la bellezza naturale sul red carpet di Venezia e incanta tutti


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Anna Capasso

Anna Capasso
Festa stile Japan allo “Yugo” Un gruppo di amici della cantante-attrice Anna Capasso, ha avuto la gioia di poter festeggiare con lei i 39 anni compiuti. Certamente la nota ed affermata interprete di brani musicali che rapidamente si affermano nella richiesta da parte del pubblico appena pubblicati, avrebbe dovuto e voluto invitare tanti più amici, conoscenti ed anche fans, ma sarebbe stato necessario scegliere come luogo (continua)

Successo per il “Festival italiano della cucina con la Cozza tarantina”

Successo per il “Festival italiano della cucina con la Cozza tarantina”
La Campania con il ristorante La Tortuga di Castel Volturno, sempre più coinvolta nella kermesse La 22° edizione del “Festival italiano della cucina con la Cozza tarantina”, manifestazione ideata e messa in atto da Cosimo Lardiello che, dalla nascita di questo evento gastronomico ha realizzando 356 serate, delle quali 10 anche all’estero come Parigi, Monaco Di Baviera, Malta ed altre, ha svolto una tappa campana ospitato dal ristorante “La Tortuga” di Castel Volturno. La serata, in tutti (continua)

Il “Gran Prix della Pasticceria” ottiene successo

Il “Gran Prix della Pasticceria” ottiene successo
La 4 giorni al Porto turistico di Marina Di Stabia promuove i valori della Campania Sono stati quattro giorni di crescenti successi, le giornate della kermesse, ideata da Geremia Schiavo, patron di Miss Ondina Sport, insieme a Antonio Vanacore presidente Club Pasticcieri Italiani e Associazione Pasticcieri Napoletani e ad Antonio Cascone presidente dell’Associazione Cuochi Stabiesi e Monti Lattari, ospitata dal Porto Turistico Marina di Stabia. A condurre l’evento sono stati (continua)

In piena attività il “Gran Prix della Pasticceria”

In piena attività il “Gran Prix della Pasticceria”
Al Porto turistico di Marina Di Stabia, si concluderà il 1° maggio Il “Gran Prix della Pasticceria”, nella giornata di giovedì ha preso il via a Marina di Stabia, il prestigioso porticciolo turistico di Castellammare di Stabia. L’evento ideato e realizzato dall’imprenditore Geremia Schiavo, patron di Miss Ondina Sport, insieme a Antonio Vanacore presidente Club Pasticcieri Italiani e Associazione Pasticcieri Napoletani e ad Antonio Cascone presidente dell’A (continua)

Al via il “Gran Prix della Pasticceria”

Al via il “Gran Prix della Pasticceria”
Dal 28 aprile al 1° maggio 2022, al Porto turistico di Marina Di Stabia Prenderà il via giovedì 28 aprile, proseguendo fino al 1° maggio, ospitata dal “Porto Turistico Marina di Stabia”, la kermesse più dolce ed attraente della Campania che è stata appena presentata alla stampa nel più “Storico locale di Napoli”, il Gran Caffè Gambrinus, caffè letterario della città partenopea dal 1860, insignito dall’AMIRA quale “Locale del Cravattino d’Oro”. Un gran numero (continua)