Home > News > Nico Leonelli: L'obiettivo che si persegue è ciò che ci spinge a impegnarci

Nico Leonelli: L'obiettivo che si persegue è ciò che ci spinge a impegnarci

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

Nico Leonelli: L'obiettivo che si persegue è ciò che ci spinge a impegnarci

Nico Leonelli (M.C. Manoppello Sogeda) vanta 4 presenze nella nazionale italiana in gare di 24h di corsa su strada: Campionati Mondiali di 24 ore ad Albi (Francia) il 26-27 ottobre 2019, precedentemente ai Campionati Mondiali di 24 ore a Belfast l’1-2 luglio 2017; Campionati Europei di 24 ore a Timisoara (Romania) il 26-27 maggio 2018; Campionati Europei di 24 ore ad Albi il 22 ottobre 2016. . Di seguito approfondia


Dietro un’Ultramaratona c'è semplicemente la voglia di andare oltre 

3804337230- 21163@tiscali.it 

 

Nico Leonelli (M.C. Manoppello Sogeda) vanta 4 presenze nella nazionale italiana in gare di 24h di corsa su strada: Campionati Mondiali di 24 ore ad Albi (Francia) il 26-27 ottobre 2019, precedentemente ai Campionati Mondiali di 24 ore a Belfast l’1-2 luglio 2017; Campionati Europei di 24 ore a Timisoara (Romania) il 26-27 maggio 2018; Campionati Europei di 24 ore ad Albi il 22 ottobre 2016. . 

Di seguito approfondiamo la conoscenza di Nico attraverso risposte ad alcune mi domande. 

Cosa c’è dietro una ultramaratona? Dietro un’Ultramaratona c'è semplicemente la voglia di andare oltre determinati confini, che fino a qualche anno prima, probabilmente ci sembravano irraggiungibili!  

  

Nico ha iniziato da tanti anni a pensare di andare oltre i confini del suo paese e con il passare del tempo ha esplorato sempre più il mondo delle ultramaratone in Italia e fuori i confini nazionali fino a partecipare alla durissima e selezionatissima Spartathlon di 246km da Sparta ad Atene e migliorando anche dal punto di vista qualitativo indossando per ben 4 volte la maglia azzurra rappresentando la nazione Italia nei Campionati Europei e Mondiali. 

Quanta pazienza, impegno, costanza ci vuole per preparare una ultramaratona? Dipende esclusivamente da quale sia l'obiettivo di quella determinata Ultramaratona. C'è molta differenza (di preparazione fisica e mentale), se si vuole semplicemente concluderla, oppure se si ha delle aspettative prestazionali.  

Nico ha avuto modo di preparare sia gare dove bisognava esprimersi al massimo per ben figurare individualmente e come squadra Italia, sia in gare per partecipare e portare a termine. Il suo primato personale sulla 24 ore è di 240,74 km alla 1^ 24 ore IUTA a Reggio Emilia realizzato il 12-13.03.2016. Ai Campionati Europei di 24 ore ad Albi, il 22 ottobre 2016 ha totalizzato 236,27 km. 

Dove e come trovi la spinta motivazionale? Solo l'’Obiettivo’! Questa è l'unica spinta motivazionale. Che sia semplicemente arrivare al traguardo, oppure migliorare il precedente Personal Best, poco importa.... è l'obiettivo che si persegue, quello è ciò che ci spinge a impegnarci... spesso oltre le nostre capacità!  

  

E’ importante e necessario fissare e decidere obiettivi sfidanti e difficili ma non impossibile per mettersi in moto organizzandosi fisicamente e mentalmente e impegnandosi con costanza e determinazione per ottenere quanto deciso. 

Cosa ti aiuta a non arrenderti negli eventi avversi? Pensare che dopo determinate situazioni avverse, la situazione si capovolge sempre! Bisogna solo avere la forza e la pazienza necessaria.... di aspettare!  

Qual è il resoconto atletico del 2021? Gli ultimi due anni sono stati gli anni più tristi della mia vita, per diversi motivi (senza considerare il Covid), per cui ho voluto mettermi in gioco in questi ultimi 3 mesi del 2021, per vedere se potevo ancora considerarmi un atleta. Sinceramente non saprei dare un parere a questo anno, considerando che ho attraversato diversi stati d'animo, contrapposti.   

Cosa hai in mente entro fine anno? Nell'ultimo mese, ho fatto due 6 ore ed una 50 km.... con due 2° posti. Per il momento sto bene così! 😁 

 

Bisogna mettere in conto che si va incontro a certe situazioni e imprevisti da affrontare, gestire, superare con tanta cura e attenzione, pazienza e fiducia. 

Tra le sue ultime gare, il 19 dicembre 2021 alla 6 ore Lavellese, Nico ha totalizzato 74,347 km classificandosi 2° assoluto e 1° categoria M50 e per questa categoria M50 con IAU-label (gare certificate con misurazione effettiva) è anche miglior prestazione italiana 2021 e seconda prestazione mondiale 2021. Il 21.11.2021 alla 6 ore dello Jonio arriva secondo assoluto con 71,169 km. Il 06.11.2021, alla Zagreb 12h run in Croazia, ha totalizzato 121.557 km, vincendo la categoria M50. 

Le aspettative del 2022? Spero di fare una buona prestazione in una delle gare la cui distanza rispecchia meglio le mie caratteristiche….  come la Novecolli, l'UltraBalaton, la 100 miglia di Berlino o ovviamente Spartathlon!  

  

Nico già in passato ha portato a termine tre edizioni della Spartathlon in Grecia, 246km corsa su strada: il 28-29.09.2018 in 29h43’10”, il 29-30.09.2017 in 29h29’30”, il 25-26.09.2015 in 30h19’13”. Inoltre, il 23-24.05.2015 ha portato a termine la 18^ Nove Colli Running 202.4km in 22h18’22”. 

Gli allenamenti più proficui? Sono quelli in cui non avevi voglia di uscire e invece poi li hai fatti ugualmente!  

La migliore compagnia in allenamento? Mi alleno da sempre da solo!  

Cosa ti ha insegnato la corsa e l’ultramaratona? L'ultramaratona mi ha fatto capire che dopo un periodo di stanchezza, di tristezza, di demoralizzazione, immancabilmente arriva poi.... l'energia, la felicità, l'esaltazione. Ciò che nella vita avviene, durante gli anni... in una 24h avviene in un solo giorno! 

 

Bella e interessante testimonianza, è vero che la 24 ore può essere considerata la metafora della vita, dove si parte per un percorso che prevede tante sensazioni ed emozioni tra le quali entusiasmo, felicità, aspettative, stanchezza, crisi, soddisfazioni, una vera bella esperienza di vita. 

Ringrazio anche il celebre fotografo Sandro Marconi “Scrotofoto”. 

Nico è menzionato nel mio libro “Maratoneti e Ultrarunner. Aspetti psicologici di una sfida”, edito da Edizioni Psiconline. 

 

 

Psicologo, Psicoterapeuta Gestalt ed EMDR 

380-4337230 - 21163@tiscali.it  


Fonte notizia: https://www.libreriauniversitaria.it/maratoneti-ultrarunner-aspetti-psicologici-sfida/libro/9788899566166


obiettivo |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Pietro Camporesi, canoa: Ho realizzato il sogno di partecipare a un'olimpiade

Pietro Camporesi, canoa: Ho realizzato il sogno di partecipare a un'olimpiade
Pietro Camporesi (Società Aeronautica Militare) nel 2003, a 16 anni, ottiene la prima convocazione per gli Europei Junior. Dal 2007 gareggia nella Canoa Canadese biposto con Niccoló Ferrari. Nel 2012 conquista la Medaglia d'Oro ai Campionati Italiani Valstagna (VI) 2012 C2-Slalom e partecipa alle Olimpiadi di Londra, in equipaggio con Niccolò Ferrari. Matteo Simone 21163@tiscali.it     Pietro Camporesi (Società Aeronautica Militare) nel 2003, a 16 anni, ottiene la prima convocazione per gli Europei Junior. Dal 2007 gareggia nella Canoa Canadese biposto con Niccoló Ferrari. Nel 2012 conquista la Medaglia d'Oro ai Campionati Italiani Valstagna (VI) 2012 C2-Slalom e partecipa alle Olimpiadi di Londra, in equipaggio con Nic (continua)

Cosa spinge le persone a fare sport? Per tanti c’è la voglia di non ingrassare

Cosa spinge le persone a fare sport? Per tanti c’è la voglia di non ingrassare
Perché fare sport? Per sperimentarsi, mettersi in gioco, incontrare, confrontarsi, apprendere. Per tanti c’è la voglia di non ingrassare, tenersi in forma, provvedere alla propria salute, avere un salutare stile di vita. Matteo SIMONE21163@tiscali.it Perché fare sport? Per sperimentarsi, mettersi in gioco, incontrare, confrontarsi, apprendere. Per tanti c’è la voglia di non ingrassare, tenersi in forma, provvedere alla propria salute, avere un salutare stile di vita.Stella Firinu: “Mangiare senza ingrassare! 😂”Giuseppe Rizzo: "Io sono un grande appassionato e divoratore di pesce, ma per limitare (continua)

Un mondo dietro la bici, tanta fatica, impegno, sfide e sogni da realizzare

Un mondo dietro la bici, tanta fatica, impegno, sfide e sogni da realizzare
Lo sport è un’opportunità per approfondire la conoscenza di se stessi soprattutto durante le prove dove si fatica, dove le salite sembrano non finire mai, dove si può mollare se non si usa la testa. Matteo SIMONE Lo sport è un’opportunità per approfondire la conoscenza di se stessi soprattutto durante le prove dove si fatica, dove le salite sembrano non finire mai, dove si può mollare se non si usa la testa.Non bisogna aspettare il momento migliore, non è opportuno rimandare, è sempre il momento del movimento. All'inizio può bastare anche un solo minuto al giorno, il resto viene da (continua)

Franco Cannito, ultrarunner: Sai che le crisi vanno e vengono

Franco Cannito, ultrarunner: Sai che le crisi vanno e vengono
Francesco Cannito (Happy Runner Altamura) ha portato a termine, dal 19 al 23 novembre 2021, la “6th Authentic Phidippides Run Athens-Sparta-Athens", 490km di corsa su strada in 96h21’05”, poco più di 4 giorni. La mia mente è concentrata per l’obbiettivo che sto preparandoMatteo SIMONE Francesco Cannito (Happy Runner Altamura) ha portato a termine, dal 19 al 23 novembre 2021, la “6th Authentic Phidippides Run Athens-Sparta-Athens", 490km di corsa su strada in 96h21’05”, poco più di 4 giorni.Si sono classificati 19 atleti, di cui 18 uomini e una donna, e la vittoria è andata al polacco Lukasz (continua)

Chi era Vito Melito? Ultramaratoneta, Campione Mondiale 100km nel 1981

Chi era Vito Melito? Ultramaratoneta, Campione Mondiale 100km nel 1981
Tante le glorie, tanti gli aneddoti relativi agli ultramaratoneti e soprattutto a Vito Melito che nel suo periodo di massimo splendore incontrava nelle sue gare i gemelli Elvino, Loris e l’altro fratello più giovane Pietro Gennari ma non riuscivano ad averla vinta su di lui. E’ stato anche Primatista Italiano dei 50 Km in 2h 59’44” Matteo SIMONE  Tante le glorie, tanti gli aneddoti relativi agli ultramaratoneti e soprattutto a Vito Melito che nel suo periodo di massimo splendore incontrava nelle sue gare i gemelli Elvino, Loris e l’altro fratello più giovane Pietro Gennari ma non riuscivano ad averla vinta su di lui. Anche nel 1977, alla (continua)